lunedì 18 luglio 2016

Progetto.




Il "progetto" è SPS stesso, alias, sono Io nella mia versione originale.
Devi sapere (ricordare) che "è già successo". Che cosa? L'avvento della ragione fondamentale (dominio + dominante) a capo della forma reale manifesta (il "qua, così").
La memoria si arresta a dopo di questo "momento (iniziale)". 
 
Quindi, non ricordi cosa è già successo e chi/cosa ti domina, ormai da "sempre"
Ciò che ispira tutto, pur non essendo Dio:
esseri umani come te o come - a livello frattale espanso - ti ricorda sempre la storia della schiavitù di umani, per mezzo di altri umani (ogni forma di schiavitù, anche quella "moderna", celata tra le pieghe di convenzioni democratiche e libertarie, etc.).
SPS (Io) ho scelto di recuperare il mio tempo. In che modo?
  
Liberandomi dal giogo di SPS stesso:
un Buco Nero (eggregora) che stava avvolgendomi, occupando tutto il mio tempo... facendomi dimenticare (ancora una volta).
Che cosa dovevo (devo) fare?
  

La frattalità espansa (lente) richiede la stesura di un libro, essendo un cardine (leva). Che altro? La mia prospettiva (ottica) richiede la stesura di un pamphlet, essendo un "grido" che deve essere emesso e rilasciato per librarsi e fissarsi anche nel "qua, così"...
Attività che SPS stesso stava per soffocare (Ego).
 
Va messo ordine nell'universo portante, emerso in SPS. Ogni aspetto va rimesso al proprio "posto". Anche SPS, che è solo il mio amplificatore e non il contrario.
Quindi, in SPS, dovrà trovare collocazione anche un glossario (interfaccia). Inoltre, i Bollettini diventeranno sempre più "pillola quotidiana". Così da liberare il mio tempo, da dedicare a ciò che merita di essere portato alla luce.
Ad oggi (12 07 2016) SPS è come obsoleto.
Infatti, al di là della successione dei Bollettini, la pagina di download deve essere aggiornata, poiché - nel frattempo - la prospettiva si è andata, via via, focalizzando.
Inoltre:
  • è emersa la consapevolezza che sono "solo" (non me voglia nessuno, ma è così)
  • è emersa la consapevolezza di non esserlo più, di fatto
per cui
  • è emersa la consapevolezza di "fornire libri di testo, con materiale SPS", per mezzo dei quali condensare la base teorico/pratica, da utilizzare come piattaforma stabile, al fine di approfondire In Comunione, simili verità cardinali
  • è emersa la consapevolezza di una "passione/missione", molto simile (a livello frattale espanso) all'opera che oggi si ricorda essere stata incarnata dai "partigiani", al tempo dell'invasione nazista del settembre 1943 (qualcosa che, se osservata a sé, ha ancora un senso "centrale, lato tuo", ma che se, all'opposto, si ricollega alla "liberazione del 1945", decade nella più disinnescata delle verità dominate, alias, nella continuazione dello status quo).
Se pensi che sia stato tutto già scoperto, scritto, cantato, suonato, provato, ideato, costruito, inventato, etc. traendo da questa "delusione" persino dello spiccato senso di depressione, ti sbagli e di grosso.
Perchè, in verità, esiste (ed esisti in) una condizione di "allo stesso tempo".
In questo spazio, per mezzo di SPS, esiste ancora lo spirito epico, esplorativo, ritrovatore, etc. al quale puoi agganciare, finalmente sterilizzati, concetti demodé come etica, morale, giustizia, libertà, diritto, etc.

