giovedì 19 giugno 2014

SOS, la "Condizione di Prontezza Difensiva" di SPS.


I mercati americani rimbalzano dai minimi del set up del 9 marzo (2009).
La scorsa settimana ha visto il recupero dei mercati americani dai minimi fatti registrare nel set up del 9 marzo. L'indice SP500, che aveva anticipato il minimo 666 di una seduta rispetto agli altri indici mondiali, ha recuperato l'importante livello 750. Ulteriori allunghi trovano resistenze in area 770 780 e 805. Fino al completo superamento di queste resistenze, il movimento di rialzo lo classifichiamo ancora come pull back ai livelli di supporto violati…

Link

A distanza di oltre cinque anni, dal quel minimo “simbolicamente significativo”, i mercati sono saliti alle stelle nel convincimento generale che “si era e si è in crisi”.
Risultato? Tu sei rimasto alla finestra o, meglio, nella tua “brodaglia”, mentre il movimento azionario, che misura la frequenza dell’economia virtuale (lontana e, dunque, meno percepita da te), si è mosso in maniera molto significativa. Movimento che non è terminato nemmeno ad oggi.
E la cosa "pazzesca" è che le tue azioni, mantenute in portafoglio durante la "caduta", oggi... nonostante i "record Usa", non valgono praticamente più "nulla"... I guadagni avvengono ad altro livello e con un timing che tu ignori completamente.
Sei consapevole di ciò oppure nemmeno tieni in considerazione un ambito che, da sempre, si è dimostrato perlomeno “ostico” nei tuoi confronti? Quanto di questa tua “vacanza” (ri)entra nel piano relativo alle delusioni (perdite) del passato (zavorra)? 
Quando ti deciderai a (ri)provarci? Mai? Mhm
Il valore numerico di quel “minimo” è altamente indicativo, mantenendo fede al suo significato simbolico deviato (negativo), anche se – proprio da una simile cifra – il mercato è (ri)partito (ascensione).
La discesa che va a toccare con fare millimetrico il “numero inverso”, che cosa indica tra le righe?

Una credenza talmente diffusa da (ri)sultare presente anche negli algoritmi e nelle “mani” della grande speculazione al (ri)basso… che altro?


Un “argine” al flusso discendente.
6 + 6 + 6 = 18; 1 +8 = 9 
Il periodo della gestazione, nove mesi per la nascita di una nuova vita… il “cerchio perfetto”. Il loop. Ciò che (ri)parte ed illude di essere nuovo mentre, in realtà, è (re)incarnato (trasformato in linea di continuazione ri curva)...
Questa “illusione” è, frattalmente, rappresentata dalla manipolazione speculativa dei “professionisti”, che agiscono nell'ombra, decidendo indirettamente le sorti del prezzo delle merci ed il destino delle genti. 
Qualcosa che onora se stesso e tutto ciò che coincide con il proprio perimetro di azione.
Qualcosa che lascia tracce (re)interpretabili alla luce del mito, della leggenda, della storia, del contesto storico e, quasi mai, alla luce del proprio “buon senso” (dipendenza, contenimento, abitudine, dimenticanza)…
C’è speranza che nel mondo arabo, e in particolare tra i palestinesi, maturi davvero la consapevolezza dell’orrore della Shoah?… Molto dipenderà anche da come il sistema scolastico arabo recepirà questa svolta
Link
La “propaganda”, dal momento in cui la consapevolezza - derivante anche dalla mancanza del “(ri)cordo” – complessivamente latita, incarna quel potere mediatico in grado di convincere per asfissia e tacito assenso, nel Tempo della propria permanenza all’interno dello stesso tipo di contenitore 3d (paradigma, caverna).
Tutto (il Mondo è Paese) (ri)sente del livello di “propaganda”, in assenza di un proprio e sovrano “centro”.
Turchia, le diverse interpretazioni della Prima guerra mondiale.
Lo storico turco Bülent Bilmez intervistato dalla Deutsche Welle spiega come in Turchia viene vista la Prima guerra mondiale, come viene inteso il ruolo di Kemal Atatürk e dove in tutto ciò si collocano i Balcani…
Qual è l’interpretazione della Prima guerra mondiale? Che ruolo ha questa guerra nella storiografia turca?…
È difficile parlare dell’interpretazione turca della Prima guerra mondiale, perché esistono diverse prese di posizione. È sempre stata dominante quella ufficiale e kemalista, ma ci sono state anche prospettive alternative, spesso soppresse
Cosa studiano gli studenti in Turchia sui libri di storia?
Vi offro un esempio: 
è noto che l’esercito tedesco comandò in gran parte l’esercito ottomano. Ma il ruolo della Germania nell’insegnamento della storia è del tutto trascurato. I nomi dei comandanti tedeschi non vengono quasi mai nominati, invece ovunque compare il nome di Mustafa Kemal, sia nei testi che nelle foto. Mustafa Kemal è onnipresente, persino nella Prima guerra mondiale.
La nostra fondazione lavora su progetti e analisi dei libri di studio, prendendo in considerazione anche la questione dei diritti umani.
Gli insegnanti e gli autori dei libri ci dicono che hanno ricevuto istruzioni dal ministero dell’Istruzione turco di evidenziare sempre il nome di Atatürk durante le lezioni, a prescindere dal tema trattato. Quando l’ho sentito, ho capito quanto sarà difficile fare un libro di testo alternativo.
La situazione può cambiare durante la campagna anti kemalista del governo attuale, ma non in modo aperto e civile. Nei prossimi anni, lo studio della storia potrebbe cambiare così:

