giovedì 2 gennaio 2020

Esperienza “topo”.



L’anno 2020 è iniziat3 con un’esperienza particolare:
l’irruzione di un topo, in casa (durante la notte dell’ultimo dell’anno)
e
risoluzione (sigh) dell3 faccenda, nel corso del giorno del primo dell’anno.
Qualcosa che si “risolve”, all’esterno dell3 casa, ad opera di… gatti che, non ne volevano sapere di entrare in casa, ma, esternamente hanno seguito il “proprio” istinto.
Significato = l3 riconferma dell’antico giogo del gatto col topo. Col gatto che attende il momento migliore per… (essendo già a pancia piena).
Dunque, il ragionamento parte da tale auto constatazione. E, in seguito, prende ad espanderne l3 portata, sino a r-aggiungere anche il “destino” della specie “umanità”. 
Alle prese con...?
Perché, è im-possibile estendere l’esperienza sino al cammino uman3 (nel) “qua (così)” (ossia, auto rendendosi conto che non c’è alcun3 differenza sostanziale tra… e…)? 

Perché, l’ambiente funziona in ogni aspetto dell’esperienza (dall’essere carnefice, all’essere vittima o, meglio, dall’essere legge, strumento, memoria, all’essere neutr3, neutrale, neutralizzante… relativamente proprio al tipo di “futuro” di ogni specie, ivi auto ricom-pres3 anche quell3 “dominante” o… umana, che sembra terminare l’incipit gerarchia, ma, bada bene… non è assolutamente “così (nel) qua (così)” o Anti-Sistema.
Il “giogo” a/in cui si ritrova l3 specie umana, infatti, sostanzialmente si riattua, ment®e tu sei “tu” e dunque poni grande attenzione al dato “di fatto”, che non sembra incorporare il significato o sostanza/essenza di ciò (chi) “è già success3” e per ciò continua a succedere, non visto che… non esiste; c’è

Ecco, di/in conseguenza, ciò che sembra l’etern3 rin-corsa del gatto col topo (o sopravvivenza).
Con l’essere “natura(le)”... che riflette e, non, anticipa (se non nell’accezione della memoria che ricorda, nonostante “tutt3”, ogni pregresso). 
Quindi, sei in qualcosa dove “sai” perché ti dicono fino alla noia che… ovvero “serve” che tu sappia e ricordi proprio tale forma versione del reale. 
Allora, tenderai a “sapere (credere)” che ci sia “evoluzione”, mentre “studi (immagini)” l3 storia (deviazione standard) del genere uman3 e della Terra.
Infatti, ti presentano resti umani/ominidi che “di-mostrano” scientificamente proprio tale forma di “evoluzione”, che fa parte del piano “industriale” eco-dominante, per “te”.
Ergo: 
tutt3 ciò che proviene dall’antichità equivale, allora, a qualcosa di paragonabile al risultato di menti “infantili”, semplici e primitiv3 o in-civili/selvagge. No?
Eppure, così… tanto per continuamente stupirti/s-piazzarti, nei vari format ad hoc, vengono gonfiat3 ad arte, “misteri” di ogni genere/tipo, di modo che ci sia sempre del dubbio, nonostante ogni ferm3 “ragione” del fondo scala apparente “scienza-religione-spiritualità”. 
Eb-bene, tale forma di “dubbio (mistero)” serve per man-tenerti sempre sull3 “corda”, preferendo comunque non abbandonare mai il percorso Anti-Sistema, che seppure se “in-giust3, sostanzialmente”, ti permette di tirare ogni volta sino a fine giornata, settimana, mese, anno, pensione, etc. 
Tuttavia, l’aleggiare costante del “dubbio (mistero)”, significa = qualcosa che effettivamente non (ri)torna, anche se c’è. 
Non a caso, auto decodificando a livello di atteggiamento “formulare” il concetto di “Eden” e/o di “età dell’oro” - non importa se non databil3 scientificamente, né se non confermat3 dall’essere scienza – emerge (ricavi) che:
se c’è stat3 “evoluzione”
allora, piuttosto
si tratta
sostanzialmente di…
“involuzione (equilibrio di/in p-arte)”
pro-venendo da un3 condizione di “giustizia totale (Eden = Sistema)”
vs
un3 condizione di in-giustizia globale (Anti-Sistema).
Dunque, come si s-piegano i reperti ritrovati, a testimonianza dell’avvenut3 “evoluzione” dell’essere “umanità”?