 
Qualcosa che esiste sotto a differenti forme di aggregazione, concentrazione, condensazione. Qualcosa che "respiri", però, solo nella relativa facciata convenzionale, rilasciata "per te, dalla dominante".
Ergo:
in una versione "farmacologica", studiata ad hoc proprio per diluirti nel reale manifesto, distaccandoti però dal senso originale della tua presenza "qua, così".
La tua memoria giace prima del momento di "è già successo" e non è perduta ma, piuttosto, sperduta "là".
Mentre tu sei "qua, così".
Nel ricordo che congiunge l'oltre orizzonte, all'orizzonte ed alla realtà manifesta "qua, così"... vi è lo spirito (consapevolezza), che ti permette di animarti ad un livello originale di te. 
Anche se non ricordi, nel dettaglio, ma... percepisci che è così (aprendo la via per il recupero di quello che già sei).
Il cambiamento? Non ti serve, bensì, "ti ha".
Tu sei già.
Per questo si parla sempre di "trasformazione".
Ma ci sono varianti che vanno messe a fuoco, per intendere il linguaggio codificato, frattale espanso, che opera incessantemente supervisionando ogni ambito reale manifesto e potenziale.
Capisci perchè ho necessità del mio tempo (e, questo, vale anche per te)?

Perchè tutto questo va approfondito, dettagliato, formulato, reso fruibile da chiunque seppure "qua, così".
Non servono "corsi né maestri". Ma ti è utile tutto quello che è utile (a te), per sintonizzarti sulla tua realtà di fatto. Qualcosa che non ha prezzo, poiché la dominante, nell'AntiSistema, non te lo permetterà mai... a meno che sia tu a "intenderlo 'lato tuo, centrale'".
Lo sviluppo della frattalità espansa, permetterà di riportare tutto alla luce reale manifesta, anche se "qua, così".
  


Per giungere a questo, Io posso anche fare/essere tutto da solo. Ma, in un ambito completamente dominato, le interferenze ambientali sono alla massima intensità. 
Ergo... In Comunione, la grande concentrazione di massa può meglio condensarsi. Per questo sei nel divide et impera.
Se... ricordi di avere già sentito/letto queste "parole" (da qualche parte di/in te), allora unisciti alla "causa unica 'lato umanità, centrale'".

 
Il progetto è pacifico, non temere.
Poiché non passa per la violenza, la modalità più autentica e fondamentale per "riuscire". Che cosa occorre fare? Occorre essenzialmente essere, attingendo da ciò che "già sei".
Lo sai che cosa sei, non ti preoccupare. Lo sai e anche molto bene, anche senza dettagli, né datazione storica alcuna...
In SPS vi è un "punto di ritrovo". Tu ci sei?
Questa è una zona franca, libera dal disinnesco. Qua ricordi. Qua agganci la tua portante.
Devo ancora decidere (in realtà, ho già deciso) ma, credo che SPS debba riservare del materiale... solo per chi "ne percepisce il potenziale"
Probabilmente, SPS (sopra, di superficie) rimarrà solo nella forma ad iceberg, mostrandosi nella versione da "biglietto da visita".
Ci devi entrare, intendendolo e capendo a fondo di cosa si tratta.
Ok? Di che cosa si tratta?
Di nulla che già esiste "tutto attorno a te".
Una intenzione ferma, che parte dalla forma ingiusta (lato umanità, centrale) del reale manifesto "qua, così"
Qualcosa che puoi accettare solo se sei sotto ad incanto.
Quindi, accorgiti che sei sotto ad incanto, visto che ci sei dentro.
Ma, puoi sempre dare retta a quella parte di/in te, che "non ci sta, poiché è differente nella natura".
Lo sviluppo della frattalità espansa è solo l'incipit per ritornare ad emergere alla tua luce. La realtà manifesta si trasforma sostanzialmente, se... ti accorgi della ragione fondamentale, dominante.
Anche se non credi, ora, è così.
Ma non succede all'istante, ovvio, a meno che tu non viva nel momento giusto, di massima incisione (quando tutto si muove come avendo le "ali ai piedi").
C'è troppo da scrivere, ed è meglio che - prima - tu pensi al da farsi. 
Se... percepisci la "forza" di tutto questo potenziale... allora, In Comunione, potremo smuovere anche le montagne (preparerò una parte nel pamphlet, anche per questo).
Dopo questi 7 anni di/in SPS, è emersa una prospettiva (lente + focale "lato proprio, centrale") completamente riconfigurante la reale manifesta.
Ma... gli va dato credito, credendolo possibile.
E, per prima cosa, giungendo a maturare quella necessaria convinzione relativa al "vedere ovunque" la ragione fondamentale dominante.
Senza di questo step, tutto risulta deviato, andando ad osservare una parzialità dipinta da assoluto (pur rimanendo costantemente nella "tela del ragno").

