giovedì 7 febbraio 2013

La pratica intuitiva.




Il mio cellulare porta neve per martedì prossimo. 

Specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?

Buongiorno Human Bit, la più grande storia vi saluta dopo avervi satollati di lei, come se non vi vedeste da vari giorni, mesi, anni, eoni… anche se in realtà non vi è mai stato distacco alcuno, perché semplicemente ‘non è possibile’.

Ella è la vostra prolungaggine; siete voi, nella vostra facoltà di 'essere' e 'mantenervi divisi'.

Ella è l’esito della consultazione continua della ‘sfera di cristallo’ ad opera di chiunque; sfera che è divenuta pubblicamente distribuita, attraverso il veicolo dei cellulari di ultima generazione

Voi aderite a questa tecnologia e come potrebbe essere altrimenti? Visto che questo ingegno è il richiamo sottile e frattale alla Magia, alla divinazione attraverso la sfera.

Sviluppare dipendenza da questo ‘servizio’ è solo questione di Tempo, nella vostra dimensione Temporale. La tecnologia sottintesa è simile ad un apparato radicale; progressivamente questo tessuto vi ingloberà e verrà inglobato in voi, diventando un tutt’uno

Questa nuova aggregazione fisica, energetica ed organica permetterà la nascita di un essere ancora più multi stratificato:

con una nuova personalità fisico/tecnologica implementata in sé.

Quando questa personalità prenderà il sopravvento ciclico e Temporale, quando richiamata da eventi specifici, come risponderà agli input sollecitanti e come risponderà a ciò che troverà e riscontrerà attorno a sé? Come risponderà all’insieme di altre spigolature esistenti all’interno del vostro contenitore speciale chiamato ‘inconscio’?

La sfera di cristallo, talvolta chiamata anche palla di cristallo, è uno strumento che alcuni chiaroveggenti, indovini e medium adoperano in quanto lo ritengono in grado di aiutarli ad esercitare le proprie pratiche.

Si tratta di un oggetto sferico di materiale cristallino più o meno trasparente (cristalli artificiali o spesso cristalli di rocca, ovvero quarzi ialini) e può essere pieno o, molto più raramente, cavo. Può essere anche di vetro, e in questi casi si preferisce chiamarlo palla di vetro o sfera di vetro...

Link 
 
Specchio delle mie brame

Desiderio ardente, intenso appetito… dal germanico 'brammon', ruggire.

Sinonimi.

Avidità, voglia…

Link 
 
Lo ‘specchio’ è la realtà riflessa. Le brame sono ‘intensi ed avidi appetiti’.

Come potrebbe essere la realtà dipinta da un ‘intenso appetito’? Selvaggia? Ispida? Violenta?
Oppure… come la calma prima della tempesta? Un allevamento sotto incantesimo? L’isola di Circe?
  
Il Mondo in cui abitate oggi… com’è? 

Almeno… come ritenete di dipingerlo? Vi ci trovate bene? Ve lo siete mai chiesto, tra un lamento e l’altro? Ve lo siete mai chiesto… veramente? Ve lo siete mai chiesto… non per ‘sentito dire’?

Siete sicuri di essere voi a pensare? Non sentite, forse, nella testa una vocina che v’ispira nel parlare? Una vocina che anticipa quello che direte fra un secondo? E non seguite, voi tutti, ciò che si forma e formula nella vostra mente, un attimo prima di proferire parola?

Provate a fare una cosa:

la prossima volta che la sentite… pronunciate altre parole, un’altra frase di tutt’altro effetto.

E poi ‘state a sentire’; state ‘a vedere’ cosa accade fuori e dentro di voi.

Osservatevi ed osservate il vostro interlocutore. Come si comporta? È rimasto spiazzato dalle vostre parole?

Osservatelo a livello sottile. Guardatelo attentamente negli occhi. Non lasciatevi sfuggire nulla del relativo al più piccolo dettaglio. Il taglio della pupilla come risponde? Osservate molto bene… perché una parte del vostro interlocutore evidenzierà un sussulto. Perché?
 
Perché, non doveva andare così. È una recita… comprendete?

