giovedì 18 dicembre 2014

L'accecato.


 

Quando cerchi l’alternativa a qualcosa che è “trito e (ri)trito” (abitudine, paradigma, convenzione), che fai? Dove vai? Come ti muovi? Dove guardi?

Beh, correggimi se sbaglio ma, a SPS (Me) sembra che:
  • tu non fai nulla di sostanzialmente “nuovo/diverso”
  • tu non vai da nessun’altra parte che non sia questa versione della realtà
  • tu non ti muovi concretamente in maniera "altra"
  • tu guardi sempre, sostanzialmente, nella stessa direzione.
Bah! Capire il perché non è poi tanto difficile.
È, forse, più complesso arrivare ad accorgersi della situazione complessiva e totale nella quale versi. Qualcosa di molto simile ad un grattacielo che toglie il cielo, la luce, il calore naturale, di un panorama libero di potersi manifestare
È come essere chiusi dentro ad un sacco e scambiare il buio (ri)velato (la notte), per assenza naturale e ciclica della luce solare:
non è del tutto naturale ciò che ti accade. Lo sai, vero?


Ai cavalli viene applicato il “paraocchi”:
coppia di pezzi di cuoio cuciti lateralmente alla testiera del cavallo per impedirgli la visuale ed evitare così che, disturbato, si imbizzarrisca
Link
È, dunque, per evitare un “disturbo ed un eventuale imbizzarrirsi”, che viene applicato il “correttivo alla visuale”.
Ma… quando questo “disturbo” corrisponde ad un’ingresso/aggancio di alternativa, che cosa diventa allora il “dispositivo” applicato alla tua apertura ottica?
Che cos’è, in realtà, il pericolo derivante dall’imbizzarrirsi?
E, chi/cosa corre questo “pericolo”?
Te stesso, la tua famiglia, la società, lo Stato, l’Ue, gli Usa, l’Onu?
Chi o cosa?
C’è sicuramente un interesse dietro a qualsiasi situazione, piccola o grande che sia. Nulla è “lì” per caso. Nulla di nulla. Niente di niente. Se non (ri)esci a capire è perché non (ri)cordi ma… devi sapere che:
c’è un interesse dietro a qualsiasi situazione.
E, dunque, ci sono “esseri umani”, dietro a qualsiasi situazione.
Magari a formare “governi fantoccio” ma pur sempre di umani si tratta. È inutile, in una simile fase, andare ad immaginare alieni, fantasmi, entità, etc.
"È dei vivi che devi avere paura. Non dei morti".
Questa è una espressione “dialettica”, che viene tramandata da “sempre”. Eppure, da “sempre”,  gli umani hanno paura dei morti. Forse perché… temono la morte per il semplice fatto che, tutti, devono prima o poi morire.


Non trovi che la morte sia un “agente” (App) necessario/a al fine di ®assicurare (qualcuno/qualcosa), relativamente alla "fine" di ogni umano, soprattutto di quegli umani un po’ troppo “ingombranti”?
Quali forme di potere, senza la morte, potrebbero sopravvivere per sempre nel rinnovamento illusorio della propria forma di “paura”, trasformata in “mano forte sul resto della platea umana, troppo debole per opporsi”?
Un momento. E se la morte fosse proprio una App-licazione di una di queste forme di potere “infinite”, che hanno trovato il modo, così, di cancellare completamente ogni forma e tipo di possibile “concorrenza”?
He He He…
Non puoi credere a questo. Vero?
È qualcosa di troppo "serio ed antico", per lasciarti andare al/sul vento di un SPS qualsiasi…


Bah. C’è troppa paura in giro. Troppa sospetta circospezione ammazza epicità. Qualcosa che puzza di inganno e, sempre più fortemente, di… interesse.
Pensa, ad esempio, alla “comparsa ed all’evoluzione dei computer domestici e non solo.
Il controllo (chi ha il potere del denaro e si muove “a favor di legge” perché ne è all’origine, oppure la incarna alla perfezione) sceglie le persone più adatte (potenziali imprenditori del futuro, nonchè persone di fiducia inconsapevoli/portatori sani -  ad esempio: Bill Gates, Steve Jobs… tanto per fare dei nomi a "caso") finanziandole opportunamente (ispirazione), rendendole nella pratica schiave degli umori degli investitori, che rimangono di fatto gli autentici detentori della possibilità offerta al Mercato, alla società ed alla Massa… destino compreso.
La via tecnologica è quella (pre)vista/imposta.
Facciamo foto per come vediamo. I satelliti (ri)prendono ciò che (ri)escono a vedere, in funzione degli algoritmi e della programmazione (pre)vista.
La tecnologia incorpora il "limite" del costruttore.
Limite che può essere anche frutto di un interesse nel non vedere, nel non far vedere, etc.
Ok?
Apri la mente. (Ri)configurala…