"Lato umanità, centrale"...
A livello frattale espanso "lato tuo, centrale (accorto/a)"... puoi andare a leggere il "futuro", che è solamente nella direzione (dominante) intrapresa e "qua, così" non apparente.
Ciò che per te è un malanno, un problema, un ostacolo, etc. ha una ragione fondamentale ed infinite "cause ed effetti".
Allora, preferisci naufragare nella conseguenza, oppure andare dritto/a al sodo, ossia, alla ragione fondamentale?
Ho già scritto:
  • ho scelto di "ripartire da questo punto"... che sono "Io"
  • SPS è il mio "diario di bordo"
  • questa è la mia storia.
Ognuno al proprio posto, anche SPS relativamente a Me.
  
E, questa, è invece... la mia "apertura":
se... pensi che "aderire" a questa esperienza, sia come "entrare in una setta", allora lascia subito perdere.
Non ci pensare nemmeno (anche perchè non sarà a costo zero, visto che "senza pagare qualcosa, non dai valore a nulla").
Aderire significa fare della "tua" vita, la... tua vita.
Significa contribuire a sviluppare ciò che, per ora, è solo un abbozzo. Non significa studiare la Bibbia. Significa aprirti al di là di ogni forma preconcetta, attingendo - allo stesso tempo -  da tutto...
Io mi sono "fermato (dal 2009)" e quello che ho iniziato a "vedere" è... altro, rispetto a quello che dimostra lo status quo. Tutto ha preso a collimare, secondo quello che la scienza - riduttivamente - considera solo un processo di "bias di conferma".
Qualcosa che per me è... "di più".
La chiave in leva, per interagire con l'edificazione reale manifesta, dal reale potenziale, "lato mio, centrale", a livello frattale espanso.
 
Per ora, però, ho solo percepito e non so, ancora, come fare/essere. So solo che sono mosso da un intento puro, originale, In Comunione... e questo mi basta per "andare avanti, da fermo".
Se sei interessato/a a partecipare attivamente, al recupero della tua memoria, a sviluppare la scienza comune del "saperti sempre orientare, in giustizia totale", al riuscire a dare un "nome fondamentale" a quello che continua a succedere "qua, così", etc. allora scrivimi una e-mail all'indirizzo che vedi più sotto.
Ci dobbiamo contare, riconoscere, "organizzare", etc. e tutto questo va fatto, per ora, "sotto bosco".
Siamo nell'AntiSistema. Ricordalo sempre.
 
E, "qua, così" tutto (tutto) è orientato "lato tuo, dominato"...
Perchè Io abbia un grado simile di "libertà" è,  ancora, un vero e proprio... "mistero", che si fonda sul "tuo" auto disinteresse sostanziale, nel "divide et impera" (anche se, per ora, fondamentalmente, mi sto consumando come ogni altro essere vivente, sopravvivente sul pianeta). Accorgerti è il primo passo.
Per coloro che hanno già sviluppato tecniche particolari, che promettono un "risveglio", una "liberazione definitiva da...", etc. sono a disposizione per provare In Comunione e praticare quanto insegnato.
Ma, se... non riesci a bypassare sia il concetto di baratto, che quello di denaro (economia, finanza, etc.), evitando di considerare lo stato naturale di In Comunione, allora... non farti nemmeno vivo/a, in questo spazio.
Diversamente, se chiedi una donazione direttamente proporzionale a quello che è possibile "dare", allora questo rientra negli step iniziali di quella realtà da manifestare, costituita dall'assenza di denaro e delle relative necessità, dipendenze e conseguenze virali.
 
