venerdì 15 febbraio 2013

Un inizio attuale.



Attraverso la forza dell'immagine, che si esprime come sintomo… l'uomo naturale, che si identifica con lo sviluppo armonico, l'uomo spirituale, che si identifica con la perfezione trascendente, e l'uomo normale, che si identifica con l'adattamento pratico e sociale, deformati, si trasformano nell'uomo psicologico, che si identifica con l'anima.
La vana fuga dagli dei - James Hillman

Ecco la più grande storia mentre rivela un nuovo capitolo di se stessa; vera, pura, autentica arte alla luce del Sole. Un modello variegato di situazioni nelle quali gli individui e la Vita emanantesi, scrivono e sono scritti. Cari umani, se fate fatica a concepire quello che la vostra immaginazione (mente) non riesce a contenere, allora evitate di cercare un ‘inizio’.

Applicate alla situazione, di volta in volta osservata/vissuta, un artifizio concettuale:

dimostrare per assurdo la tesi che intuitivamente siete in grado di produrre, sentire, percepire.

Ossia, senza partire dalla pseudo necessità di conferire un inizio ad un movimento. Vi trovate in un loop. Non importa al vostro livello capire come sia iniziato; importa notarlo, notare se stessi dentro al loop. Essere consapevoli.

Solo a quel punto sarà possibile tentare di uscirne, mediante comprensione del motivo che mantiene il vortice attivo:

il motivo non è l’inizio, ma è l’adesso continuo che rinnova/genera quell'inizio. Un inizio attuale, insomma. 

Capendo il motivo capite l’inizio.

Come si capisce il motivo?

Ad esempio, utilizzando la logica frattale.

Se il vostro giardino è infestato dalle formiche, non cercate di capire l’origine e il perché dell’esistenza della formica… ma cosa fate? Utilizzate metodi di soppressione della formica. Ossia, tentate di ucciderla.

Cosa pensate che comporti in Natura un comportamento simile?

Pensate che il lato ‘selvaggio’ della Natura rimanga con ‘le mani in mano’?
  • la Natura è un’entità viva e in evoluzione, pertanto… ancora soggetta a dualità.
  • in Natura si riflette ogni comportamento. 

E non importa, in questa fase, capire da cosa abbia avuto origine questa legge; importa agire ‘calzando la situazione’:

se fossi io quella formica? Se la sorte di quella formica toccasse a me? Se venissi sfrattato dalla mia casa, gettato fuori e ucciso brutalmente?

È quello che sta esattamente accadendo…ad immagine e somiglianza di ciò che è accaduto.

La formica non ‘infesta’ il ‘vostro’ terreno, ma lo abita per circostante molto simili al movimento relativo alla ‘pendenza’ che segue l’acqua:

scorre secondo Natura.

Allora sarebbe meglio chiedersi:

come posso spostare le formiche senza ucciderle? Di che cosa hanno bisogno per continuare a vivere in pace?
 
Esse hanno trovato dimora secondo funzione. Chi siete voi per danneggiarle? Chi è che danneggia chi? Voi vi credete la razza dei dominatori e per questo ve ne approfittate.

Ad ogni passo terminate della Vita… uccidete.

Fa parte del gioco della Vita.

Anche il respiro si avvale della Vita, brucia Vite, stermina Vita.

Cosa rappresenta l’arrivo di un camion lanciato ad alta velocità, dal punto di vista di una formica? Che cosa sente, percepisce? Come si spiega un simile fenomeno? Ne è conscia? Vive accusando lo spostamento d’aria considerandolo come voi accusate gli effetti collaterali di un violento temporale?

Lo schema si ripete a diverse gradazioni della Vita.

La Morte è un canto, musica che s’eleva in continuazione dal Pianeta. Come effluvio, esalazione, fumo, vapore, emanazione, Aura

Essa è centrale rispetto ad ogni discorso che si intenda affrontare/approntare.

Allora, triangolate con un punto esterno come la Morte, ogni vostra riflessione. Non solo; osservate in Natura l’esistenza del seme, ergo… il concetto solidificato di reincarnazione nei panni del loop. Quindi, triangolate la vostra posizione fisica incarnata 3d con la Morte, come punto esterno a voi in questo momento e con il concetto di ‘ciclicità’.

