mercoledì 24 dicembre 2014

L'altrove.




La realtà, questa versione della “realtà”, è qualcosa di travestito ad hoc per sembrare quello che non è. Perché “quello che è” lo puoi (ri)comprendere solo attraverso i riflessi, che s’emanano radioattivamente da ciò che esiste al di là del camuffamento adottato in virtù di facciata pubblica.
È attraverso la frattalità che puoi meglio (ri)osservare tutto. Attraverso ciò che va a comporre lo “spettro energetico” di qualsiasi “corpo/essere”…
Ossia, ciò che tiene conto del “detto e del non detto”, del “appare e non appare”, etc.
La dimensione del sottile, del “tra le righe”, di ciò che s’intuisce… è reale quanto ciò che appare come reale, ma in una forma filtrata dai sensi, che rispondono ad esigenze che non sono più solo le tue.
L’interesse per il reale, da parte di attori che stanno un passo (in)dietro, rispetto all’evidenza che comporta la luce del giorno (solare), ha reso molto appetibile la tua presenza; perché “tu vali”.
Per cui, il reale che conosci è diventato tale… tagliando opportunamente il Reale, che hai dimenticato non certo per motivi casuali.


Cuccioli di cane truccati come panda sequestrati in un circo
Link
Olio, allarme Coldiretti: 2 bottiglie su 3 non italiane
Link
È tutto apparente e non corrispondente a canoni assoluti di “giustizia”.
Non c’è nulla di male se “2 bottiglie su 3 non sono italiane”; è un “male” quando, però, le bottiglie in commercio vengono spacciate tutte per italiane, alterando tutto, prodotto ed etichetta, nonché… anche la “buona fede” degli individui che, nel tempo, diventa qualcosa d’altro. Qualcosa di arrugginito, incancrenito, corroso e, tuttavia, di ancora funzionante ma in un altro senso:
quando la “buona fede” si trasforma in una sorta di automatismo, perché senza alternativa, che cosa diventa?
Beh… diventa un qualcosa di molto simile ad un “vuoto”, un buco nero (in)scritto (d)entro ad ogni persona. E la persona diventa, di conseguenza, un robot (pre)programmato per obbedire, simulando per intero quel grado di “libertà”, che lo traveste d’altro agli occhi dei propri simili e di stesso. Come una possessione, che ha il permesso centrale dell’essere umano di essere posseduto.
Nel Mondo, ad esempio, è possibile riscontrare simili realtà, tutte quelle volte che uno Stato va in “crisi” e non ha la possibilità di emettere moneta propria (Cipro, Grecia, etc.), dovendo (ri)correre agli “aiuti internazionali” dei soliti noti.
Interessi mascherati d'aiuto, ovvio...


È la sovranità che va perduta, insieme all’energia individuale e d’insieme.
Ma… dove mai andrà a finire, tutto ciò che si (dis)perde?
He He He… nulla va mai davvero perduto. Il tuo debito corrisponde sempre ad un credito.
Per chi/cosa?
E “qua” che sei divenuto “cieco”.
Obama loda decisione Sony Pictures di proiettare The Interview.
Il presidente americano Barack Obama ha lodato la decisione della Sony Pictures di proiettare la sua pellicola su Kim Jong-Un in un numero limitato di sale negli Stati Uniti, nonostante le minacce di rappresaglie degli hacker.
"Come presidente l'ho detto chiaramente, il nostro Paese crede nella libertà di espressione e nel diritto alla libera espressione artistica", ha affermato il portavoce della Casa Bianca, Eric Schultz. "La decisione di Sony… permetterà al pubblico di farsi la propria opinione sul film e l'apprezziamo".
Link
Una grande pubblicità? Se non proprio per il film... certamente per lo "stile di Vita Usa". Qualcosa di ingannevole tanto quanto la possibilità conferita al "pubblico di farsi la propria opinione", visto che il film (ri)sente sempre dell'opera ingegneristica della "Regia" ed il (ri)corso alla "finzione letteraria" è sempre maggiore, mischiando gradi di realtà e confondendo d'insieme proprio il pubblico.

Infatti...
Premier ungherese: Washington trascina altri paesi nel suo conflitto con la Russia.
Il primo ministro ungherese, Viktor Orban ha accusato gli Stati Uniti di interferire negli affari interni dei paesi dell'Europa centrale, sottolineando che  Washington sta trascinando gli  altri paesi nel suo conflitto con la Russia.
"Gli Stati Uniti non si limitano semplicemente a interferire, ma sono un partecipante attivo nella vita politica interna dei paesi dell'Europa centrale", ha detto martedì Orban nel corso di una intervista televisiva citato dalla PressTV.
"Gli americani vogliono trascinarci in un conflitto dal quale non potremo uscire ... quindi dobbiamo tenerci fuori", ha detto il premier ungherese...
Link
Standard & Poor: al ribasso l'outlook della Russia.
L'agenzia Standard & Poor's rivede al ribasso l'outlook della Russia, mettendolo sotto osservazioni con implicazioni negative. L'outlook era negativo.
Il rating della Russia attualmente + "BBB-", una nuova bocciatura lo porterebbe ad solo gradino sopra il livello spazzatura. Una decisione, quella presa dall'agenzia americana di valutazioni, che avrà implicazioni sul rublo già messo sotto pressione nelle ultime settimane.
Link
Di concerto… tutto torna e (ri)torna.
Che cosa si “estrae” da te?
Ad ogni livello, si ricava “valore aggiunto”.


