lunedì 17 novembre 2014

Una verità di ordine diverso.


Non è impossibile... è necessario!
Interstellar
Questa è una citazione che (ri)manda (e… “completa”) alla più famosa espressione:
nulla è per caso.
Che, anche da sola, deve far riflettere seriamente sullo stato del Mondo “attuale”.

Perché la società d’insieme ha “(ri)colorato tutto di queste tonalità… grigie”?
La realtà di riferimento è “grigia”, perché SPS è… pessimista?
Non ti sembra, piuttosto, che il “colore” che applichi alla realtà dipenda, intrinsecamente, da “come ti vanno le cose”? 
Ossia, se ti alzi “sereno” (per qualche motivo inspiegabile o, magari, perché hai vinto cinquanta euro al lotto), la realtà sembra molto più “leggera” e, insomma, "te la fai andare bene" anche se… ella è sempre la stessa di qualche attimo prima…
Sei tu che la (ri)definisci in funzione di come ti senti.
Tu scolpisci qualcosa? No. Ti limiti a percepire l’ambiente.
Filtrandolo attraverso di te. Ma l’ambiente è “così” come d’insieme è divenuto. In ciò si delineano perlomeno due aspetti inerenti alla realtà:
  1. quello che senti, opponendoti per filtro interiore
  2. quello che “è”.
Il tuo percepire in funzione di uno status interiore è fine a se stesso, quando “personalmente” ti limiti a questo, mentre agisce concretamente sulla realtà, quando ti muovi direttamente in essa. È come il sognare e l’essere svegli.


Ed, ora, tu stai sognando da sveglio, ossia, vivi nel “terzo stato quantico” senza averne la consapevolezza, in maniera tale da incidere nella realtà in funzione di un mix di leggi (gerarchiche, complesse), che non sei tu a governare, bensì, gli “eventi stessi” (come parti di programma, lanciate da una intelligenza di gruppo, che non sembra avere una origine, un fine e una destinazione).
Ti mancano le risposte, e… nessun tipo di “sviluppo” derivante dal rimanere nell’attuale tracciato del solco d’aratro, ti permetterà di “agganciare” verità appartenenti ad un ordine “diverso dall’usuale”.

La “verità di renderà libero”? See… quale tipo di verità? Capisci?

Esistono infinite verità, mentre sei nel “letto del fiume”, ed al massimo puoi muoverti in “larghezza” (libero arbitrio) mentre, in realtà, la corrente spinge solo ed esclusivamente in una sola e delineata direzione (per mezzo della “pendenza” impressa al/nel territorio e dell'inerzia conseguente).

La "pendenza" (controllo) è implicita.
È una struttura multipla e complessa, regolata da vincoli gerarchici e da leggi locali interfacciate a leggi non locali; qualcosa che alla tua attuale “latitudine” risulta estremamente difficile da (de)codificare.
Una verità di ordine diverso, ti può rendere veramente “libero”.
Non delle verità appartenenti al medesimo “ordine”, nel quale “sei”.
Giappone: Sorpresa negativa dal Pil, è recessione.
L'economia del Giappone è entrata a sorpresa in recessione.
L'Ufficio di Gabinetto ha comunicato oggi che in base alle sue stime preliminari il Pil è calato nel terzo trimestre del 2014 dell'1,6%. Gli economisti avevano previsto una crescita del 2,3%...
Link
Non è possibile ma… necessario. Il caso non esiste. Per cui? “Serve” (chi/cosa/perché/come…). 
Juncker, entro fine anno investimenti da 300 miliardi
"Prima della fine dell'anno, lanceremo un pacchetto di investimenti a livello di Unione Europea del valore di 300 miliardi di euro, mettendo in campo una nostra cabina di regia, un hub, assieme alla banca europea degli investimenti e alla commissione europea", ha sottolineato Juncker davanti alla platea dei capi di stato e di governo.
Che è esattamente quanto chiedeva Renzi alla vigilia del summit internazionale. "Accolgo favorevolmente il piano di investimenti del presidente Juncker", ha spiegato il presidente uscente del Consiglio Europeo, Herman Van Rompuy, "perchè crediamo che ci sia una forte sinergia tra gli investimenti del G20 e quelli europei".
Serve uno sforzo aggiuntivo per poter finalmente dare il calcio d'inizio alla partita per la ripresa economica…
Link
  • lanceremo un pacchetto di investimenti a livello di Unione Europea del valore di 300 miliardi di euro
  • mettendo in campo una nostra cabina di regia, un hub, assieme alla banca europea degli investimenti e alla commissione europea
  • crediamo che ci sia una forte sinergia tra gli investimenti del G20 e quelli europei…
Tu, in tutto ciò… “dove sei”? Che cosa “conti”? Come “dici la tua”? Chi/cosa sono queste “istituzioni”? Che cosa c’entrano ancora con te? Che cosa sono divenute? E… perché?


