mercoledì 25 giugno 2014

L'ignoranza dell'uno misura la scienza dell'altro, in "sistemi diversi sovrapposti".


La ignoranza dell'uno è la misura della scienza dell'altro.
Francesco Algarotti
Focus sull’anno 5772.
Da settembre 2011 a settembre 2012, ecco i protagonisti e gli eventi di un anno ricco di novità e di sorprese anche per il mondo ebraico...

Link

Quando ero piccola e vivevo in Arabia Saudita, i miei genitori che erano originari del Sudan spesso mi ricordavano che quella terra dove vivevamo non era la nostra casa. Solo dopo anni, ho capito le implicazioni di quello che mi dicevano:
per me è impossibile “appartenere” a qualsiasi cultura, non c'è nessun posto dove ho vissuto che ho potuto chiamare casa…
Bilo Hussein.
Link
"Non è l’ignoranza, la misura, la datazione, né… il Sudan, la tua Casa”, semmai, questi argomenti costituiscono un “cambio di dimensione”… 

Qualcosa che avviene a dimostrazione che realtà diverse convivono, sin d’ora e da sempre, al tuo fianco e che entrare in una piuttosto che nell’altra è solo una questione vibrazionale (frequenza).  
Il tuo atteggiamento, dunque, fa la differenza in termini di frequentazione della tal dimensione.
Come ti puoi accorgere che sei “a cavallo o nella zona di sovrapposizione (confine)” di/tra due dimensioni diverse?
SPS ha citato ieri il caso di Snowden, il quale è stato insignito in Germania di un importante (ri)conoscimento – per il proprio comportamento altruista nei confronti della società globale, spiata a propria insaputa dai servizi segreti della Nsa – ed allo stesso Tempo (ri)sulta (ri)cercato dagli Stati Uniti in quanto tacciato di “alto tradimento”.
La Germania, in quanto “partner strategico Usa”, non si può esimere dal (ri)tenere, anch’essa, Snowden un “pericoloso criminale”, eppure in una delle sue città ed alla luce del Sole, lo premia pubblicamente proprio “per ciò che ha compiuto”.



Questo fatto concreto testimonia che sei nelle vicinanze di una zona d’interscambio tra due dimensioni diverse, i cui segnali si condensano in una sorta di effetto d’insieme, che mantiene aperta la via (tunnel) che le unisce in maniera sottile, testimoniata frattalmente proprio dall’accaduto e dalle caratteristiche particolari inerenti alla “geografia” del luogo.
In quella “zona”, molto più simile alla sostanza di una nuvola piuttosto che alla fisicità che sei abituato a (ri)levare usualmente, esiste la possibilità che sia proprio la Fisica classica a permettere di registrare la testimonianza di un simile “stato doppio d’insieme”…


Un libro è composto da più pagine; ora, le 3d in cui vivi sono una pagina del libro. Ogni pagina è collegata in qualche maniera, perlomeno a quella successiva e precedente. Addirittura, le pagine possono essere superate, nella loro consequenzialità, attraverso l’esistenza dell’indice, ossia, di quella funzione riassuntiva, che lega il numero della pagina alla propria posizione all’interno dell’intera infrastruttura del libro. L’indice ed il numero della pagina indicano frattalmente che la caratteristica che permette sia l’esistenza delle diverse pagine, sia la loro (ri)collocazione, è relativa ad una frequenza di funzionamento particolare, che evidentemente le contraddistingue tutte, in maniera "eguale ma diversa" (l'insieme rimane tale, nonostante la differenza vibrazionale degli elementi partecipanti), essendo il tutto un gioco d'insieme strutturato su/in più livelli, non sempre e del tutto manifesti (influenza).
Che cos'è, allora il "libro"? E... una pagina? Non importa ancora in questa fase. L'importante è che tu faccia esercizio di astrazione.
Ogni qualvolta un certo accaduto viene osservato da realtà diverse, lo stesso fatto perde la sua solarità, a scapito di una sua (ri)configurazione che dipende dal livello d’interesse delle varie parti in confronto. In questa sorta di disputa, non esiste più nessun dato oggettivo, etico, giusto o morale… esiste solo il punto prospettico del proprio interesse, piano, strategia, etc.

