mercoledì 26 gennaio 2011

Dedicato ad un Grande Uomo.






Il vento è un cavallo:
senti come corre
per il mare, per il cielo.

Vuol portarmi via: senti
come percorre il mondo
per portarmi lontano.

Nascondimi tra le tue braccia
per questa notte sola,
mentre la pioggia rompe
contro il mare e la terra
la sua bocca innumerevole.

Senti come il vento
mi chiama galoppando
per portarmi lontano.

Con la tua fronte sulla mia fronte,
con la tua bocca sulla mia bocca,
legati i nostri corpi
all’amore che ci brucia,
lascia che il vento passi
senza che possa portarmi via.

Lascia che il vento corra
coronato di spuma,
che mi chiami e mi cerchi
galoppando nell’ombra,
mentre, sommerso
sotto i tuoi grandi occhi,
per questa notte sola
riposerò, amor mio.

"Il vento nell’isola" - di Pablo Neruda.






Ricordare il tempo per
onorarne le impronte
imbevute di colori diversi
lambirne i tremuli contorni
accarezzandone il soffio vitale
celebrarne l’aspetto evocativo.

È sottile lo spazio che conduce a tal ricordo
confuso com'é tra pareti d’osso...
onorarlo
lambirlo
celebrarlo
permette di degnare di un sorriso la vita.

Un brindisi al tempo che scorre pienamente coccolato.


Ricordare” di Davide Nebuloni
 
 

2 commenti:

  1. bellissimi omaggi Davide . Malinconia passione, ricordi si intrecciano fra loro con tocco elegante e pacato ,nello scorrere della vita.Bravi entrambe. un regalo graditissimo grazie

    RispondiElimina
  2. Cara Amica,
    post straordinario per una notizia straordinaria.

    Abbiamo un Amico in più in Cielo che "tifa" per noi :)

    Grazie e tanta serenità.

    Buona Vita

    RispondiElimina

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...

Per favore, non lasciare commenti senza firma. Non voglio Spam. Grazie.
Please, don't leave comments without signature. I don't want Spam. Thanks.