Mustafa Kemal non viene nominato nemmeno quando in realtà è di grande importanza.
È il problema di questo paese: andare da un estremo all’altro.
Del genocidio degli armeni non è stato scritto nulla nella storiografia ufficiale. Se ne è parlato come della persecuzione degli armeni o come di una misura necessaria a causa della guerra. Inoltre, spesso si dice che gli armeni sono stati uccisi per via degli attacchi terroristici che facevano, quindi viene presentato come un’uccisione a vicenda.
Ma nei libri di testo non è stato scritto nulla sugli armeni…
Link 
quando l’ho sentito, ho capito quanto sarà difficile fare un libro di testo alternativo
è il problema di questo paese: andare da un estremo all’altro
nei libri di testo non è stato scritto nulla sugli armeni…
Nel Mondo è in auge lo stesso tipo di imprinting ombra, che induce a credere a quello che si vuole, scegliendo tra “questo e quello”, dove “questo e quello pari son”. Ok?
 
Non hai scelta apparente e questa situazione è il frutto di una (com)presenza lungimirante e silenziosa, che ti accompagna da “sempre ma tra le righe”, dandoti solo l’impressione (annusando qualcosa) che sia in corso una evoluzione del genere umano, in realtà imbrigliato nell’isola di mezzo della storia deviata, nel grande fiume della “più grande storia”.
Che cosa “viaggia (perfettamente immutato) nella presunzione dello scorrimento Temporale”, insieme alla tua ciclicità (apparentemente) in evoluzione?
Può un piccolo ingranaggio, previsto e predisposto all’interno di un grande insieme di ingranaggi, che formano un “dispositivo”, cambiare di stato oppure evolversi e “cambiare forma”?
 
No, per davvero. No.

Non è da questa prospettiva che puoi veramente “cambiare”. Se sei all’interno di un dispositivo, lo sei e basta. Con tutte le dipendenze del caso. E se ti venisse in mente di fermarti… beh, tutto ti si rivolterebbe contro, per evidenti cause di “interesse collettivo maggiore”.

Questo è ciò che viene strumentalizzato per opera dei vari sotto poteri, inconsci di esserlo, sulla Terra 3d, del Nucleo Primo.
Insomma, tu vieni sempre “dopo”.
Ma “cosa” ti avanza ed anticipa?
Dirò di più: oggi si sta comprendendo una cosa di cui il XIX secolo non poteva avere nemmeno un presentimento, ovvero che il simbolo, il mito, l’immagine appartengono alla sostanza della vita spirituale, che è possibile mascherarli, mutilarli, degradarli, ma che non li si estirperà mai.
Varrebbe la pena di studiare la sopravvivenza dei grandi miti per tutto il XIX secolo e si vedrebbe in che modo, umili, sminuiti, condannati a cambiare incessantemente d’insegna, essi abbiano resistito a questa ibernazione, grazie soprattutto alla letteratura
Immagini e simboli – Mircea Eliade
Ragiona a livello frattale. Tutto quello che “sai” di quale sostanza è costituito? Cosa cavalca e cosa maschera?
Steiner, a proposito della (re)invenzione della stampa ad opera di Gutenberg, aveva espresso il proprio pensiero relativamente a quel mezzo vettoriale, più adatto, per la diffusione virale di quelle entità che, assolutamente non viste né credute… (perché non viste), negli inconsci dei lettori fervidamente intenti ed aperti nel permettere lo scorrimento di "tutto il contenuto" dal “libro verso se stessi” (piano inclinato, differenza di potenziale).
Come dei bastimenti carichi di “materiale” da scaricare nei container delle menti.
Del resto, anche la televisione come opera a livello non percepito? La differenza frequenziale tra la trasmissione (scansione) e la tua capacità conscia (ri)cettiva è tale da aprire il tuo “canale” sino alle porte dell’inconscio, entro il quale si (ri)versa il carico avio trasportato, per mezzo della diffusione e della copertura del segnale portante (eco, contaminazione, riprogrammazione, etc.)…