Una strategia tanto intraprendente quanto spregiudicata. Nel 2003 il colosso mondiale del software ha depositato oltre duemila brevetti. Suscitando anche feroci polemiche. L'ultima risale ad appena un mese fa. Quando Microsoft ha brevettato il "metodo e apparato creati per lanciare diverse funzioni di programma, basati sul tempo durante il quale viene premuto il bottone di comando"
Chi ha avuto almeno una volta a che fare con un mouse ha immediatamente capito di cosa si trattava. Era il doppio clic....
7 luglio 2004
Link

Raid israliani contro Gaza, Meshaal, Hamas non ha notizie su israeliani dispersi.
Israele ha bombardato sette località diverse della Striscia di Gaza ferendo almeno due persone. Stando alla PressTV, martedì gli aerei da guerra israeliani hanno compiuto i raid contro le zone occidentali, settentrionali, centrali e meridionali della Gaza assediata.
Gli attacchi israeliani degli ultimi giorni contro Gaza sono avvenuti dopo che tre giovani israeliani risultano dispersi in Cisgiordania. Tutto mentre  il leader di Hamas Khaled Meshaal ha dichiarato che  il movimento palestinese non ha alcuna informazione sui tre ragazzi israeliani che, secondo il premier Benjamin Netanyahu, sarebbero stati rapiti dal Hamas in Cisigiordania il 12 giugno scorso. Lo ha garantito lui stesso in un'intervista rilasciata all'emittente al-Jazeera durante la quale ha affermato che ''francamente, non abbiamo informazioni su quello che è successo''.
Link

In “virtù” del gioco caleidoscopico dell’interesse, molto spesso mascherato d’altro (non da ultimo, camuffato anche da “interesse nazionale”), ciò che ci si autorizza a perseguire va contro ogni precetto superiore, che il moto della coscienza ha comunque e sempre in sé.
Se, poi, la questione diventa un “affare di Stato”… allora ciò che si può arrivare a compiere o a negare, in relazione ad un esatto dato di fatto oggettivo (ad esempio… un bombardamento di inermi cittadini “stranieri” viventi sul proprio suolo), raggiunge i più alti livelli della scala del possibile.

Un comportamento che, pur essendo scolpito persino dalle cronache nazionali dei Tg, viene sempre come “s(o/u)pportato per via della presenza di un interesse tanto alto, da non permettere più di vedere gli altri come dei simili, bensì come dei nemici da odiare e combattere ad ogni costo”…

E, a quel punto, si smette del tutto di “vedere”, inforcando le lenti della (com)partecipazione convenzionale ed egoica verso qualcosa di altrettanto convenzionale ed egoico; un interesse mascherato che utilizza meccanismi quali le “scatole cinesi” e “l’effetto leva” per smaterializzarsi il più possibile dal medesimo piano/livello che ti contiene, nella convinzione che tu possa pensare di fare tutto da solo e, per questo, che tu possa anche sviluppare sensi di colpa impossibili da rendere pubblici (pressione interna), tali da renderti nel Tempo la Vita impossibile.
Il discorso si dipana dai molti livelli che auto esistono in qualità di “spazio disponibile, dal quale strategicamente imporre il proprio dominio/interesse”…
Lo spazio viene creato a livello di possibilità ed esiste anche per vie “naturali”, nella struttura d’insieme della varianza e (ri)combinazione energetica.

A livello politico, ad esempio, si crea nuovo “spazio” ogni qualvolta una nuova legge viene approvata. Legge che, come una cometa, si porta dietro una scia di “cavilli”, che permettono di conferir(l)e anche movimento entro lo spazio relativo. 
Ci si illude che il proprio Paese o (S/s)tato sia in qualche modo “giusto”; in realtà, questo piano 3d (ri)sente della (com)presenza del Nucleo Primo che, come un effetto radioattivo, si applica per osmosi ad ogni livello sotto posto.


…Torah.
Ci è stato spesso insegnato il principio di “Torah lishmà”, secondo il quale la Torah dev’essere studiata e insegnata per sé stessa, mai per secondi fini.