Come si spiega l3 classificazione della capienza cranica, che “mette in fila” teschi appartenenti a “scimmie, ominidi ed esseri umani ‘modern3’”? 
Bè… quale evoluzione potrebbe esserci, esponendo resti di specie divers3 e dimenticando completamente l’im-possibile intervento “industriale (per interesse proprio)” altrui? O... “creazione”.
Di più, giungendo ad e-leggere un “campione (Darwin)”, adatt3 proprio al forgiare di giustezza, l3 dima (teoria) più adatta al fine di… 
Risultato
Ciò che “sai, ora”, nonostante quest3 continui ad incorporare ed irradiare un significato di tipo diametralmente o sfericamente… oppost3. 
Se (se), anche in tal “caso”, ti dicono che provieni dall3 condizione “Eden”, infatti, come puoi credere - allora - di esserti “evolut3”, in qualcosa di tal-mente in-giust3 (nella sostanza = in gerarchia)? 
Tale logic3, viene saltata a piè pari da ogni processo ad opera dell3 classe “esperta”, che si pre-occupa per “te”, di fornire un3 s-piegazione ad hoc, a “tutt3”. 
Insomma, al posto “tu3”, c’è chi decide quale sia l3 versione del reale che, a cascata, devi far “tu3”, a posteriori, nel durante (o differita sostanziale).
Qualcun3 che lavora, come te e che in quanto tale, dipende, come te, essendo chiunque (nel) “qua (così)”, all3 prese con cosa “è” ch3 non esiste; c’è (ecco l’anello di congiunzione “mancante”, tra ogni ambito e l’ambito portante che strategicamente “lavora” tutt3 in modo in-immaginabile) = il giogo del gatto col topo (che tra l’ultimo dell’anno ed il primo dell’anno, si è ripetut3).
Non a caso, di fatti, se ometti il numero dell’anno, non rimane che l3 ciclicità esasperante dell3 “fine” e del “nuov3” inizio = loop o auto incanto (interesse di qualcun3, per te che potenzialmente… se credi di essere “te”, allora sei come un prodotto ad alt3 valore aggiunto, per… tale essere qualcun3).
Se, poi, eludi il discorso evoluzionistic3 e ri-pari verso quell3 che af-fonda nella “creazione”, apriti (o, meglio) chiuditi cielo:
“Dio” ha proprio il significato dell’incarnazione globale dell’interesse di qualcun3, per te/“te”.
No
Un3 ferma compresenza eco-dominante, che auto manutiene tutt3 ciò in equilibrio stabile attorno ad un centro portante sul modello Blockchain e con ogni particolarità dell3 tecnologia “moderna”, in termini di non-azione informatic3 di ogni “componente”.
In-somma, c’è sempre verosomiglianza trae…, nell3 misura in cui si tratta di un unicum, sostanzialmente.
Qualcosa (qualcun3) a/in cui, proprio, non puoi/devi credere.
Vero? 
Dall’antichità sopraggiunge informazione di tipo ambientale che, guarda non caso, tendi ad omettere dall’auto decodifica del campo reale “compresente”, in termini di vicissitudini che ad/in ogni istante ti “capitano” e, dunque, devi continuamente “risolvere”, ciclicamente (a prescindere da ogni “diversità” che pretendi di “avere”). 
Il possesso di denaro/potere, infatti, non esclude nessun3 dal fronteggiare sempre tale onda di marea senza apparente fine, tant3 da essere s-cambiat3 per “necessarietà” oppure “vita”.
In tale onda portante o Anti-Sistema, c’è anche l’essere Sistema, che non “registri” perché (nel) “qua (così)” è divenut3 utopia (come dovrebbe essere), anche se comprendi l'essere e continuare ad essere Big Bang;
dunque, come ti dovresti porre nel mix Anti (e) Sistema?
Se (se) dall’atteggiamento “formulare”... potresti renderti conto di quale combinazione numeric3, ad esempio, continua a caratterizzare eventi positivi (compresenza = codice = significato = funzionamento) e quale, all’opposto, eventi negativi.
È un buon inizio per accorgerti (senza pensare di decadere nel campo dell3 superstizione, non accadendo nulla per /a caso = tutt3 è verità).
Per, poi, colmare il gap con l3 logica “ambiente che funziona” e… “ambiente codificat3 (per via del tipo di potere eco-dominante + ogni sottoDomin3, che devia e dunque obbliga l’informazione ambientale, parimenti, a non esserci seppure c’è).