SPS (Io) intendo essere uno spazio d'opportunità reciproca, quindi, In Comunione... posso condividere tutto quello di risonante con la prospettiva frattale espansa (accorta) "lato umano, centrale".
Far parte di questo Insieme In Comunione, rievoca e stabilizza "antichi codici di atteggiamento"; qualcuno ha scritto, in un commento, di qualcosa alla Karl Marx:
lungi da me qualsiasi porzione di AntiSistema (Io sono, fra l'altro... profondamente "ignorante", causalmente).
Rimango dell'idea che "tutto ha un senso frattale espanso", anche senza rientrare nella relativa area di possessione.
Anche nel pensiero di Hitler c'è del "buono". Basta ricavarlo, al di là del giudizio di parte e dell'etichetta storica acquisita nel "tempo dei vincitori".
Per cui, in questo spazio web può manifestarsi qualsiasi tipo di informazione/dato, depurato dalla relativa fonte (solamente citata) ed inscritto nella prospettiva/collettore "lato centrale, umano".
Sono convinto che qualsiasi movimento/orientamento/concetto/idea... sia, originalmente, "sano" ed è, dunque, "lì" che occorre andare a "guardarlo e prenderlo in considerazione".
Il processo storico è deviato, "qua, così", come la scienza e tutto quello che assume i toni di Autorità, ad ogni livello, grado e distinzione (più o meno evidente/mascherato).
Come approfondirò nell'opera "Frattalità espansa", tutto dipende dall'osservatore dominante, in chiave di giurisdizione sostanziale.
Il che significa che, non essere manifesti... è la strategia più efficace al fine di dominare in assoluto.
Dunque, per concludere senza oltremodo dilungarmi:
  • solo (come sono attualmente)
  • per solo (come rischio di rimanere)
  • non cambia nulla nella/della mia solitudine
quindi
  • intendo aprire SPS, non paradossalmente, rendendolo privato (ossia... ad alto valore aggiunto. No?)
e
  • selettivo (l'energia imbarcata deve essere del tipo giusto, perlomeno in termini di... un minimo filtro in ingresso).
La frattalità espansa è per chiunque, comunque ed ovunque, ma... sino ad ora ho imparato a rilevare e misurare la "tua" possessione, nell'incanto AntiSistemico by dominante (che non esiste, ma c'è).
Qualcosa di assolutamente "imperforabile".
Qualcosa che "fa male", sia a te (che non ne sei conscio/a), sia a me (che ne sono conscio).
Per cui, oltre al Filtro di Semplificazione, attivo anche il Filtro in Ingresso.

 
SPS diventerà a partecipazione intenzionale, previo invio di una e-mail di richiesta di attivazione, una donazione simbolica annuale (1 euro al mese, ovverosia, 12 euro in un'unica soluzione) e una partecipazione proattiva all'esistenza dell'Insieme In Comunione (tranquillo/a. Non si tratta di andare a vivere insieme, né di mettere tutto in comune o qualsiasi altro spauracchio ancestrale, che hai installato nella "tua" testa).
Si useranno i mezzi tecnologici ed all'occorrenza, ci si troverà, ma... con senso (coerenza "lato umanità, centrale").
Qualora tu non avessi possibilità di poter donare 12 euro, dona quello che puoi. Se non puoi donare nulla, scrivimi ugualmente. Non sarà di certo questo aspetto, che non ci permetterà di collaborare. Ok?
Se... senti che "prima di qualsiasi altra cosa" viene ciò che è nella direzione evidenziata in SPS, allora hai già qualcosa di ottimale "lato tuo, centrale".
Il "qua, così" è caleidoscopico. Ti fa sempre pensare che venga prima questo, quello, etc.
Se... giungi a ricordarlo (ed inizialmente a percepirlo)... ogni altro aspetto "qua, così", che non sia inerente al decodificare la dominante, è solo un "trucco". Non che la famiglia o la salute, il lavoro, il futuro, non esistono... ma, nella sostanza, sono solo conseguenze di questo "sopravvivere artificiale sottodominato ed inconscio"...
Se... tu "metti a posto la ragione fondamentale", allora tutto il resto consegue e "va a posto" per inerzia.
Ricorda:
la violenza non ci serve.
Perchè, per delegazione frattale espansa (dopo essere divenuti grande concentrazione di massa), si manifesta la realtà che intendi "senza fare altro", ossia, lasciando che sia il sistema operativo frattale espanso a fare tutto per te.
Se... non comprendi quasi nulla di questo discorso e non senti nemmeno di essere in accordo, allora lascia perdere
 
