giovedì 1 ottobre 2015

Il varco.



Ti dicono (e lo puoi provare da te) che le probabilità, che esca “testa o croce” (lanciando, ad esempio, la classica monetina), sono pari all’incirca al 50%. Il che significa una sostanziale “neutralità di fondo” del comportamento/risposta/presenza ambientale.

Facendo un test immediato (non certamente casuale), risulta che...
1 10 2015; inizio test ore 08:06:
  • croce
  • testa
  • testa
  • croce
  • Testa
  • croce
  • croce
  • testa
  • croce
  • testa
Come volevasi dimostrare. Il test ha fornito una sostanziale parità (10 lanci e “5 vs 5, 50%”).
Ok. Alloracome mai il reale manifesto registra, invece, una distribuzione di “valore/valori (pesi e misure)” intorno al rapporto 80/20, tendente a quello più sottile del 90/10, che cela la verità assoluta del 99/1 (la forma piramidal/gerarchica, che è cosparsa ovunque “qua, così”)?
Pensa:
  • il test, qua sopra riportato, è durato circa un minuto e ha dato un esito “certo”
ossia
  • che esiste una “parità di fondo” (ma sei proprio sicuro/a che sia, anche, una parità sostanziale?)...
Che cosa succederebbe se:
  • lanciassi un’altra serie
ed
  • il risultato si discostasse anche di un solo step, dalla parità?
Cioè, se su 10 lanci, uscisse un 6 vs 4? Le probabilità di fondo cambierebbero, d’un colpo, raggiungendo un “equilibrio di parte” pari al 60/40 (una differenza sostanziale).
Al fine che si generi una disparità simile, basta molto ma molto poco:
un solo lancio che “sgarra” (e non è affatto così difficile che riesca) ed "il dado è tratto".
Ad esempio; 1 10 2015; inizio test ore 08:19:
  • testa
  • croce
  • croce
  • croce
  • testa
  • testa
  • croce
  • croce
  • croce
  • croce
Wow, senza trucco e senza inganno  (10 lanci e “7 vs 3, addirittura”).
Può succedere ed è successo.
A tal proposito urge, quest’oggi, porre le basi per una riflessione approfondita su ciò che rappresenta l’apparenza e ciò che, invece, “è… la sostanza” di ogni evento, manifestazione, situazione, vicissitudine, reale, etc.
Ma questo lungo termine è una guida fallace per gli affari correnti: nel lungo termine siamo tutti morti”.
John Maynard Keynes
  
Non è vero... perchè "si muore un po' alla volta, non tutti insieme", in assenza di una "estinzione di massa" o di uno "status quo annichilente, dove gli esseri viventi sono tutti già morti dentro, ossia, tutti sotto ad un controllo centrale".

C’è una sostanziale “illusione di fondo” nel processo logico che porta la mente a generare, in continuazione, il pensiero (e tutto quello che ne consegue):
  • qualcosa che si diparte dall’ispirazione, che l’antenna mentale capta in giro per l’ambiente
  • o che raggiunge la mente, come un programma di una stazione radio o tv, alla quale la mente è agganciata.
Le probabilità che, alla lunga, si allineano alla parità, indicano solo che “esiste qualcosa che, alla lunga (ora per ora) ti riprende (reset)”, anche se – per abitudine – tu sei usualmente teso/a ritenere tutto ciò, come una sorta di equilibrio e, dunque, di giustizia.
Ora SPS ti invita a “fare spazio dentro di te”, perché c’è qualcosa d’altro che “spinge per ritrovare posto”.
Non è semplice trovare il modo di “illustrare qualcosa che tende, per ragione AntiSistemica, a sfuggire in continuazione”; quindi, mettici anche del tuo per favorire questo processo di “attracco”.
Le serie statistiche possono essere lunghe, medie, brevi. Che differenza portano?

Sul "breve" è ammesso anche uno squilibrio. Infatti, il secondo lancio di SPS, ha dato un rapporto 70/30. Qualcosa che partiva da un 50/50 e che, altri eventuali lanci, avrebbero ricondotto ancora alla somma mediana del 50%. Ok?
Ma, se sul breve può accadere anche uno squilibrio, che cosa significa e che cosa si ammette tra le righe?

