martedì 28 aprile 2015

Nel vuoto, tra gli interessi.



È, forse, mai cambiato qualcosa, nel modo di “per(seguire) l'interesse” – nella sostanza – da quando esiste il (ri)cordo della “storia umana”?
Assoluta(mente)… no.
In(fatti), la storia è “deviata”, ossia, esiste qualcosa che ne sposta il (de)corso. Qualcosa che, a livello frattale, è ben ®ap(presentato) – per esempio – dalle intercettazioni delle comunicazioni, dalla censura, dai “filtri” di qualsiasi tipo applicati all’ascolto, al potere decisionale individuale e sociale, all’illusione del poter scegliere in libertà, alla mancanza - paradossal(mente) sempre meno evidente - di una autentica alternativa, alla capacità sovrana di decidere al meglio... in relazione al proprio “destino”, etc.
Taci! Il nemico ti ascolta”…
Il controllo è ubiquo, è nell’aria, è dappertutto, perché… “nativo”.
La società attuale (realtà riemersa) nasce da un punto prospettico, da una prospettiva figlia dell’interesse o, meglio, di una rete piramidale a (f)orma di interesse. Una scala gerarchica di appartenenze, regola la società, modellandola sin dalla propria “alba”.
Per questo motivo (originale) non sembra possibile discernere e sbrogliare una simile matassa (accorgersi)…
Era interesse, molti anni fa, fondare città e nuove città. È interesse ancora oggi.
Ma, in questo gio(g)o, l’interesse sino a dove giunge?
Ossia, in quale percentuale, in seguito, la “città” è libera di scegliere da sé, al meglio, l’orizzonte da intraprendere?
La “città”, la “società”, gli “individui”:
  • non descrivono solo… l’individuo
  • che, preso a sé, non è mai del tutto… la “città”, la “società”, gli “individui”…
Tu non sei… la “città”, la “società”, gli “individui”, etc.
"Tu sei… tu" (anzi, non sei nemmeno “tu”, visto che sei diluito in un complesso dotato di controparti. Il “tuo” corpo, la “tua” mente… sono contenitori per le “tue” parti che, sino a quando non “ti accorgi”, non dipingono d’insieme quella particella esistenziale che credi solo di essere).
Diciamo che... “tu sei (d)entro all’insieme corpo/mente” ed, in questo, “non sei mai da solo/a”.
  
Per cui, se non sai nemmeno “chi sei”, come puoi (ri)tenere che… la “città”, la “società”, gli “individui” (le leggi, lo Stato, le autorità, il diritto, la Costituzione, etc.) – lasciate, “da te”, libere di potersi espandere, sviluppare, etc. by passando il tuo stato confusionario – possano poi rap-presentarti total(mente)?
Se tu “non sai”… stai pur certo/a che… c’è dell’altro che (ri)corda e che “non ha dimenticato”. In(oltre), il concetto di "memoria" è molto più vasto di quanto tu sia portato/a a pensare (qualcosa che non si esaurisce mai e che puoi sempre ri-trovare).
Ciò che lasci, viene (ri)preso”.
La storia umana è deviata proprio da quell’agglomerato di potere (controllo del Nucleo Primo), che è (ri)uscito a farla di(pendere) dal “lato proprio”; l’ostacolo (ombra) che impedisce di “accorgersi”, di una simile condizione, è il completo stato di drogaggio continuo nel quale viene fatto versare il complesso umano, per mezzo di qualsiasi ambito/vicissitudine, che le scienze deviate mettono a punto, man mano che il tempo passa “qua, così”.