Se tu non vedi qualcosa, perché ti sei abituato a non vederl(a/o)… anche la tecnologia sviluppata “non vedrà, analogamente al suo costruttore”
Questo è ciò che (ri)accade anche in assenza di un controllo esterno. Figurati nella “tua” (ir)realtà che, invece, è proprio caratterizzata da un controllo totale dell’e(s)terno  rispetto alla “convenzione” e a quello “che sai, perché ti hanno detto che…”.
Un momento, però. C’è una certa tecnologia che (ri)prende anche ciò che non vedi. Vero? Ma questo “vedere” è sempre e solo riferito a se stesso, ossia, “serve”. A chi/cosa “serve”?
All’interesse che ha a cuore il fatto che tu “veda in funzione di un certo tipo di credo (pre)impostato”.


Il leitmotiv pubblico o "tam tam sociale" è qualcosa che (di)scende dall’alto
Ciò, lo (ri)esci tranquillamente a capire. Una “legge”, ad esempio, non la discuti tu e non dipende da te, “checché se ne dica”.
Il controllo e l’assunzione in carico del controllo è qualcosa di ormai datato, che ti raggiunge da un punto di passato continuamente auto rinnovante in se stesso.
I discorsi (pre)imposti dalle Autorità, ad esempio, relativi al pericolo della bassa o nulla inflazione, vengono (ri)portati ad arte attraverso i Media. Media che, d’insieme sono solo dei contenitori globali d’informazione ripetuta che, quindi, mischiano avendo memoria corta, contando sulla tua totale assenza in te stesso.
Non è certo difficile (ri)trovare nello stesso giorno, notizie che narrano del pericolo inflazione e del risparmio sociale derivante dall’abbassamento dei prezzi.
Bolletta energetica giù del 20%, l'Italia risparmia 11 miliardi
Link
Federal Reserve: calo prezzi petrolio positivo per gli Usa.
Il calo dei prezzi mondiali del petrolio è "positivo" per l'economia degli Stati Uniti e per le famiglie americane. È quanto ha dichiarato oggi il presidente della Federal Reserve, Janet Yellen…
Link
Bce pronta a misure non convenzionali contro bassa inflazione…
Link
Unione Petrolifera vede aumento 0,5% Pil con calo stabile greggio…
Link

Come puoi leggere… trattasi di notizie in apparente controsenso, se non assunte da una prospettiva in grado di (ri)cucirle insieme, nella maniera più panoramica possibile, ossia, aperta ad ogni possibilità. Anche a quella che “a decidere” sia qualcosa che si nutre di un interesse che non corrisponde affatto a quello che ti lascia solo credere, attraverso questa versione del reale nella quale sei (im)piegat(o/a).
Nel tuo vivere quotidiano ti sei abituato/a a (tra)lasciare parti della prospettiva reale, sganciata solo perché sempre più ostica da vedere/percepire (moda).
E, allora, “vai col liscio”:
L’acqua degli oceani non proviene dalle comete.
Tre mesi mesi dopo aver raggiunto la cometa Choury e un mese dopo avervi posato il robot Philae, Rosetta fornisce un primo dato sorprendente. L’acqua che si trova sul nostro pianeta non proviene dalle comete. I risultati presentati all'Università di Berna sono formali.
"Ci aspettavamo sorprese. Questo risultato eccezionale non mancherà di riaccendere il dibattito sull'origine dell'acqua sulla Terra", ha dichiarato Matt Taylor, responsabile scientifico della missione Rosetta presso l'Agenzia spaziale europea (Esa), durante una conferenza tenuta martedì all'Università di Berna…
Link

Ma… l’acqua degli oceani, non è forse spiegato in qualsiasi libro delle elementari, che (pro)viene dai cicli di raffreddamento epocali del Pianeta?
Dicesi “intrattenimento”.
Spesa di miliardi di euro/dollari. Aumento del Pil. Tempo perso. Continuità nel (ri)fluire nello stesso solco d’aratro.
Deconcentrazione. Smemorizzazione. Loop. Reset:
interesse.
Obama: cyber-attacco a Sony molto serio, ma andate al cinema…
Link

Andate al cinema:
ma come Diavolo puoi digerire così, bellamente, espressioni di questo tipo, pronunciate dal Presidente degli Usa alla Nazione intera e, si sa, al Globo intero?
A livello frattale devi (ri)comprenderle… Quale significato hanno? Forza… non è così difficile.
Prostituzione e droga, sgominata banda…
Link