Che cosa ne consegue, esprimendo questa connessione attraverso una immagine?


Il punto nero siete voi sulla Terra 3d. Non importa come, ma voi nascete sulla Terra 3d (N). Non importa come, ma voi morite sulla Terra 3d (M). Questo vero e proprio movimento genera onde di flusso e riflusso; un vortice espresso da una serie di cerchi (loop) in rappresentazione delle vostre Vite che scorrono, non solamente in Terra 3d ma anche nei livelli energetici sottili espressi dalla vettorialità M-N e N-M. In mezzo scorre l’esperienza… 

Questi cerchi se visti in sezione verticale vanno a formare un vortice.

Per questo, in Natura tutto esprime movimenti circolari a vortice. Il vortice è l’espressione frattale del ciclo e la Natura è ciclica, poiché 'contiene', per funzione.

Senza essere contenuti non potreste esistere nelle 3d. La gravità è la conseguenza di ciò...

È questo un processo di evidenziazione in scia al processo di incarnazione e di materializzazione, molto simile ad un teletrasporto per una porzione d’Anima, che la rappresenti integralmente ossia frattalmente. 

Un processo di riduzione molto simile al compattamento di dati sui vostri computer. Lo scompattamento, post trasporto, è inerente alla ‘fioritura’ che avviene in Natura.

Tutto è riflesso e riflette contemporaneamente. Per ora vi deve bastare così. Le risposte relative allo studio dell’inizio arriveranno più avanti. Adesso, una domanda simile avrebbe solo la forza di confondervi e mantenervi in ‘pigrizia’.

Morte e Nascita permettono la rotazione di tutto, Terra 3d compresa

È dal vettore aereo/etereo d’unione dei due punti M e N che occorre osservare al fine di ricomprendere se stessi come nel fulcro del vortice:

nell’occhio del ciclone.

Immaginate questa situazione e fissatela entro di voi. Ricordatela, infine… in ogni processo relativo al ‘giudizio’ ed alla comprensione.

James Hillman, che tutti conosciamo come uno dei più originali rappresentanti della scuola junghiana, viene chiamato 'il filosofo dell'anima'. Ma la sua 'anima' non ha niente di metafisico o di trascendentale, è un concetto psicologico, è, con le sue parole, 'una modalità che riconosce ogni realtà come simbolica e metaforica': 

dacché mondo è mondo e uomo è uomo, soltanto stabilendo delle relazioni, come sono appunto la metafora e il simbolo, l'uomo può capire il mondo e dare un senso a sé e al mondo

- Francis Crick, lo scopritore del Dna dice: ‘L'anima è un processo neurobiologico. Le nostre menti, il comportamento dei nostri cervelli possono essere interamente spiegati dall'interazione dei neuroni’.

- Questa è la sua opinione. La scienza è sempre stata molto abile, fin da Cartesio, a cercare di sbarazzarsi dell'anima, o comunque a cercare di ridurla a un fattore minimo della condizione umana. Invece, per la vita umana, l'anima costituisce la cosa più grande, la cosa più importante. 

La riduzione dell'anima a un sostrato materiale è irrilevante per l'esperienza umana. E quello che conta è l'esperienza
Link

Non c’è nessuno che ha ragione ed entrambi hanno ragione. Semplicemente essi osservano da due punti diversi la medesima situazione.

Hillman è tuttavia più concreto ed essenziale… lasciando da parte il concetto scientifico di ‘comprensione’ o - di ricerca dell'inizio.
 
Il loop che racchiude la società umana attuale è mantenuto in vigore da questo approccio relativo alla mancanza di risposte certe, tipico della scienza. Senza queste risposte certe si è come bloccati, non si va da nessuna parte perché semplicemente non si parte, si attende qualcosa d’indefinito che potrebbe non accadere mai

Ricordate: il vortice ha base in voi. Voi tenete tutto in funzione.