L’inizio è potuto (ri)ac(cadere), perché:
  • ciò che è “entrato” nel tunnel dell’ultima grande glaciazione (la società umana “antica o, meglio, pre-cedente”)
  • non è uguale a ciò che ne è “(ri)uscito” (reset).
Da quell’evento, la form(azione) del Nucleo Primo ha deciso di mettersi in una “posizione di deviazione/impedimento”, rispetto a ciò che “un tempo” era la condizione di base del genere umano.
Ciò che è stato “congelato per così tanti anni, dalle/nelle condizioni climatiche più estreme, è stato – in seguito – 'scongelato' e (ri)portato alla Vita, (ri)partendo da una condizione di 'nuovo inizio' (che, nella sostanza, nuovo non è mai stato)”:
  • come il poter (in)segnare ai bimbi, cosa sia “buono e cosa cattivo”
  • in funzione dell’interesse e della prospettiva degli insegna(nti/menti) di turno.
Omettendo 1) com’era la società umana, prima della glaciazione, e… 2) perché si sviluppò la glaciazione… è sempre più chiaro che, “il Nucleo Primo ne è uscito pratica(mente) indenne (come se sapesse/ri-cordasse)”.
Esso, per qualche motivo (forse, perché ne è all’origine), ha (man)tenuto un certo livello di “memoria, potere, disponibilità”, che ha saputo poi, inesorabil(mente), mettere a fuoco... in maniera tale da (ri)educare il resto dell’umanità, che (ri)tornava così a “sperare in un futuro migliore”, non avendo minima(mente) la consapevolezza di “portare in seno” una simile (com)presenza virale, dalla visione tanto nitida e lungi(mirante).
Il “governo dei pochi” necessita sempre delle “braccia dei tanti”.
Per cui fu “gioco/forza”, (ri)portare un certo tipo di “progresso/conoscenza” nel “Nuovo Mondo”, che andava a (ri)mettersi in moto.

Entrando nel reame contras(segnato) dalla “storia deviata”, tutto ne (ri)porta il “marchio, perché la frattalità espansa è la “legge/strumento/memo”, che agisce nel tutto (ri)modellandolo ad “immagine e somiglianza” della più grande concentrazione di massa (com)presente, anche se non manifesta:
  • quella del Nucleo Primo
  • che conta, complessiva(mente) “qua, così”, per il 99 vs 1.
E quell’”1”… sei tu, (rin)chiuso/a in una equazione paragonabile ad una prigione senza sbarre.
Tu sei “1”, ma… se (ri)torni ad essere “1 con te stesso/a”, allora, la tua concentrazione di massa diventa “grande”, per cui la frattalità espansa “ti sente” ed è portata a (re)distribuirti nel reale (ri)emerso, rispettando una percentuale di “100”.
Cosa che il Nucleo Primo non potrà mai in(carnare), in quanto “formazione d’insieme”.
A quel punto, per contrastare (pre-venire) il tuo “nuovo manifestarti”, il Nucleo Primo deve scegliere/eleggere il “Re del Mondo”. E, nel fare questo, si apre ad una serie di “lotte intestine” che, nel tempo, lo portano all’annichilimento.
Fatto che, il Nucleo Primo, (ri)conosce… perché ciclico, non essendo mai state ri(mosse) le cause scatenanti del loop; perché da una simile situazione… il Nucleo Primo (ri)trova sempre il modo di “governare sull’umanità e sul relativo e deviato… futuro”.
Per cui, non è difficile immaginare che... all’origine delle grandi glaciazioni, ci sia proprio la grande concentrazione di massa del Nucleo Primo, che non esita a fare sprofondare l’umanità, e la Terra, in un periodo di “incubazione”, al fine di (ri)pristinare/(re)staurare la memoria e, con sé, anche il proprio “eterno ruolo di… dominatore della Realtà/Mondo che, 'qua, così'… non cambia mai nella sostanza, nonostante tutto quello che sei portato/a a pensare.


Quando il Nucleo Primo (ri)conosce i termini della propria “disfatta” (corrispondenti al tuo ciclico risvegliarti), agisce sulla Realtà/Mondo (ri)emersa, ponendola in una situazione di “sospensione” (la “glaciazione” è simbolica, visto che non sai nemmeno se è mai accaduta).
In questo incedere, il Nucleo Primo esperimenta nuove vie per (man)tenere sempre più a lungo lo “status quo”, ben sapendo che tu sei un “essere ibrido immortale”, per via del frammento animico innestato nel tuo insieme. È solo facendoti (s)cordare chi sei, che il Nucleo Primo può (ri)utilizzarti in eterno, causando quella “ciclicità” che (ri)tieni, ogni volta, sempre… “naturale”.
La complessità è un “macchinario”, che se controlli… puoi anche “spegnere”.
Se vivi nella “macchina”, vivi il/nel “complesso”.
Nella Caverna, le pareti interne ti circondano a tutto tondo, deviando tutto ciò che tenderebbe a raggiungerti, se... “dormissi/vivessi all’aperto”.
La realtà unica, che (ri)conosci da quando sei nato/a, è una “illusione”, ma.. non nel senso che “non esiste”, bensì, nel senso che:
può esistere in infinite variazioni di tema.
L’illusione del reale è relativa a ciò che (ri)emerge nel reale:
  • a quale tipo di “contenuto”, nel reale è (pre)visto dalla più grande concentrazione di massa.
Sei sempre “tu”, ma in versioni di te sempre di(verse) e "distanti da te".