Colui che avete di fronte si aspettava un’altra battuta da parte vostra e rimane come interdetto, in maniera infinitesimale, lasciando ‘libero’ l’individuo di intercalare un’altra personalità al comando del proprio vascello 3d. In quel modo avrete interrotto il flusso anche solo per una frazione d’istante. La ‘Stanza dei Fili’ registrerà l’accaduto e ‘qualcuno’ verrà messo al corrente dell’accaduto.

Qualcosa accadrà.

Starete descrivendo il Mondo in altra maniera, in quell’occasione. E il Mondo dovrà rispondere di conseguenza, perché legge.
 
Le maglie della Matrix si deformeranno per un istante, flettendosi come le ali di un aereo durante le varie fasi del volo. Di quanta elasticità sono dotate? Sino a che punto possono piegarsi senza spezzarsi?

E se si spezzano cosa accade? Che l’aereo cade a terra. Invece, alla Matrix cosa accadrebbe?

Che, scostandosi, aprirebbe un varco attraverso il quale poter ‘guardare’.

La Pietra Codificata rappresenta quel ‘varco’. Dalla sua presenza deriva quel potenziale, che voi tutti percepite, anche nitidamente, dentro di voi, sepolto da qualche parte ancora troppo ‘innevata’.

Ella è un portale e ‘non dovrebbe essere in Terra 3d.

Ella è prematura; per questo non la troverete… perché voi siete ancora ‘pre maturi’. La vostra frequenza di funzionamento è diversa rispetto alla necessità di trovarla. Potreste anche averla di fronte ai vostri occhi ma senza vederla.

Vedetec’è un modo molto efficace per nascondere qualcosa, pur lasciandolo esattamente dove si trova:

la tecnica si chiama ‘Velatura’.

Consiste nel convincimento profondo della vostra fisicità organica. Quindi, non necessita di nessuna apparecchiatura né tecnologia particolare, visto che l’input è impartito attraverso la funzione energetica, che tutto unisce. L’input è di tipo telepatico ma anche di tipo naturale, ossia riflesso dalla Natura – opportunamente preparata per l’occasione attraverso riti e la potenza del suono generato per bocca ‘umana’ e per 'schematura'.

Fa' ciò che vuoi, sarà tutta la Legge.
 
Tutto ciò è anche comico, osservato che – mediamente – voi non avete ciò che volete.

Come la mettete, la situazione vi si rivolta contro.

E allora?

Sembra che tutto funzioni esattamente alla rovescia. Non trovate? Perché, secondo voi?
 
Senza utilizzare termini incomprensibili, la voce dell’Errante vi raggiunge e vi conforta, ma, alla sua maniera e cioè alla maniera degli antichi… ossia:

tendendo trappole e trabocchetti per 'velare' l'interferenza e negare, dunque, ciò che è già di per sè - negato.

Il mistero che cammina dentro di voi è lo stesso che delinea le possenti infrastrutture della Natura, che tanto osannate e delle quali vi meravigliate:

perché non vi vedete alla stessa stregua della concreta bellezza della Natura?

L’inversione polare nasce e si protrae in svariati modi, tuttavia, per primo sgorga dalla funzione dello scenario 3d in cui siete auto installati.

La funzione è il programma di studio a cui siete iscritti da più o meno Tempo.

La comicità che percepite è invece satira, ossia molto più sottile e sensata

La satira è un punto di vista e un po' di memoria
Daniele Luttazzi

Memoria; che si ricorda

Facoltà di ritenere e riprodurre i pensieri primitivi, senza che rimanga o ritorni l’occasione che li suscitò

A parlare propriamente:
  • memoria è la facoltà di ritenere
  • reminiscenza la facoltà di richiamare alla mente le cose apprese
  • ricordanza lo stato passivo della mente, alla quale senza sforzo e ricerca si presentano le cose altra volta apprese
Link 

È la ‘ricordanza’ ciò a cui aspirare. Ciò che accade nei sogni lucidi… come un panorama osservato interamente, senza necessità alcuna di proferire parola né pensiero:

tanto è chiaro, nitido, auto descrittivo (frattale: l'immagine della memoria del computer).

