venerdì 18 gennaio 2013

Partizioni mentali e contenimento.




… Sei come me. Ti ripeterò quello che ti ho già detto: la ricerca di ogni nagual in ciascuna generazione di stregoni consiste nel trovare un uomo o una donna che, al pari di lui, mostri una doppia struttura energetica; io ho visto in te questa caratteristica… Quando vedo la tua energia, vedo due sfere di luminosità sovrapposte una sopra l’altra, e questo aspetto ci lega insieme.

Io non posso respingerti cosi come tu non puoi allontanarmi…

Il lato attivo dell’infinito – Carlos Castaneda

Ben risvegliati nella più grande storia mai raccontata: la vostra.

La voce narrante estrae informazione codificata e temporalmente pronta per essere diffusa e compresa; non c’è bisogno di nessuna pianificazione da parte mia. La più grande storia 'è' ed attinge da te e da ogni ‘cosa, individuo, opera, idea, invenzione, talento, passione, violenza, etc.’, perché tutto concorre al suo scorrere e alla sua auto descrizione. Per fare questo non esiste nessun concetto di copyright, nessun limite né vincolo di Natura squisitamente ‘bi mentale’, ossia 3d o ‘umana indiretta’ vincolata da 'leggi'...

Dovete sapere che, cosa trita e ritrita, voi siete amministrati sottilmente da ‘altri’; ora… se vogliamo descrivere una situazione letteralmente oceanica, partendo da un punto di consapevolezza grande quanto un granello di sabbia, il vostro, è impensabile poterlo fare senza andare per step.

Lo affermerò ora e lo riprenderò molto più avanti, che ciò che vi succede, tutto quello che vi succede, ha un senso più alto e una gerarchia applicativa, per cui non esiste mai veramente un accadimento ‘inutile’. Una entità che vi richiede energia in maniera, diciamo, ingannevole, rientra in un contesto, che ancora sfugge e tuttavia rimane sensato.

Tutto ciò che vi accade è dovuto al vostro campo d’energia alimentato da quello 'che siete' e da quello 'che fate'. L’interazione con gli – altri - e con - l’altro – è una lavagna in cui vi muovete, narrando, come me, una storia… la vostra storia.

Questo filo d’eventi è sia personale che d’insieme, per cui esistono (semplificando al numero 3):
  1. tante storie individuali
  2. tante storie d’insieme
  3. una storia raccontata.
L’incrocio tra ‘storie’ narra la storia del genere umano ma, non solo; la storia extra planetaria non viene ignorata dal punto prospettico, diverso dal paradigma che vi avvolge e, la notizia è che la storia extra planetaria passa anche per la Terra, ossia è ‘esterna ed interna’ allo stesso Tempo. Lo potete capire meglio a livello frattale:

le decisioni della banca centrale americana, la Fed, hanno effetti indiretti sull’andamento dell’economia di tutto il Mondo; ad esempio, anche nel più sperduto paese del continente più apparentemente ‘staccato’.

È la globalizzazione, un movimento ‘inodore’, come quello di un bonifico inviato via Web, che lega tutto e tutti sulla Terra 3d, ad immagine e somiglianza di un vettore superiore, avente la stessa caratteristica e timbro.

La doppia struttura energetica di alcune persone, identifica la sostanziale biodiversità e differenza impressa nel genere umano, in quanto frutto di innumerevoli vie creative e co creative accadute nel corso del Tempo, adoperato nella sua fase più opportuna, come un fiume che scorre placido lungo un territorio piano.

La ‘Luce che ha nome’ e la ‘Luce che non ha nome’, scorrendo anche lungo questo fiume temporale, caratterizzano per imprinting il tessuto energetico dello scenario resosi disponibile, auto amministrato secondo cardini divenuti automatici, secondo programmazione.

Seguiamo, adesso, questa traccia:
  1. la vostra mente non è ‘una sola’
  2. la vostra mente è ‘una sola’.
  1. la domanda è: ‘Chi ha ragione?’
  2. la domanda è: ‘Come e perché?’.

Cioè, occorre assenza di dubbio e ferma convinzione di essere sulla via risonante e sincronica. Per capirlo a pieno, dovete intendere che sia così e dovete prestare attenzione ai segnali, perché la dualità è sempre attiva e se non equilibrata dalla vostra presenza, comporta eterno smarrimento.

Procediamo… È il punto prospettico che cambia, non la realtà che osservate; siete voi a spostare il focus, lo zoom o lo spettro panoramico nel punto o nello scenario che più vi interessa. Voi vi muovete osservando da angolazioni diverse oppure sempre dalla stessa prospettiva

Ora, se rimanete fermi per intere decadi a vedere dallo stesso punto e un ‘corpo proietta ombra' proprio sull’angolo da voi osservato e ritenuto - tutto ciò che sapete e che dunque, ‘è’ – ebbene… state dando luogo alla perpetuazione di un ‘punto di vista altrui’.

Cosa vi serve? Vi serve spaziare, muovervi pur avendo una base, ma questa base l’avete già e si tratta dell’interno Pianeta, non è la vostra casa o un angolino della vostra casa.

Torniamo al discorso delle ‘due menti’:
  1. la mente è fisicamente una
  2. la mente è funzionalmente divisa, diciamo perlomeno in due.
Adesso torna di più il discorso? Quanti oggetti conoscete che sono 'fatti così'? Penso, molti...
 