Ergo:
sei sempre (stato/a) sotto al “controllo”.
Sempre:
anche quando non era ancora stato sviluppato l’attuale modello tecnologico.
Calcola che:
tutto ciò che è tecnologia (progresso), “prima ancora di essere quello che pensi, perché lo hai sentito/letto, è una infrastruttura per (man)tenerti qua, così. Per spiarti, controllarti, sapere tutto di te, ad/in ogni istante ed in real time”…
Internet è stato concepito così (come “Cavallo di Troia”, per permettere ad altre app-licazioni, dallo stesso scopo principale, di potersi redistribuire attraverso di esso, sino a te).
Le telecomunicazioni, le reti domestiche, tutto quello che “ti viene dato, in nome della civiltà e modernità”… serve sempre al(lo) stesso principio, che (pre)vede un simile “sviluppo”, mantenendo il genere umano nel “solco dell’aratro” che, nella sostanza, rimane inalterabile se… non (ri)trovi la “memoria”.
(Ri)trovare è: (Ri)Cono”sc(i)enza”.
Una vera e propria “scienza”. Qualcosa che nulla ha in comune con la “scienza deviata, che fa sempre (ri)cerca” (continua a cercare, loop).
La memoria può essere “(s)caricata” da qualsiasi tipo di “supporto”.
Ad esempio, la frattalità espansa è anche un tipo di memoria:
  • (re)distribuendo
  • (ri)producendo
  • (ri)portando… il reale (ri)merso alla “immagine simbolica” del principio ispirante/dominante (Nucleo Primo), allo stesso tempo “ti dice tutto, relativa(mente) al tuo status”. Solo che è in “codice”. Ma questo “codice” è scritto in ogni “lingua”, ad ogni “livello” e, dunque, il tuo “non accorgerti” è solo frutto dell’in(canto) nel quale versi e non certo dipendente dal tuo grado culturale, dalla tua intelligenza, dalle tue capacità, etc.
È un “trucco contabile”. He He…
"Hai sempre l’impressione di/che…" ma, nella sostanza, sei sempre e “solo”… sotto a fenomeni totali di drogaggio (incantesimo), che ti impediscono la “(de)codifica del linguaggio frattale espanso”.
Vivi in un (Anti)Sistema.

Il "conflitto in corso d'opera... da sempre".

SPS ha introdotto, in questo spazio virtuale, il concetto di Analogia Frattale, di Metodo Indiretto, di Doppio Specchio, etc.
Ossia, SPS ha (ri)portato alla tua “latitudine” (qualsiasi essa sia), gli strumenti “nativi/naturali” più sviluppati “democratica(mente)”, affinché tu possa “accorgerti”, come primo step, ed in seguito… “andare oltre” allo status quo.
Accorgerti di cosa? Beh… fai tu, se ancora non lo hai capito.