Tanto che ci si pone l’interrogativo se sia lecito studiarla a fini biecamente culturali e letterari. Ci è anche stato detto tuttavia, da altri, che esiste un principio secondo il quale, anche se si studia Torah per altri fini, prima o poi si arriva ugualmente alla Torah in sé. Rimane il solito ultimo dubbio:
ogniqualvolta ci vengono lanciati messaggi che traggono spunto dal testo della Torah e ne attualizzano il senso, che cosa dobbiamo pensare? È lecita l’interpretazione soggettiva, anche da fonte debitamente preparata e legittimata, al fine di indirizzare il presente? È lecita, cioè, in senso lato, l’attualizzazione politica della Torah? Dove sta il limite, e chi lo stabilisce?
Dario Calimani
Link

Come giustificare, ad esempio, i bombardamenti sui palestinesi? Oppure ciò che si legge in “Israele, il genocidio dell’acqua per sterminare i palestinesi.

Che cosa afferma, a tal proposito, ogni “sacra scrittura”? 

Rimane il solito "ultimo" dubbio: ogniqualvolta ci vengono lanciati messaggi che traggono spunto dal testo della Torah e ne attualizzano il senso, che cosa dobbiamo pensare? È lecita l’interpretazione soggettiva, anche da fonte debitamente preparata e legittimata, al fine di indirizzare il presente? È lecita, cioè, in senso lato, l’attualizzazione politica della Torah? 
Dove sta il limite, e chi lo stabilisce?
Può l’interesse nazionale (legato alla paura di... non sopravvivere) dettare dogmi ad un livello invasivo del piano della coscienza, tanto alto?
Se si fa finta di “non vedere”… sì.

Ma questa paura nasce da una fonte ancestrale registrata dentro all’essere umano, che risulta totalmente non indagata, lasciata in tranquilla sospensione radioattiva e, dunque, altamente reattiva nei confronti di tutto quello che ne segue a cascata (ogni tuo comportamento).
L’interesse preserva, prevede ed anticipa una simile discesa nelle 3d?
. Il Nucleo Primo ti anticipa sempre. Il suo interesse è diverso dal tuo, eppure tu non riesci proprio a fare a meno di seguirlo ed “onorarlo”. In che modo? Beh… vedi tu cosa puoi pensare a tal proposito. Gli articoli di/in SPS ti lasciano quel giusto spazio per… auto completare le parti che sono solo (ri)ferite a te e che solo tu puoi completare.

La particella “puoi” ti lascia libero di esercitarti nell’intero arco delle possibili scusanti, che ti manterranno sul posto a porgerti, “quando va bene”, le solite domande aperte, frutto di un possesso non registrato da nessuna parte a te direttamente accessibile, se non per Analogia Frattale ed, in definitiva, anche solo per… buon senso e logica.

Maggioranza
Quale è il punto di vista della Torah in merito al principio di maggioranza e alla considerazione della minoranza? Che spazio ha questo sistema nella Halakhah?
In epoca antica, il popolo ebraico era governato dal re. Figura ebraicamente ritenuta discutibile già ai tempi di Shemuel. Regno di Israele non significava però monarchia assoluta. Il re veniva scelto dal popolo anche se investito dal Profeta. Il potere del re d’Israele era vincolato alla Torah stessa che ne limitava i poteri. Il re era comunque sottoposto al controllo del potere giudiziario dei Maestri.
 
All’interno del Sanhedrin vigeva il sistema democratico e sulla base della maggioranza dei Maestri veniva stabilita la norma da seguire. La stessa Halakhah prevede il principio secondo il quale si deve seguire il principio di maggioranza nella maggior parte delle decisioni.
Nella Ghemarah (Berachoth 55) è chiaramente indicato il principio secondo il quale un leader non può essere nominato senza il consenso del pubblico. Il Chatam Sofer (Choshen Mishpat 19) precisa che un Rabbino Capo di una comunità non può essere imposto dall’alto:
come può una persona essere nominata per un ruolo di leadership senza consultare e rispettare la volontà del popolo?”.
Tosfot (Nedarim 27b), il Rosh (Klal 6, 5), il Rashba (7, 490) precisano che le decisioni vanno prese sulla base del principio di maggioranza.
 
