mercoledì 3 dicembre 2014

L’ospite che ospita.


The Presence
La stretta di mano è un gesto con valenze perlopiù di saluto ma che può essere utilizzato anche per indicare ringraziamento, accordo, congratulazioni...
L'usanza risale all'antichità ed in Europa il suo uso è nato tra i Signori di famiglie differenti, stringendosi l'avambraccio per confermare che non si avessero armi bianche nascoste nella manica, nel corso dei secoli il saluto si è modificato in quello che conosciamo oggi…
Link
Stringendosi l'avambraccio per confermare che non si avessero armi bianche nascoste nella manica…
Che cosa sai? Che cosa fai?
Come ti comporti? E… perché?
Tu (con)segui. Che altro?
È (in)scritto dappertutto ma non te ne rendi conto e, anche se te ne accorgi in qualche modo… “chi se ne frega”
Sai perché la pensi in questo modo? Perché reputi ciò, come insignificante, non importante… ai fini della “conduzione in porto delle tue giornate e, più in generale, della tua Vita”.
Cosa è “centrale”, allora, secondo te? Beh… “secondo te”:
nulla.
Perché da te non arriva nulla di autenticamente “tuo”.


Tu nasci nudo e senza niente. Semmai, nasci in questo mo(n)do e subito dopo ricevi in dote un “bel debito ed una zavorra di pene da scontare, per non hai mai ben capito per quale motivo... perchè: non è mai sufficientemente chiaro”.
Sai solo che… “è così e… amen”. Te lo fai bastare. No?
Guarda che “anche se te ne freghi”… certe cose rimangono valide ugualmente e ti raggiungono sempre. E ciò è reale e (ri)accade sino a quando lo status quo non cambia, ossia, sino a quando il paradigma rimane lo stesso e, dunque, sino a quando sei sottoposto alla giurisdizione del “controllo” (qualcosa che abbraccia nel suo insieme, non "sensibile", l’intero Pianeta).

Se (ri)tieni che non possa esistere un’unica organizzazione di umani, in grado di controllare tutto il Pianeta, questo è un problema tuo… ma, nella fattispecie, la tua "cecità" non va a modificare per nulla ciò che accade a livello d’insieme. Ignorare qualcosa, non significa che non esista il “qualcosa”, anzi:
è la strategia (in)diretta del “qualcosa”, che ti ispira a ragionare attraverso fasi di oblio artificiali, dalle quali derivano le "vette del pensiero" che raggiungono la grande espressione del “non ci credo, non mi importa, chi se ne frega, tu sei pazzo, ho cose molto più importanti a cui pensare io, etc.”…
Come, SPS, lo “sa”? He He He…
È una dote naturale. Un talento nonché una predisposizione d’animo particolarmente sviluppata, rodata e alimentata:
perché certe cose avvengono ed altre, invece, no?
Stai a sindacare in merito all’alba e/o al tramonto? No! E allora?
Analogia Frattale
nulla è per caso + ripetizione a loop di qualsiasi fenomeno e sovrapposizione di st®ati… (nei quali rientra, ad elastico, il concetto di com/a-proprietà).
È una questione di “attenzione”:
presenza + consapevolezza (equilibrio, centro, sovranità).
Nota bene come il “processo” si (di)spiega.
Nota bene; è anche per il tuo “bene” (qualsiasi cosa sia il “bene” e qualsiasi cosa sia il tuo intenderlo – ossia – la realizzazione del “bene” dipende dalla comprensione della “legge della corrispondenza”. Qualcosa che è accaduto e che, ora, è appannaggio di pochi vs i molti. Qualcosa che è stato deciso di (ri)utilizzare in chiave di possesso e dominio, in luogo di una diametralmente opposta linea di conduzione/condotta)…
Tu (la Massa) e il Controllo (i pochi), che cosa andate a (de)scrivere e a replicare?