La notizia del siluramento (del Lusitania), prima di giungere ai  giornali, passò attraverso il filtro della Naval Intelligence (il controspionaggio inglese) che  intercettava tutte le comunicazioni atlantiche che passavano attraverso i quattro cavi sottomarini che collegavano la Gran Bretagna agli Stati Uniti.
I primi comunicati che furono diramati erano agghiaccianti; si vociferava di oltre mille morti. In Inghilterra vigeva tuttavia una stretta censura militare e ogni argomento bellico, ricadeva sotto di essa, cosa che atterrì i corrispondenti, inducendoli a non verificare l’esattezza delle informazioni fornite dal controspionaggio e dai Comandi militari
Il Dipartimento di Stato americano era inquieto; da esso dipendevano le regole sulla neutralità
Conclusione.
Cent'anni dopo il disastro, nessuno più sostiene la menzogna dell'"inerme transatlantico". Nel 2005 persino il governo statunitense ammise che il Lusitania, oltre ai passeggeri, trasportava materiale bellico per la Gran Bretagna.
E pensare che, sul naufragio del Titanic, sono stati girati ben quattro film!
Quando si vorrà alzare il sipario su una tra le più vergognose "fabbriche del falso" che la propaganda ricordi?
Link
La notizia… prima di giungere ai  giornali, passò attraverso il filtro della Naval Intelligence (il controspionaggio inglese) che  intercettava tutte le comunicazioni atlantiche che passavano attraverso i quattro cavi sottomarini che collegavano la Gran Bretagna agli Stati Uniti
È sempre stato così, perché “nativo”. Le infrastrutture sono congegnate per fungere da “controller”:
il "mistero" di Apple Watch: ha un sensore nascosto
A quanto pare l’ultimo prodotto di casa Apple, potrebbe contenere un piccolo mistero. Oltre, infatti, a un aggiornamento che permetterà di installare le app direttamente nell’orologio, potrebbe giungere in futuro anche un aggiornamento in grado di attivare un sensore nascosto.
Nel cuore dell’Apple Watch si nasconderebbe infatti — non comunicato ufficialmente da Cupertino — un pulsiossimetro, ovvero un sensore deputato alla registrazione del livello di ossigeno nel sangue.
Ciò emerge da un’indagine di iFixIt, che ha smontato per intero un Apple Watch, e la tesi più accreditata, al momento, è che la Apple lo abbia tenuto nascosto poiché non avrebbe ancora ricevuto l’approvazione dell’agenzia americana per la salute, l’Fda, e quindi si sarebbe vista costretta a "inibire" il sensore pur lasciandolo nell'orologio
Link
Questo strumento (pulsiossimetro) permette di visualizzare la saturazione (emoglobina legata), la frequenza cardiaca e l'intensità della pulsazione (barra verticale), alcuni modelli permettono anche di vedere il tracciato/andamento della pulsazione (curva pletismografica), registrare un periodo di misurazione e avere porte di comunicazione Usb o infrarossi
Link
La Apple lo abbia tenuto nascosto poiché non avrebbe ancora ricevuto l’approvazione dell’agenzia americana per la salute, l’Fda…
Ma, si dovrebbe parlare di “salute”, oppure (vista la non invasività del sensore), di “privacy”?
He He. Sapere, “come stai”, è una informazione im(portante), nonché, un dato prezioso anche in termini di “interesse”; in(fatti), molte “aziende potrebbero fare a gara per ‘leggerti’ anche in questo modo”.

Per, poi ,raggiungerti con pubblicità mirate, d’ogni tipo.
Comunque, prima ancora dell’interesse commerciale, arriva sempre (perché nativo) l’interesse al (man)tenerti sotto controllo (diciamo, “militare”).
Tutto è “controllo”… oppure credi che, ad esempio, film e romanzi siano solo… film e romanzi?
Ormai, infatti, si legge sempre, prima di introdursi nell’opera dell’ingegno altrui, che:
è ispirata ad un fatto reale”.