Ed, alla fine, in estrema sintesi… che cosa accade ad ogni tuo “moto altro”?
L'annosa diatriba legata all'educazione sessuale nelle scuole in Croazia rischia di trasformarsi in una vera e propria rivoluzione conservatrice. Sono infatti sempre più attive le associazioni nate per impedire la riforma scolastica voluta dal governo Milanović…
Una rivoluzione conservatrice?
I media hanno soprannominato questa situazione come l’emergere di una "rivoluzione conservatrice", culminata lo scorso anno, quando "In nome della famiglia" è riuscita a raccogliere le 700.000 firme per il referendum. 
Si è arrivati quasi ad una crisi costituzionale, a causa delle diverse interpretazioni della Costituzione relative alle conseguenze del referendum.
Alla fine, la definizione costituzionale del matrimonio "tra un uomo e una donna", è stato inserito nella Costituzione, col voto di un terzo degli elettori, dei quali il 65 percento si è dichiarato a favore della definizione proposta, mentre il 33,5 percento contro.
Željka Markić, la responsabile dell’organizzazione “In nome della famiglia”, grazie alla popolarità raggiunta, pare ora abbia ambizioni politiche, e parla sempre più spesso della sua possibile candidatura alla presidenza della Repubblica
Ha discusso di una possibile alleanza con l’Hdz, ma anche con l’Alleanza per la Croazia, coalizione di cui fa parte anche il partito di Branimir Glavaš, criminale di guerra che sta scontando la sua pena nel carcere di Mostar. 
Ad oggi non avrebbe ancora deciso con chi si assocerà…
Link  
Quale interesse di fondo ha spinto gli attori principali (nel contesto) a farsi carico di un "problema scottante", spingendo con tanta passione, a favore di una sottaciuta "rivoluzione conservatrice"?
grazie alla popolarità raggiunta
pare ora abbia ambizioni politiche
e parla sempre più spesso della sua possibile candidatura alla presidenza della Repubblica
 

ad oggi non avrebbe ancora deciso con chi si assocerà
Quando la valenza rappresentante il campo energetico di una persona è in armonia/sintonia, di fondo, con la polarizzazione imperiale ad opera del Nucleo Primo, per una delle sue “sotto vesti 3d”, totalmente inconsce di essere dei vettori “portatori di messaggi subliminali”… allora la tal persona “emerge” (promozione, carriera).
Perché? Beh… perché l’(Anti)Sistema necessita sempre di “nuovi piloni per la radiodiffusione del segnale portante” (ricordi l’agente Smith descritto in Matrix?).
Nota bene questa assonanza:
  1. Truman show
  2. Grande fratello
  3. Realtà 3d.
In ogni dimensione (e)numerata, la pubblicità (il convincimento a…) è sempre centrale. Dalla realtà 3d attuale sono stati estratti i sotto Mondi frattali dei punti 1 e 2 (ad esempio). Osservare tali sezioni significa osservare la realtà 3d di riferimento collettivo… ergo?  

Che cosa stai interpretando e “pubblicizzando”? 
Di più… che cosa stai diffondendo e proteggendo, in cambio di qualcosa di materiale, che ha la valenza della “carta straccia” senza la presenza di un incantesimo (potere convenzionale), che autorizzi a vedere nella medesima direzione del campo illusorio, auto proiettato ormai da tutto?
Il circuito primario dello scenario 3d è neutro, (ri)cordalo, ossia è adatto al fine di auto esperienziare se stessi, attraverso la propria misurazione con il contesto fisico di contrasto/(ri)flesso.
Ma, il circuito secondario del Nucleo Primo non è assolutamente neutro (polarizzazione).
Il secondario avvolge il primario (ri)trasformando tutto!
Te compreso.
Il tuo intrattenimento è basilare per (1) la sopravvivenza di ciò che si è venuto a creare, che ora lo esige in qualità di essere vivente (2) la funzione base implementata nello scenario primario (conosci te stesso).
Se togli il Nucleo Primo da “qua”, che cosa accade? Che se "tu" non sei pronto… il circuito primario rischierebbe di scomparire o di essere (ri)utilizzato in maniera ulteriormente altra/deviata, alla pari dello sfruttamento intensivo ed egoico da parte del Nucleo Primo. 