Il parassitismo… è una forma di interazione biologica, generalmente di natura trofica (concernente il nutrimento), fra due specie di organismi di cui uno è detto parassita e l'altro ospite
Il parassitismo è una forma di simbiosi (una stretta relazione fra due o più organismi, solitamente di carattere biologico, che può assumere varie forme:… Link), ma a differenza della simbiosi per antonomasia (mutualistica), il parassita trae un vantaggio (nutrimento, protezione) a spese dell'ospite, creandogli un danno biologico
Link
Il parassita trae un vantaggio (nutrimento, protezione) a spese dell'ospite, creandogli un danno biologico…
In natura lo vedi e capisci molto bene il concetto di “parassita”.
Ma, (d)entro di te? E (d)entro la società umana?
Uhm… ti risulta molto più difficile, vero? Beh… è “normale”, vista la strategia in corso d’opera, totalmente (im)piegata al fine di non lasciare tracce direttamente rilevabili alla luce del Sole.
A te serve allora l’Analogia Frattale, ossia, il decodificare qualcosa che ufficialmente non esiste, attraverso un’analisi d’altro tipo, rispetto a tutto quello che “sai perché ti dicono che…”.
Fai attenzione:
chi è “l’ospite”?
Il termine ti svia dall’attenzione necessaria per (ri)comprendere, perché è inerente al “terzo stato” e cioè ad un tipo di “logica” (e la realtà è sempre sottintesa alla logica utilizzata) volutamente sfuggevole…
L'enantiosemia (dal greco enantíos, "contrario", e sema, "segno") è la caratteristica di una locuzione (in genere di singole parole ma anche di intere proposizioni) di avere due significati opposti.
Sembra che il termine enantiósema sia stato introdotto dal teologo e orientalista inglese Edward Pocock (1604-1691) per indicare parole di significato opposto rintracciate in diverse lingue da lui studiate (ebraico, aramaico e arabo).
In italiano vi sono diversi casi di enantiosemia relativa ai vocaboli.
Per fare qualche esempio:
  • feriale può significare sia festivo (come in periodo feriale, cioè delle ferie) sia lavorativo (come in giorni feriali, cioè "giorni di lavoro")
  • avanti può significare sia prima (come in avantieri o il giorno avanti) sia poi (come in d'ora in avanti)
  • storia può significare sia racconto veridico sia racconto menzognero
  • ospite può significare sia chi ospita qualcuno in casa propria (ovvero "l'ospitante") sia chi è ospitato da qualcuno (ovvero "l'ospitato")
  • alto può significare sia elevato (come in alta montagna) sia profondo (come in alto mare)...
Link
Ospite può significare sia chi ospita qualcuno in casa propria (ovvero "l'ospitante") sia chi è ospitato da qualcuno (ovvero "l'ospitato")…
Capisci? A cosa sei abituato a pensare? A quale delle due forme di “ospite”?
He He He a quella convenzionale, classica e depotenziata… nonostante la “lingua italiana è, tra le righe, chiara a tal proposito”:
ospite è il termine della lingua italiana per designare tanto chi riceve ospitalità quanto chi la dona. È una parola enantiosemica…
Il termine latino hospes è un antico composto di due nozioni distinte:
hostis-pet-s.
Nonostante il senso classico di hostis sia nemico, il significato primitivo della nozione hostis è quello di uguaglianza per compenso:
è hostis colui che compensa il "dono" con un "contro-dono".
Per spiegare il rapporto tra ospite e nemico, si ammette di solito che l’uno e l’altro derivino dal senso di straniero che è ancora attestato in latino da cui "straniero favorevole", "ospite", "straniero ostile", "nemico".
In ogni caso, ospite si intende nella lingua italiana, chi riceve ospitalità...
In realtà le parole straniero, nemico, ospite sono nozioni globali e molto sommarie che devono essere precisate, interpretate, nel loro contesto storico e sociale
Link
  • in ogni caso, ospite si intende nella lingua italiana, chi riceve ospitalità…
  • in realtà le parole straniero, nemico, ospite sono nozioni globali e molto sommarie che devono essere precisate, interpretate, nel loro contesto storico e sociale…
La “lingua italiana” non ti nasconde nulla ma ti spinge a (con)seguire, attraverso la convenzione, una forma duale rispetto alla sua più larga misura (terzo stato).
Chi è “ospite”? Chi “ospita”? Questa è una classica simbiosi a vasi comunicanti, che sfugge alla tradizione fisica dello studio dei fenomeni. Tuttavia, la (pre)tesa è di:
(ri)formare uno st®ato di convinzione per mezzo della convenzione, rispettando tuttavia la Massa, non omettendo le informazioni, a ben cercarle o meglio “trovarle”… confondendole nell’insieme e (ri)gettandole d’insieme nel mezzo comunicativo, chiaramente, “di parte” (controllo).