Ora, se da un lato, questa ispirazione mischia le carte in tavola (confondendoti ancora maggiormente), dall’altro lato, invece, ti sta dicendo che... alla base esiste un fatto reale, in quanto fonte auto ispirante (Doppio Specchio = quale segnale ricircola, dentro alla ridondanza a loop?).
Anche se il “reale” è (ri)portato solo sotto a (f)orma abbozzata, rimane centrale che il “reale è (ri)portato”. Ergo:
a te rimane il/di trarre conclusioni (accorgerti), al di là dell’abbozzo.
Nato e Soros puntano sul sabotaggio del Turkish Stream.
La Nsa ha inviato al Bnd numerosi “selettori”, e-mail, indirizzi di protocollo Internet (Ipo), numeri di cellulare e vari altri dati identificativi di centinaia di migliaia di politici, imprenditori, ingegneri ed altri europei.
Sistemi di Nsa, inclusi Prism, Printaura e Uustream vengono utilizzati per “selezionare” le comunicazioni di particolare interesse per gli analisti di Nsa e delle intelligence dei segnali alleati.
La raccolta di telefonate ed e-mail dei macedoni, basata sui “selettori” della Nsa, avrebbe facilmente accumulato 20000 intercettazioni dal Bnd a Pullach, Germania e dalla Nsa a Fort Meade, nel Maryland.
Se le intercettazioni della Nsa sono state fornite in formato igienizzato a Zaev e fedelissimi, sarebbe una nuova tattica della Comunità dell’Intelligence degli Stati Uniti:
la trasmissione di metadati per ricattare governi eletti vigenti
Nel 2001, quando le forze dell’Uck, alleato dei nazionalisti albanesi macedoni, combatterono le forze macedoni nella città di Arachinovo, in Macedonia, le forze della compagnia militare privata statunitense, Military Professional Resources Inc...
(la Mpri è stata accusata di partecipare ai cosiddetti "lavori sporchi" vietati ai militari degli Stati Uniti, quale l'addestramento difensivo dell'Uck in Macedonia, durante il conflitto iugoslavo e contemporaneamente è stata selezionata ufficialmente dal Pentagono per addestrare alla difesa l'Esercito Macedone opponente… Link)...
furono coinvolte in entrambe le parti
Alimentando l’opposizione per cercare una rivoluzione colorata simile in Macedonia, Baily gioca con il fuoco fomentando tensioni e utilizzando i nazionalisti albanesi. Tale combinazione potrebbe scatenare una violenta guerra civile che potrebbe rivaleggiare con quella tra Kiev e la popolazione russa dell’Ucraina orientale. Gli slavi macedoni e i serbi contrapposti agli albanesi in Macedonia, Kosovo e regione del Sangiaccato e Presovo in Serbia, non solo creerebbero un’altra violenta guerra sulla penisola balcanica, ma significherebbe anche la fine della pipeline Turkish Stream attraverso i Balcani e i collegamenti finanziati dai cinesi tra Grecia e Budapest.
I Balcani rimarrebbero zona di guerra della Nato sotto il dominio totale di Stati Uniti e Unione europea
Il messaggio per i Balcani è chiaro:
se continuate i piani del Turkish Stream e il progetto ferroviario cinese, gli albanesi si solleveranno ricorrendo alla guerra civile per proteggere il dominio dell’Unione europea e della Nato sulla penisola
Link
Quanti spunti frattali sono contenuti in questa citazione. Ad esempio:
  • sistemi di Nsa, inclusi Prism, Printaura e Uustream vengono utilizzati per “selezionare” le comunicazioni di particolare interesse (l’interesse è ormai per qualsiasi comunicazione. Altrimenti non ti avrebbero dato Facebook, i social, Internet, i cellulari & co. A “loro” interessa tutto di te e di tutti. Non perché “non si sa mai”, ma perché… “sei sotto al controllo totale e vogliono sempre sapere cosa e come pensi, a quale livello di drogaggio sei e, anche, per fare misurazioni, esperimenti, approfondimenti, etc.)
  • una nuova tattica della Comunità dell’Intelligence degli Stati Uniti: la trasmissione di metadati per ricattare governi eletti vigenti (una “nuova tattica”, che è solo la versione moderna di ciò che hanno sempre portato avanti. Se la storia è “deviata”, c’è un motivo di fondo. No?)
  • le forze della compagnia militare privata statunitense, Military Professional Resources Inc. (Mpri) furono coinvolte in entrambe le parti (“coinvolte in entrambe le parti”, centrali... come le banche, come il Nucleo Primo)
  • alimentando l’opposizione per cercare una rivoluzione colorata
  • tale combinazione potrebbe scatenare una violenta guerra civile
  • significherebbe anche la fine della pipeline Turkish Stream attraverso i Balcani e i collegamenti finanziati dai cinesi tra Grecia e Budapest (livello inferiore dell’interesse)
  • i Balcani rimarrebbero zona di guerra della Nato sotto il dominio totale di Stati Uniti e Unione europea (livello superiore dell’interesse. Sopra a questo livello ce ne sono altri, con a capo quello del Nucleo Primo, che si pre-occupa per il Mondo intero, non lasciando mai nulla al caso)
  • il messaggio per i Balcani è chiaro: se continuate i piani del Turkish Stream e il progetto ferroviario cinese, gli albanesi si solleveranno ricorrendo alla guerra civile per proteggere il dominio dell’Unione europea e della Nato sulla penisola (“scatole cinesi” contro i… cinesi. Una guerra sostanzialmente “tra poveri”).