Leggete tutta la profondità di questa intervista:

l’ultima intervista a James Hillman… ‘Sto morendo, ma non potrei essere più impegnato a vivere’

Sto morendo, ma non potrei essere più impegnato a vivere’. Così aveva scritto, nella sua ultima mail. E così l’ho trovato, quando sono andata a salutarlo per l’ultima volta nella sua casa di Thompson, nel Connecticut, pochi giorni prima che morisse: 

il fantasma di se stesso, ma incredibilmente vitale; il corpo fisico ridotto al minimo, quasi mummificato, tutto testa, pura volontà pensante. Restare pensante era la sua scommessa, la sua sfida. Per questo aveva ridotto al minimo la morfina, a prezzo di un’atroce sofferenza sopportata con quella che gli antichi stoici chiamavano apatheia

un apparente distacco dalla paura e dal dolore che traduceva in realtà un calarsi più profondo in quelle emozioni

L’unica cosa che contava era analizzare istante dopo istante se stesso e quindi la morte come atto oltre che nella sua essenza. Se Steve Jobs, morendo, ha lasciato detto 'stay hungry, stay foolish' (Siate affamati curiosi, siate folli imprevedibili), l’ultimo insegnamento di James Hillman può riassumersi così:

'Resta pensante' fino all’ultima soglia dell’essere.

Il tempo qui sembra fermo, le lancette puntate sull’essenza ultima. 

'Oh, sì. Morire è l’essenza della vita'.

Com’è morire?
 
'Uno svuotamento. Si comincia svuotandosi. Ma, si potrebbe chiedere, che cos’è o dov’è il vuoto? Il vuoto è nella perdita. E che cosa si perde? Io non ho - perso - nel senso comune di 'perdere'. Non c’è perdita in quel senso. C’è la fine dell’ambizione. La fine di ciò che si chiede a se stessi. È molto importante. Non si chiede più niente a se stessi. Si comincia a svuotarsi degli obblighi e dei vincoli, delle necessità che si pensavano importanti. E quando queste cose cominciano a sparire, resta un’enorme quantità di tempo. E poi scivola via anche il tempo. E si vive senza tempo. Che ore sono? Le nove e mezza. Di mattina o di sera? Non lo so'.

È una condizione perseguita dai mistici.

'Oh sì, dall’induismo per esempio, gli induisti ne scrivono. Ma in questo caso è tutto unwillkürlich, involontario. È accidentale'.

Comunque non credo non ti sia rimasta nessuna ambizione. 

'Davvero?' [Apre di scatto gli occhi finora socchiusi, con un lampo azzurro di sfida.]

Ti resta quella degli antichi romani: lasciare il tuo pensiero ai posteri.
 
'È vero. È molto importante per me che il mio pensiero rimanga. Ma la parola posteri mi rimanda a postea, a un dopo, a un futuro, in cui non voglio essere trasportato adesso'.

Perché esisti solo al presente.

'Sì, e voglio tenere chiusa la porta con il cartellino - Exitus. La potrò aprire a un certo punto, quando capirò come farlo nel modo giusto. [Tenta di scuotere il capo, ma il dolore lo ferma]. Non saprei ora come aprire quella porta senza che ne dilaghi una folla di creaturine che vogliono qualcosa

Molti degli antichi filosofi ne sono stati catturati, probabilmente tu sai chi lo è stato più degli altri. Io non voglio. Il mio compito è dialogare e tenere il dialogo aperto su quel che accade momento per momento. Il mio è piuttosto un reportage. Dal vivo. Dal vero'.
 
Non potrebbe essere altrimenti: o non fai il reportage – come la maggior parte di chi si trova nella tua condizione – oppure ciò che riferisci è la verità. E penso che tutti siano affamati di questa verità.

'Tutti sono affamati di morte. La nostra cultura lo è. Io, qui, come vedi, ne parlo continuamente. Ma non la esprimo. Perché nella morte io sono impegnato. Non voglio uscirne, per esprimerla, per vederla o guardarla in trasparenza. Non cerco di formularla. Ogni tanto si realizza qualcosa che mi porta in un altro luogo dal quale posso osservarla. Magari anche di riflesso. Ogni sorta di cose si riflettono in questa introspezione, ma non l’attività essenziale di ciò in cui sono impegnato [ossia l'atto del morire]. Il tempo che mi dò è il qui e ora'.
 
Capisco…

Link

Ogni tanto si realizza qualcosa che mi porta in un altro luogo dal quale posso osservarla.

Un uomo che osserva, presenziando direttamente al proprio processo.

