lunedì 13 ottobre 2014

In attesa del "Programma".


Corsi e (ri)corsi storici, piuttosto “sospetti” ormai, hanno indotto SPS a formulare un’opportuna "azione", derivante dalla propria (com)presenza nell’attuale (Anti)Sistema 3d (basato su un centrale “Modello Far West”, implementato all’origine di ogni nucleo cittadino)...
L'(Anti)Sistema 3d:
uno schema frattale ripetitivo in grado di (ri)terra trasformare la realtà, in funzione di una intenzione originantesi dalle/nelle spire della (im)possibile (co)abitazione 3d di umani e Nucleo Primo (a Filtro di Semplificazione attivo, anch’esso costituito da umani).
È fuori da ogni dubbio che esista un principio di (com)presenza, non apparentemente manifesto, in grado di “curvare lo spazio” (come afferma anche la Teoria della Relatività di Einstein) e, di conseguenza, di ogni “orbita” (percorrenza, via, futuro, destino) altrui che, dunque, viene a (ri)trovarsi completamente avvolta dagli effetti provenienti da “qualcosa” (inerzia), che sfrutta ogni sua capacità pregressa trasformandola per effetto leva in un punto continuo di vantaggio, (ri)proiettato sulla Massa umana 3d che… ne (con)segue.
In ciò, non è più possibile parlare di libero arbitrio, libertà, democrazia, evoluzione, progresso, civiltà, etica, rispetto, giustizia, etc. bensì, solo di:
schiavismo imperiale “più o meno tra le righe” (della legge e del buonsenso).
Come tu non lo riesca ancora a (ri)comprendere è un dato di fatto che obbliga SPS a (ri)tenerti preda degli effetti totali di un “incantesimo”… ossia, di qualcosa che “per te” risulta (im)possibile solo in un romanzo o in un film di “magia o fantascienza”.

In seguito all’ultima espansione della “sfera” di SPS, in settimana verrà condiviso un “Programma” in grado di fissare dei macro argomenti (con relativi brevi sviluppi) che, in assoluto, necessitano di essere applicati alla società, partendo da un ipotetico "primo comune", che fungerà da “Campione”.




I punti toccati dal “Programma” saranno cardinali, rispetto a tutto ciò che, ora, avvolge queste 3d, marchiate dall’(Anti)Sistema congeniato dal Nucleo Primo


SPS, è ovvio, non entra in “politica”, non si candida alle “elezioni”… (ri)tenendo tutto ciò completamente inutile se non cambia il “senso” di svolgimento e (ri)avvolgimento del tempo ciclico, derivante da “ciò che sai”.
La “politica” è un algoritmo sotto stretto controllo, così come qualsiasi altra funzione emanata da un corpo centrale “radio attivo” (estremamente attivo e reale, nonostante non sia manifesto, se non attraverso una visione frattale di tutto ciò che avviene ed esiste nelle attuali 3d; imprinting). Come si spiega SPS, allora?
Beh… calcola “il frutto di una scommessa”; "qualcosa di permesso", visto il grande vantaggio (potere) accumulato su qualsiasi altra possibile fonte in competizione. Qualcosa che, se non "autorizzato" – per i motivi più svariati – non potrebbe mai “(av)venire”, altrimenti.
Come avrai certamente notato, in SPS, è da parecchio tempo che non si (ri)corre più al termine "biodiversità"!


Inoltre, l’auto esistenza della presenza Animica, piazzata al di fuori delle 3d, fortemente orientata ed interessata al recupero del proprio frammento, ora installato in te, rende lo scenario (im)possibile molto più variegato rispetto a quanto tu sia disposto a credere/(ri)osservare.
Al fine di mantenere coerente tutto ciò che accade all’interno dell’infrastruttura 3d, del reale attuale (paradigma), è stata prevista (permessa) una (ri)programmazione “diversa” diluita in una minima possibilità di auto avveramento (sviluppo, speranza), in grado potenzialmente anche di “spazzare via l’intero palcoscenico 3d attuale”.
Qualcosa che ha una percentuale di successo teorico, nell’ordine di una percentuale (im)possibile da avverarsi. Qualcosa che, tuttavia, autorizza SPS ad esistere ed anche a poter (dover) andare sino in fondo…

Agli Dei piaceva scommettere? Ne sai qualcosa? Che cosa hai studiato, a scuola a tal proposito? È sufficiente anche una lontana leggenda, un sottile “rumor”… in maniera tale da renderti conto che è (im)possibile (p)rendere la (com)presenza di SPS, come estremamente “potente” e potenzialmente… agente da switch/interruttore per queste 3d tanto “(in)felici”.