Le intercettazioni di conversazioni e comunicazioni - Un problema cruciale per la civiltà e l'efficienza del processo e per le garanzie dei diritti. Atti del Convegno. Milano, 5-7 ottobre 2007...
Un tema particolarmente interessante ed importante, perché mette a confronto interessi generali con problemi di tutela della persona.
Qui il conflitto è tra le ragioni della sicurezza, le ragioni del processo e i diritti dell’individuo, quelli della sua dignità, della sua riservatezza e della sua vita privata
Link
  • mette a confronto interessi generali con problemi di tutela della persona
  • qui il conflitto è tra le ragioni della sicurezza, le ragioni del processo e i diritti dell’individuo, quelli della sua dignità, della sua riservatezza e della sua vita privata…
Il volume raccoglie gli Atti del XIX Convegno, tenutosi a Milano dal 5 al 7 ottobre 2007, organizzato dall'Associazione tra gli studiosi del processo penale Giandomenico Pisapia, dedicato alle intercettazioni.
Dopo i discorsi introduttivi e di inaugurazione, si apre la tavola rotonda sul confronto/scontro tra interessi pubblici, privacy e diritti della difesa.
Nella seconda sessione vengono analizzate le intercettazioni illecite, illegali e illegittime, con riferimenti comparatistici a problematiche ed insegnamenti dalle realtà degli altri Paesi.
Nella terza sessione sono, invece, descritti i meccanismi operativi e le regole procedurali e nella quarta sessione, infine, l'attenzione si focalizza sui limiti alla conoscibilità dei risultati delle intercettazioni, ovvero il segreto investigativo, le garanzie individuali e il diritto di cronaca.
Link
  • si apre la tavola rotonda sul confronto/scontro tra interessi pubblici, privacy e diritti della difesa
  • nella seconda sessione vengono analizzate le intercettazioni illecite, illegali e illegittime, con riferimenti comparatistici a problematiche ed insegnamenti dalle realtà degli altri Paesi
  • nella quarta sessione… l'attenzione si focalizza sui limiti alla conoscibilità dei risultati delle intercettazioni, ovvero il segreto investigativo, le garanzie individuali e il diritto di cronaca
Serve scrivere altro, a tal proposito?
Se “ci sei”, te ne sei già accorto/a.
Per ri(assumere), ecco i “selettori… più magnetici”:
  • confronto (tra) interessi generali (vs) problemi di tutela della persona
  • conflitto tra le ragioni della sicurezza, le ragioni del processo e i diritti dell’individuo
  • quelli della sua dignità, della sua riservatezza e della sua vita privata
  • confronto/scontro tra interessi pubblici, privacy e diritti della difesa
  • intercettazioni illecite, illegali e illegittime
  • insegnamenti dalle realtà degli altri
  • limiti alla conoscibilità dei risultati delle intercettazioni
  • il segreto investigativo, le garanzie individuali e il diritto di cronaca…
Tu, in tutto ciò, “dove sei”? Sai dove sei?
Come al solito… “sei sotto al controllo”. Sì, perché… è di te che si “parla (ascolta)”, sempre.
Leggi quali nomi "impressionanti" siano a capo della Military Professional Resources (che, “nel 2000 è stata acquistata 35,7 milioni di dollari dalla L-3 Communications di cui è diventata sussidiaria…”):
attualmente (2005) ha il seguente organigramma:
  • Presidente, il Generale (Ret.) Carl E. Vuono, ex capo di stato maggiore che diresse la guerra del Golfo e l'invasione di Panama
  • Vice Presidente esecutivo, il Generale (Ret.) Ronald H. Griffith, già vicecapo di stato maggiore e supervisore in Macedonia
  • Ufficiale capo finanziario, il colonnello (Ret.) Stephen E. Inman
  • Vice Presidente Senior e Manager Generale dell'Alexandria Group, Dan Doherty
  • Vice Presidente Senior e Manager Generale del Training Technology Group, Bob Smith
  • Vice Presidente Senior e Manager Generale del International Group, William F. Kernan
  • Vice Presidente Senior e Manager Generale del National Group, Randy Anderson
  • Vice Presidente Senior e Manager Generale del Simulations Group, Stu Wallace
  • Vice President Senior e Manager Generale della Joint Ventures, John Sylvester
  • Civilian Police International
  • Forfeiture Support Associates
  • Vice Presidente Senior e Manager Generale della divisione internazionale, il generale Crosbie E. Saint, ex comandante delle forze Usa in Europa
  • Portavoce il generale Harry E. Soyster, già direttore della Defense Intelligence Agency (Dia)
  • socio d'affari con Ernst Werner Glat…
Link
I dati sono al 2005, ma… pensi che sia cambiato sostanzial(mente) qualcosa?
Naa.
Questo è un esempio frattale, di come gli Stati e i relativi “Eserciti”, siano – di fatto – delle aggregazioni di cittadini iner(m/i), amministrati secondo un interesse “privato”, superiore a qualsiasi credo sociale, creato ad hoc per (man)tenere “allineati e coperti”, in tacito assenso, come dei nativi impegnati a specchiarsi nei vetri colorati, donati loro per farli stare “buoni”.
Dall’Esercito, che è chiamato ad un minimo di “rispetto del diritto altrui”, si passa alle Compagnie Militari Private, che lavorano ancora (facendo il "lavoro sporco") per gli stessi interessi, che amministrano la società d’insieme:
pubblico e privato “pari son”, da una simile prospettiva.
E “tutto fa brodo”, per con(vincere) la cosiddetta “opinione pubblica” (che è solo un falso eco, di qualcosa che emette per primo “il segnale da riprodurre”):
legalmente la richiesta, emessa dalla Foreign Intelligence Surveillance Court, di trasmettere alla Nsa tutti i metadati relativi alle telefonate con Verizon su base giornaliera, ricade sotto le disposizioni del Patriot Act, la discussa legge emanata dopo gli attacchi dell'11 settembre 2001, con lo scopo di potenziare la lotta al terrorismo
Link
  • 11 settembre 2001
  • Terrorismo.
A cosa sono serviti?
Lo sai. Ormai lo devi sapere…