Dopo le modifiche introdotte nel 2014 al calcolo del Pil (proventi del malaffare inseriti nella sua formula), dunque, la “banda sgominata” corrisponde ad un danno, relativamente alla contribuzione della malavita alla (ri)sollevazione del Pil.
Suvvia… c’è un conflitto di interesse grande come il Pianeta stesso:
è dappertutto. Perché dappertutto sono gli esseri umani e la continuazione dell’attuale impero del paradigma in auge.
Serie A - La Juventus boicotterà gli stage della Nazionale.
Questa l’indiscrezione del Corriere dello Sport in merito alla richiesta del commissario tecnico dell’Italia, Antonio Conte: la società bianconera potrebbe decidere di rifiutarsi di mandare i propri giocatori in Nazionale…

Link

Pensa, ad esempio, alla figura (a cascata frattale), di Conte come (1) allenatore della squadra di club e (2) allenatore della Nazionale.
Lo stesso uomo. Due differenti prospettive per via dei relativi (trascorsi/attuali) interessi.
Come si sarebbe comportato lo stesso Conte, se una simile proposta fosse piovuta quando era allenatore della squadra di club, andando ad impattare sui mille “pensieri”, che lo affliggevano in qualità di “affarista travestito da sportivo, in una piramide affaristica senza fine di continuità?”.
(In)coerenza: in coerenza con l’interesse di turno, da cui deriva l’appartenenza e la relativa dipendenza (schiavitù).

Ecco come Obama costruisce un "Isis" anche per l'Afghanistan.
Recentemente una delle tante notizie sull'Afghanistan che sono passate inosservate e che apparentemente non avevano tanta importanza era questa:
le forze americane hanno "perso" 240 milioni di dollari di armi in Afghanistan.
Gli armamenti persi non sono ne piccoli ne di poco valore, materiale militare di tutto rispetto in dotazione all'esercito americano, tra cui attrezzature di comunicazione, dispositivi di crittografia, veicoli Humvees ed altro, tra cui anche armi sensibili.
Tutto materiale "perso" non si sa come, materiale che prima di venir "perso", era nelle due basi principali, quella di Bagram e quella di Kandahar.
Purtroppo è inevitabile usare la memoria e ricordarsi che precedentemente pure in Iraq erano "scomparse armi" che poi erano state ritrovate in mano ai terroristi dell'Isis.
Gli Stati Uniti, tra l'altro, devono rinnovare il pretesto per cui rimanere nel territorio afgano anche dopo il 2015…
Morale della favola, ci ritroveremo un giorno l'Isis spuntare come un fungo anche in Afghanistan ed anche lì, come in Iraq, ci sarà un ritorno in grande stile degli americani...
Link
Il controllo, le Autorità, la legge… “non sono uguali per tutti”.
È qualcosa di, oramai, troppo radicato per permettere che qualcosa cambi autenticamente. E tu ci sei (d)entro, con la “tua” esistenza e le “tue” paure, che limitano tutto di (con)seguenza…
Dovresti (devi)... "desistere" (trovare la via d'uscita da questo esistere in simil forma).

La Fed cambia la forward guidance, ma invia segnali da colomba.
Il Fomc , il comitato esecutivo della Federal Reserve, ha cambiato la forward guidance cancellando il passaggio che i tassi d'interesse rimaranno vicino allo zero per "un periodo di tempo considerevole".
L'istituto centrale ha d'altra parte inviato segnali da "colomba", indicando che "può essere paziente" nella decisione di "normalizzare" la sua politica monetaria
Il Fomc osserva nel comunicato diffuso oggi che il suo nuovo approccio è "coerente" con la sua precedente indicazione che manterrà i tassi vicino allo zero "per un periodo di tempo considerevole".
In base alle proiezioni fornite oggi, 15 dei 17 membri della Fomc si attendono che il costo del denaro salirà nel 2015. Tuttavia la Fed ha tagliato le stime sul ritmo dei rialzi dei tassi. Le aspettative medie per i Fed Funds alla fine del 2015 sono ora all'1,125%, dall'1,375% di settembre.
Link