SPS può giungere a “spegnere” questa realtà 3d e a sostituirla con una versione 3d... di reale, ora presente, in un'altra "pagina del libro".
Fantascienza?
 
Sei “libero” di pensare a/in quello che meglio credi. Ma… in che cosa “credi”? A tutto ciò che “ti hanno detto”. Ergo… 

 
Nulla di quello in cui credi è “assoluto”, ossia, la realtà è molto più vasta, aperta, flessibile, curiosa, entusiasmante… di così, come te la raccontano.

In questa tua attuale forma di contrazione, hai aderito a qualcosa di estremamente interconnesso al “business”; qualcosa che commercia con il tutto, compreso te.


Una forma di (ri)programmazione secondo una “immagine”, ovviamente, avente una natura ben precisa e (cor)rispondente ad una sorta di caratteristica che, ora, risulterebbe fuorviante analizzare per sommi capi.

Qualcosa che (con)segue, a sua volta, ma che il Filtro di Semplificazione riduce alle sole 3d, (ri)comprendendo così frattalmente… il tutto. 
Occorre azzerare interi contesti, ora, (ri)tenuti:
centrali; come, ad esempio, le macro aree (programmi) di economia, politica, religione, per intero sotto “scacco” dell’algoritmo dell’interesse.
Le scienze deviate rammentate dalla storia deviata, raccontano di un percorso sociale umano (pre)determinato dalle necessità delle “industrie”, che detengono il potere e che perseguono l’interesse (vantaggio) da qualsiasi ramo intercorso nell/dell’esperienza 3d.
 
Com’è possibile (ri)configurare la realtà 3d, in maniera tale che l’essere umano e l’essere… umani, possa manifestarsi e svilupparsi centralmente, in quanto “caratteristica principale della funzione umana” (e non “in funzione” dell’algoritmo dell’interesse/commercio/affare/business)?