Nel frattempo prosegue l’ondata di arresti nel Mondo dell’economia. Ve ne siete accorti?
 
Finché le leggi della matematica si riferiscono alla realtà, non sono certe, e finché sono certe, non si riferiscono alla realtà’.
Albert Einstein

Il paradosso deriva da questa constatazione:

una funzione di loop è ‘nativa’, ma il nuovo arrivato ha del Tempo o ‘occhi bianchi’ per vederlo all’opera pregno di carburante abitudinario, prima di divenire egli stesso parte e carburante del loop.

Nucleare, salta accordo tra Iran e agenzia nucleare Onu.
L'Agenzia internazionale per l'energia atomica dell'Onu ha annunciato oggi di non essere nuovamente riuscita a raggiungere un accordo, nel corso dei colloqui con l'Iran, sull'indagine sul programma nucleare di Teheran

Link

L’iran è dotato di tecnologia Kesche. A che gli serve la pantomima del nucleare? Serve perché l’Iran è parte del gioco e deve mantenersi alle regole del gioco: 

loop.

Scott Pelley: È denaro proveniente dalla tassazione quello che la Fed spende?
Governatore Bernanke: Non è denaro da tasse. Le banche hanno dei conti correnti presso la Fed, così come si può avere un conto presso una banca commerciale. Perciò, per prestare ad una banca, usiamo semplicemente il computer per accreditare i conti che esse hanno con la Fed.

Il Governatore della Federal Reserve ci sta raccontando, in un semplice inglese, che essa trasferisce denaro (spende e presta) semplicemente modificando cifre in conti correnti bancari. Non esiste qualcosa come dover 'incassare' tasse (o indebitarsi) per creare una voce del foglio elettronico chiamata 'spesa pubblica'. 

Dati informatici che non vengono da nessuna parte. Tutti lo sanno! 

Dove altro possiamo vedere che questo accade? La vostra squadra segna un goal e il punteggio cambia, poniamo, da 7 a 10 punti. Per caso qualcuno si chiede da dove lo stadio abbia preso quel punto? Certo che no! Oppure, ad esempio, riuscite a colpire 5 birilli nel gioco del bowling e il vostro punteggio va da 10 a 15. Vi preoccupate per caso di dove la pista da bowling abbia preso quei punti?  

Pensate che tutte le piste da bowling o gli stadi di football debbano avere una 'riserva di punti' in una 'scatola chiusa' per assicurarsi che voi possiate ottenere i punti che avete segnato? 

E se la pista scopre che avete commesso un’infrazione con i piedi e vi abbassa il punteggio di 5 unità, per caso adesso la pista da bowling ha più punti da concedere? Certo che no!

Sappiamo tutti come funzionano le voci elettroniche, ma in qualche modo questo è stato completamente stravolto dai nostri politici, dai media, e soprattutto dai principali media mainstream.

Tenete a mente solo questo come punto iniziale: 

il governo federale non si trova mai nella situazione di 'avere' o 'non avere' dei dollari. 

Esso è proprio come lo stadio, che non 'ha' o meno una scorta di punti da dare. Quando si tratta del dollaro, il nostro governo, per mezzo delle agenzie Federali, della Federal Reserve e del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, è colui che tiene il punteggio (e fa anche le regole!)

Ora avete le risposte operative alla domanda: 'Come pagherete per questo?'. 

E la risposte è: 

nello stesso modo in cui il governo paga qualsiasi cosa, modificando cifre nei nostri conti correnti

Il governo federale non sarà mai 'a corto di denaro', come il nostro Presidente ha erroneamente ripetuto. Non esiste una cosa del genere. Né dipende in alcun modo dall’ottenere dollari dalla Cina o da qualunque altra parte. 

Tutto ciò che al governo serve per spendere è modificare delle cifre al rialzo nella propria banca, la Federal Reserve

Non esistono limiti numerici alla quantità di moneta che il nostro governo può spendere, ogni volta che esso voglia spendere (ciò include il pagamento degli interessi, così come la previdenza sociale e le spese mediche). Ciò comprende tutti i pagamenti effettuati in dollari dal governo a chiunque.
Link
 
Realtà virtuale: ci siete dentro.