Qualcosa che ti (s)fugge da “sempre” ma che – contemporaneamente - “ti abita (d)entro” (a cui dai “ospitalità”, visto che sei tu… l’ospite).
"Il progetto di South Stream era fortemente contrastato e condizionato dalla procedura di infrazione dell'Unione Europea, era un progetto che non consideriamo fondamentale per l'Italia".
Matteo Renzi
Da quale prospettiva, Renzi, ammette ciò?
Da quale parte si osserva la questione?
  • era fortemente contrastato
  • condizionato dalla procedura di infrazione dell'Unione Europea
  • era un progetto che non consideriamo fondamentale per l'Italia…
Il “contrasto ed il condizionamento” sono e(s)terni all’Italia e, l’Italia… si adegua (alfine):
(con)segue.
Il progetto non è fondamentale, non è (pre)visto… ma dalla prospettiva esterna all’Italia.
A nome di chi parla Renzi? Chi “ospita” l’Italia?
Il South Stream (in italiano: flusso meridionale) è un progetto volto alla costruzione di un nuovo gasdotto che connetterà direttamente Russia ed Unione Europea, eliminando ogni Paese extra-comunitario dal transito.
È un progetto sviluppato congiuntamente da Eni, Gazprom, Edf e Wintershall
Il 23 giugno 2007, Eni e Gazprom hanno firmato un memorandum d'intesa per la realizzazione del gasdotto South Stream.
L'accordo si inseriva in una più ampia intesa strategica che le due compagnie avevano siglato nel novembre del 2006 e che avrebbe permesso a Gazprom di entrare nel mercato della distribuzione e vendita del gas naturale in Italia e a Eni di sviluppare progetti di ricerca ed estrazione di idrocarburi in Siberia.
Nel novembre del 2007, poi, venne firmato un accordo per la costituzione della società South Stream AG, controllata pariteticamente dai due soci, con lo scopo di commissionare lo studio di fattibilità e commerciabilità del progetto. La società venne effettivamente costituita a gennaio dell'anno seguente…
Link
In tutto ciò… dove sta l’Italia? Che cosa c’entra?
È un progetto sviluppato congiuntamente da Eni, Gazprom, Edf e Wintershall…
L’Italia ospita ed è, dunque, l’ospite (esci dalla monodirezionalità preimpostata per tradizione/paradigma).
  • chi sono gli “ospitati”?
  • o… cosa sono?
Chi rema?
Anna Freud… tende a sottolineare un passaggio evolutivo da forme di difesa più semplici, o primitive, a forme di difesa più complesse, o più evolute
Link
Chi è il (s)oggetto? Chi si evolve e si difende?
Manca sempre questo tipo di attore, sulla tavola imbandita della realtà. E, guarda caso, questo attore ha un peso “princip(ale)”:
è un principio, un… principe (stirpe reale, sovrana)
Ora, alla tua coordinata usuale, dove sta che un “Imperatore” decide per il suo anonimato? Perché (pre)ferisce non apparire?
Forse per… maturare una natura del possesso maggiore, visto che certamente non rinuncia all’amministrazione dell’(in)diretto reame?
Ma, come può essere ancora maggiore il potere di un Imperatore, rispetto al dominio incontrastato, alla luce del Sole, sul proprio reame?
Un passaggio evolutivo da forme di difesa più semplici, o primitive, a forme di difesa più complesse, o più evolute…
Se “non vedi”, dimentichi… non ascolti… ti smarrisci… decadi… permani in una condizione di oblio artificialmente auto indotto:
in questa maniera, puoi essere “coltivato in cattività” e, per giunta, collaborando (in)direttamente con tacito assenso ("costa" meno).
Il Principio di Corrispondenza.
Com’è al di sopra, così è al di sotto; com’è sotto, così è sopra”.
Tra le leggi e i fenomeni dei diversi piani di vita, c’è sempre una corrispondenza…
Grazie alla sua applicazione… si imparò a passare con intelligenza dal noto all’ignoto; un po’ come accade con i principi geometrici, in base ai quali si possono misurare, da lontano le dimensioni, di stanze e movimenti di soli e pianeti…
Il Kybalion