SPS ha progressivamente abbassato il livello d’ottava della frattalità, attraverso il Filtro di Semplificazione, (ri)uscendo così ad avere per intero, nello scenario 3d, tutti gli attori che, usualmente, non compaiono... perché dotati di altra caratteristica nonché di altri “punti di vantaggio”.
Quindi, come si può (ri)configurare la realtà 3d usuale, sottintesa al paradigma del Nucleo Primo?
Beh… iniziando da un “Programma” applicato ad un “Comune Pilota” (una “zona 3d” campione, che si offra di poter essere rifondata in maniera "intelligente", ossia, senza ribaltare tutto da subito ma, consentendo che il Programma possa perfettamente auto installarsi, sviluppandosi a scapito della routine, a forma di loop, che mantiene tutto saldamente avviluppato nelle spire convenzionali del “ritenuto così perché senza alternativa alcuna”).
Perché, alfine… tutto ciò che è accaduto e che continua ad accadere, smetta di “funzionare”.
Perché? Beh… se non sei in grado nemmeno di “aspirare” a qualcosa che non sia centrale rispetto a questo modo di vivere, che cosa SPS ti può ancora “dire”?
Probabilmente, sei ancora troppo dentro a questo paradigma, anche solo per assaporare quei pochi raggi di luce, che penetrano la coltre (Anti)Sistemica ricoprente il Pianeta 3d.
Huey Pierce Long
Giunto al governatorato del suo Stato nel 1928, Huey, autodidatta, fluviale ed abilissimo oratore, intrallazzatore e allo stesso tempo capace di realizzare per i suoi concittadini opere pubbliche di grande rilievo, divenuto in seguito senatore degli Stati Uniti, dopo avere appoggiato F. D. Roosevelt nella campagna contro Herbert Hoover, nel 1935 e in vista delle presidenziali fissate all’anno successivo, pensò seriamente ad una propria candidatura e pubblicò un libello intitolato "I miei primi cento giorni alla Casa Bianca".
In quelle pagine, ipotizzava, per far fronte alla Depressione, un azzeramento di tutte le proprietà private e la ridistribuzione in parti uguali a tutti i cittadini dei capitali.
La sua corsa verso White House (Roosevelt ebbe a temerne l’impeto) fu fermata dai colpi di pistola di un medico di campagna che, uccidendolo, intendeva vendicare vecchi torti subiti dalla sua famiglia…
Link
Nel 1932 Huey Long disse una cosa interessante. Suonava così:
il fascismo verrà in America, ma sotto un nome diverso: quasi certamente,si chiamerà antifascismo”.
Sean Penn
Huey Long fu un governatore della Louisiana, democratico, inizialmente sostenitore di Roosevelt, che durante la grande depressione seguita al 1929 si batté per un radicale programma di redistribuzione sociale, per alleviare la povertà dilagante.
Critico feroce della Federal Reserve privata e dei poteri forti, fautore del dirigismo in economia e finanza, fu accusato di mire dittatoriali.
La sua popolarità era immensa.
Fondò un suo partito, “America First” (Prima l'America), che aveva fin troppo buone possibilità di rompere il bipartitismo perfetto - perfetto per l'establishment.
L'8 settembre 1935 Huey Long, nei locali del Senato di Baton Rouge, capitale della Louisiana, cadde sotto le revolverate del rituale “solitary assassin”:
l'Oswald del momento si chiamava Carl Austin Weiss, un dottore ebreo di 28 anni. Il quale fu fulminato sul posto, crivellato di colpi dai poliziotti presenti, e così azzittito subito. Long spirò due giorni dopo, a 42 anni…
Il pastore che celebrò il suo funerale, Gerald L.K. Smith, co-fondatore di “America First”», dichiarò anni dopo che l'assassinio di Huey Long era stato decretato “dalla banda Roosevelt col sostegno dell'apparato ebraico di New York”…
Link
Fallita anche la Bertone100. “Gioco di scatole cinesi messo in piedi dalla proprietà”…
Link
Serie A - Standard & Poor’s affossa i club italiani, ma
incredibilmente nella classifica dello stato finanziario dei club europei, il Siena appena fallito è piazzato meglio di Milan, Roma e Inter:
quali sono le ragioni di questo mistero? Difficile capirlo…
Link
L'obesità ha ormai assunto i caratteri di una vera e propria epidemia mondiale, che preoccupa non solo il mondo medico scientifico ma anche i responsabili della salute pubblica:
i costi diretti per l’obesità in Italia sono pari a 22,8 miliardi di euro ogni anno ed il 64% di questa cifra viene speso per ospedalizzazioni…
Bambini, dati preoccupanti.
Sebbene in Italia siano circa un milione gli obesi patologici e circa 500.000 gli obesi gravi, ci si preoccupa però (e per fortuna...) sempre più per i bambini, come ci spiega Giuseppe Fatati, direttore della struttura di diabetologia, dietologia e nutrizione clinica dell’ospedale di Terni:
"Sedentarietà, cambiamento delle abitudini di vita e degli interessi hanno nel tempo demotivato i bambini". Ebbene, stando ai numeri raccolti dal Ministero della Salute (attraverso il progetto Okkio alla Salute), su 46.000 bambini coinvolti nell’indagine il 22,2% era in sovrappeso e più del 10% era obeso (con percentuali più alte nelle regioni del centro-sud). Come se non bastasse, l'Eu Action Plan on Childhood Obesity 2014-2020 ha certificato il primato dei bambini italiani (seguiti dai coetanei danesi e francesi) nella classifica dell’obesità redatta in Europa.  
I genitori devono vigilare.
Un'emergenza che chiama in causa anzitutto i genitori, come spiega Lucio Lucchin, direttore del servizio di dietetica e nutrizione clinica dell’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige e presidente dell’Associazione dietisti italiani:
"Un bambino che ha mamma e papà obesi ha una probabilità molto alta di andare incontro al sovrappeso rispetto a un bambino che ha due genitori magri.