Parti da “qua”:
  • lo status quo (il reale manifesto… dopo, diciamo, migliaia di anni di transizione e “lavorazione”) è in sostanziale “non equilibrio, ma… rispetto a cosa?”
  • rispetto ad una ideale logica di “giustizia”, dal punto prospettico dell’equità di trattamento, di “fortuna”, di possibilità di Vita alla propria altezza, di morale, di etica, di libertà, di democrazia, etc.
Che cosa è successo? Perché la realtà manifesta è tanto disarmonica se, invece, le probabilità di uscita testa/croce, alla lunga, indicano sempre un equilibrio di fondo?
Ragiona a partire, allora, dal secondo lancio di SPS:
70 vs 30 (una serie che, d’insieme, tende a sparire nella media dei lanci successivi e che, tuttavia, esiste).
Ma, allo stesso tempo, una serie disarmonica che ha distorto, per un certo lasso di tempo, il tessuto reale manifesto… a partire da quello potenziale (sì… perché, la disarmonia lo è dal punto di vista di “quello che ti aspetti” ma, in realtà, al di là di quello che ti aspetti… c’è molto ma molto altro, appunto, a livello di potenziale).
Dunque, per un certo tempo “x”, la funzione per “xl2” (l’esito del secondo lancio)  ha dato esito “portante (attivo, scrivente, creativo, disarmonico rispetto al 'tempo trovato')”.
SPS te lo ripete ancora: che cosa significa frattalmente?
Significa che:
  • per quel, anche "breve", tempo “x”, all’interno della funzione “f(xl2)”
  • qualcosa si è attivato
  • rendendo potenzialmente “sovrascrivibile la realtà manifesta, anche se... qua, così”.
Se “alla lunga siamo tutti morti”, non significa che “se hai la possibilità, ora , te la lasci scappare”.
Basta accorgersi e non ricordare. Ecco la nascita del Dominio. Ecco la nascita della consapevolezza e l’intuizione che “al di sotto del piano del reale manifesto… esista una legge che porta, prima o poi, tutto alla parità, ma che agendo opportunamente, tale legge può divenire anche strumento, in leva, al quale delegare la propria intenzione di fondo”.
È molto centrale, tutto ciò.
Probabilità ed imprevisti, all'interno delle "regole del giogo".
La frattalità espansa è la legge, strumento (e memoria).
Chi se ne è accorto, e lo ricorda ancora, è l’attuale forma di Dominio.
Tutto il resto, che viene riportato alla parità (status quo) e, così, amministrato, è la Massa, alias… l’intero genere umano (meno la punta percentuale del Dominio, il vertice distaccato dal resto del corpo piramidale, che rende tutto come conseguente, differito, parziale, in costante svantaggio, nel piano inclinato del reale manifesto “qua, così” gerarchicamente previsto).




 
Se si apre anche solo una piccola breccia e te ne accorgi, perché ricordi e sai, dunque, “come si fa”che fai?
Te ne approfitti. Per far cosa?
Per mettere le basi affinché tu possa divenire, progressivamente, una grande concentrazione di massa, motivo per il quale la frattalità espansa ti “sente ed obbedisce”, nella sua funzione programmatica nativa di “legge e strumento”.
Ad immagine e somiglianza di…”.
I cieli e la terra sono pieni della tua gloria, o Signore…”.
Tra i due litiganti, il terzo gode…”.



Se “lo sai/ricordi” e continui a “lanciare (intendere, comportarti/pensare unicamente con le idee chiare)”, prima o poi, giunge un lancio in disarmonia con lo status quo (parità):
  • a quel punto
  • t’inserisci nel varco
  • anche se il tempo è breve (i “lanci” sono continui, come i cicli e la ciclicità o il segnale di clock)
  • e “scolpisci il reale manifesto della tua firma (attingendo all’infinito bacino del potenziale, all’interno del quale esiste anche il “tuo reale… qualsiasi esso sia”).