Cosa è “sopra” e cosa è “sotto”? Cosa è “dentro” e cosa è “fuori”?
Chi è l’ospite… lo hai capito (sei tu) ma… ora sai che sei l’ospite, nel senso che sei tu ad ospitare:
chi o cosa… è ospitato (d)entro, in/di te?
E, diametralmente, “in cosa sei ospitato” e(s)ternamente?
Tieni sempre presente che sei in una struttura complessa e non solo fisica, (ri)colma ( funzionante) di (ri)flessioni…
Nei film, ormai, si sprecano gli esempi frattali, sul modello - ad esempio:
Hunger Games
Maze Runner
Matrix…
Ma, la “finzione letteraria o cinematografica” è solo fine a se stessa? Serve solo per fare cassetta?
  • una campagna presidenziale “costa” centinaia di milioni.
  • ma, quanto “costa” anche un solo moderno film?
  • quanto è costato, ad esempio, Avatar?
  • ti rendi conto di cosa c’è in gioco?
Gli “effetti speciali”… costano.
Ma… se tieni conto che il “costo” è, ancora prima… un “investimento”, beh… a cosa vai (in)contro riflettendo in questa direzione?
Chi in-veste?
Lascia perdere il “solo” business, il “ritorno sul capitale investito”:
che cosa rimane dopo la visione di un “film”, (d)entro di te?
Che cosa “ospiti” e chi diventi (o, meglio, cosa rimani) “dopo”?
È uguale al chiederti:
che cosa respiri, ad ogni istante della tua Vita?
Tu non respiri con la sola “bocca”
Alimentazione respirazione sono la stessa cosa, descrivono lo stesso… “momento”.
Tra le leggi e i fenomeni dei diversi piani di vita, c’è sempre una corrispondenza…
Codacons: crolla prezzo petrolio ma alla pompa listini eccessivi.
Un esposto a 104 Procure della Repubblica di tutta Italia in merito al mancato calo dei listini di benzina e gasolio. Lo ha presentato il Codacons, denunciando l'insufficiente ribasso dei prezzi dei carburanti alla pompa.
Le quotazioni internazionali del petrolio continuano ininterrottamente a calare da mesi, raggiungendo i minimi degli ultimi 5 anni - spiega l'associazione - nonostante ciò, i prezzi di benzina e gasolio in Italia continuano ad essere i più elevati d'Europa, e le riduzioni delle quotazioni del greggio inspiegabilmente non si riflettono in modo analogo sui listini alla pompa.
Se da un lato la componente legata alle tasse pesa in modo evidente sui listini praticati agli automobilisti - prosegue il Codacons - dall'altro si riscontra un mancato adeguamento della quota di prezzo riconducibile alle quotazioni petrolifere. Tale situazione comporta maggiori esborsi in capo alla collettività, oltre ad influire negativamente sui prezzi dei prodotti trasportati.
Per tale motivo il Codacons ha deciso di vederci chiaro, chiedendo a 104 Procure della Repubblica di aprire indagini sul proprio territorio di competenza allo scopo di verificare se il mancato ribasso dei carburanti possa configurare fattispecie penalmente rilevanti, alla luce soprattutto del possibile reato di aggiotaggio, e se vi siano speculazioni atte a mantenere artatamente elevati i listini alla pompa.
Link
Si riscontra un mancato adeguamento della quota di prezzo riconducibile alle quotazioni petrolifere…