Ergo, la storia deviata non cesserebbe…
Qualsiasi "individuo" che assuma il controllo del circuito primario per mezzo dell’avvolgimento secondario, (ri)torna al Nucleo Primo, il quale si (ri)forma attraversando ogni confine illusoriamente teso a livello cancellabile ma, in realtà, solo (ri)scrivibile all'interno della "stessa pagina del libro".
(Ri)peto: guarda “Ralph spaccatutto” e forse comprenderai un po' di più quello che SPS diffonde.

Sull’esterno della "console" dove sei ora, quale personaggio principale è raffigurato?

Tu o il Nucleo Primo?

Ossia, sei a “Casa Tua” oppure a “Casa di qualcun altro”?
E se tu fossi, in realtà, a “Casa del Nucleo Primo”?
E se tu fossi il vero circuito secondario, che porta con sé il proprio carico virale di “passato”? Qualcosa da applicare alla “terra altrui” (mito della terra promessa… ma, già colonizzata, ossia, istigazione indiretta alla guerra... da parte di un principio guida che non c’è, ma esiste). Ok? 
Se tu sei "fuori luogo" significa che regna il caos e, dunque, che il caso esiste?
Attenzione: se il Nucleo Primo necessita di “mano d’opera”, allora tu non sei esattamente “fuori luogo”, ma sei una sorta di… "deportato". Per questo motivo il tuo “moto virale” e quello “autoctono" del Nucleo Primo si sommano, dando luogo alla potenza inversa imperante nell’attuale forma di regno immanifesto, se non per la sola parte da te “abitata” (scenario e backstage)...
Allo stesso Tempo, la tua "deportazione non casuale" (ri)assume la valenza superiore, auto contenente la tua funzione esplorativa di te stesso, alle prese con ciò che vale la pena esperienziare sempre… a proposito di te stesso (conosci te stesso).

Come per "il maiale del quale non si butta via niente" (terribile paragone), anche a livello energetico superiore accade la stessa cosa e, dunque, anche al tuo livello nulla accade per caso. Diciamo che questa assenza di caso è anche qualcosa di sfruttabile, dal punto prospettico di “colui/coloro che sanno perché (ri)cordando ancora” (testimoni).
E non trattandosi di un autentico raggiro della legge superiore, il tutto viene permesso e dunque passa affinché tu possa, alfine, comprendere te stesso nell’illusione 3d dello scorrimento Temporale.
Qualcosa che può avverarsi talmente avanti nel Tempo, da permettere alla (com)presenza di “godere (prima) della propria posizione di mezzo”.
Il tuo intrattenimento diventa, dunque, uno stato grazie al quale qualcosa d’altro prolifera deliberatamente.
Quanto Tempo ci vuole per ammalarsi di cancro e morire?

Beh… ci vuole la circostanza giusta, in primis. Poi, si inizierà a fluire nel gorgo…
Non fosse stato per l'amore e la fiducia incrollabile delle figlie (tre) e delle compagne (da Pasqualina a Miranda, prima e seconda moglie, fino a Francesca, la convivente di quell'ultimo periodo). Non fosse stato per i suoi avvocati, Raffaele Della Valle e il professor Alberto Dall'Ora, che si batterono per lui con una vicinanza e un ardore ben al di là del dovere professionale.

Non fosse stato per persone come queste, i 1.768 giorni che separano l'inizio del calvario di Enzo Tortora (17 giugno 1983, prelevato alle 4 del mattino all'hotel Plaza di Roma) dalla fine della sua esistenza (18 maggio 1988, cancro ai polmoni, nella sua casa milanese di via Piatti 8, tre camere più servizi), sarebbero stati di meno, nel senso che avrebbe ceduto prima

Link
In 1768 giorni Tortora ha sviluppato la malattia ed è morto. Però, il suo caso ha usufruito di condizioni particolari, che lo hanno fatto resistere di più (vicinanza di persone amiche e tenacia nell’intenzione ferrea di giungere a dimostrare a tutto il mondo la propria innocenza).

Per altri vale la stessa cosa?
Sì e no: dipende dalle singole vicende.
1768 /365 = poco meno di cinque anni.
Il Tempo di permettere alla medicina allopatica (interessi che si celano dietro) di maturare il giusto guadagno per ogni “malato” ufficialmente a conoscenza (credendo) che “non esiste cura reale”).
Chi si ammala di cancro è come un condannato a morte, sul quale nonostante tutto si fanno “esperimenti”.
Qualcuno sopravvive, vero?
Suvvia, lo sai bene quanto i tuoi simili siano in grado, volendo, di auto guarirsi.
Che cosa “sai”? E quali luoghi comuni si annidano nella tua mente pervasa a credere che…
Sri Lanka: prosegue violenza di buddisti contro musulmani.
Secondo le prime ricostruzioni tutto è iniziato dopo un comizio tenuto ad Aluthgama da Galagodaaththe Gnanasara Thero, monaco buddista leader del Bbs, il 15 giugno scorso. Al termine del raduno il gruppo si è diretto verso la moschea locale - nella quale circa duemila musulmani stavano pregando - e ha sferrato il suo attacco. 
Non è chiaro quando le forze dell'ordine siano intervenute per disperdere i fondamentalisti. Tuttavia, nonostante il coprifuoco posto dal governo in due città, gli scontri sono proseguiti anche ieri.
Link 
 
Vero o falso? Che importa? Che cosa te ne importa?