Il Ramà (Choshen Mishpath 163, 1) precisa che per ogni questione legata al pubblico che non può essere risolta all’unanimità, si deve ascoltare l’opinione di ogni singolo membro della comunità che paga le tasse e seguire poi il principio di maggioranza.
Tuttavia, anche la maggioranza non può avere un peso eccessivo. 
È la maggior parete dei Posqim, in modo particolare il Chazon Ish (Bava Batra 4, 15) ritene che non si debba seguire la maggioranza se questa prende provvedimenti strettamente a favore di una parte a scapito di un’altra; la maggioranza non deve abusare del suo potere a scapito della minoranza, la cui opinione deve comunque essere riportata. Si evita così il fenomeno della “dittatura della maggioranza”.
Il concetto di “equilibrio dei poteri” è fondamentale:
il Sinedrio che rappresentava il potere giudiziario e che agiva in base al criterio di maggioranza limitava il potere esecutivo del re e del Cohen Gadol.
Paolo Sciunnach
Link
E chi limitava il potere del... Sinedrio? Un loop, guarda caso, dal quale non esiste possibilità di uscita secondo regole convenzionali.
Infatti... chi ha scritto la storia che da sempre l’umano studia?
Le variazioni sul tema sono infinite, eppure tutte insieme concorrono a mantenere ferreo il controllo su di te. Le tue idee, i tuoi pensieri… non sono tuoi (così come i figli). Tu vieni dopo. Tu segui…

Infatti, la religione prevede sempre la figura del “Pastore” che, ad ogni latitudine, cambia solo di nome. Solitamente, il termine di "Sacerdote" mette quasi sempre d’accordo tutti. E la casta dei Sacerdoti, da sempre, ha (ri)vestito i panni dei grandi avvantaggiati, nel corso delle miliardi di esistenze succedutesi nell'Impero 3d della Terra(ri)formazione (Anti)Sistemica/post ultima grande glaciazione by Nucleo Primo.
Una simile polarizzazione è totale, diversamente da te e dal tuo “comportamento”.

Solo uno spunto vorrei lanciare, che quando ci occupiamo del bene di un malato, ricordiamo che è a lui che dobbiamo pensare, e non al bene di chi se ne occupa o della società…
Alfonso Arbib

Link
Un nuovo tipo di marjuana prodotta da una ditta israeliana è stato reso disponibile per scopi medici.
Sotto scorta armata, in un luogo segreto, filari di piante di cannabis vengono coltivate in una grande serra, emanando un gradevole odore caratteristico.
In un locale nelle vicinanze, sacchi di germogli secchi e foglie vengono pesati e confezionati; una donna in camice da laboratorio sta lavorando utilizzando un dispositivo particolare, che consente la produzione di decine di sigarette confezionate. Non ci troviamo in un centro di smistamento della droga in Sud America, ma tra le verdi colline del nord di Israele. La cannabis è una droga illegale in Israele, ma questa struttura può operare con la licenza del governo!
 
La società che la gestisce, Tikun Olam, utilizza metodi biologici per far crescere diversi tipi di cannabis a scopo medico.
Negli ultimi mesi i ricercatori di questa ditta sono riusciti a sviluppare e a far crescere un nuovo ceppo di pianta che potrebbe cambiare l’immagine che si ha di questo farmaco
Chi la consuma non si sente incredibilmente “su”, ne ha la sensazione di assumere una droga: 
un incrocio particolare ha rimosso del tutto la presenza di un composto chimico della cannabis, conosciuto come Thc (tetraidrocannabinolo), che ha proprietà psicoattive. Inoltre la nuova pianta contiene in alta concentrazione un altro dei suoi componenti principali chiamato cannabidiolo (Cbd), che svolge una potente azione anti-infiammatoria.
“Il cannabidiolo non si lega alle cellule del cervello, per cui dopo la sua assunzione non determina effetti collaterali indesiderabili”, spiega Ruth Gallily, professore di Immunologia presso la Hebrew University, che studia il Cbd da 15 anni. 
Non ci si sente confusi, si può guidare, lavorare e svolgere la vita di ogni giorno.
Sollievo dal dolore.
Il responsabile della Ricerca e dello Sviluppo del Tikun Olam, Zach Klein precisa quali sono le categorie di pazienti che possono trarre beneficio dal nuovo prodotto.
"I nuovi ceppi di cannabis sono realmente utili per tre categorie di persone:
coloro che lavorano, gli anziani – perché sono sensibili al Thc – e anche i bambini, nei quali è desiderabile evitare il più possibile la stimolazione dei recettori cellulari presenti nel cervello".
David Sabach, 12 anni, soffre di tumore ed è appena uscito a giocare con gli amici, quando un giornalista della Bbc arriva per intervistarlo nella casa dove abita con i genitori in un paese del centro di Israele.
Mostra le foto di come appariva due anni fa: aveva perso i capelli per la chemioterapia e pesava metà del suo peso attuale.
Un medico ha recentemente prescritto a David Cbd arricchita di cannabis, che gli viene fornito sotto forma di cioccolato, torte, biscotti.
Usavo morfina per controllare il dolore ma mi era utile solo per un paio di minuti”, aggiunge il bambino. “Quando ora prendo la cannabis, essa mi aiuta tutto il giorno. Mi sento molto meglio. Finalmente posso camminare senza piangere per il dolore alle gambe”.