Ora, lo status quo By Dominio è maturo, ossia, ha lavorato nel tempo per talmente tante volte, che il reale manifesto è stato condotto verso una parità disarmonica, per te, ma assolutamente neutrale rispetto all’intenzione dominante, che si è sostituita progressivamente a quella precedente, quella che non ricordi ma riesci ancora a percepire, quando alludi a termini – disinnescati “qua, così” – pari a libertà, giustizia, morale, etc.
Ora il Dominio è maturo ma, nel tempo, ha utilizzato i varchi in maniera lungimirante, partendo da una base di conoscenza… pari a ciò che il proprio ricordo gli aveva prospettato quando era “uno dei tanti, fra i tanti”.




Attenzione:
  • il Dominio può essere (1) anche l’unica “cosa” che esiste e (2) tu puoi essere una sua creazione/immaginazione, per cui (3) ora potresti essere anche solo una proiezione digitale senziente, ma (4) non importa
  • non importa, perché… “tu esisti”.
Il quantificatore esistenziale è un carattere tipografico scientifico, molto usato sia in insiemistica che in logica, due campi tra loro affini della matematica; il nome del ∃ ha un'etimologia facilmente ricercabile:
con la parola quantificatore si intende la sua funzione di indicare la grandezza o l'estensione di un'affermazione e con esistenziale il fatto che tale proposizione vale sempre almeno per un caso, che dunque esiste.
La sua lettura matematica corrisponde a "esiste un/una", e la sua forma viene dalla lettera E maiuscola invertita, l'iniziale capovolta della parola inglese Exists
Link
Per questo motivo, nonostante tutto, il Dominio può arrivare al Massimo, ad una percentuale/rapporto di forza del 99 vs 1 (perchè “tu esisti”).
E nella funzione “f(x)… dove tu sei la “x”, ma allo stesso tempo, la “x” è ogni umano che, dunque, esiste, allora il Dominio può essere ricondotto alla neutralità originale (potenziale), se la Massa d’insieme lo intende, contando “uno, ognuno”. O, allo stesso modo, se l'uno diventa la più grande concentrazione di massa esistente sul medesimo "piano di giurisdizione" (status quo).
La goccia che è fuoriuscita dall’oceano, ha colto la possibilità di attraversare ed usare in leva, il “varco”... offerto dall’espressione temporale disarmonica, rispetto allo status quo (SPS te lo ripete: il 50 e 50 è relativo ad un equilibrio che, alla compresenza di un Dominio, è relativo allo “squilibrio o, meglio, equilibrio… ma dalla prospettiva della dominanza).
Un esempio:
  • lancio uno; 50 vs 50
  • lancio due; 60 vs 40 (varco; incisione del/nel reale manifesto, se: “ci sei”)
  • lancio tre; 50 vs 50 (reset, ma… la tua pre incisione rimane e progressivamente “inizia a contare”)
  • lancio quattro; 50 vs 50 (parità meno la pre incisione”, status quo lavorato ai fianchi)
  • lancio cinque; 60 vs 40 (varco e ulteriore incisione, se: “ci sei ancora e ricordi”).
  • etc. etc. etc.

Ciò significa che, nel tempo, “viene avanti qualcosa” che ha la portata per andare a modificare la “programmazione originale o precedente (qualcosa che credi naturale)”.
Qualcosa si estingue, allora, perché il reale manifesto inizia a cambiare nel tempo… per cause che tu credi sempre “naturali”, ossia, inerenti a qualcosa che cambia “per via di fenomeni mai del tutto spiegabili o spiegabili all’interno di qualcosa che compie, generalmente, il genere umano… anche se portato a comportarsi così a causa di regole scritte e non scritte, che non dipendono più solo da esso, bensì, soprattutto dal Dominio, che varco dopo varco ha costruito la propria realtà 'qua, così'”…
Tutto ciò è centrale se cogli la possibilità.
Se “ci sei”. Se sei presente dal “tuo terzo stato, lato proprio”.