L’esempio deve arrivare dall’alto:
occorre che i figli vedano in loro dei modelli di comportamenti salutari. Tocca in primis ai genitori occuparsi dei momenti ricreativi dei propri figli, non alla scuola". 
Poco moto, troppo smog.
A preoccupare gli esperti è inoltre il tempo libero:
ci si muove molto meno rispetto al passato.
Inoltre chi vive in città o in in aree molto industrializzate deve sommare lo smog e le sostanze inquinanti, come sostiene Francesco Chiarelli, direttore della clinica pediatrica dell’Università di Chieti:
"Più se ne respira, maggiori sono le probabilità di aumentare il peso corporeo. Chi vive in aree molto industrializzate ha solitamente meno opportunità per svolgere attività fisica. Ma c’è anche un effetto indotto da alcune sostanze inquinanti che innescano un meccanismo di resistenza all’insulina, considerato l’anticamera dell’obesità".
... e troppa tecnologia.
Si trascorrono troppe ore di fronte a Tv e dispositivi elettronici:
"Bisognerebbe ridurre l’esposizione alle luci artificiali - conclude Giuseppe Fatati - che provocano un più lento rilascio della melatonina, l’ormone che facilita il sonno"...
Link
Molte cose che ho fatto in quel periodo non le rifarei più. Non ho imbarazzo a dire che ho vissuto una crisi morale, culminata quando ho visto come si stava strutturando l’entourage più ristretto del Cavaliere”…
Carlo Taormina
Taormina fu l'estensore del testo originale della legge ad personam sul legittimo sospetto (poi Legge Cirami):
“Ho lavorato per anni per Berlusconi, conosco le sue strategie. Quando ero il suo consulente legale e mi chiedeva di scrivergli delle leggi che lo proteggessero dai magistrati, non faceva certo mistero del loro scopo ad personam.
E io gliele scrivevo anche meglio di quanto facciano adesso Ghedini e Pecorella.
Quella sulla legittima suspicione, mi pare fossimo nel 2002, gli serviva per spostare i suoi processi da Milano a Roma. Lui ce la chiese apertamente e noi, fedeli esecutori della volontà del principe, ci siamo messi a scriverla.
E abbiamo anche fatto un bel lavoretto, devo dire:
sembrava tutto a posto. Poi una sera di fine ottobre, verso le 11, arrivò una telefonata di Ciampi. Io dissi a Berlusconi che con quella modifica non sarebbe servita più a niente. Lui ci pensò un po’ e poi rispose:
“Intanto facciamola così, poi si vede”.
Avevo ragione io:
infatti la legge passò con quelle modifiche e non gli servì a niente”...
Taormina inoltre presidente della commissione parlamentare d'inchiesta sulla morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, ma anche in quella sede destò polemiche quando fu accusato di aver usato i poteri inquirenti per controllare i lavori dell'altra Commissione avente sede in quel periodo a palazzo San Macuto, quella sull'affare Telekom Serbia, di cui era ugualmente membro:
“È venuto il momento che Prodi, Fassino e Dini subiscano le conseguenze della più devastante delle corruzioni che mai sia stata consumata nella storia della Repubblica e gli uffici giudiziari debbono comportarsi conseguentemente anche provvedendo all'arresto di questi personaggi”…
Nel settembre 2003, a seguito delle inchieste de La Repubblica, ha fatto ammenda ed annunciato il proprio ritiro dalla vita politica. È comunque rimasto in Parlamento fino al 2006.
“Confesso, sono io il burattinaio, il puparo di tutta questa vicenda, mi autodenuncio per concorso in calunnia con Paoletti, Marini e Pintus. [Ho] creato difficoltà a Forza Italia e a Berlusconi. [È quindi giusto] che mi ritiri dalla vita politica. Ho sbagliato fortemente, e questa è una confessione aperta, è giusto che faccia pubblica ammenda; do atto a Repubblica di essere dotata di giornalisti di primo rango.
Sto dando un annuncio serio, darò le dimissioni da deputato nei prossimi giorni. Attraverso i diversi processi indicati da Repubblica e per i miei rapporti con personaggi come D'Andria, Fracassi, Di Bari e anche Francesco Pazienza, tutti collegati dall'immaginario collettivo a servizi segreti deviati e a truffe e riciclaggio internazionali, sono riuscito a raggiungere l'obiettivo di mettere la Commissione Telekom Serbia di essere oggetto di una polpetta avvelenata. Mi assumo tutte la responsabilità di personaggi che chiamando in causa Prodi, Dini e Fassino li hanno gravemente calunniati; e mi autoaccuso per concorso in calunnia, anche se mi auguro che Repubblica faccia altrettanto, perché mentre io mi autoaccuso vorrei sapere da D'Avanzo e Bonini chi fossero i loro burattinai dell'epoca e a chi prestano ora il loro servizio. Repubblica ha ragione, non posso querelare!”…