La marijuana viene utilizzata per scopi medici in Israele sin dagli anni ‘90.

Più di 10.000 israeliani sono stati trattati in questo modo per una varietà di malattie che vanno dal cancro, al Morbo di Parkinson, alla sclerosi multipla, alla Sindrome di Gilles del la Tourette. Molti ritengono che l’efficacia di questa terapia dipende dalla combinazione del Thc con Cbd, presenti nella cannabis normale. “Questa è una medicina naturale” afferma un paziente di 52 anni di Tel-Aviv, affetto da tumore, che non vuole essere identificato.

Aveva un tumore allo stomaco, operato 5 anni fa e fuma cannabis, mentre gli viene somministrata la chemioterapia. “Il beneficio più grande è che riduce il dolore” aggiunge; “la seconda cosa è il desiderio di mangiare. Un corpo senza carburante non può combattere ed una delle cose meravigliose della marijuana è che provoca una voglia improvvisa di snack e gli snack per le persone che praticano chemioterapia sono una benedizione”. 

Le esatte proprietà delle dozzine di cannabinoidi contenute nella cannabis e le loro interazioni devono ancora venir ben studiate:
le compagnie farmaceutiche internazionali le stanno sperimentando con criterio e cercano di svilupparne i derivati sintetici, da utilizzare come farmaci.
In ogni caso i coltivatori affermano che le tecniche tradizionali di ortocultura hanno la potenzialità di creare cannabis su misura utili in differenti situazioni, La nuova versione “libera” potrebbe anche un giorno sfidare il bando che riguarda l’uso medico di cannabis, recentemente rinforzato in molti paesi.
Link  
  • la cannabis è una droga illegale in Israele, ma questa struttura può operare con la licenza del governo!
  • la nuova versione “libera” potrebbe anche un giorno sfidare il bando che riguarda l’uso medico di cannabis, recentemente rinforzato in molti paesi.
  • un nuovo tipo di marjuana prodotta da…
  • le compagnie farmaceutiche internazionali le stanno sperimentando con criterio e cercano di svilupparne i derivati sintetici, da utilizzare come farmaci
Una tecnologia che s’interfaccia a quella della “natura”.
Insieme a questa “produzione” che altro ci si può aspettare? Che, ad esempio, un domani si possa acquistarla per scopi terapeutici, mentre l’autentica versione della pianta rimane bandita in tutto il Mondo?
Infatti…

Albania, 43mila tonnellate cannabis distrutte da polizia a Lazarat.
La polizia albanese ha distrutto finora circa 43mila tonnellate di cannabis e 133mila piante di marijuana nel villaggio meridionale di Lazarat, conosciuto come centro di produzione della droga... 
Link 
Non solo; basti pensare alla dimensione introdotta dal Dottor Hammer, a proposito di Ebrei e "5 leggi biologiche". L'aggiunta di nuova prospettiva (ri)sulta centrale nel processo di apertura del proprio orizzonte immaginifico e non solo mentale.
Nel mezzo si annida il motore di composizione 3d dell'interesse (ri)partito su/in più livelli...


