giovedì 19 dicembre 2013

L’interesse.

 


Dove vien meno l'interesse, vien meno anche la memoria.
Johann Wolfgang Goethe
Dunque, che cosa abbiamo qua, quest’oggi? Si tratta dell’interesse. Ossia, di quella “corrente tendenziosa, che attira/veicola le simpatie umane verso qualcosa/qualcuno"…


Una vera e propria calamita. Chi può dire, però… se un simile magnete, sia collocato dentro o fuori dell’individuo? Cioè:
ciò che attira è quello a cui si ambisce.
E... quello a cui si ambisce, è:
  • un (s)oggetto che esiste esternamente (fisica/mente)?
  • un (s)oggetto che esiste internamente (eterica/mente)?
SPS è un’antenna: se mi lascio fluire nel segnale che giunge… nulla risulta estraneo alla trasmissione, persino il fruscio e l’interferenza; questa è la forza derivante dalla totalità della propria Presenza (pienamente raggiungibile per chiunque sia "pronto").
Senza possibilità di errore, perché l’errore è eventualmente parte stessa della comunicazione. 
Con chi/cosa si è instaurata la comunicazione? Non lo so, ma preferisco credere che sia la mia Anima, mediante il suo frammento innestato nel campo energetico del corpo fisico ibrido umano

Il (s)oggetto è nel mirino dell’interesse: di quella forza magnetica che muove il Mondo, individuo per individuo. L’interesse, allo stesso modo della comunicazione, è un vettore ispirato da un livello superiore dell’appartenenza. 

La mente tende a macinare logica secondo loop/convinzioni/abitudini/programmazione/credo:
ciò che stai leggendo è una diretta derivazione del campo mentale, perché la mente è una telescrivente che “riceve e stampa”.

Chi l’ha detto che la mente “elabora” anche il segnale?

L’elaborazione esiste ma è di Natura simile al “rumore di fondo”
 
Quindi, la mente è come una ricevente che funziona "male", visto che interferisce con la ricezione. Fai attenzione a questi concetti, che possono sembrare strampalati:
il funzionamento umano (e di tutto) è di Natura multi livellare e multi prospettica – contemporaneamente.

Ordini diversi, uguali, simili, inversi… gerarchicamente si riflettono gli uni negli altri, dando un’impressione di esistenza al singolo individuo, che emerge di conseguenza nelle 3d (si manifesta).

Se non ci fosse questa opera di contrasto/confronto, la Creazione non avrebbe modo di manifestarsi biodiversamente (riflesso).
Quindi… la Creazione che il genere umano osserva/studia ed “è”, deriva da un effetto secondario, generato dalla “differenza” tra forze superiori ed inferiori, che avvolgono l’ibrido umano, il quale può “alzarsi e camminare”, lasciando il proprio “involucro” di stasi, oblio e (in)coscienza (molto simile allo stato di fetale, vegetale, minerale, etc., essendo questi stati i luoghi di provenienza dell’ibrido umano).



Non fare mai appello alla “miglior natura” di un uomo. Può darsi che non l’abbia. È più conveniente fare appello al suo interesse...
Robert Anson Heinlein
 
L’interesse muove da dentro e da fuori allo stesso Tempo:
  1. il dentro è mosso dall’ispirazione (esterna), per cui il dentro è un fuori
  2. il fuori è mosso dall’immagine riflessa (interno), per cui il fuori è il dentro.
  • questo loop è un vortice spiraleggiante, che muove senza muover(e)rsi
  • questo loop permette il movimento sul posto, che il Nastro di Mobius, in definitiva, identifica in se stesso, rileggendo da una chiave prospettica avvolgente il proprio “senso”…
L'interesse e la paura sono i principi della società.
Thomas Hobbes



Manca qualcosa a questa "formula"? Non si parla di Amore, ad esempio.
Certo, nessuno può ambire ad ispirarsi a questa citazione, ritenendola “assoluta”, tuttavia… la citazione parla chiaro, ergo:
l’Amore è un contenuto (implicito) nel campo energetico dell’interesse (desiderio) e della paura (timore).

Da questo confronto nascono tutte le sfaccettature sentimentali che la società umana ha da sempre sviluppato entro mura e confini. E, bada bene, che il contenuto implicito di qualcosa che veicola… è il fulcro della questione (il dentro che è il fuori e viceversa).