È così tanto lontano lo Sri Lanka. Forse saresti più preoccupato se ti impaurissero dicendoti che le coltivazioni di “the verde” sono state bruciate. 

Vero?

Non importa se la particella “verde” è falsa, tanto quanto il tuo stato d’interessamento per quello che succede a quelle persone. Tanto “non puoi farci nulla”… No? 
Hai mai pensato, sul modello della speculazione finanziaria (futures, leva), che tu ed altri tuoi simili, se uniti, avete la stessa potenza di fuoco (manipolazione della realtà)?
Se, ad esempio, milioni di italiani si mettessero (improvvisamente e miracolosamente illuminati nel cooperare) a boicottare i prodotti di una sola azienda, alla volta, questa dovrebbe correre subito ai ripari, dandosi una scrollata nel modo di imporre la propria autorevolezza su di te e sulla collettività.
Dovrebbe subito uscire da ogni “cartello”, accettando il tuo “volere d’insieme”.
Ok? No?

Se non abbassasse i prezzi fallirebbe, con la velocità della finanza moderna, in pochissimo Tempo!

Ma, abbassando i prezzi, a cosa aprirebbe lo scenario 3d massivo?

Ci sei?

A quel punto… l’abbassamento dei prezzi si (ri)fletterebbe sul calcolo dell’inflazione e sai molto bene come alla Bce non piaccia affatto che non ci sia corrosione del tuo potere di acquisto.

Quindi? Il Pil si abbasserebbe?

Ma chi se ne frega! A questo punto te lo dice SPS (Io).
Pensa che il Pil misura il grado di arricchimento di una certa classe privilegiata, che si mischia al livello medio basso del resto della popolazione.
Il Pil, dunque, misura l’economia (ir)reale, mentre tu vivi nell’economia reale.
Pensa a te, allora.

Gli umani, come te, vivono in questa realtà 3d, non in quella dei numeri della Bce, Ue, Fed, Fmi, etc.

Il “boicottare” è qualcosa di negativo?
 
Sarà positivo, allora, fare saltare per aria un carro armato per opera "partigiana/rivoluzionaria"?

Dai! Nella "non violenza lucida" si annida un potere ineguagliabile, perché viene diffuso per mezzo dell’opera d’insieme Massiva.

Evita la Nestlè, ad esempio. Che cosa stai facendo? Qualcosa di illegale? Naa. È il tuo diritto di libero cittadino poter scegliere anche tra quel “poco” che ti hanno lasciato libero di scegliere. No?
Se la Nestlè fallisce, lascerà a casa decine di migliaia di persone?
Ecco il consueto ricatto, capace di bloccare tutto “preventivamente”.
Ci sei?

Allora è meglio che (1) la tal azienda continui a proliferare sulle spalle della Massa (2) ridotta in una situazione inguardabile di (in)sofferenza?
 
Guarda che la “realtà” che ti circonda è molto diversa da come sei portato a credere. Ad esempio.

L'università George Washington: Irlanda il paese più islamico nel rispettare le leggi coraniche.
I dati di un sondaggio condotto di recente dall’universita George Washington  degli Usa rivelano che l’Irlanda è il paese più islamico nel rispettare gli insegnamenti coranici. Lo riferisce l’agenzia iraniania Iqna.
Secondo il professore Hosein Askari, docente all'università George Washington, bisogna capire cosa si intende per paese islamico
Si intende cioè un paese dove i praticanti musulmani sono realmente coerenti alle idee del Corano. 
Ecco allora che alcuni paesi islamici come l'Arabia Saudita, al 91esimo posto, nella classifica stilata dal professore spariscono quasi del tutto.