Cosa... (non)vedi?
 
È un “investimento”, ciò che ti (pro)pongono, anzi… che “decidono per te”; ossia, ti investono con le loro decisioni
E con quale chiarezza?
Senato, interrogazioni seduta 13 novembre: Battista
Al Ministro della difesa - Premesso che:
in sede di conversione del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90 sulla riforma della pubblica amministrazione, tra le modifiche apportate al testo originale vi è quella della soppressione del comma 4, dell'articolo 1, che introduceva una deroga fino al 31 dicembre 2015 per consentire all'amministrazione militare di trattenere in servizio i militari, collocati in ausiliaria, e richiamati ai sensi degli articoli 992 e 993 del codice dell'ordinamento militare, di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66;
l'articolo 1, comma 2, del decreto-legge citato, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, stabilisce che "i trattenimenti in servizio in essere alla data di entrata in vigore del presente decreto sono fatti salvi fino al 31 ottobre 2014 o fino alla loro scadenza se prevista in data anteriore"...
Link
Come puoi… “competere” se non comprendi?
 
Quanti rimandi ci sono nel linguaggio politico, burocratico, avvocatesco?
Tu sei (pre)visto
Codacons: sarà un altro Natale d'austerity, consumi giù del 5%...
Link
Te lo dicono già a novembre! E tutto (ri)sente dell’attuale paradigma, basato sulla “scarsità di denaro”.
Iraq: l'Isis presenta la propria moneta: sette tagli in oro, argento e rame.
Sette tagli di monete in oro, argento e rame il cui valore nominale corrisponde a quello intrinseco, cioè della quantità di metallo che contengono.
È la nuova valuta dell'autoproclamato “califfato” che controlla alcuni territori in Iraq e in Siria. L'Isis aveva annunciato da tempo l'intenzione di battere una loro moneta, ma solo oggi l'hanno presentata, con tanto di illustrazioni e spiegazioni.
Link
Oggi l'hanno presentata, con tanto di illustrazioni e spiegazioni. 
Iraq e Siria sono davvero due Stati sovrani? Come può sorgere dal nulla, qualcosa che prende possesso di territori sottoposti al vincolo giurisdizionale di due popoli millenari?
Come può accadere, senza l’intento ed il permesso (in)diretto, ad esempio, degli Usa? Ossia, coloro che "danno la caccia al "califfato" stesso, (per)vadendo... territori che, altrimenti, avrebbero dovuto invadere diversamente. 
Accade solo ciò che “serve”, perché sei all’interno di un paradigma mentale, che ha un “padrone”:
chi ha intessuto il “sogno”.
E, nel sogno altrui, tu (in)segui sempre, non sei “lucido”, non (ri)cordi, hai paura, sottostai, temi senza un motivo concreto, vieni sempre dopo, vivi in una "tua" differita, assapori un destino scritto per te da altro.
Su quale direzione sei?
Verso dove dirige il Mondo?
Tu che cosa fai, che cosa dici, cosa conti, dove sei?


In Interstellar, SPS ha (ri)trovato perlomeno due (ri)conferme:
(1) l’Analogia Frattale (a prescindere dal “come e dove sei”, l’ambiente ha tutto quello che ti occorre, in termini di informazioni, codificate in maniera sempre alla tua “altezza” ma, filtrate attraverso la tua opera, indiretta, di incomprensione di te stesso), ad esempio, nel film… è la camera della ragazza, nella quale c’è tutto quello che occorre per rendere obsoleto persino il partire/esperienza, perché…
(2) è già avvenuto, tutto ciò che – ora – ti serve.