Un Cuore è contenuto (avvolto), protetto dall’esterno, come la “cosa” più importante (seme).
Dunque, la "forma" del giudizio, che non vede oltre l’orma del proprio passo, è quanto di meno adatto serva per “capire secondo la prospettiva del seminato” (che sfugge, perché l’interesse fisica/mente spinge a dimenticare ciò che non si vede e che funziona automaticamente e per “sentito dire”)…
L'interesse parla ogni genere di lingua e interpreta ogni genere di personaggio, perfino quello del disinteressato.
François de La Rochefoucauld


Tutto è interesse, perché tutto è interessante? Beh… molte persone sono interessate solo a ciò che le Anima interiormente, ma a partire da stimoli esterni (wireless) che, poi, a ben comprendere – ma ad altro livello (meno pratico) – è sempre e solo la stessa cosa (conosci te stesso).

La citazione, sopra riportata, inneggia alla verità ubiqua dell’Essere
L’interesse è quello dell’onda massima, che interessa ed è interessata a “tutto” (evoluzione).
Nessuno è malvagio gratuitamente. Bisogna che vi sia spinto da una ragione, e questa ragione è sempre una ragione d'interesse.
Charles-Louis de Montesquieu
 
Esistono sottolivelli del livello padre/madre:
la loro “differenza” è tutto ciò che emerge nelle 3d.
Dipende da quale sottolivello osservi, la conformazione di ogni risposta personale alle “domande della Vita”. Il potere che amministra le 3d (Nucleo Primo) è il livello padre/madre (filtrando la situazione generale).
E “noi” siamo i sottolivelli, che hanno accettato di interpretare dei ruoli simili, per “interesse”.
Ora, scambiare ciò che tutte le religioni evocano come “Dio”, per il Creatore (onda massima), è come ritenere se stessi dei granelli di polvere (Gurdjieff) ed adorare la “spiaggia” che contiene. Il mare, allora, che cosa sarebbe? E il cielo? E l’individuo che pianta il suo ombrellone?

Bah… la mono visione prospettica gioca dei brutti scherzi; analizzando piattamente il panorama, dal livello del “dettaglio”… si desumono rilievi del tutto parziali e frutto dell’abusivismo edilizio sociale (interesse) altrui. Se davanti a casa tua costruiscono un “bel” palazzone, che elimina del tutto i raggi solari, significa forse che il Sole non esiste più?
Chi costruisce qualcosa fuori ed attorno a te?
L’impassibilità nasce proprio dal contesto presunto della spiritualità odierna, che non lascia chiaramente capire che “si è in guerra”. La guerra è stata autorizzata, permessa, manifestata ed, ora, respirata! Queste fasi diverse hanno gli individui come “fulcri centrali”, ad immagine e somiglianza di “qualcosa”, che ha preso un’altra via esplorativa della propria evoluzione e che, “ora”, emana radioattività capace di polarizzare l’intero scenario:
se qualcosa di te si è liberato ed ora – non è più solo te – che cosa intendi fare?
Sistemando il tuo scenario interiore, sistemerai anche ciò che hai creato?

Per niente affatto. La tua opera è viva almeno e forse più di te. Essa sopravvive a te. Essa è nata da un tuo periodo oscuro e non puoi pretendere che “non sia così”. E allora che cosa hai fatto, nel passato? Avendo paura di lei e temendo per la tua Vita, hai preferito “dimenticarla”
Questa auto amnesia ha procurato in lei una forza indicibile; quella forza tipica di desolazione/disperazione di coloro che vengono abbandonati e non più riconosciuti!
Dalle torto, se riesci. 

Occorre dare pratica a ciò che sembra non averla (spiritualità derivante dal “porgi l’altra guancia”).
 