Il frattale che esprime la realtà virtuale 3d, una tra le infinite pagine del ‘libro’ della più grande storia, e che vi racconta la voce dell’Errante verosomiglianza è:

da quando vi siete staccati dalla garanzia dei pagamenti con oro sottostante, siete scivolati in un’altra realtà… né migliore né peggiore, ma, solo un’altra realtà.

Ecco come vi muovete fra le gradazioni di ‘realtà’.

Senza nemmeno accorgervene e, comunque, guidati nel farlo.

Il ‘connubio’ è solo un attore dei molti all’opera.

Esiste un lato silente ma interattivo nella questione esistenziale.

Gregory Page – L’uomo che controlla il cibo del pianeta.
Ha 59 anni e non concede interviste.

Sicuramente il suo nome e quello della sua impresa non vi dicono niente.

Eppure nelle sue mani passano la gran parte degli alimenti che riuscite a immaginare. Cargill è una delle quattro compagnie che controllano il 70% del commercio mondiale del cibo

Mentre il mondo affronta la più grande crisi alimentaria da decenni, loro fanno cassa 'leggendo i mercati'….. Funziona così. Voi non lo sapete, ma il pane della vostra colazione è una merce con più valore del petrolio

La farina con cui è fatto si chiama Cargill. Vi dice qualcosa? E si chiama Cargill anche il grasso del burro che spalmate sul pane e il glucosio della marmellata.Cargill è il mangime che ha ingrassato la vacca da latte e la gallina che ha fatto le uova che friggiamo in padella. Cargill è il chicco di caffè e il seme di cacao; la fibra dei biscotti e l’olio di soia. Il dolcificante delle bibite, la carne dell’hamburger, la farina della pasta? Cargil. E il mais dei nachos, il girasole dell’olio, il fosfato dei fertilizzanti…? E l’amido che le industrie del petrolio raffinano per convertirlo in etanolo e mescolarlo alla benzina? Indovinate.
 
Non cercate marche o etichette, non le troverete.
Cargill ha attraversato la storia in punta di piedi. Com’è possibile che un’impresa fondata nel 1865, con 131.000 impiegati divisi in 67 paesi, con un fatturato annuo di 120.000 milioni di dollari, quattro volte quello di Coca-Cola e cinque quello di McDonald sia così sconosciuta? Come si spiega che una compagnia così gigantesca, con conti che superano l’economia del Kuwait, del Perù e di altri 80 paesi, sia passata inosservata?

In parte perché è un’impresa familiare…

Oggi, circa 80 discendenti si suddividono i ricavati e giocano a golf

Di loro si sa poco, salvo che nelle feste, gli uomini portano gonne scozzesi per onorare gli antenati. E che sette siedono nel consiglio d’amministrazione e sono nella lista Forbes dei più ricchi del pianeta, con fortune che si aggirano attorno ai 7000 milioni ciascuno. Il presidente della compagnia è Greg Page, un tipo flemmatico a cui piace dire, con lentezza, che Cargill si dedica 'alla commercializzazione della fotosintesi'...

Cargill ha triplicato i benefici nell’ultimo semestre e i suoi guadagni superano i 4000 milioni di dollari, record raggiunto nel 2008 nel pieno della crisi alimentare. La compagnia aveva scommesso che la siccità in Russia, uno dei grandi produttori mondiali, avrebbe obbligato Vladimir Putin a proibire le esportazioni per assicurare il consumo interno. E indovinò. 

'Abbiamo fatto un buon lavoro leggendo i mercati e abbiamo reagito rapidamente', spiegò un portavoce di Cargill. 

In cosa consiste la reazione? 

Si tratta, essenzialmente, di giocare al Monopoli, comprando i raccolti nel mercato del futuro, cioè prima che sia piantato un solo seme, e di venderli poi in un posto o l’altro del pianeta, là dove risulti più proficuo..
Link

Alfine, ci siete solo voi, uno per uno, davanti, dietro e dentro al vostro stesso movimento energetico.

Il tutto innestato nel Tutto.

Come ingranaggi, fate girare le ruote della più grande storia.

Non è un movimento riduttivo ma centrale.

Rifletteteci per bene.

Dipende da voi.

Davide Nebuloni/SacroProfanoSacro 2013
Prospettivavita@gmail.com