Ovvero, l’atteggiamento eco-dominante rivela anche il funzionamento dell’ambiente che, tuttavia, essendo anche registro (del funzionare/funzionamento), allora, riesce sempre a raggiungerti nonostante “tutt3”.
Qualcosa che, però, va auto decodificat3 ad hoc (ad esempio, rimanendo centrale e portante, dal punto di sospensione dell’atteggiamento “formulare”).
Se… giungi a tale tipo di accortezza (ad esempio):
“222” (ok) Vs “999” (ko)
“999” che, al contrario (ti) fornisce “666” (che allora è ‘ok’ e, non ‘ko’)
puoi iniziare/continuare, da te, ad auto decodificare il “come funziona l’ambiente”
a prescindere ed anzitempo (laddove “conta” solamente ogni tu3 esperienza e basta).
Quest3 sono le combinazioni che, personalmente, accompagnano SPS (Me) sin da quando è stat3 raggiunto il momento di accortezza (è compars3, prima, la combinazione 22, poi il proprio intensificarsi e, in seguito, il “contrario”).
Ancora, dopo, è emers3 che “999” è, di più, l3 fine di qualcosa (ciclo) ed il relativ3 “nuovo” inizio = un loop a caratteristica auto conservativ3, che permette di evidenziare l3 compresenza, dunque, di cosa (chi) ne permette l3 permanenza, proprio come se si trattasse di un vortice ciclonico, che rimane (in) globalmente “locale”, nonostante ogni credenza che permette l3 focalizzazione sulla cosiddett3 “bio-diversità”.
Il “9”, sembra, concludere qualcosa, ma, sostanzialmente… chiude solamente un ciclo, rimanendo nell3 spirale che ti ha dal momento in cui “è già success3” in poi (ecco l’evento “sede” dell3 perturbazione ciclonica).
Allora:
se “666” è spacciat3 per “distruzione”, “999” lo è per “creazione”, ma, nell’Anti-Sistema funziona al contrario.
“999” è come un gate/door-porta:
ed è soprattutt3, informazione ambientale, a prescindere (codice, codifica, significato, funzione, funzionare, funzionamento, memoria, verità, etc.).
Tendi, allora, a s-cambiare sempre ciò che significa, con ciò che sembra (anche se frutto di un’analisi “esperta e concreta”). 
L’esempio è sempre quell3:
dell’auto caratteristica ambientale “gravità
r-ac-cogli solamente l’aspetto scientific3/“evidente”
anche se, di più
l’ambiente gravitazionale, significa l'effetto di (e dunque anche...) cosa (chi) continua ad approfittarsi di/in tale situazione o Anti-Sistema.
Che cosa proviene dall’antichità?
Ad esempio, ma causalmente, la “lingua” (al singolare, poiché se in gerarchia, allora, tutt3 proviene sempre da un “caso” limite o dima). 
E, “Fai…” attenzione, sembra che progressivamente, ment®e l’umanità si “evolve” socialmente, la “lingua” diventa via via sempre meno… “perfett3= serve che sia tale (nel) “qua (così)”. 
Ecco, allora, un nuov3 esempio di in-voluzione, piuttosto che 3l contrario. Anche se dal punto di sospensione Anti-Sistema, tratta-si di... evoluzione del proprio interesse per...
Le parole in Sanscrito hanno un significato più profondo, che la semplice parola stessa…
La connessione speciale tra suono e significato, li rende la stessa cosaLa sillaba, o parola, contiene il significato nella sua frequenza vibrazionale
Il neonato non ha bisogno di capire il significato di una parola. Gli basta la vibrazione della mamma per sentirsi più sereno…
Il linguaggio umano si presta a fraintendimenti…
Link
Chi ricorda (ed usa) ancora il Sanscrito? Domanda retorica. Vero?
Cosa c’è di più “comod3”, che il far scivolare l’umanità nell’auto dimenticatoio, pressando l3 “storia” al fine di essere de/ri-scritt3 attraverso un altro tipo di linguaggio, guarda non caso, più… adatt3 al separare significato e “significato”, dall’informazione – comunque sempre compresente – ambientale
Quale tipo di auto decodifica, allora, continuerai a fare, da un in-cert3 punto di riferimento (di/in sospensione) a conseguire?
Bè… oltre a continuare a prendere lucciole per lanterne?
Bah.