Semplifichiamo ulteriormente usando Analogia Frattale:
  • prendete un computer
  • la sua memoria è unica?
  • può esserci un disco fisso e un hard disk esterno: non è unica
  • non solo
  • il disco fisso può essere partizionato, diviso in più parti
  • non solo
  • all’interno della macchina possiamo installarne un’altra virtuale, ossia... che esiste all’interno di quella ritenuta, fisicamente, una.
Capite? Che cosa si annida nella vostra mente? Avete una scatola cranica sola, con all’interno una sola ‘cavità’ riempita da una sola massa cerebrale, la quale contiene il vostro disco fisso. Nel disco fisso è installato il sistema operativo…

Esistono due tipi principali di partizioni; primarie ed estese

ogni disco fisso può ospitare al massimo quattro partizioni, una delle quali può essere estesa.

È quindi possibile avere, sullo stesso disco fisso, quattro partizioni primarie oppure tre primarie ed una estesa.

In ogni partizione primaria può essere installato un qualunque sistema operativo e le applicazioni utilizzate.

Le partizioni estese sono state introdotte invece per superare il limite delle quattro partizioni sullo stesso disco fisso: 

esse fungono infatti da 'contenitore' per un numero illimitato di partizioni logiche...
Link

Ciò che non è manifesto è 'contenuto' ma… può contenere in altro senso.

Sono infinitamente… efficienti e organizzati. Per mantenerci obbedienti, deboli e mansueti, i predatori si sono impegnati in un’operazione stupenda, naturalmente dal punto di vista dello stratega. Orrenda nell’ottica di chi la subisce.  
 
Ci hanno dato la loro mente!
 
Mi ascolti? I predatori ci hanno dato la loro mente che è la nostra

Ciò che prima era visibile si manifesta come inconscia presenza, come inquietudine, paura, disperazione, depressione… 

La mente, attraverso la socializzazione… dirige il percorso in modo tale che (i pensieri) sono ‘liberi’ non più di quanto lo sia un treno su delle rotaie

I dati sensoriali sono i nostri, ma il software che guida il pensiero è estraneo.

Ogni volta che si interrompe il dialogo interiore e si entra nel silenzio interiore si affatica la mente del predatore in modo così insostenibile che l’Installazione Estranea fugge. Successivamente essa ritorna, ma indebolita. Attraverso ripetuti stati di silenzio interiore l’Installazione Estranea prima o poi viene sconfitta e non torna.  

Ogni volta che si interrompe il dialogo interiore, il mondo così come lo conosciamo collassa e affiorano aspetti di noi del tutto straordinari, come se fino a quel momento fossero stati sorvegliati a vista dalle nostre parole

Uno sciamano saggio incarna le doti della pragmaticità e della fluidità e sapendo che nessun paradigma rappresenta la verità assoluta è libero di cambiare sistema a piacere, a seconda di ciò che ogni situazione richiede. Paradigmi diversi non sono per lui concepiti come antagonisti, minacciosi o sbagliati, ma semplicemente come diversi punti di vista.

‘Per consentire alla magia di avere presa su di noi, non dobbiamo fare altro che bandire ogni dubbio dalla nostra mente. Una volta eliminati i dubbi, tutto diventa possibile’.

Link 
 
Vengo da un altro ‘punto di vista’; posso descrivere ciò che avviene, è avvenuto e probabilmente avverrà se… l’energia continuerà a scorrere in un determinate modo.

Ma… mentre un fiume cambia percorso progressivamente nel Tempo, mentre ogni legge interagisce con la sua presenza fisica, esattamente... un fiume che cosa è? Esiste? Non è ‘solo’ un contenitore? 

Uno spazio riempito da qualcosa? In questo caso… riempito da acqua.

Questo ‘spazio’ viene percepito quasi come un ‘oggetto’ e definito e chiamato come un qualsiasi oggetto, quando in realtà è solo spazio disponibile ricolmo d’altro.

Non vedete più l’acqua che lo compone, vedete ‘il fiume’.

Allo stesso modo, non vedete più l’energia che vi compone, vedete ‘il corpo fisico’; eppure riconoscete la mente identificandola con la presenza della scatola cranica e del valore aggiunto dell’esperienza terribile di una morte violenta o di un esperimento.
  1. sapete che esiste la mente… una mente
  2. sapete che esiste il fiume… un fiume.
La composizione del ritenuto conoscibile, è sempre multi stratificata. Voi siete fermi ad un livello, ritenendo di avere informazioni sufficienti per codificare sistemi di sostentamento univoci, frutto della necessità di sopravvivere e ombra della paura di morire.

C’è molto di più.

‘La minaccia di un crollo finanziario dell'economia globale è stata scongiurata. Abbiamo evitato il collasso, ora dobbiamo evitare una ricaduta e non è il momento di rilassarsi’.
Christine Lagarde

Questo ‘punto di vista’ corrisponde ad una restaurazione.

Il ‘rilassamento’ è proprio quello che occorre al fine di spostare il ‘punto di vista’, dall’attuale ad un altro, in funzione di quello che percepite d’alternativo, eliminando il dialogo interiore.

Voi siete multidimensionali e la vostra mente non poteva che risentire e replicare la vostra vera Natura, dividendosi in una struttura unica ma multicomparto:

all’interno di questo spazio, ‘qualcosa’ ha preso luogo’, allo stesso modo di quello che narra la ‘Pietra Codificata’ (due tecnologie differenti fuse in un unico contenitore) e, allo stesso modo, quello che rappresenta il vostro contenitore fisico, abitato sottilmente ed in maniera non manifesta, dall’Anima.

Contenuto e contenitore: diverso e uguale.

Nessun giudizio può compiere l’opera di ‘descrivere l’Universo né una semplice situazione’, perché tutto si muove nella sua fissità:
  1. fissità = senso superiore
  2. movimento = esperienza.
L’onda di marea ‘copre tutto’ o ‘alza tutto’?

‘Sono restato vivo, ho continuato a respirare… perché domani il sole sorgerà e chissà la marea cosa può portare’.
Cast Away

Davide Nebuloni/SacroProfanoSacro 2013
Prospettivavita@gmail.com