giovedì 31 gennaio 2013

Con Pressione.




È un viaggio 'questo'... lo capite? È tutto progettato per il teletrasporto di chiunque vi si rifletta. Ogni citazione, ogni frase lasciata lì... tutto è costruito per permettere la trasmissione.

Ho più volte sperimentato che talune grandi gioie hanno come condizione di esser prima stati privati di una gioia di qualità inferiore, che meritavamo, e senza il desiderio della quale non avremmo mai potuto conoscere l'altra gioia, la più bella…
Marcel Proust

Nella più grande storia, la storia siete voi; allo stesso Tempo, ella non viene scritta ma sovrascritta. Il Futuro è una funzione di questa riscrittura alla quale partecipano tutti gli esseri. All’interno della riscrittura c’è spazio per tutti e ognuno trova spazio dove meglio ‘crede’. Il loop perfetto trae sostentamento dall’elusione dell’alternativa ovverosia dalla profusione illusoria che non esista altra realtà al di fuori di questa.

Si rende, cioè, sterile ciò che per Natura è sempre gravido.

Chi siano gli attori principali non è dato dirlo, anche se lo si sa benissimo:

se stessi? In un certo senso o meglio, se stessi, travestiti da ‘altri’.

Le ‘mancanze’ derivanti dalla scarsità, luogo comune di questo paradigma, stanno solleticando l’animo a sviluppare per effetto antagonista, la polarità opposta, questa volta ottenuta attraverso un’altra pista della possibilità dell’aggregazione energetica – conformante il ‘Destino’.

Destino che persegue i nodi Karmici predisposti all’inizio di ogni cammino, di ogni tornata nelle 3d e frutto dell’inesauribile lavoro proattivo dell’essenza senziente.

La vostra voce narrante vi rammenta, quest’oggi, che ‘voi siete i timonieri del vostro destino’, anche se tutto vi fa esattamente pensare al contrario, anche contro vento e piegati da ogni tipo di avversità. Il meccanismo stimola la vostra funzione e la funzione entra in moto quando raggiunge un certo livello di attivazione, come un motore che necessiti di entrare in temperatura prima di dare il meglio di sé.

Lasciamo parlare il materiale attratto nella Rete…

Vincenzo Di Spazio (1962), medico olistico, ha insegnato dal 1994 al 2002 al Corso Post-Laurea in Biotipologia e Metodologia omeopatica dell’Università di Urbino. Nel 1996 ha identificato l’orologio spinale dei traumi (spinal clock), una griglia temporale proiettata sui 24 punti della colonna vertebrale, scoperta che ha ispirato da quel momento in avanti tutta la sua attività di ricerca.
Link

Asse portante della concezione di Di Spazio è che la memoria umana sia incisa in precise collocazioni corporali; tutto ciò comporta un congiungimento dello spazio e del tempo. In particolare, le sue indagini gli hanno consentito la scoperta di nuove ‘placche’ cutanee (Giuseppe Calligaris) localizzate sui versanti laterali dei processi spinosi del rachide, da C1 a L5. 

Si tratta di 24 coppie di punti spinali bilaterali, che rivestono il misterioso e affascinante ruolo di ‘recettori temporo-spaziali’. In altre parole, ogni punto spinale proietta un’epoca specifica dell’individuo secondo un preciso schema sessagesimale (ciclo di 60 anni).
Link

All'improvviso ho avuto l'impressione che fosse tutto collegato. Era come se potessi vedere tutto. Una lunga catena di eventi che risalivano a molto prima di Larkhill. Mi è sembrato di poter vedere quello che era successo prima. E quello che ancora deve succedere. Era come uno schema perfetto, disposto davanti a me, e mi sono reso conto che ne facciamo tutti parte, che siamo tutti intrappolati.
V for Vendetta

La linea longitudinale primaria o assiale del dito indice è la collettrice di tutte le memorie.
Giuseppe Calligaris

Abbiamo già visto che l'assiale del dito indice… e quella del secondo dito di un piede sono le linee della memoria, poichè la loro stimolazione, praticata con metodi speciali, evoca d'un tratto e automaticamente i più lontani ricordi.