L'istituto centrale ha d'altra parte inviato segnali da "colomba", indicando che "può essere paziente" nella decisione di "normalizzare" la sua politica monetaria…
Queste sono le “linee guida”. Ok? (Ri)esci ad andare al di là del tuo naso?
Le “linee guida”, appunto, “ti guidano” come un apparecchio radiocomandato a distanza. Come quei droni che vanno tanto di moda oggi. Giocattoli che i militari USA(no) per bombardare e sorvegliare a distanza considerata abissale:
al di là dell’orizzonte degli eventi permesso dalla visione del panorama osservabile e, dunque, credibile... come tutto quello che esiste.
Qualcosa che, invece, a ventimila km di distanza “ti ha”, nonostante tutto quello che sei portato a pensare.
He He He… sarebbe così facile capire veramente come stanno le cose. Anzi: è così facile! Eppure le “cose” continuano irreprensibilmente ad andare esattamente come vanno da “sempre”.
E, nel mezzo, tu continui a lamentarti ed a soffrire… a meno che, di tanto in tanto, non ti droghi con l’alimentazione a norma di legge, i videogiochi, il poker online, il gossip, il calcio, il sesso, la politica, gli hobby, etc.
Anche quando leggi “supinamente” i pareri degli “esperti”, anche quelli che secondo te sono i più illuminati… non puoi mai uscire dal tracciato del recinto.
 
L'economia globale è un disastro perché la maggior parte di economisti, banchieri e leader politici non capisce uno dei temi più importanti: il denaro. Quando si tratta di politica monetaria, capiscono alla rovescia, grazie alle idee sgangherate di John Maynard Keynes.
Prima di Keynes & Co., gli economisti comprendevano come l'economia reale consistesse nella creazione di prodotti e servizi. Il denaro era il simbolo dell'economia. Rappresentava quello che la gente aveva prodotto.
Era un facilitatore del commercio.
La capacità delle persone di commerciare tra di loro è il modo in cui raggiungere uno standard di vita più elevato. Il denaro misura la ricchezza; non è la ricchezza stessa. Si tratta di un credito nei confronti di prodotti e servizi che le persone hanno creato. Ecco perché la contraffazione è illegale; è un furto. Ma quando è lo stato che la pratica, lo chiama quantitative easing, o stimolo.
Il denaro riflette quello che facciamo nel mercato. Ma invece di riconoscere tale verità di base, Keynes disse l'esatto contrario.
Secondo il suo modo di pensare, il denaro controllava l'economia.
Modificate l'offerta e potrete modificare la produzione economica, proprio come un termostato controlla la temperatura di una stanza.
Lo stato, e non il mercato, è il vero motore del commercio.
Gli altri "attori economici", come investitori, venture capitalist, imprenditori e dirigenti d'azienda, sono secondari; si limitano a rispondere alle richieste dei funzionari di governo e ai banchieri centrali…
Steve Forbes
Link

Vero… ma vero all’interno di un “falso”.
Qual è il problema? Essere salvati dallo stato.
Ciò significa remare contro la volontà degli attori economici.
Ciò significa rallentare la possibilità che la società ha di migliorare sé stessa.
Ciò significa rivolgersi ad un uomo con una pistola e un distintivo che andrà dagli altri uomini per riscuotere risorse da dare a chi è stato palesemente dichiarato "superfluo" (dal punto di vista produttivo).
Inoltre, il denaro non è affatto una misura.
È semplicemente un mezzo attraverso il quale si facilita lo scambio tra due individui. Avere una chiara epistemiologia aiuta a districarsi in quella selva di concetti che ci troviamo di fronte ogni giorno nel panorama economico
Link
Vero… ma vero all’interno di un “falso”… che corrisponde al “segnale (im)portante”:
il controllo.

La “facilitazione” del denaro è una base (pre)impostata dal controllo. 

Quando ti (ri)trovi a dover vivere su un terreno (pre)parato ad hoc per contenerti, tu non sei mai autenticamente libero, ma sei solo ed esclusivamente – perché lo diventi – un “pro-dotto”. che l’interesse ambisce a far crescere al meglio, in atmosfera condizionata e trattata ad hoc, in maniera tale da (pre)servarne “qualità e caratteristiche”.

Ma, in funzione di cosa?
Beh… sempre della (ri)chiesta del Mercato. No?
È a livello frattale che devi “ragionare”…
Che cosa emerge dalla società umana? Annusa l’odore, il fumo, il puzzo… e, poi, aggancia te stesso allo specchio frattale della (im)possibilità.
Che cosa ne puoi dedurre? Cosa puoi “intuitivamente capire”?
Sei davvero libero di “dedurre e capire” e, poi, di poter applicare il frutto del “tuo” (ri)flettere?

La Luna (ri)flette i raggi del Sole. Tale luce non è la sua.

Eppure, ancora oggi, tu osservi la Luna... in funzione della quantità di luce (ri)flessa. Ergo:
prendi abbagli da “sempre” e ti regoli persino su questa quantità di luce riflessa (misura della censura, filtro, controllo)…
In pratica, sei “accecato dal bagliore di qualcosa che non puoi vedere”.


Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2014/Prospettivavita@gmail.com