Nelle ultime due slide si rafforza maggiormente il legame tra Nsa e aziende private.
Si scopre che i federali possono analizzare tutti i movimenti degli iscritti alle piattaforme spiate.
Dal momento in cui effettuano il login fino a quando inviano una mail o accedono al servizio di chat preferito.
Per fare ciò è abbastanza evidente che vi sia uno stretto rapporto tra le parti.
A questo punto dovrebbe esservi, nei pressi dei data center delle diverse aziende, un componente hardware appartenente al governo che riesce a intercettare il flusso dei dati che di norma viaggia nella rete aziendale.
Esempio:
mi connetto a Skype alle 10.30 del 30 aprile, invio un messaggio di chat ad un mio amico e lui mi risponde.
Questa comunicazione oltre a viaggiare sulle normali reti di Microsoft (proprietaria di Skype) prende anche un binario secondario diretto ai laboratori della Nsa
Link
Questa comunicazione oltre a viaggiare sulle normali reti di Microsoft (proprietaria di Skype) prende anche un binario secondario diretto ai laboratori della Nsa
Il binario secondario” è, ap(punto)… una “clonazione” (parente stretta della “deviazione”). Ma, bada bene… in questo caso sei solo intercettato/a. Ment®e, solita(mente) vivi in una condizione deviata all’origine, motivo per il quale, ormai, non si tratta più di sorvegliare “questo, piuttosto che quello”, bensì, di mettere sotto a sorveglianza l’intera società umana.


Con Internet e i moderni cellulari, si è di fatto realizzato il “sogno della spia perfetta”.
E, persino, notizie come queste (ri)sultano, dunque, riduttive della vera (f)orma del reale, nel quale sei immerso:
la Nsa può intercettare il traffico in tempo reale
Link
È... "solo"... tecnologia? Oppure, la tecnologia è una (f)orma (pre)vista di (pre)disposizione al controllo sempre più totale? Domanda retorica, ovvio...

Con Internet e gli Smartphone:
fai tutto tu, da solo/a.

Come fare, ormai, benzina al distributore, utilizzando i “fai da te” di stazioni del tutto automatiche.
Mentre scrivi/dici cose di te, a chi vuoi, stai anche esprimendo i tuoi convincimenti relativi a qualsiasi cosa che, regolar(mente), vengono clonati anche verso direzioni (pre)viste dagli agglomerati tecnologici, che non capisci perché ti limiti solo ad usare.
Il mito dello “user friendly” (l’utilizzo facilitato, amichevole, intuitivo)… ti ha portato/a a “non sapere come costruire ciò che usi, a non sapere come funziona ciò che usi, a non sapere quali rischi ci siano in ciò che usi, etc.”.
In questo progressivo “vuoto”, c’è tutto lo spazio possibile ed immaginabile… per auto (in)trattenerti.
In questo vuoto, nel quale sei diluito/a, c’è di tutto, anche la “App… di Dio”.
  
Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2015/Prospettivavita@gmail.com