Due pesi e due misure, dunque… costituiscono quella zona di frontiera tra diverse dimensioni che confinano, senza apparire mai del tutto come distinte realtà, essendo la frequenza alla base del loro accesso. Qualcosa che, comunque, s’emana ugualmente e che deve essere colto a livello frattale, osservando taluni “doppi comportamenti”, che avvengono e che caratterizzano certe zone di “transizione”.
Del resto, basta anche solo osservare come il comportamento delle persone sia influenzato dal comportamento altrui, quando si vive nei pressi di un confine convenzionale tra Stati (ad esempio, la Valle d’Aosta risente della presenza francese ed il Trentino Alto Adige della presenza tedesca, etc.).
Che cosa sai? Quali influssi, dunque, s’esalano da te e quali dalle zone di frontiera tra diverse dimensioni? E, ancora, quali influssi derivano dagli interessi diversi, provocati dalla convenzione di fissare confini, limiti, differenze razziali e di ceto, etc.?
E che dire, infine, della (com)presenza del Nucleo Primo e di tutta quella maglia (in)diretta di sotto derivazioni?
Qualcosa che non esiste solo perché le “scienze” non lo (ri)levano, secondo (ri)programmazione. Qualcosa che, però, la religione cattolica cristiana, ad esempio, mette in (ri)salto frattalmente ogni qualvolta annuisce al Demonio e al rito dell’esorcismo, oppure ogni qualvolta qualsiasi religione fissa un diverso Dio a capo del destino delle Nazioni
Ogni “Dio” è destinato a cadere, prima o poi… perché se è vero che l’umano deve evolvere, è anche vero che – di conseguenza – il Nucleo Primo deve variare le carte in tavola, in maniera tale da mantenerti convinto che di evoluzione si tratti e che, allo stesso Tempo, il proprio interesse non venga mai meno. ok?
Penso che avrai capito, dunque, da dove deriva l’arte della politica e della diplomazia (l’arte dello “strategicamente ben parlare”).
Lehman Brothers: il tramonto di un mito.
Con il crack di Lehman Brothers è crollata… la quarta banca d’affari del mondo e forse una delle più caratterizzate dal punto di vista ebraico fin dalla sua fondazione.
Quella di Lehman Brothers è la più classica delle storie americane, con un inizio difficile ma miracoloso, un successo stellare e un crollo inaspettato quanto verticale, la bancarotta più grave che si ricordi…
Link
Tanto più sali affrettatamente, tanto più poi ti farai male.

Ma, in questo caso, chi si è davvero "fatto male"? I dipendenti… Ossia, quella parte sacrificabile del carico, dal punto prospettico della “direzione” che, sotto a varie forme ed alleanze, (ri)cava ancora e sempre profitto.
Quella annunciata è la più grande bancarotta nella storia degli Stati Uniti. La società è ancora esistente, fino al completamento della procedura di bancarotta.
Dal 2009 la piattaforma web IlliquidX, specializzata nella vendita e lo scambio di titoli illiquidi, consente a venditori e compratori di prezzare e scambiare le obbligazioni Lehman; nel 2011 la piattaforma ha registrato un volume di scambio superiore al miliardo di dollari in titoli Lehman
Link
La valenza di una simile azienda è ancora “viva” e pronta a (ri)accasarsi, cambiando opportunamente d’abito, in maniera tale da continuare ad “essere” (sopravvivere), dal momento in cui si è guadagnata i “galloni” sul campo (dal punto prospettico di fedeltà ad un programma non scritto ma sancito da un patto sottile tra realtà diverse, che non necessitano nemmeno di una stretta di mano).
Richard Fuld, l'amministratore della banca, aveva da tempo presentato dei falsi bilanci e negli ultimi dieci anni aveva versato 300 mila dollari a deputati e senatori del congresso americano per corromperli è stato messo sotto inchiesta da altri membri del congresso stesso.
Il 6 marzo 2012, 1.268 giorni dopo il crack, Lehman Brothers Holdings, quello che resta dalla liquidazione del colosso bancario fallito durante la crisi del 2008, esce dal Chapter 11, ovvero dall'amministrazione controllata da 639 miliardi di dollari