Il Filtro di Semplificazione è sempre “on”, ma, ciò non esclude di trattare anche con l’informazione ambientale dall’atteggiamento “formulare”, che non ha nessun problema a macinare ogni tipo di ambito, fermo restando sempre a/in sé.
Nel 1987, su Forbes, venne pubblicato tale articolo:
il sanscrito è la lingua ideale per la programmazione di software per computer”.
Una lingua morta che riusciva a trasmettere concetti logici con grande precisione, essendo più concisa e rigorosa, molto simile ad un moderno linguaggio informatico…
La lingua perfetta per il linguaggio delle macchine…
Una lingua antica almeno 6.000 anni sembra essere a tutti gli effetti un idioma così perfetto da consentire di interfacciarsi con i moderni sistemi informatici…
Link
La lingua perfetta per il linguaggio delle macchine…  =  dopo l3 “creazione”, infatti, la lingua perfetta per il linguaggio delle macchine…
Una lingua antica almeno 6.000 anni sembra essere a tutti gli effetti un idioma così perfetto da consentire di interfacciarsi con i moderni sistemi informatici = a cosa permette di interfacciarsi tale codice, allora, in forma di linguaggio?
All’ambiente, che è ciò che anticamente veniva chiamat3 Akasha, ad esempio. 
L’ambiente è informazione, IA, memoria, verità, nell3 sua continua accezione di funzione, funzionamento. Laddove è contemporaneamente, neutr3, neutrale, neutralizzante, essendo legge, strumento, memoria…
L’atteggiamento “formulare” diventa la chiave universale (essendo anche frattale espanso) per l’auto decodifica di tale informazione ambientale “qua”, a prescindere da ogni e qualsiasi mezzo di rivelazione (Anti-Sistema).
Ecco il famos3 ed in-dimenticato, “Apriti Sesamo”.
Non esiste; c’è… anche l’Oltre Orizzonte = a “cosa” permette di accedere l3 giusta intonazione vibrazione (significato, funzionamento, atteggiamento) ambientale, che non è solamente “parola”, bensì, chiave per
Tu puoi anche essere “qua”, da Oltre Orizzonte. Ok? Nel mondo, ma, non... del mondo (ti dice niente?).
Ciò, infatti, non significa che devi andartene via o “cercare” chissà quale “terra promess3”. Facendo “così (qua)”, continueresti a ricercare e, dunque, a non auto ritrovare nulla, ad esclusione di ogni ciclo che si rinchiude, per poi riaprirsi, ancora sostanzialmente identic3, seppure “tu” riesci a calcolare l’esistenza di ogni “certezza” scientific3-religios3-spirituale, di-mostrando in ogni modo (per asfissia generale = auto rassegnazione) che è “verità”, in qualcosa a cui “serve” proprio che tale versione del reale sia costantemente, sostanzialmente… Anti-Sistema.
Quando, persino, ti dicono che… l’orbita del tal Pianeta è influenzat3 dalla compresenza di “qualcosa” che deve esserci, ma, tant’è… non se ne sa nulla, a che cosa ti esponi, continuamente?
“Fai… attenzione che il ‘di fatto’ è già stat3 separato dal ‘sostanziale’, per cui… chiuditi cielo ed ‘apriti sesamo’ comporta lo stess3 tipo di loop che ‘222’ e ‘999’ auto non dissimulano, se sei ‘formulare’”.
Quando auto decodifichi l’ambiente, l’ambiente diventa anche per te… informazione utile a… ricordare l’autentic3 “storia del mondo”, che ha anticipato anche l3 formazione dell’Anti-Sistema.
L’ambiente è... come essere dentro ad un3 nave spaziale, che continua a funzionare (funziona).
E, anche tu, sei sostanzialmente “pien3 di sorprese, alias, di funzioni, funzionalità, etc. mentre funzioni e tutt3 funziona.
Sei un3 delle chiavi universali per… ne convieni?
Ti manca “solamente” di… interfacciarti, mediante atteggiamento ad hoc, pena l’essere sempre interfacciat3 in termini Anti-Sistemici, che servono all’auto mantenimento dell’incanto che ti ha come se fosse “natura(le)”…
Secondo lo zodiaco cinese, il 2019 è stato l'anno del maiale, mentre il 2020 sarà l'anno del topo
Link
Un caso? Piuttosto… significato.
      
Davide Nebuloni
SacroProfanoSacro (SPS) 2019
Bollettino numero 10-69
Riproduzione libera”.