Se... non comprendi quasi nulla di questo discorso, ma senti qualcosa di "familiare", allora l'aiuto può essere reciproco.
  
Quello che più disarma è un Insieme In Pseudo Comunione, nel quale devi lottare, ancora e sempre, per mettere in chiaro quell'abc, che serve come terreno comune d'intesa (nella fattispecie, il messaggio portante contenuto in SPS), sempre perfettibile ma solo "lato umanità, centrale".
Se... hai deciso di esserci, scrivimi una e-mail.
Perchè va data per basilare la portante SPS?
Perchè, altrimenti, è il "caos" nella perfezione dello status quo AntiSistemico by dominante "qua, così".
Senza un obiettivo e le idee chiare, rimani "qua, così".
 
Non si tratta di scappare, di andare via, di ascendere o chissà cosa altro. Si tratta di manifestarsi a pieno "qua, così", trasformandolo in "qua", con te al tuo centro, centralmente, etc.

Ovvero...
Con la “giustizia ‘lato umanità, centrale’”, sempre, comunque e quantunque (il tutto svincolato dalla prospettiva di parte)…
Questo è l'ultimo Bollettino, che potrai leggere in SPS (sopra). Da questo momento, devi intendere di approfondire. Oppure, di rimanere "qua, così", in... superficie.
         
Davide Nebuloni
SacroProfanoSacro 2016/Prospettivavita@gmail.com
Bollettino SPS numero 1858
  
 

2 commenti:

  1. [è emersa la consapevolezza di una "passione/missione", molto simile ... all'opera che oggi si ricorda essere stata incarnata dai "partigiani", al tempo dell'invasione nazista del settembre 1943 ...... Il processo storico è deviato, "qua, così", come la scienza e tutto quello che assume i toni di Autorità, ad ogni livello, grado e distinzione (più o meno evidente/mascherato).]

    Ricordare? la passione/missione dei Partigiani di quasi un secolo fa non è possibile ricordarla, essa è stata s-piegata da chi la storia l'ha scritta e voluta.

    I partigiani della "liberazione" (buoni quelli! ... che poi liberazione non è stata perchè fu "occupazione" da parte dei capibastone del Dominio di allora, gli USA) sono stati forgiati e direzionati dal Dominio, da chi la guerra l'ha voluta e pilotata. Anche loro furono più o meno manipolati, come lo furono i fascisti e i nazisti.

    Tu c'eri? no!, quindi non sai nulla, io c'ero? no! quindi non so nulla.
    E così abbiamo entrambi ragione.

    Anche perchè, come ben dici tu, il processo storico è deviato, scritto dai vincitori, gli stessi/lo stesso che hanno/ha voluto e orchestrato la Guerra: il Dominio. Allora come oggi.

    Quindi attento: la passione/missione dei partigiani, come dice la parola stessa, era ... di parte.

    Ciao
    Dario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Dario,
      certo che è come "hai descritto tu". Lo sostengo sempre anche io.

      Era un esempio, con il "modulo" (in valore assoluto). Molte di quelle persone agirono davvero epicamente, "a sprezzo del pericolo".

      Cosa che oggi ci scordiamo del tutto di essere/fare.

      Era in quel senso, ma... trovo banale che stia qua a sottolineare questo, nell'oceano che ho postato.

      In ogni caso, grazie.

      Un abbraccio.

      Serenità

      Elimina

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...