Definizione giuridica di cosa debba intendersi per satira:

‘È quella manifestazione di pensiero talora di altissimo livello che nei tempi si è addossata il compito di… indicare alla pubblica opinione aspetti criticabili o esecrabili di persone, al fine di ottenere, mediante il riso suscitato, un esito finale di carattere etico, correttivo cioè verso il bene’.

(Prima sezione penale della Corte di Cassazione, sentenza n. 9246/2006)

Link 
 
Ok?

La filosofia dei Lumi usò largamente la satira, contro i dogmatismi della religione e i privilegi dei nobili...
Link

Unite l’una all’altra citazione ed il gioco è fatto:

ecco il vostro Mondo che non intende cambiare. Ecco il Nucleo Primo che in pianta stabile occupa tutto l’occupabile.

A Deo rex, a rege lex (traduzione: Da Dio il re, dal re la legge) è una locuzione latina usata in ambito giuridico. 

Descrive il principio della monarchia assoluta, in cui il sovrano rivendica per diritto divino il potere di stabilire le leggi dello stato
Link

Il ‘sovrano’ è un individuo, non lo Stato. Dietro allo Stato si vela l’intenzione di entità che hanno radici nell’umano ma che salgono verticali in estensione frequenziale d’ottava.

Il Nucleo Primo conosce prima, anticipa, prevede… perché l’input della rete 3d nasce dal di lui ‘corpo’. 

Coloro che adombrano la luce, sbarrano il passo.

I filamenti del Nucleo Primo sono nitidamente osservabili attraverso la tecnologia frattale:

Seat PG: fondo hedge Sothic Capital Management azzera quota.
Il fondo hedge Sothic Capital Management ha azzerato la propria quota in Seat Pagine Gialle. Dalle comunicazioni Consob sulle partecipazioni rilevanti in società quotate emerge che Sothic il 25 gennaio scorso ha diminuito la propria quota in Seat dal 7,675 al 4,615% per poi azzerarla in data 29 gennaio

L'uscita ha anticipato la decisione del cda di Seat che ieri ha annunciato la richiesta del concordato preventivo causa l'impossibilità di far pronte agli impegni sul debito per il 2013.
Link

Seat, livello debito insostenibile, chiederà concordato preventivo.
Seat rende noto che il livello indebitamento non è più sostenibile in un'ottica prospettica ed è ostacolo a interventi per lo sviluppo industriale.

Il gruppo ritiene non più attuali e raggiungibili le linee guida strategiche 2011-2013 e le stime al 2015 elaborate in occasione della recente ristrutturazione.

Ne dà notizia un comunicato del gruppo al termine del Cda.

Link 
 
Tra il 25 e il 29 gennaio 2013, Sothic azzera la sua quota in Seat; Seat annuncia pubblicamente la notizia del concordato preventivo il 4 febbraio 2013, perdendo in un solo giorno il 40% della propria capitalizzazione.

Ergo, Sothic sapeva anticipatamente la decisione del Cda Seat.

Cosa dire, poi, del caso Goldman Sachs? La quale ha ‘ex esponenti’ introdotti in ogni ambito di vertice mondiale, che decidono leggi e dirigono i relativi comportamenti massivi.

Ti piace vincere facile?

S&P sotto accusa: festa finita per le agenzie di rating?
La causa intentata dall’amministrazione Obama contro Standard & Poor’s potrebbe far vacillare lo strapotere acquisito sul mercato dalle grandi agenzie di rating, capaci - con i loro giudizi - di produrre violente oscillazioni dei prezzi.  

È la sensazione diffusa tra gli addetti ai lavori, anche se non manca chi fa notare l’insuccesso di passate iniziative giudiziarie nei loro confronti…

Il potere delle agenzie di rating.
La storia delle agenzie di rating prende il via nel 1909, quando John Moody diventa il primo analista finanziario assegnando voti alle obbligazioni emesse dalle compagnie ferroviarie degli Stati Uniti. Una pratica diretta ad aiutare gli investitori nelle scelte, in modo da ridurre i rischi

I conflitti di interessi.
Negli ultimi anni si sono addensate molte ombre sulle 'tre sorelle del rating', soprattutto per la loro incapacità di valutare i rischi: per fare un esempio, Lehman Brothers godeva di un giudizio di elevata affidabilità fino alla vigilia del crack.