"Non credo che la libreria ti sta parlando". Interstellar
(1) C’è già tutto, sin da ora, attorno a te (Analogia Frattale) (2) perché… “è già avvenuto” ed – ora – devi solo “sentire, ascoltare, percepire, (ri)allacciare”… una verità di ordine diverso.
Anche l’App-licazione della “preghiera”, esce (ri)convertita dalla visione del film:
da una mera (ri)chiesta di “indulgenza personale” (a “non sai mai chi” e “senza sapere a cosa veramente vai incontro, in cambio del favore concessoti”) a qualcosa che… mantiene fermo il proposito della connessione tra dimensioni diverse, ossia, quella stretta interdipendenza “familiare” (legame), che rende ogni rapporto certamente più “sincero, contemplativo, privo di possesso ed interesse artificiale su base di scarsità… qualcosa che davvero si avvicina a quel surrogato senso, tanto in voga, di… Amore (una forza annusata alle sue estremità e scambiata per qualcosa che si suppone di capire, quando ci si interfaccia agli altri ma con fare dettato dal paradigma attuale, che rende tutto schiavo e dipendente da/di un nucleo centrale, che sfugge e che parla una lingua incomprensibile (pagina "Aggiornamento").
Beh… è logico che dovresti vedere il film.
Quando la figlia dell’astronauta gli parla attraverso un videomessaggio, sono passate decine di anni dalla partenza del padre, per lo Spazio… eppure la sua trasmissione giunge ancora al padre che, dalla propria posizione, riceve, capisce, soffre e gioisce, ma… senza poter contraccambiare il messaggio, senza poter rispondere, per cui… sulla Terra accade che “si vive di speranza” e che “il proprio messaggio sincero per i proprio cari” prende un nome (visto che tutto deve prendere un nome convenzionale), svuotandosi del suo significato “sanguigno/energetico”, divenendo – appunto – una “definizione” molto spesso vuota ed ormai senza senso, cioè:
una preghiera
una (ri)chiesta espressa al “vuoto di se stessi”.

La "gravità" s'incide nella realtà ed incide la realtà.
Nell’abitudine gravitazionale ci si smarrisce e si perde la propria “originalità”.
Tutto ciò che si “esegue” diventa sempre più privo di connessioni con l’atto originario.
Si dimentica perché, ad esempio, una volta si… pregava. E si diventa dei meri esecutori di/per una (ri)chiesta, che diventa a sua volta un “chiedere qualcosa perché manca, non tanto perché non hai, bensì... perché non ti sembra di avere”.
Il paradigma di scarsità comanda (campo magnetico) e plasma tutto di (con)seguenza (gravitazione); anche l’atto spirituale (energetico) (orizzonte degli eventi)…
Una verità di ordine diverso, invece, ti rende libero… da tutto ciò "in cui sei” e non, certo, "che sei"
Che cosa è “diverso”? Beh… ad esempio, tutto ciò che risulta, persino a te, (im)possibile. Tutto ciò che, ora, viene giudicato come (im)pensabile. Tutto ciò che va in una direzione, diversa, rispetto al sentire ed a ciò che le leggi d’interesse spingono a “credere”.
Ciò che persino nelle tue preghiere, ormai, (ri)chiedi a più non posso:
un favore, una grazia, una vincita, una promozione, un’assunzione evidentemente non in cielo, etc.
Questo “pregare” implica uno scambio energetico, che nemmeno intuisci.
Qualcosa che tu non padroneggi e che, invece, ti (ri)torna indietro, come un boomerang (in)direttamente “investendoti”…
Perché, si racconta, che gli Dei avessero necessità del tuo pregare? Perché è tanto importante il tuo “piegarti e/a dipendere”?
Vedila frattalmente:
che cosa ottiene un “artista” quando la propria opera riceve una pubblica conclamazione? Quando egli stesso diviene un’opera d’arte?
He He He (è il momento della consueta risata)…
 
Egli ottiene il “successo”. Ottiene che altri esseri, esattamente come lui/lei, lo onorino della loro ammirazione e che, dunque, lo rendano “immortale”, per mezzo del loro “servire”, per mezzo del loro “(ri)cordare” (pregare).
Nella realtà, l’artista diventa ricco, famoso e pieno di possibilità.
Gli Dei diventano, analogamente, potenti, necessari, utili, centrali, etc., per cui, diventano…
il tuo “simulacro”, (d)entro al/il quale ti puoi specchiare e puoi “cambiarti d’abiti, perdendoti in te stesso e nella realtà che vai a fissare (in)direttamente (incanto).


Simulacro:
statua
immagine
pittura
dipinto
tavola
effigie
idolo
parvenza
Passato (coordinata per il... futuro).
È, ancora, il principio della (ri)nascita, della clonazione artificiale, della replica, del loop, del (ri)percorrere ancora e sempre una direzione impressa come/in (con)seguenza di qualcosa che... è già avvenuto e continua a (s)fuggire, dando l’impressione opposta, ossia che:
esista un destino da raggiungere, che dipende da te.
L’orizzonte è sempre lo stesso.
È l’Oltre Orizzonte che cambia la prospettiva derivante dallo “scenario reale convenzionale”…
Il “Programma e LSD (denaro illimitato come risorsa naturale per tutti; vivere di passioni che trasformano quello che fai in quello che sei... Arte in movimento) vanno nella direzione “OO” (Oltre Orizzonte).
Non è impossibile... è necessario!
Interstellar
La verità di ordine nuovo, ti renderà libero.
 
Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2014/Prospettivavita@gmail.com