E allora? Occorre scendere in guerra? No, non questo. Occorre dialogare con i simili. Ogni simile è un portatore d’orma “di ciò che hai liberato” (tuo figlio/a). Occorre comprendere ciò che si è fatto e, responsabilmente, cercare di lasciare un buon ricordo di sé, nel momento in cui si comprende di dover lasciare questo piano dell’esistenza (evaporazione post saturazione del proprio livello di Presenza, derivante dal “conosci te stesso”)…



Sono due distinti processi di Consapevolezza:
  1. la “sintesi” (quintessenza) del tuo processo interno (ciò che concerne l’Essere)
  2. il “riconoscimento responsabile” (ricucitura dell’ultimo “strappo”) del tuo processo esterno (ciò che concerne l’Avere).
Il “buio” è fuori anche se lo cancelli da te con la luce. Perché? Perché il “buio” è vivo quanto te, adesso. Non lo puoi cancellare come se non esistesse. È l’opera di una Creazione e non può sparire. Del resto vive in una dimensione fisica che serve come piano auto esperienziale. Tutto quello che nasce nelle 3d è “libero di continuare ad esistere”. Semmai, è l’opera post ricucitura dell’opera, del senso, della funzione Creatrice… che veicola il Creatore Individuale a lasciare un piano che, evidentemente, non lo può più “contenere”…
I riflessi liberati, resi orfani “prima” – dalla paura e dalla relativa (a)memoria – sono destinati “dopo”, a rimanere “senza padre/madre”, per via della "ricomposizione energetica" tra i due livelli (padre/madre e figlio/figlia) e della loro incompatibilità di fatto, a causa di una “vicenda personale” del tutto diversa, frutto del relativo svolgimento in periodi diversi del proprio Tempo (evoluzione).
Il raccolto non matura tutto insieme.
Del resto… non funziona così anche nel campo prettamente umano della “famiglia”? I figli genericamente sopravvivono ai propri genitori. È (con)sequenziale…
Ma ciò non significa che la morte ponga il sigillo della fine dell’esperienza dei livelli padri/madri. Tutt’altro!

Altra cosa da comprendere molto bene è questa:
nei film, ad esempio, il lieto fine – ossia, il castello del malvagio che crolla o l’incantesimo che svanisce o la bella addormentata che si risveglia – non equivalgono alla “fine” dell’esistenza del castello o dell’incantesimo di turno, ma (il lieto fine) si avvera nel Mondo in cui l’individuo si “trasferisce” (evapora).

Nei film si dimenticano di rendere manifesta questa verità.
Il “cattivo e la sua opera” non terminano con il lieto fine della storia; semmai, ciò avviene nel “Nuovo Mondo”, in cui la storia si trasferisce istantaneamente, al fine di riprendere il “lieto fine” ma, resta certo che… nel “Vecchio Mondo”, tutto rimane inalterato!


È una questione di appartenenza a determinati livelli (che gli elettroni, ad esempio, rappresentano molto bene). Senza andare molto "lontano", basta osservare il Sistema Solare:
  • Pianeti (presenze)
  • Orbite (percorsi)
  • Sole (centro)
  • Campi gravitazionali (società, interesse, storia).
E “al di fuori”? Molto ma molto altro: compresi i “buchi neri” (che non appaiono, se non osservati indirettamente) e la stragrande maggioranza della "materia"...
È una vera e propria “sinfonia frattale”.
Sul Sole si formano “cicli di macchie scure” ma, in realtà, è tutto luce. Anche se il Sole non è eterno (lo “scotto” da pagare per far parte/emergere nelle 3d).

Turchia. Corruzione: Erdogan denuncia operazione sporca. Rimossi vertici polizia.
C‘è uno Stato nello Stato che rema contro lo sviluppo della Turchia. 
Il Premier Recep Tayyip Erdogan così contrattacca dopo l’arresto di 52 personalità di primo piano del partito di governo, l’Akp, inclusi i figli di 3 Ministri. Alla vasta operazione di polizia seguita all’inchiesta per corruzione che scuote la classe politica, il governo islamico conservatore ha risposto azzerando i vertici delle forze dell’ordine: 

21 i dirigenti di polizia ad Istanbul ed Ankara che sono stati rimossi. 
"Mentre noi lavoriamo per fare della Turchia uno dei Paesi leader al mondo nel 2023, altri remano contro, con lo scopo di frenare la crescita della Turchia" ha accusato il Primo Ministro…
Link 


Il “ciclo delle macchie scure” condiziona e caratterizza (polarizza) tutti e tutto, ciò che “è”... ma è contenuto nella cerchia di turno. 
Qualcosa che sa molto bene come “andare avanti”, totale nella propria manifestazione di "rabbia" (e funzione) nutrita verso coloro che lo hanno abbandonato per “paura” e mancanza di responsabilità (immaturità).
Da questa prospettiva, allora, ogni atto è una recita nella commedia scritta dal sottolivello di potere, che ha maturato con forza (firmato) l’atto di amministrazione delle 3d e di ogni loro contenuto.

