lunedì 10 gennaio 2011

Pazienza, ritmo e futuro consapevole.





“L’uomo che 'sempre si sforza di progredire' cerca egli stesso il suo futuro”. Bernard Lievegoed
  
Ognuno di noi, impegnato nelle anse del “dovere”, perde quasi sempre di vista il proprio futuro cosciente. Si aspira ad un futuro diverso dal liberamente immaginato. A quale per la precisione? Al tempo in cui si andrà in pensione. Risultato? Ci si immagina già consumati, proprio come una sigaretta giunta al filtro. 

Con una sola e grande aspirazione, bruciamo l’intera sigaretta immaginandoci già "vecchi" ma con la pensione.

A cosa si sta ambendo, inconsciamente, in questo modo? Ad appendere la nostra Vita al "chiodo" dell’abitudine e della dipendenza altrui. Infatti se gli "altri" smetteranno di lavorare, o una crisi profonda metterà a repentaglio il “modello” sociale, noi non prenderemo più nemmeno la pensione. Per cui ci si abituerà a vivere in una situazione di precarietà esistenziale, in un periodo storico in cui persino il posto fisso è divenuto una utopia. Tutto ciò è un caso? Nossignori. Come nulla succede per caso.

Esistono forze apparentemente contrarie in questo scenario 3D, proprio come le forze dell’Antisistema; forze native, insite per default in questa vibrazione della Creazione

Tali forze prosperano grazie alle “mancanze” dell’uomo. 

In assenza di "alimentazione" umana, queste forze si ridurrebbero a esili fili d’erba smagriti, secchi, avvizziti, seppur sempre presenti perché previsti. Questa modalità di “risparmio energetico universale” non ha più avuto senso di essere da infinito tempo, o perlomeno dal tempo in cui l’uomo è sceso in Terra 3D al fine di fare esperienza di se stesso

Attraverso le proprie paure e insicurezze, tramite la smemorizzazione del sé, l’uomo ha permesso alle forze Antisistemiche di rinvigorire diametralmente. Oggi l’Antisistema è alla sua massima evidenza, dato che è riuscito ad utilizzare la capacità divina di co creazione umana al fine di mantenere l’uomo imbrigliato nel ciclo delle reincarnazioni, al fine di alimentarlo d’energia negativa. 

Tutto  ciò che fuoriesce dall’umanità viene aspirato dalle forze dell’Antisistema:
  • l’Antisistema è in una modalità "negativa"
  • il genere umano è in una modalità di "sopravvivenza".
Detto questo, possiamo anche affermare che la struttura vibrazionale dello scenario 3D di base è polarizzata in una modalità negativa, in quanto confacente all'attuale programma di sviluppo umano. Però potrebbe anche funzionare in una modalità "positiva" se il genere umano riuscisse a ricablarsi su una modalità esistenziale di "consapevole evoluzione".

Ne "Il Re Leone" il padre Mufasa, appare tra le stelle al figlio Simba, dicendogli di "ricordare chi egli sia". Ne "Monster & Co" il mondo parallelo dei “Mostri” si accorge che può funzionare energeticamente molto meglio con le risate dei bambini piuttosto che con le loro urla di terrore.

Cosa significa? Che cambiare si può. 

È possibile anche mutare la destinazione d’uso del programma vibrazionale di base relativo all’attuale polarità dell’Antisistema. Uno studente di economia andrà a fare uno stage in un ambito aziendale consono, altrimenti non avrebbe senso ai propri fini. Allo stesso modo, l’umano nella nostra situazione di dimenticanza del sé, è venuto in un luogo dimensionale atto ad educarlo nel migliore dei modi. 

Ossia tutto quello che ci contorna, lo abbiamo "meritato". Guerre mondiali comprese…

Se viviamo in un mondo “così” è solo ed esclusivamente responsabilità nostra; e di chi altri se no? Vogliamo dare la colpa alle Società segrete? Ai 12 che comandano su tutta l’umanità? Nossignori. 

Noi li abbiamo autorizzati a compiere misfatti e loschi piani. Loro si sono solo prestati ad interpretare la parte. Una parte, per la verità, molto coraggiosa, alla stessa stregua dei Santi autentici che hanno colorato il nostro passato.

Ricordiamo sempre che gli "estremi" si toccano, perché tendiamo sempre a dare Vita a circoli energetici. Anche la simbologia della spirale giunge a far coincidere gli estremi, attraverso il ribaltamento dei “cieli” o tramite un circuito chiuso di buchi neri e bianchi. 

È una struttura che sfugge a prima vista, ma che in realtà descrive sempre il medesimo principio di conservazione e purificazione energetica: come un immane sistema di “condizionamento per l’aria”.

Secondo il ministro dell'Economia italiano Giulio Tremonti la crisi non è finita e, con il salvataggio delle banche, sono stati salvati gli speculatori e siamo praticamente al punto di partenza.
Tremonti ha parlato oggi nel corso di una tavola rotonda alla conferenza 'Nuovo mondo, nuovo capitalismo' in corso a Parigi.

"La crisi non è finita. E' come vivere in un videogame: compare un mostro, lo combatti, lo vinci, ti rilassi e subito spunta un altro mostro più forte del primo", ha detto Tremonti secondo quanto riferito da uno dei presenti.
 
Il ministro ha poi detto che si è utilizzato il denaro pubblico "per salvare con le banche anche la speculazione" e si è così tornati "quasi al punto di partenza".
 Da Yahoo

Accelerando la vibrazione, tutto cambia e l’Antisistema scompare. L’Antisistema alla fin fine è la rappresentazione globale del nostro inconscio: di Hall 9000 per dirla alla Stanley Kubrick.

Accelerando il nostro microcosmo individuale ascendiamo al livello successivo. 

In assenza di questa "accelerazione" si rimarrà fermi in attesa degli eventi, della prossima lezione, del “mostro” successivo.

Una cosa assolutamente necessaria è lo sviluppo della Pazienza, la capacità di saper aspettare finché determinati processi giungano a maturazione

È inoltre importante portare Ritmo nella propria Vita. 

Bisogna dare al ritmo del giorno e  a quello settimanale un nuovo contenuto”.
 
L’uomo alla soglia” di Bernard Lievegoed 


Davide Nebuloni / SacroProfanoSacro 2011