Ma, se:
tra le leggi e i fenomeni dei diversi piani di vita, c’è sempre una corrispondenza…
Allora significa che esiste (c’è) un “blocco” a monte di te e del “tuo” processo.
Ora, essere a valle di qualcosa significa anche “ospitare la “diga” (d)entro di sé”. Ok?
Ciò descrive un modello a matrioska e non il più ovvio e lineare modello di interpretazione che s’evidenza, ad esempio, seguendo il corso superficiale descritto dal moto discendente di un fiume.
Ma, immediatamente, scatta il “sistema immunitario” dello status quo, che parla attraverso la voce dei Media:
Carburanti, prezzi a picco per benzina, diesel e gpl.
Colano a picco i prezzi dei carburanti alla pompa, dopo il nuovo scossone dato ieri da Eni, con forti ribassi su benzina, diesel e Gpl.
Nel Mediterraneo le quotazioni dei prodotti raffinati continuano a scendere, anche se con una dinamica attenuata rispetto ai giorni scorsi. Stando alla consueta rilevazione di Staffetta Quotidiana, questa mattina tutte le compagnie hanno ridotto i prezzi consigliati: sia sulla benzina che sul diesel si registrano ribassi compresi tra 0,5 e 2,5 centesimi.
Quanto al Gpl, TotalErg, IP e Tamoil riducono il prezzo consigliato di 2 centesimi al litro, Esso di 0,5 centesimi. Sempre in forte calo, di conseguenza, le medie ponderate nazionali dei prezzi tra le diverse compagnie in modalità servito: benzina a 1,691 euro/litro (-0,8 centesimi), diesel a 1,614 euro/litro (-0,7 centesimi). Fermo il Gpl Eni a 0,686 euro/litro, metano in lieve calo a 0,99 euro/kg (-0,1 cent). Quotazione della benzina in Mediterraneo a 405 euro per mille litri (-1), diesel a 452 euro per mille litri (-1, valori arrotondati).
Link
Sai che cosa ti conviene fare? Quando (ri)empi il serbatoio del tuo mezzo… fai attenzione al prezzo. (Ri)corda quanto ti costava un litro, qualche tempo fa! Sei tu, l’unico del quale ti puoi fidare, no?
Non fermarti al (ri)ferito, al detto, al trascritto, al sentito dire…
Ma, forse, (ri)chiederti un simile sforzo è qualcosa che va al di là della tua (in)capacità attuale… (fai tu).
Ora, SPS lascia la “parola” alle sole citazioni che, in tal senso, (con)seguono frattalmente al già sovraesposto, essendo questo tipo di processo (articolo di/in SPS) completamente sotto al controllo di SPS e di quelle “forze che ispirano”… He He He.
Non avendo le “risposte”, SPS è conscio che agisce anche sotto all’effetto di simile forze, che solo la fiducia in se stesso spinge ad accettare ed a “ospitare”, certo della relativa e benefica "simbiosi" (imprinting e… desiderio).
Qualcosa che va ancora del tutto decodificato, vista l’inattuabilità di molte espressioni sin qua (ri)emerse, forse, prematuramente o… chissà, a mo’ di “seme” e dunque di semina.
Ora… nota le analogie (corrispondenze) tra te, la società e ciò che le prossime citazioni riportano (non certo casualmente e, pertanto, con pertinenza  a livelli di senso più o meno sottili)…

Parassiti intestinali.
Non sempre i parassiti intestinali arrecano un danno considerevole all'organismo che li ospita e generalmente non ne determinano la morte; questo evento, infatti, si tramuterebbe in un grande danno per il parassita stesso. I sintomi, pertanto, sono spesso di grado lieve o moderato ma protratti nel tempo
Link
I sintomi, pertanto, sono spesso di grado lieve o moderato ma protratti nel tempo…
La forma più pericolosa di infezione da parassiti intestinali è quella che porta allo sviluppo di malattie deficitarie in assenza di sintomi.
I parassiti intestinali assorbono le sostanze nutrienti dall’organismo nel quale vivono, sfruttandone le risorse. Se a causa di una parassitosi intestinale compaiono sintomi patologici in qualche organo, allora l’infezione può essere diagnosticata precocemente. In questo caso è possibile sottoporsi in tempo a trattamenti adeguati per eliminare i parassiti intestinali e anche le loro larve dall’organismo. Alcune larve di parassiti intestinali possono penetrare nei tessuti, creando così dei ceppi di infezione, perchè il sistema immunitario li considera come corpi estranei.
A causa della reazione immunitaria possono formarsi anche reazioni allergiche come conseguenza di attività di parassiti intestinali o altre forme di parassita…
La forma più pericolosa di infezione da parassiti intestinali è quella che porta allo sviluppo di malattie deficitarie in assenza di sintomi
Due terzi delle persone che hanno contratto gli ossiuri non sono consapevoli di essere affetti da parassiti intestinali , poiché spesso capita che oltre all’agitazione, l’irritabilità e la stanchezza non ci siano altri sintomi
L’infezione si verifica soprattutto in luoghi in cui l’igiene personale è insufficiente e, nella maggior parte dei casi, è asintomatica, per questo il verme tondo è capace di rimanere nascosto a lungo.
Questi tipi di parassiti intestinali anche nella forma più grave provocano al massimo mal di pancia, diarrea o nausea…
Nella maggior parte dei casi però il malato non presenta sintomi, o meglio i sintomi sono così leggeri che il soggetto non pensa di aver contratto dei parassiti intestinali. Segnali frequenti possono essere anche il gonfiore di pancia, il mal di pancia, la diarrea, il prurito al naso o al retto o altri sintomi allergici…
Nonostante la gravità della malattia questi parassiti intestinali non sempre provocano sintomi, in questo modo rimangono a lungo nascosti
Link
Nonostante la gravità della malattia questi parassiti intestinali non sempre provocano sintomi, in questo modo rimangono a lungo nascosti…
Il Pianeta si sta desertificando, in molti suoi punti.
La società è sempre più “arida”.
Le persone sono sempre più “depresse”…
Perché?
Conferenza-dibattito Banche & Moneta
Alla fine tutti hanno convenuto che quella di domenica… è stata una giornata indimenticabile, finita, per chi c’è stato, in pizzeria. menù 23 franchi a testa, pizza, bevanda e caffe.
Non serve essere ricchi per essere felici. Basta essere libertari!
Link
L’epilogo di ogni occasione per “tornare ad essere se stessi” è sempre del tipo:
“tarallucci e vino”.
Così va a finire ogni “moto”, che altro non è che, quindi, un “tentativo” e così... come il “cercare non fa trovare ma fa (ri)cercare”, allora, ogni tentativo è vano se trasporta (d)entro se stesso già il seme del proprio fallimento e… l'aridità (pre)vista.