Dal 2007 partecipa come opinionista calcistico alla trasmissione sportiva "Il Processo di Biscardi"
In un'intervista al programma radiofonico La Zanzara risponde alla domanda “Qual è il più grande criminale che ha difeso?
Che è stato un ex parlamentare della Democrazia Cristiana ora non più in politica…
Link
Lo schema Ponzi del Tfr in busta paga.
Pare che l'Abi (Associazione Bancaria Italiana) si si sia detta disponibile alla possibilità che le banche finanzino le imprese per smobilizzare il Tfr che andrà a finire in busta paga, purché ci sia la garanzia statale.
La quale garanzia statale fa aumentare il debito; ma questi sono dettagli:
semmai ci penserà la Cassa Depositi e Prestiti, ad estendere la garanzia alle banche...Tanto, da quelle parti, hanno i risparmi postali degli italiani. Che volete che sia mai?
In pratica funziona così:
le imprese che devono erogare il Tfr si rivolgono al sistema bancario che, una volta ottenuta la garanzia statale, eroga i soldi per smobilizzare il Tfr, che finalmente giunge in busta paga.
Però, in busta paga, non arriva nella sua interezza.
Perché, per lo Stato, il Tfr in busta paga costituisce materia imponibile da tassare. In altre parole, lo Stato tassa oggi ciò che avrebbe dovuto tassare domani; quindi si anticipa un po' di gettito:
diciamo 3.5 miliardi,secondo alcuni calcoli circolati nei giorni scorsi. Niente male per uno Stato con le pezze al culo.
Mentre accade tutto ciò che avete letto, che fanno le banche?
Le banche cartolarizzano i crediti concessi per smobilizzare il Tfr e, sempre con la garanzia statale, vanno dalla Bce e li pongono a garanzia di nuovi prestiti Tltro, migliorando così anche i coefficienti di erogazione del credito alle imprese, che è condizione essenziale per non dover rimborsare in anticipo (nel 2016) i prestiti ricevuti (27 mld) nel mese di settembre.
E chi prende il Tfr (quel che rimane) in busta paga, che ci fa?
Semplice:
lo utilizzerà per pagare le utenze scadute, o le rate del mutuo sospese. Se avanzerà qualcosa lo darà ad Equitalia per non farsi pignorare l'automobile.
Facile, no?
Link
Latina, l’agente antimafia punito dalla polizia. I sindacati: “Sembra mobbing”.
Era il poliziotto che combatteva la criminalità organizzata nel litorale laziale. Aveva sequestrato un tesoro ai clan, guadagnando numerosi encomi. Poi è caduto in disgrazia, fino a ricevere una sanzione disciplinare poi annullata dal Tar.
Ma ora l'investigatore ha abbandonato la divisa. La denuncia dell'Anip-Italia sicura Regionale per il Lazio.
Alle forze dell’ordine, che combattono il crimine senza più mezzi né risorse, rimangono gli uomini, ma se poi neanche questi vengono messi in condizione di lavorare, allora tanto vale andare tutti a casa”.
Parola di Filippo Bertolami, vice questore e segretario regionale per il Lazio del sindacato di polizia Anip-Italia Sicura, che denuncia “uno strano caso” avvenuto all’interno della Questura di Latina:
“Una storia tutta da chiarire perché sembra un vero e proprio caso di mobbing”.
La vittima è uno di quegli sbirri che da soli portano avanti il lavoro di un intero ufficio: il sostituto commissario per oltre quattro anni si è occupato, praticamente da solo, delle cosiddette misure di prevenzione, e cioè i sequestri e le confische di capitali, beni mobili e immobili di presunti esponenti delle organizzazioni criminali che infestano il basso Lazio, territorio ad alta densità mafiosa.
A parlare sono i risultati:
800 milioni di euro sequestrati e una carriera impreziosita da premi ed encomi vari sul suo operato. Ma non è bastato. Prima l’isolamento, poi la sanzione disciplinare e infine il trasferimento in un altro ufficio. “Una tecnica che ha funzionato – prosegue il sindacalista – tant’è che Carlo (nome di fantasia, ndr) alla fine è stato costretto a lasciare la Polizia di Stato”.