Usa: approvato il budget federale per i prossimi due anni.
Un passo importante per il bilancio federale degli Stati Uniti. Con il via libera del Senato, il Congresso americano ha approvato definitivamente il budget federale per i prossimi due anni. 

Il voto rappresentava un test cruciale. A questo il punto il testo è pronto per la firma del presidente Barack Obama e per diventare così legge dello Stato.
La legge fissa la spesa pubblica a poco più di 1.000 miliardi di dollari per quest’anno e il prossimo e taglia il deficit di 85 miliardi in dieci anni...

Nessun problema. È tutto sotto controllo. La sicurezza di ogni individuo è nelle mani di questa infrastruttura della presenza dominante:
in fondo, gli individui lo hanno chiesto indirettamente, attraverso la volontaria forma di “amnesia”, maturata per la paura di ciò che avevano liberato e che “non potevano più sostenere” (chiusura dello spettro della percezione sensoriale e “via libero” dell’era del “Kali Yuga”).
Il cerchio si chiude sempre di più

Fed: Al Via Tapering, Programma Stimolo Ridotto a 75 Mld Al Mese.
Al via il tapering, la riduzione del programma di acquisti di titoli della Federal Reserve. 
Con una mossa a sorpresa, il Fomc, il comitato di politica monetaria della banca centrale Usa, nell'ultima riunione del 2013 (ma anche l'ultima della presidenza Bernanke) ha scelto di tagliare da 85 a 75 miliardi al mese il piano di interventi varato nel dicembre 2012. La riduzione è di 5 mld per ognuno dei due programmi in corso.
Link 

Renditi conto, a livello frattale, della differenza di "strumenti" utilizzati in ambito economico:
La legge fissa la spesa pubblica a poco più di 1.000 miliardi di dollari per quest’anno e il prossimo e taglia il deficit di 85 miliardi in dieci anni...

Con una mossa a sorpresa, il Fomc, il comitato di politica monetaria della banca centrale Usa, nell'ultima riunione del 2013 (ma anche l'ultima della presidenza Bernanke) ha scelto di tagliare da 85 a 75 miliardi al mese il piano di interventi varato nel dicembre 2012...
Sempre di più

Ue, accordo su unione bancaria Saccomanni: "Risultato storico".
Maratona notturna con via libera sulla gestione ordinata dei fallimenti bancari. È questo il risultato raggiunto nella notte a Bruxelles dall'Ecofin, che rappresenta il primo passaggio fondamentale nella strada dell’Unione bancaria in Europa
L'accordo sul meccanismo unico di risoluzione bancaria, raggiunto nel corso dell'Ecofin, ''è un risultato storico. Si tratta di un accordo di una situazione complessa che chiede ulteriore lavoro. Mi viene da fare un raffronto con un'altra importante storica conclusione, che era quella dell'Unione monetaria, che è stata poi costruita nei dettagli negli anni successivi''. Così il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, al termine dei negoziati al Consiglio Ecofin a Bruxelles sul secondo pilastro dell'Unione bancaria...

''Dobbiamo muoverci alla svelta - ha continuato - ma abbiamo fatto molto in fretta''.

La piena mutualizzazione delle strutture di salvaguardia finanziaria ''avverrà fra dieci anni'', ma ''ci sono impegni sufficienti per garantire che anche nella fase di transizione ci siano gli strumenti e le procedure per gestire situazione di crisi''. 
Le decisioni sulla gestione di una crisi bancaria saranno prese rapidamente, ''nell'arco di 24 ore'', rispetto all'ipotesi iniziale di 48 ore. ''Il pericolo che si ripeta quello che è successo dopo il fallimento di Lehman Brothers - ha concluso Saccomanni - credo che oggi sia stato definitivamente esorcizzato''.