La fascia di van Allen è un toro di particelle cariche (plasma) trattenute dal campo magnetico terrestre per effetto della forza di Lorentz…
Dal punto di vista qualitativo, è utile notare come la fascia di van Allen consista in realtà di due fasce che circondano il nostro pianeta, una interna ed una più esterna





Sebbene il termine fasce di van Allen si riferisca esplicitamente alle cinture che circondano la Terra, simili strutture sono state osservate attorno ad altri pianeti per effetto dei rispettivi campi magnetici planetari. Il Sole, al contrario, pur avendo un campo magnetico proprio non possiede fasce di radiazioni durevoli nel tempo.
L'atmosfera terrestre limita inferiormente l'estensione delle fasce ad un'altitudine di 200-1000 km; il loro confine superiore non arriva oltre i 40.000 km (che corrispondono a circa 7 raggi terrestri) di distanza dalla superficie della Terra. Le fasce si trovano in un'area che si estende per circa 65 gradi a Nord e a Sud dell'equatore celeste…
I pannelli fotovoltaici, i circuiti integrati e i sensori possono rimanere danneggiati da intensi livelli di radiazione
Le origini della fascia.
Si ritiene comunemente che le fasce di van Allen siano il risultato della collisione del vento solare con il campo magnetico terrestre…
La separazione fra la fascia interna e quella esterna è causata dalla presenza di onde radio a bassa frequenza che respingono le eventuali particelle che potrebbero venirsi a trovare in tale regione…
In passato l'Unione Sovietica accusò gli Stati Uniti di aver dato origine alla fascia di van Allen interna a seguito di test nucleari effettuati nel Nevada; allo stesso modo, l'Urss stessa è stata accusata dagli statunitensi di aver generato la fascia esterna.
Non è chiaro come gli effetti degli esperimenti nucleari avrebbero potuto superare l'atmosfera e raggiungere l'altitudine che caratterizza le fasce di radiazioni; certamente non è stata osservata alcuna diminuzione apprezzabile della loro intensità da quando i test nucleari nell'atmosfera sono stati banditi per trattato.
Link
Fasce di radiazioni durevoli nel tempo...
Incanto attorno al Pianeta.
Paradigma.
Tutto quello che sei portato a… “pensare”.
La questione della disuguaglianza economica è collegata alle idee di equità, uguaglianza di risultato, e uguaglianza di opportunità.
Esistono pareri discordanti sull'accettabilità morale e sull'utilità della disuguaglianza, e su quanta disuguaglianza sia necessaria o tollerabile in una società, e su come ci si debba comportare.
Sostanzialmente, le opinioni di valore sulla disuguaglianza possono assumere una triplice veste…
Link
Esistono pareri discordanti sull'accettabilità morale e sull'utilità della disuguaglianza…

Ma… ti rendi conto?
Chi/che cosa… ospiti?
Tu sei l’ospite che ospita: curioso ma… reale.
Attorcigliato su/in… una “forma, che è simbolo e azione, fisica e metafisica, D(Io)…”. La “diga” è in te, oltre che fuori…
Davide Nebuloni
SacroProfanoSacro 2014/Prospettivavita@gmail.com