Se intendi. Se hai le idee chiare a proposito di quello che “sogni”.
Il "nuovo" pericolo sei, dunque, tu… nel potenziale. Perché da una situazione simile alla tua, è riemerso il Dominio. Dominio che è qualcosa che “tenta e seduce gli individui”, non essendo l’individuo ma una sua riproiezione nel Mondo manifesto.
Ma questo è un concetto a “Filtro di Semplificazione” non attivo.
Qualcosa che non è ancora il caso di prendere in considerazione, vista la portata frattale espansa della realtà manifesta e potenziale, in quanto ché la frattalità espansa è anche “memoria”.
E che cosa è la memoria?
Vero somiglianza (analogia) con qualcosa che è già successo/a.
Ricordi? Che cosa è successo? Che cosa, ora, temi? Perché eviti accuratamente di non pensarci più?
In cosa eri “decaduto/a”?
Che cosa “eri”, prima? Tanto tempo fa, oppure, anche solo 5 minuti or sono…
Hai paura. E che cosa è questa “tua” paura? Ti dicono che ti protegge. Ti dicono che ha un senso. Ok… ma questo senso è qualcosa all’interno del 50 vs 50, che in realtà si riferisce ad uno "squilibrio dominante", ossia, è il 50 vs 50 relativo ad un errore di parallasse, al quel consegui senza memoria alcuna.
Il Dominio impone tutto il proprio “peso” e piega, di conseguenza, anche la risultanza apparente dell’equilibrio di ogni lancio, che degenera alla lunga il rapporto 50/50 ma dentro a quello 99/1.
Ok?
Sei in un piano inclinato che porta verso l’esito dell’intenzione dominante, non la tua (“qua, così”, ovvio).
Dal vertice distaccato e, così, non manifesto… si svolge la trama prevista e rivolta verso un orizzonte, che non è davvero il “tuo orizzonte, che si ritrova al di là… Oltre Orizzonte (perché nella sostanza è inalienabile)”. Dunque, il Dominio innalza uno scenario apparente che lo eclissa al di là di quello che sembra, e nell’abitudine diventa, tutto ciò che esiste ed è possibile.
Il modello di governance tradizionale, con un cda e un collegio sindacale, è poco utilizzato nel resto del mondo e per questo costituisce un freno per gli investitori esteri, abituati al sistema monistico, con il board che incorpora in sé anche le funzioni di controllo.
Ne è convinto il presidente della Consob, Giuseppe Vegas…
Link
È tutto apparente, perché ogni discorso “a parole” serve solo per auto intrattenere la Massa, conferendo l’idea che esista una storia, una evoluzione, la possibilità di cambiare, etc.
Il modello di governance tradizionale, con un cda e un collegio sindacale (in Italia, pur con questo “modello”, non è diverso nella sostanza rispetto all’estero).
La notizia, però, non è del tutto neutra, infatti ti solletica con questa valenza:
  • gli investitori esteri, abituati al sistema monistico, con il board che incorpora in sé anche le funzioni di controllo
  • il consiglio di amministrazione è l'organo collegiale al quale è affidata la gestione delle società per azioni e delle altre società la cui disciplina è modellata su quella delle società per azioni. Un organo analogo, a volte con lo stesso nome, si trova anche in altri enti non aziendali, come ad esempio le università... Nella letteratura sul governo d'impresa ("governance aziendale") il consiglio di amministrazione è denominato anche boardLink
Chi controlla i controllori?
Di “varco in varco (nello Spazio Sostanza permesso dal circuito primario... sede della "legge, strumento e memoria" della frattalità espansa… sede del reale potenziale dal quale la grande concentrazione di massa estrae “a propria immagine e somiglianza...il relativo reale da manifestare, "la freccia al proprio arco", per opera frattale espansa)… il Dominio è diventato tale, auto incoronandosi “imperatore di un reame senza necessità di vessilli dispiegati al vento (tanta è l’unicità della propria estensione)”.
La delegazione verso la frattalità espansa, va "conquistata".
Qualcosa che è oltre ad ogni forma di Ego, incarnandolo dalla base:
  • godendo del proprio successo che si rinnova istante per istante
  • “qua, così”
  • senza colpo ferire…