Gli episodi più remoti e le scene più insignificanti, (così scrive il Calligaris) le rimembranze di un mondo che si credeva scomparso senza tracce superstiti si presentano come spiriti reduci e si affacciano come per incanto dalle finestre del passato che parevano chiuse per sempre‘… 

Trascuro volutamente (per ora) il prendere in considerazione anche le linee secondarie, decorrenti nella banda longitudinale mediana di queste due dita, linee che sono in rapporto non più con la memoria in genere, ma specialmente con le memorie sistematizzate cioè con i ricordi particolari...
L’indice dei ricordi 
 
L'oggetto più comune, come il telefono, perde la sua semplicità, la sua solidità, e diventa parte della vita e trasparente. Le azioni più comuni, come salire in ascensore o mangiare la torta, invece di venire scartate immediatamente, rastrellano nel loro progresso tutta una serie di pensieri, sensazioni, idee, ricordi, che apparentemente dormivano sulle pareti della mente

Non ci viene mai detto, come i romanzieri inglesi ci dicono tanto di frequente, che una via è giusta e l'altra è sbagliata. Ogni via viene spalancata senza riserve e senza pregiudizi. Tutto quello che si può sentire internamente viene detto. La mente di Proust è aperta con la comprensione di un poeta e il distacco di uno scienziato a tutto quanto essa ha il potere di sentire. La direzione o l'enfasi, il sentirsi dire che questo è giusto, il sentirsi dare nel gomito e ordinare di badare a quest'altro, cadrebbero come un'ombra su questa intensa luminosità e ce ne escluderebbe qualche porzione dalla vista…

Virginia Woolf 
 
Perchè non ricordate? Perché è successo? È importante ricordare? Vi interessa? Non vi interessa? Affermavo ieri che la memoria occupa lo stesso spazio, tutto lo spazio, in maniera sovrapposta, sovrapponibile… come una pila di libri alta quanto si voglia

È il potenziale a cui si fa riferimento, ciò che sentite possibile ma molto spesso anche irrealizzabile perché molto 'lontano'. Il concetto di lontananza è sterile nella vostra comprensione, in quanto che la distanza è tale solo a livello vibrazionale o a meno che voi la vogliate vivere sul mero piano tridimensionale; in questo caso essa esiste e decreterà che tra Roma e Milano ci saranno 600 km e che, dunque, per le leggi della Fisica occorrerà del Tempo per coprirla.

Voi scegliete il percorso e la modalità di percorrenza.

La distanza tra voi e il vostro obiettivo dipende da quanto siete distanti dalla consultazione della pila energetica più opportuna o ‘vicina’. Occorre un indice e la chiave/codice per l’accesso alla pila. La pila è multidimensionale. La sua consultazione fornisce dati diversi e relative realtà diverse, in funzione dell’altezza raggiunta. La sua manifestazione è logica, una volta raggiunta la chiave interpretativa necessaria alla sua comprensione e decompressione.

Una cella di memoria può contenere infiniti dati sovrapposti e potenziali.

Quali accettate di consultare? Mutando il valore di registro della consultazione, la cella si caricherà del relativo messaggio o contenuto energetico per ‘apparizione istantanea’. La realtà 3d verrà infusa di un simile contenuto (risposta armonica). La Magia è… l’arte della variazione del contenuto del registro:

semplicemente la ‘realtà’ obbedisce fedelmente al valore contenuto.

La memoria diventa quindi multipla, velata, illusoria… e tuttavia in linea con la stratificazione dell’essere e della sua Natura.

Nell’Antisistema, il Nucleo Primo, padrone di questa conoscenza e nocchiero della tecnica opportuna per valorizzare il contenuto più opportuno dal proprio punto prospettico, si avvale di incantesimi e forme pensiero ottenute indirettamente per estrazione/spremitura dalla/della Massa

Questa ‘spremitura’ corrisponde a delle pressioni esercitate sulla Massa, individuo per individuo. Pressioni che Calligaris, ad esempio, aveva messo in luce molto opportunamente. Una conoscenza a portata di tutti…