Nello stilare questa classifica il  docente ha tenuto conto dell'applicazione degli ideali islamici nei campi dell'economia, del governo, dei diritti umani e politici e delle relazioni internazionali. Tra i primi 25 paesi più fedeli al Corano reale, ci sono Irlanda, Nuova Zelanda, Lussemburgo, Francia, Danimarca, Canada, Australia e Olanda mentre la Malesia appare al 33˚ posto di questa classifica.
Link 
 
E, allora, cosa dire a proposito di “prevenzione” (appena sopra citata a proposito della SOS “Selezione Operativa Sistemica”).
Paul Craig Roberts: gli Stati Uniti hanno dato inizio alla "Terza Guerra Mondiale".
In un editoriale pubblicato sul sito di Press TV, il noto analista americano Paul Craig Roberts spiega che la dottrina nucleare Usa non è più quella della deterrenza ma "dell'attacco preventivo".
L'analisi del commentatore arriva a seguito degli ultimi sviluppi della crisi Ucraina che ha fatto calare una nuova stagione di gelo tra Stati Uniti e Federazione Russa...
Link
In un editoriale pubblicato sul sito di Press TV, il noto analista americano Paul Craig Roberts spiega che la dottrina nucleare Usa non è più quella della deterrenza ma "dell'attacco preventivo"…
Hai presente “Minority report”?
 
Beh… ci siamo.

Gli Usa sono passati a quel tipo di "Defcon"... fuori scala:
il termine Defcon (acronimo per indicare la locuzione della inglese DEFense readiness CONdition, in italiano "condizione di prontezza difensiva"), indica la descrizione dello stato di allarme utilizzata dalle forze armate degli Stati Uniti d'America…
Link
Condizione di prontezza difensiva. Ok?
La SOS opera in questo senso ma (ri)baltando la prospettiva, dal punto prospettico del vero interesse della Massa in luogo di quello virtuale e presunto dell’elite, che non coincide per nulla con l'intenzione Massiva.

La rappresentazione della volontà della Massa è una illusione, da sempre (infatti è con l'intenzione/immaginazione che si riprogramma l'inconscio, mentre la volontà corrisponde al conscio)...

È persino la storia deviata a fartelo capire in ogni modo, vaneggiando a proposito di una evoluzione sociale per opera dei poteri democratici, che costituiscono il più grande ostacolo alla (ri)mozione del filtro, che ottunde alla tua velata inconsapevolezza…

Guarda alle notizie con fare altro. Leggi tra le righe a livello frattale.
Nel mondo 1,5 miliardi di persone vivono in terre degradate...
Secondo le Nazioni Unite, circa due miliardi di ettari potrebbero essere recuperati. In questo senso, paesi da cui prendere esempio sono il Burkina Faso, il Mali e il Niger, dove sono stati risanati 5 milioni di ettari con misure per combattere la desertificazione...

Link
Approfondisci la storia di questi Paesi, ad esempio. E che dire di Israele che ha bonificato ampie zone desertiche? E di Las Vegas? 
 
La presenza di denaro e di buona intenzione sono in grado di bonificare qualsiasi terreno, perché le risorse intellettive non mancano mai certamente.

Occorre "solo" poterle attirare.

Mondiali di Calcio : lo sponsor Credit Suisse è un male necessario.
L’iscrizione “Credit Suisse” figura in bella vista sulle magliette di Xherdan Shaqiri e compagni e anche sul bus della nazionale svizzera di calcio, così come sui cartelloni pubblicitari.
Eppure la scelta di questo sponsor principale ha di che sorprendere, a meno di un mese dalla condanna della banca da parte della giustizia americana per aiuto all’evasione fiscale. La banca si era vista infliggere una multa record di 2.51 miliardi di franchi.
Il Credit Suisse è sponsor dell’Associazione svizzera di calcio dal 1993. È un partenariato che si iscrive sulla lunga scadenza – ha dichiarato un portavoce. Il contratto era stato rinnovato nel 2011, con scadenza al 30 giugno 2016
Non è una scelta giudiziosa. Non è la miglior immagine della Svizzera né l’elemento più positivo che possiamo mettere in primo piano. Vediamo chiaramente attraverso questa Coppa del Mondo che l’importante sono i soldi

Immagino che il Credit Suisse possa permettersi di mettere soldi in questo evento, contrariamente ad altri settori che avrebbero portato valori più positivi – commenta il Consigliere nazionale vallesano Mathias Reynard.

La maggior parte riconosce che la manna del Credit Suisse è necessaria:
è chiaro che disturba, perchè siamo nell’ambito dell’etica ma non possiamo cambiare le magliette all’ultimo momento.
La questione fa discutere da noi, ma altrove? Dobbiamo essere concreti, dal momento che una banca non può scomparire deve continuare a mantenere la sua immagine – analizza il deputato friborghese Dominique de Buman, precisando che nel caso contrario “non avremmo più la sponsorizzazione di alcuna banca. Nel 2009 c’era stato lo stesso problema con Ubs.
Link 
 