Un modello di Vitapossibile (previsto nel potenziale).
Quando pensi alla legge delle probabilità, chiediti quanto sia vera (sostanziale) seall’interno di qualcosa che ha, ormai, preso una forma precisa ed unica.
Pensa al gruppo di Turing, che dopo la decodifica di Enigma, non salvò tutti... ma salvò l’esito della guerra, agendo nel rispetto della convenzione "probabile", che i tedeschi si aspettavano illusoriamente.
Chi trama nell’ombra, rispettando pur tuttavia le “regole (che hanno una origine, non causale, non naturale e, dunque, artificiale o di parte)”?
Il “varco” è la tua continua possibilità.
Estrai ed astrai… quanto hai appena, forse, ricordato.
Questa è la “via del DominIO”.
Un tuo simile…
Come ho fatto io fate anche voi…”.
Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo…”.
Gesù
Anche se tutto ciò è una finzione, esiste; per cui…
Dare un colpo al cerchio ed uno alla botte.
Spiegazione del proverbio:
così si dice in riferimento a chi per opportunismo non prende mai una posizione netta di fronte a due contendenti e da ragione un po' all'uno e un po' all'altro
Link
Non solo; significa anche:
così si dice in riferimento a chi per opportunismo ha una posizione netta di fronte a due contendenti e da ragione un po' all'uno e un po' all'altro… (lavorando d’insieme i contendenti, al fine di trarre un esclusivo proprio vantaggio, ossia, il costruire ed il mantenere, poi, il relativo status quo, con tutti dentro).
La diplomazia cela l’interesse di lasciare sempre tutto inalterato, nella “sua” sostanza.
La burocrazia cela l’interesse di impedire che le azioni altrui trovino una situazione di fondo “senza attrito”, velando la propria funzione di mantenimento e preservazione dello status quo.
Tutte “armi” che ti sono state date, per fare la guerra tra poveri.
Fai un “lancio (agisci con solida alternativa, dal centro della tua presenza)” ed apriti un “varco (prima o poi, succede)”.
Non importa se, poi, giunge il reset successivo.
Importa che tu ti accorga che sensibilmentequalcosa è rimasto, perché lo hai cambiato a livello potenziale”…
Non è mai “poco” quello che “cambia nella sostanza”.
Se ti sembra, ora, poco… è solo perché non sei totale ed il firewall ambientale ti “recupera sempre”.

Insomma, mettiti in una situazione dove “il reale manifesto, il cambiamento, l’evoluzione, lo status quo… step by step, anche se ‘poco alla volta’”… dipenda autenticamente da te!
Ciò non significa fare una rivoluzione armata, bensì… rivoluzionare dal di dentro, qualcosa che diventa, poi, una rivoluzione esterna “senza colpo ferire”, per delegazione frattale espansa.
Evoca questo scenario.
Evoca il “tribunale che giudica il Dominio”.
Questo dipende veramente da te (è un “fatto” che… se senti/emani dal tuo centro/dentro profondo ed in equilibrio sostanziale, dal “tuo terzo stato, lato proprio”… rimane, perché “è” oltre ad ogni reset successivo).
Lancia ed attendi il varco, con idee chiare, ferme, decise, uniche perché tue.
Lavora ai fianchi il “Gigante” ed abbattilo nel tempo, che può essere anche altri e soli… 5 minuti.
Ergiti, a tua volta, Gigante
Ma… ricorda che sei sempre in pericolo se… diventi ancora il Dominio, lo stesso tipo di Dominio eroso dal di dentro.
Riconosciti a partire dal ricordare cosa è già successo!
In quell’ambito è rivelata l’esperienza, la tua esperienza e tutto quello che “hai imparato”. Un tesoro sì prezioso, che è reato ora lasciare inabissato nell’oceano della dimenticanza.
Perchè "qua, così", che possibilità hai davvero di "cambiare/essere"?
Novartis Italia e Fondazione Cariplo hanno presentato oggi presso il Ministero della Salute il progetto BioUpper a sostegno dei giovani talenti che vogliono creare una start up nelle scienze della vita.
L'iniziativa è promossa in collaborazione con PoliHub, l'incubatore della Fondazione Politecnico di Milano, e Humanitas, gruppo ospedaliero e avanzata struttura di ricerca...
Link
Lancia la "monetina" e renditi conto, perchè "sai già", che il varco si può aprire. Il 50% è una illusione, se dentro a qualcosa che prevede anche il 50%.
         
Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2015/Prospettivavita@gmail.com