La paralisi nel dito indice e della Ia banda interdigitale.
Stimoli leggeri, cioè cariche adeguate (cutanee e psichiche), oppure compressioni superficiali di un viscere sono eccitanti mentre invece stimoli intensi oppure compressioni profonde riescono paralizzanti

Su questa legge fondamentale si fondano gli esperimenti di Calligaris…
  1. una carica intensa (meccanica o elettrica) della linea primaria o dell'annessa banda assiale di un dito indice, abolisce i ricordi in genere invece, quella isolata delle linee secondarie, (punta metallica, spillo faradico) abolisce i ricordi speciali
  2. idem per una carica leggera della linea primaria o dell'annessa Ia banda interdigitale (banda dell'oblio) e per quella isolata delle sue linee secondarie (Gli antagonismi)…
La paralisi massima dei ricordi da cariche associate.
Il ricordo viene bloccato completamente, cioè la sua paralisi è massima completa, assoluta, se si associa:
  1. la carica intensa della linea della memoria (primaria o secondaria)
  2. la carica leggera della linea dell'oblio (primaria o secondaria, per la legge degli antagonismi)
  3. la compressione profonda degli organi sessuali (nella loro totalità o in un loro segmento)
  4. la compressione superficiale dell'apparato gastrico nella sua totalità, o in un suo segmento, (antagonista)
  5. l'autorappresentazione normale dell'apparato gastrico (antagonista) o quella forzata, esagerata, dell'apparato sessuale (nella loro totalità o in un loro segmentoIn tutte queste ricerche è necessario che gli stimoli siano di eguale intensità, senza prevalenze. Lo stesso avvertimento deve valere per le cariche elettriche portate su due linee secondarie con gli spilli faradici)...
Se la compressione è profonda, energica e protratta per qualche minuto, si può dire che il sentimento resta completamente paralizzato, in modo che il soggetto non è più nemmeno in grado di concepirlo nella sua mente.L’indice dei ricordi

Pensate ad un bel paio di jeans attillati... che cosa comporteranno a livello sensoriale allargato? 

Nella struttura prospettica da cui osservo, il piano maggiore è quello relativo alla ‘Luce che ha nome’, un progetto infallibile per equilibrare l’equazione che definisce se stessi ed il Creatore:

il 100 che è sempre 100 ma diversamente composito nella struttura combinata d’insieme della ‘ricetta’.
  1. Ricetta
  2. Recipe
  3. Prendi.
Link 
 
Ciò che viene lasciato, viene ‘preso’. È una rinuncia la vostra. Tutto ciò che è venuto è relativo alla risultante del ‘prendere altrui’. Se in definitiva non esiste altro che il sé, scendendo di livello nella configurazione del registro della memoria, interi Mondi prendono piede. La Vita si dischiude ed agisce per miscela del 'sistema di variabili mobili' che ispirano idee e dettano condizioni a cui non c’è 'rimedio' se non per opportuna modifica del valore di registro della memoria superiore e/o inferiore.

Nulla accade per caso.

Ascoltami, ascoltami, ascoltami. Questo può essere il momento più importante della tua vita. Mettici tutta te stessa. Ti hanno portato via i genitori, ti hanno portato via tuo fratello, ti hanno chiuso in una cella e ti hanno preso tutto ciò che potevano tranne la vita, e tu hai creduto che esistesse solo quella. Vero? Che l'unica cosa rimasta fosse la tua vita. Ma non era vero! Hai trovato qualcos'altro. In quella cella hai trovato qualcosa di più importante della vita. Perché, quando hanno minacciato di ucciderti se non avessi dato loro quello che volevano, tu hai detto che avresti preferito morire? 

Hai affrontato la morte Evey, eri calma, eri ferma. Prova a sentire ora quello che sentivi prima.
V for Vendetta

Ad occhi chiusi provate ad ascoltare le vostre profondità. Lo sentite il rumore di fondo? Sì? Bene… provate a cambiarlo, come se fosse la musica della suoneria del vostro cellulare…

Dipende da voi.

Davide Nebuloni/SacroProfanoSacro 2013
Prospettivavita@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...

Per favore, non lasciare commenti senza firma. Non voglio Spam. Grazie.
Please, don't leave comments without signature. I don't want Spam. Thanks.