Ma, per capire che cosa accade, se non prendi in considerazione l’attore che non si fa vedere… allora continuerai a brancolare nel buio, facendo una eterna lotta tra “poveri”.
Sulla tavola della “tua” realtà, mancano alcune “carte”.
Attenzione:
non sono coperte, ma... mancano proprio!

Senza la comprensione che deriva dal “veduto”, ti manca anche il tassello centrale che rende la realtà (diventata) diversa da quella che “è”.
Elicitare… (dal lat. elicitare, frequent. di elicere “tirare fuori”)…
In psicologia, riferito a comportamenti o condotte, stimolarli, ottenerli mediante domande o altri stimoli
Link
Riferito a comportamenti o condotte, stimolarli, ottenerli mediante domande o altri stimoli
Che cosa s’intende ottenere da te?
Chi lo intende ottenere?

Ipotesi di accesso differenziale.
Perché usare metodi di elicitazione fra loro diversi?
La ragione principale si basa sull'ipotesi di accesso differenziale (Cooke 1999):
differenti metodi di elicitazione possono far emergere tipologie di conoscenza diversi.
Ad esempio, non sempre quello che un esperto dice di fare corrisponde davvero a quello che fa.
Diventa dunque necessario confrontare ed integrare il materiale che emerge da metodologie diverse.
Link
Non sempre quello che un esperto dice di fare corrisponde davvero a quello che fa…
Il “segreto” è un atto di auto protezione. Qualcosa che ha senso quando si vive in un reame che drena (frattale)...
Diventa dunque necessario confrontare ed integrare il materiale che emerge da metodologie diverse…
L’Analogia Frattale è, anche in tal caso, un valente mezzo per porre al centro il soggetto osservato, anche se “non esiste”, al fine di permettere di scorgerlo attraverso i riflessi e i comportamenti bizzarri della “luce”, segno evidente che… oltre all’inganno della (s)vista esiste qualcosa d’altro.
Grounded theory: cos'è?
La grounded theory è un processo investigativo induttivo in cui il ricercatore formula una teoria in merito ad un fenomeno attraverso la raccolta ed analisi sistematica di informazioni rilevanti (Pace 2004).
La ragione alla base di questo approccio è di permettere al ricercatore di rimanere aperto a concetti e relazioni che emergono dai dati, e di non rimanere eccessivamente legato alle proprie assunzioni e pre-giudizi.
Link

La teoria dei costrutti personali.
Secondo la teoria dei costrutti personali, gli esseri umani creano rappresentazioni delle loro esperienze e dei loro concetti.
Queste rappresentazioni si basano su elementi, ovvero esemplari, che si riferiscono a concetti.
Le rappresentazioni degli elementi sono caratterizzate dai costrutti, che si assume siano bipolari (buono cattivo, alto basso).
La repertory grid technique è un approccio sistematico per far emergere i costrutti (o, più in generale, gli attributi) di un elemento o di una categoria...
Link


(Ri)fletti:
se non “sai”, non “vedi”, non “senti”, l’attore principale che rimane nell’ombra… come puoi essere completamente te stesso?
Il tuo comportamento, il tuo essere… saranno diversi, rispetto a quella realtà garantita dalla completa emersione di tutti gli attori.
Per cui, ogni “teoria” che non sia frattale, parte da una situazione di parzialità, essendo il controllo (in)diretto, a monte e non locale.
Ok?

Riassumendo, l’elicitazione dei requisiti utente (User Requirements Elicitation, Ure) è un passaggio cruciale nello sviluppo di sistemi software.
Si tratta di un’attività di natura prettamente comunicativa e interdisciplinare, che richiede un ascolto attivo del committente e una combinazione di abilità e competenze che possono essere esercitate solo con la pratica e la guida di professionisti.
Infatti, nonostante vi siano una varietà di tecniche e approcci all’Ure, nonché diversi metodi suggeriti per selezionare la tecnica di volta in volta più adatta, al momento non ci sono programmi o percorsi di formazione specifici…
Link
Che cosa si estrae da te?
Chi estrae da te?