La società cominciò a rimborsare i creditori il successivo 17 aprile, chiudendo in questo modo un capitolo iniziato il 15 settembre 2008, quando Lehman è collassata dando inizio alla crisi finanziaria globale. Ora, 1.268 giorni dopo, comincerà a distribuire ai creditori circa 65 miliardi di dollari, a fronte di richieste per oltre 300 miliardi. 
"Siamo fieri di annunciare che Lehman è uscita dal Chapter 11 e inizia la parte finale della distribuzione di fondi ai creditori", ha detto John Suckow in un comunicato.
Il tribunale fallimentare aveva approvato il piano di rimborso nel dicembre precedente. Il nuovo consiglio di amministrazione, tra le varie cose, continuò con la liquidazione di asset…

Siamo fieri di annunciare che Lehman è uscita dal Chapter 11…


Come non (ri)manere smarriti entro un simile oceano di possibilità, fondate sulla conoscenza ed interpretazione di parte, della legge? Nella dimenticanza generale che ne consegue, tu passi oltre... mentre si consuma la parte finale di un ciclo, nell’immediatezza di una nuova (ri)nascita all’insegna del consueto leitmotiv (principio radioattivo). 
Etica e morale, giustizia ed equilibrio… che cosa diventano, se interpretati alla luce della propria parte e del proprio interesse di parte?
Beh… diventano come dei soprammobili da ostentare nella propria casa di rappresentanza, segno di una presenza dietro alla presenza “immobile” ma, non per questo, “senza potere su di te”
Un esperimento mentale o esperimento concettuale (in tedesco Gedankenexperiment, termine coniato dal fisico e chimico danese Hans Christian Ørsted) è un esperimento che non si intende realizzare praticamente, ma viene solo immaginato:
i suoi risultati non vengono quindi misurati sulla base di un esperimento fisico in laboratorio, ma calcolati teoricamente in base alle leggi della fisica…
L'esperimento mentale è un'operazione di analisi operativa delle esperienze di misura effettivamente eseguibili nel mondo reale, almeno come esperienze concettualmente possibili. Parte di queste esperienze non sempre è realizzabile al momento presente per limiti non della fisica, ma della tecnologia e della tecnica note...
Link
L’umano deviato ha saputo (sotto ad ispirazione del Nucleo Primo) letteralmente “inventarsi dal nulla” qualsiasi “dispositivo/artifizio”, pur di non collassare di fronte al “vuoto che ha sempre percepito alla base della propria comparsa nelle 3d”…
Trattasi, dunque, di una “inventiva pro sopravvivenza”, che (ri)sente di qualcosa che si trova al di là di ogni convenzione.
SPS, ogni giorno, utilizza lo stesso modello dell’esperimento concettuale… al fine di evidenziare la (com)presenza del Nucleo Primo dentro, attorno ed al fianco tuo, ubiqua e totalmente avvolgente tutto quello che “fai/sei/sai”.
Un campo morfogenetico superiore.
L'idea che ogni specie, ogni membro di ogni specie, attinga alla memoria collettiva della specie, si sintonizzi con i membri passati della specie e a sua volta contribuisca all'ulteriore sviluppo della specie, comporta una sorta di "risonanza" fra gli individui e i gruppi della specie (per esempio i sottogruppi, razze, etnie, gens, famiglie, ecc., nel caso umano). 
Nel libro The Presence of the Past, Sheldrake avanza l'ipotesi che i "campi ricordi" non siano effettivamente memorizzati nel cervello, ma piuttosto che possano essere memorizzati in un campo di informazioni al quale si può accedere mediante il cervello

Mhm… vedila anche così:
tutto ciò è... come spiegare la (com)presenza del Nucleo Primo, evitando di osservarlo direttamente! Girandoci attorno (atto dal quale s’emana la struttura a loop, che tutto avvolge e caratterizza “ad immagine e somiglianza”).
È così “logico” che prende “spessore”: lo puoi anche tagliare con un coltello od infilarci un grissino come dentro al tonno in scatola (sigh!).

La visione prospettica cambia l’asse del Mondo (ri)conosciuto.


Per questo sei mantenuto regolarmente lontano dal tuo più autentico “asse”…

Per questo… “non cambia mai autenticamente niente attorno a te”.
La ignoranza dell'uno è la misura della scienza dell'altro.Francesco Algarotti
Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2014/Prospettivavita@gmail.com