Secondo il sindacalista, “l’agente passa dalle stelle alle stalle con il cambio della guardia ai vertici della Questura di Latina”...
Per il sindacalista, questa vicenda ricorda molto da vicino un’altra storia successa una decina d’anni fa sempre sul Litorale, ma qualche chilometro più a nord, ad Ostia, quando nel 2003 una squadra di poliziotti fa luce sulla cupola mafiosa dedita allo spaccio internazionale che reinvestiva i proventi nelle attività commerciali sul territorio. Per uno strano caso del destino l‘indagine viene insabbiata e i protagonisti, un pool composto dai membri scelti dalla Squadra mobile di Roma e dalla Polaria di Fiumicino, screditati...
Link
Hong Kong: iniziata rimozione barricate di Occupy Central.
La polizia di Hong Kong ha cominciato all'alba, ora locale, la rimozione delle barricate ad Admiralty, nel centro finanziario e amministrativo di Hong Kong, dopo sedici giorni di occupazione da parte degli studenti e del gruppo di attivisti di Occupy Central.
Anche nell'area di Mong Kok, dove si erano concentrati alcuni dei momenti di maggiore tensione tra studenti e manifestanti anti-Occupy nei giorni scorsi, gli agenti hanno iniziato a smontare le barricate, incontrando l'opposizione degli ultimi irriducibili che hanno cominciato un'opera di rinforzo delle barricate non rimosse intrecciando tronchi di bambù e pallet alle transenne utilizzate nei giorni scorsi.
La partecipazione dei manifestanti si é fortemente ridotta, dopo l'ultima grande manifestazione di venerdì notte, quando circa diecimila persone avevano risposto all'appello dei leader degli studenti di riunirsi ad Admiralty per protestare contro l'annullamento dei colloqui sulla riforma costituzionale da parte del governo dell'isola.
Ad Admiralty, stamane, secondo il South China Morning Post, erano rimaste circa cento persone; a Mong Kok, in 50, e a Causeway Bay, circa venti.
Intanto, nonostante l'opposizione degli ultimi irriducibili, alcune aree prima bloccate, anche nel centro finanziario dell'isola, sono da qualche ora tornate percorribili. L'ultimo messaggio del movimento arriva da Facebook:
il giovanissimo Joshua Wong, che oggi compie 18 anni, ha postato una lista di desideri sul suo account per il futuro delle proteste pro-democratiche.
Il leader di Scholarism, la sigla che comprende gli studenti delle superiori, ha chiesto che le proteste rimangano pacifiche, che i manifestanti mantengano la volontà di continuare le proteste e che l'Assemblea Nazionale del Popolo rinunci alla propria proposta di riforma elettorale che non comprende la possibilità di una scelta popolare dei candidati, come chiedono i manifestanti.
Domenica, in un'intervista televisiva durante il programma Tvb News, CY Leung ha dichiarato che ci sono "zero possibilità" che la Cina cambi idea riguardo alle modalità di elezione della massima carica di Hong Kong.
Leung ha poi ribadito che non intende dimettersi, nonostante i manifestanti abbiano piu' volte chiesto la sua testa nelle ultime settimane. "Credo che le mie dimissioni non risolveranno il problema, dal momento che chiedono all'Assemblea Nazionale del Popolo di ritirare la propria decisione in favore della nomina popolare, che é impossibile".
Il capo dell'esecutivo di Hong Kong ha poi definito "fuori controllo" il movimento di Occupy Central, che da due settimane sta occupando alcuni dei punti centrali della città assieme alle sigle studentesche. Leung é oggi a Canton, nel sud-est della Cina, assieme alla sua vice, Carrie Lam, per partecipare a un business forum...
Link
C’è una lista inesauribile di assurdità, recepite/respirate ormai come assolutamente “normali”, funzioni di un “motore di composizione” che, indisturbato sovrano, continua a (ri)proiettare i medesimi schemi morfogenetici/radionici entro le 3d intere che, di conseguenza, sono divenute lo schema reale (ri)condensato/manifesto di qualcosa che inizia da un punto prospettico intenzionale, non assunto come (ir)reale da parte della Massa umana... che ne (con)segue (frattalità radioattiva).