Due domande alle quali tu non puoi rispondere, perché (1) non sei consapevole dell’estrazione (2) non sei consapevole della (com)presenza, che estrae (3) vivi a valle di un processo che è principale rispetto a te…
Tutto, quindi, risulta “compromesso” all’origine.
Buoni fruttiferi postali, Codici: ecco come avere i risarcimenti giusti.
Codici continua ad occuparsi del bluff dei buoni fruttiferi postali.
Tanti i consumatori che si sono rivolti all’Associazione:
Poste Italiane sta rimborsando il 20% in meno delle somme dovute sui buoni fruttiferi, per un’errata interpretazione di un decreto ministeriale del 13 giugno 1986.
Ai fini del calcolo degli interessi, infatti, non viene applicata la tabella riportata sul buono, ma tassi inferiori stabiliti dal decreto, ritenuti applicabili anche a serie di buoni emessi prima della sua entrata in vigore.
"Tale interpretazione è errata, come sancito dalla Suprema Corte di Cassazione e dall’Arbitro Bancario Finanziario - ricorda Codici - che riconoscono la prevalenza delle condizioni di conteggio riportate sul buono e la non applicabilità del decreto".
Poste Italiane invece ritiene che le condizioni riportate nella parte posteriore del buono non abbiano valore perché superate da quelle del decreto ministeriale.
Il problema principale è che generalmente i consumatori non sono a conoscenza di tutto ciò e non si rendono conto, nel momento dell’incasso, di aver percepito somme inique. Ma ad avere difficoltà sono anche quelli più informati, visto che ogni buono costituisce un caso a sé e non è possibile stabilire a priori quali siano i giusti importi da incassare.
Link
Il problema principale è che generalmente i consumatori non sono a conoscenza di tutto ciò e non si rendono conto, nel momento dell’incasso, di aver percepito somme inique…
Ok?
Ma ad avere difficoltà sono anche quelli più informati, visto che ogni buono costituisce un caso a sé e non è possibile stabilire a priori quali siano i giusti importi da incassare
 
Se l’anno scorso, le Poste avevano dedicato una parte del loro sito ai bambini ed al Natale
Letterine a Babbo Natale, Poste Italiane risponde ai bimbi con un dono…
16 dic 2013
Link
Quest’anno non c’è nulla. C’è “solo” il vuoto. Ergo:
c’è solo l’interesse mascherato da “nulla”.

Nel 2014 l'iniziativa (ri)guarda nuovi alberi da piantare.

Il Pianeta degli alberi di Natale, by Poste Italiane.
Altrove paradossale.
Interessarsi a Babbo Natale, significa forse passare in un altrove assoluto in cui si declinano le idee di sogno, magia, mistero, infanzia eterna, paradosso.
Babbo Natale è lo strumento dell’infanzia resa perenne - persistente come gli aghi dell’abete di Natale - e tuttavia il personaggio è un vecchio. Il suo passato è ignoto. Com’è nato? Non si sa. Da dove viene? Dove abita? L’uomo si diverte a confondere le tracce. Che cosa fa al di fuori di Natale? Mistero.
L’epoca stessa della sua manifestazione - Natale - è sempre stata un periodo a parte, una specie di anno in formato ridotto che gli Antichi chiamavano ciclo dei 12 giorni (così come ci sono 12 mesi in un anno).
Ma il solstizio d’inverno era anche il momento delle feste paradossali, del capovolgimento delle regole:
gli schiavi diventavano padroni. I padroni, schiavi. Si insultavano gli dèi con le ingiurie peggiori. I bambini diventavano re...
Sì, questo "Altrove" suggerisce una dimensione paradossale, improbabile. E i paradossi non mancano al personaggio di Babbo Natale. Il brav’uomo se ne va a passeggio durante il solstizio d’inverno come un funambolo su un filo d’oro, teso tra la luce e le tenebre, tra il bene e il male. Il sole si trova al suo punto più basso:
rinascerà la luce?
Per secoli, gli uomini hanno vissuto nella paura di questo cataclisma, nel timore di una non rinascita dell’astro luminoso.
Babbo Natale e i suoi antenati sciamanici hanno contribuito a mettere  in scena questo ritorno annuale annunciato. Creatura completamente benevola oggi, aveva un tempo tratti più cupi, che poteva incarnare lui stesso o che toccavano in sorte al suo misterioso e terrificante accompagnatore che i francesi, in particolare, conosceranno con il nome di Castigamatti.
Ancora un paradosso:
negli ultimi anni, Babbo Natale è stato presentato sia come il grande eroe della laicità contro l’oscurantismo religioso sia come il cantore della religiosità, in quanto dio che rinasce e ci invita a osservare il suo culto e i suoi rituali. Del resto "non capita tutti i giorni all’etnologo - scriveva Lévi-Strauss - l’occasione di osservare, nella società in cui vive, lo sviluppo improvviso di un rito, e persino di un culto".
È altrettanto paradossale che Babbo Natale, dio dei tempi moderni, sia nato - in un certo senso e vedremo in quali condizioni - da un santo cristiano. Stupefacente ribaltamento della storia, poiché all’alba del cristianesimo tante divinità pagane furono trasformate in santi.
E non è meno paradossale che il simpatico personaggio di Natale sia stato l’oggetto di così pochi studi.
La vera storia di Babbo Natale - Arnaud d’Apremont



Altrove” ma non più “qua”…

Comunque, nel miglior segno della tradizione e nell’intento più profondo:
Buon Natale.
Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2014/Prospettivavita@gmail.com