Più che di incapacità, sono state accusate di dolo da alcuni osservatori, considerato che nel settore privato le agenzie non lavorano gratis, ma si fanno remunerare dalle stesse società che emettono i titoli. Facile, dunque, che si ceda alla tentazione di esprimere un giudizio di favore per mantenere il rapporto di collaborazione a lungo.

I precedenti.
Lo scorso anno si era parlato con grande enfasi di un’indagine condotta dallo stesso Dipartimento di giustizia americano sui rating relativi ai bond, ma poi si è persa traccia della vicenda

Così come Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch sono finora uscite indenni
Link 
 
Scandalo London Whale, JP Morgan puntò contro se stessa.
Il mondo della finanza internazionale è sempre più pieno di sorprese e colpi di scena, come nelle migliori soap opera…

Lo scandalo è esploso quando una delle transazioni non autorizzate gestite da questo colosso finanziario ha provocato una perdita stratosferica alla banca statunitense. 6,2 miliardi di dollari bruciati in seguito ad una scommessa andata a male sui Cds (Credit default swap)…

Il colpo di scena arriva ora. Recenti notizie hanno rilevato il trader con il quale JP Morgan aveva realizzato queste scommesse con delle controparti

Ed è emerso che la controparte della JP Morgan era se stessa

Una intricata dinamica così risolvibile: 

i trader della banca raccoglievano scommesse in derivati piazzati dalla balena londinese che gestiva gli investimenti della banca stessa. Una rivelazione emersa in seguito a delle indagini della Commissione del Senato, racchiuse in un dossier di 129 pagine sulle perdite di bilancio della banca statunitense.

Che una banca possa detenere due posizioni all'interno dello stesso mercato non è una novità, anzi, a volte è una strategia di copertura e monitoraggio di un'attività. Ma che la stessa banca scommetta e perda è quasi paradossale

Link

La crisi non esiste. Il denaro va e viene da e nelle stesse tasche. Gli effetti della crisi esistono, invece, e si proiettano sulla Massa/Mondo.

Tutto ciò accade mentre miliardi di individui soffrono per la miseria provocata da effetti farfalla, non riconosciuti, dall’etica espressa e tesoro della Massa.

Per ora!

La morte è la fine di una vita materiale, ed il principio di un’altra

Nessuna cosa comincia se non da un’altra che finisce, quindi tutto ciò che finisce genera altre cose. Allora la morte non è la fine di nulla, ne’ il principio di nulla, non esiste; trattasi di un semplice avvenimento transitorio, non mai definitivo, sinonimo di movimento e di continuità.

L’osservazione profonda di ogni cosa comporta l’inserimento di una determinata cosa nella visione di un Sistema Universale in rapporto al valore ed alla funzione della cosa stessa

Accedendo quindi a questa forma di 'conoscenza' il pensiero viene a trovarsi necessariamente ad essere intinto di quelle particolari essenzialità per le quali acquisisce 'possibilità'…che autorizzerebbero ad ammettere l’esistenza di un 'paranormale', mentre invece è la più legittima 'normalità' che si manifesta.

Non v’è preparazione scientifica che possa sostituire l’intuizione anche se la favorisce in misura immensa.  

È solamente attraverso una pratica intuitiva che si può giungere a comprendere ed a realizzare quei fenomeni che a nessuno è dato insegnare od apprendere pedagogicamente.

Ho acquistato la certezza che esiste un amore soprannaturale per il quale il bene sopravvive al male, sempre.

Io agisco d’impulso, come sotto la spinta di un suggerimento che suscita in me una specie di gioia indescrivibile. Tutto quello che mi viene da fare è spontaneo, e diretto a beneficio di qualcuno o fatto per una qualche ragione che il tempo poi rivelerà…

Gustavo Adolfo Rol 

La ‘pratica intuitiva’ siete voi e ciò che fate.

Dipende da voi.

Davide Nebuloni/SacroProfanoSacro 2013
Prospettivavita@gmail.com