Wow; leggi quale prospettiva s’incarna e quale problematica è stata evitata:
è chiaro che disturba, perchè siamo nell’ambito dell’etica ma non possiamo cambiare le magliette all’ultimo momento
Greenpeace e Slow Food: l'accordo europeo per vietare la coltivazione di OGM a livello nazionale è una trappola.
Dopo tre anni di stallo, i Ministri dell'ambiente oggi saranno chiamati a votare su un testo di legge che darebbe ai Paesi dell'Ue il diritto di vietare la coltivazione di organismi geneticamente modificati (Ogm) sul territorio nazionale...
Greenpeace e Slow Food ritengono che il testo attuale della cosiddetta “ri-nazionalizzazione” degli Ogm rischia di trasformarsi in una trappola per i Paesi che non vogliono gli Ogm.
"Il testo presentato dalla Grecia dà poche garanzie di reggere in sede legale. Quei Paesi, come l’Italia, che vogliono dire no agli Ogm sarebbero esposti alle ritorsioni legali del settore biotech." – dichiarano Greenpeace e Slow Food.
Greenpeace e Slow Food sono inoltre preoccupate dal fatto che il testo oggi al vaglio dei Ministri darebbe alle aziende biotech un ruolo formale nel processo di messa al bando della coltivazione di Ogm. Questo testo inoltre impedisce agli Stati membri di utilizzare le motivazioni legate ai rischi per salute e l’ambiente derivanti da colture Ogm per limitarne la coltivazione a livello nazionale…
Link  
(Ri)nazionalizzazione = (re)staurazione (nulla cambia, tutto si trasforma... senza cambiare nella sostanza).
La Grecia cosa “deve” a quei poteri che sono intervenuti e che, forse (dipende) interverranno ancora, per “salvarla in continuazione”?
 
È sottile la cosa. Talmente sottile da non (ri)sultare più nemmeno “visibile”.
La Commissione europea apre formalmente la procedura di infrazione contro l'Italia per i ritardi nei pagamenti delle pubbliche amministrazioni ai fornitori privati.
"L'Italia è il peggior pagatore d'Europa", dice in un briefing il vicepresidente uscente dell'esecutivo comunitario, Antonio Tajani…
Link
Davanti ad un simile esempio… come comportarsi?
He. He. He. A che serve, allora, l’attuale incantesimo? E le scie chimiche? Ed il cibo Ogm? E l’acqua che giunge “bella fresca” sino al tuo rubinetto di casa? E la carne pompata di sostanze chimiche, così come i campi seminati?
Hey, dopo tutto, sei o non sei nell’(Anti)Sistema?
Che ti aspetti, allora? È così, perlomeno sino a quando continuerai a “dormire”.
Nel 1998 l’azienda biotecnologica Delta & Land Seed Company brevettò la tecnologia “Terminator”:
un procedimento che crea semi sterili una volta utilizzati per il primo raccolto: i semi, appena germogliati, producono una tossina grazie alla quale gli embrioni si autodistruggono.
Per la prima volta nella storia si è spezzato il ciclo naturale pianta-seme-nuova vita. 
E si è stretto ancora di più il giogo che lega i contadini alle multinazionali proprietarie dei semi: 
per ogni annata di semina sono costretti a comprare nuove sementi dalle compagnie biotech che in un unico pacchetto forniscono anche il pesticida, indispensabile in queste coltivazioni.
Contadini che per intere generazioni hanno riprodotto e scambiato varietà tradizionali non potranno più usare i loro saperi, frutto di un paziente lavoro nella natura, dove le monocolture industriali ogm e non, rappresentano la distruzione della biodiversità.
Questi semi rappresentano la volontà delle multinazionali biotech-agroalimentari di controllare la produzione alimentare mondiale a partire dai suoi elementi fondanti. 

Non è un caso che un anno dopo il brevetto della Delta & Land Seed Company, la Monsanto incominciò ad acquistarla, proprio con lo scopo di impadronirsi della tecnica Terminator.


Nella seconda generazione di semi terminator il controllo non è solo sulla fertilità della pianta, ma verso tutte le caratteristiche genetiche. Viene introdotto un gene che può essere attivato da un gene chimico. Quando questo si attiva viene prodotta la proteina killer e lo sviluppo della pianta viene distrutto

Nella nuova generazione terminator la crescita e la riproduzione della pianta, su cui si è intervenuto geneticamente, avviene solo se viene trattata con prodotti chimici venduti dalla stessa azienda biotech. 