SPS ha deciso che come “miglior lascito” di sé, può e deve emanare della frattalità radioattiva di altro tipo, completamente sovrapposta e fedele al proprio “imprinting”; frutto dell’operato delle relative tre nature, asservite al potere (co)creativo del campo sovrano, presente, centrale ed auto consapevole della “natura unica” (quarto stato).
Qualcosa che è davvero un frutto che, allo stesso tempo, è anche un… seme.
In settimana giungerà in SPS il “Programma”:
il primo esemplificante "moto vettore" di cosa occorre fare per (ri)coprire l’attuale forma di realtà, permessa dal “velo (Anti)Sistemico, conferito sulle/nelle/alle 3d”.
Qualcosa di estremamente… “scioccante”, per come sei abituato a concepire le variabili sociali, la Vita e te stesso (quello che sai, perché ti “dicono”. Sigh).
Ma, allo stesso tempo… qualcosa di estremamente “semplice”.
Il “difficile” è, semmai, accettare questa semplificazione, segno evidente che sei “tu” a non permettere l’alternativa, giudicandola come semplicemente (im)possibile, in virtù di una (ri)programmazione del tuo status operandi, attraverso il quale inquadri tutto il Mondo e la realtà.
Questo step (pre)vede che SPS, finalmente, giunga a proporti la concretizzazione del tanto “scrivere e ricevere informazioni alternative”.
In settimana renderò conto di una "esperienza" che SPS ha avuto/vissuto, in concomitanza con ciò che è, a tutti gli effetti, una rottura del punto di contenimento usuale “mentale/energetico”.
Qualcosa che… (s)vela un'altra “logica” e una forma di comunicazione del tutto diversa, rispetto a qualsiasi canale sviluppato nelle attuali 3d.
Qualcosa che (ri)chiede presenza, fiducia e “fede”… in se stessi, perché “ciò che accade, accade in te, senza prova alcuna per gli altri. Sei tu che, poi, diventi totale, credendo in quello che ti è successo e divenendo un simbolo 3d di espansione del “significato”. 
Un esempio? Beh… (ri)pensa alla figura, anche solo cinematografica, di Mosè.
Ma (ri)pensalo in chiave frattale, ossia, (ri)assumendo una simile simbologia, al di là dell’impianto religioso, filtrato da millenni di storia deviata.

È, come dire… un esempio, sì, ma… frattale, ossia, chiarificante e non casuale:
una “dima” in grado, ora, di farti capire qualcosa che funziona ad un altro livello.
Il dialogo con “Dio” di/in Mosè… è stato interiore ed interamente rotante attorno alla propria sfera/dimensione:
ciò che percepiva era poco più di una “immaginazione fantastica”.
Eppure, nella simbologia, egli ha accettato di credere e pertanto ha dato luogo nelle 3d, al medesimo tipo di potere (testimone dimensionale).

Situazione difficile da rendere a parole (e... non importa se la vicenda è stata inventata/deviata, etc. Importa che sia giunta a livello di "eco" sino a te)...


Ma… assolutamente da “fare/essere”.


Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2014/Prospettivavita@gmail.com