Una pianta perde la sua capacità di svilupparsi e riprodursi, deve essere “attivata” e sottoposta a continui imput chimici per crescere e diventare fertile: 
il sogno dell’agri-business si stà realizzando, dare vita o morte nei campi dipenderà solo dalla loro volontà e dal loro controllo.
Nel ’97 i primi carichi transgenici sono bloccati nei porti da Greenpeace che creerà una campagna contro il “cibo di Frankenstein”, si susseguono sempre più numerose distruzioni di campi ogm e sabotaggi a centri di ingegneria genetica e a multinazionali biotech in tutto il mondo. L’ondata di opposizione generalizzata e variegata rischiò di far fallire la “rivoluzione genetica”.
Strategicamente Monsanto dichiarò pubblicamente di interrompere la commercializzazione dei semi terminator, ma in realtà era una semplice moratoria, una sospensione temporanea

Sotto c’era il calcolo che tali semi sarebbero stati accettati meglio dopo qualche anno, così perse dei soldi, ma conquistò punti di fronte ad un’opinione pubblica fortemente critica e accontentò parte dei suoi oppositori. L’annuncio della moratoria era ben calcolato, lo scopo di Monsanto-Rockefeller era di sviare l’attenzione per procedere indisturbate nei loro centri di ricerca per lo sviluppo della nuova tecnologia terminator.
Parallelamente, ma nascosto dai riflettori mediatici, l’obiettivo del dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti, a fianco di Monsanto, era di sviluppare e diffondere la tecnologia terminator. 
Le loro mire erano di invadere i paesi come Brasile, Argentina… con i semi terminator, paesi che anche la fondazione Rockefeller aveva individuato come obiettivi strategici per imporre le coltivazioni ogm e rendere irreversibile la contaminazione.
Nel 2003 la Monsanto incominciò a presentarsi in veste “ecologica” rimettendo in scena i suoi propositi mai abbandonati, affermando che i semi terminator sarebbero stati la soluzione per evitare contaminazioni accidentali nei campi non ogm. Tacendo ovviamente sul fatto che le piante ingegnerizzate con il terminator si possono incrociare con le colture circostanti e rendere sterili i semi di altre piante.

Proprio questa stessa motivazione è stata ripresa in questi mesi in Brasile.

Lo stravolgimento dei cicli naturali raggiunge l’apice in una soluzione tecnica di semi sterili ogm.
Link 
 
Questo succede, anche, in Brasile… oltre ai Mondiali di Calcio. E... con certe "benedizioni" la strada percorribile si allunga a dismisura...

Vaticano: ok a Ogm contro la fame nel mondo.
Il Vaticano... ribadisce la sua approvazione agli ogm, se servono per combattere la fame nel mondo. Il cancelliere della Pontificia accademia per le scienze, monsignor Marcelo Sanchez Sorondo, a Cuba per un vertice sui problemi dell'economia nella globalizzazione, nel suo intervento ha difeso la trasformazione transgenica in agricoltura purché contribuisca ad alleviare la fame nel mondo e non si trasformi in attività speculativa che colpisce la giustizia.
Sanchez Sorondo ha affermato che lo sviluppo di sementi transgeniche per combattere la fame è un "fatto positivo", e può aiutare a far affermare "la giustizia tra i beni e le persone".
Link
Questo è quello che succede a livello inconscio (radicamento) in quei due miliardi circa di Cristiani sparsi nel Mondo…

Ecco il frattale di quello che accade (“roba forte”, se la capisci):

nella nuova generazione terminator la crescita e la riproduzione della pianta, su cui si è intervenuto geneticamente, avviene solo se viene trattata con prodotti chimici venduti dalla stessa azienda biotech. Una pianta perde la sua capacità di svilupparsi e riprodursi, deve essere “attivata”  e sottoposta a continui input chimici per crescere e diventare fertile:
il sogno dell’agri-business si sta realizzando, dare vita o morte nei campi dipenderà solo dalla loro volontà e dal loro controllo…
E non sperare che SPS ti spieghi ciò che è già alla luce del Sole.

A questo punto dovresti essere perfettamente in grado di “capire da solo”. Ok?
L’unico SOS che voglio “sentire” è il monito a quel SOS di SPS, che tutto è... tranne che un “segnale di aiuto”.
Il mercato si è fermato a 666: gli operatori da cosa sono stati fermati? Da qualcosa che convenzionalmente esiste. Diamogli allora modo di tenere in considerazione anche un’altra presenza:
la mia, la tua, la nostra… “unita insieme in termini di interessi collettivi, immediati ed al di là di ogni separazione apparente di fondo”. 
L’Oltre Orizzonte è qualcosa di “tangibile a livello di prospettiva by SPS”.
Questo è un modo efficace e veloce, capace di “cambiare davvero qualcosa nelle attuali 3d”.
Non ci credi? Provalo!

Dove? Come?

Senti… prima fatti “sentire”. Ok?

Ne ho già perso sin troppo di Tempo con te…

Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2014/Prospettivavita@gmail.com