Sempre di piùe il fattore paradossale è che nessuno è in grado di “accorgersi” di quello che accade. 
I livelli interiori conservano le tracce che indicano la propria centralità nell’emanazione/autorizzazione di ciò che, ora, sta accadendo. Una simile verità non riesce ad emergere perché l’individuo non lo permette. Perché teme, ha paura di ciò che ha fatto
Ed il cerchio continua a chiudersi


Crisi, Ecofin raggiunge accordo su unione bancaria...
"Il fallimento nel raggiungere l'accordo avrebbe impedito di stabilizzare il settore finanziario e di proteggere i governi nazionali dalla possibilità che le banche li trascinassero di nuovo in crisi"...
Wolfgang Schaeuble - Ministro delle Finanze tedesco

Ue/Banche: Ecofin in corso, verso accordo su sistema anti-crisi...
Prima di accedere al fondo di risoluzione per assorbire le perdite si farà ricorso ai fondi di azionisti e obbligazionisti (bail-in) per un importo pari a un tetto dell'8% degli asset bancari. Dopo, in caso di necessità, si otterrà un ulteriore intervento del fondo unico per un ulteriore 5% del valore degli asset. 
In ultima istanza previsto il ricorso a misure pubbliche di assorbimenti degli shock.
Link 
Un modo, più solido della sola speranza, per “uscirne” c’è sempre.

Vediamolo frattalmente.
Ecco come abbattere i costi del roaming.
Una start up israeliana cerca di eliminare una paura che attanaglia i viaggiatori internazionali sugli enormi costi del roaming internazionale quando dall’estero si chiama casa propria
Cell Buddy punta a trasformare il tuo smartphone in un telefono con linea locale assegnandogli un nuovo numero.

I viaggiatori possono scegliere tra molteplici piani tariffari per le chiamate e per il traffico dati. Il risultato è quello di pagare costi locali evitando le salate tasse imposte dall’operatore nazionale…
Link 
Trasformare il tuo smartphone in un telefono con linea locale assegnandogli un nuovo numero
Il “nuovo numero” a cosa corrisponde, di/in te?
Una nuova frequenza di funzionamento/(ri)assegnazione. Ciò significa che al “vecchio numero” non risponderà più nessuno o, perlomeno, che per un certo periodo di Tempo esisteranno due numeri diversi, che fanno capo allo stesso “apparecchio” (possibilità, alternativa).

Per salire nella prospettiva ed inquadrare l’oltre orizzonte, occorre:
trasformare qualcosa di sè, (ri)assegnare la gerarchia interiore che lega a sé.
Lavorare troppo fa male: ecco perché conviene fermarsi.
Lo stress da lavoro fa male, anzi, malissimo alla salute. Ora, a supportare la convinzione dei lavoratori e quella dei medici, arriva persino una ricerca scientifica condotta dall’Istituto finlandese di Medicina Occupazionale di Helsinki
E quello che emerge dalla ricerca è che chi lavora più di 55 ore a settimana è a rischio di declino mentale, un processo che può portare alla demenza...
Link 
Se sei “contenuto”, lo devi essere totalmente e, dunque, cosa c’è di meglio che renderti assente da te stesso? Il denaro è la benzina delle 3d? Ok. Allora, che serve? Lavorare… E qual è lo scopo funzionale implicito del “lavorare”? “Mantenerti”…  Ecco:
  • sei, dunque, “mantenuto” in Vita in questa n(E)uro simulazione esistenziale 3d
  • sei, dunque, “mantenuto” in Vita in... sospensione vegetale.
La schiavitù è stata abolita? Siamo seri… Che cosa accade in Arabia, ad esempio? E che cosa accade nella tua città? Che cosa ti accade? 

Il riflesso è dappertutto…

Stop al finanziamento pubblico ai partiti, ma non c'è la legge sulle lobby.
Il governo fa un passo in avanti verso l’abolizione dei finanziamenti pubblici ai partiti, ma rimane arenata al Senato la legge sulle lobby. 
Un intreccio che potrebbe diventare pericoloso se le due questioni non dovessero procedere su binari paralleli

L’esecutivo approva un decreto legge identico a quello votato dalla Camera lo scorso 16 ottobre. Dal 2017 i partiti non riceveranno più denaro dallo Stato, ma solo dai privati. Ecco perché regolamentare le lobby e le loro attività in Parlamento diventa una necessità per evitare che la corruzione dilaghi… 

In questo contesto, considerazioni politiche a parte, nel momento in cui verranno meno i rimborsi pubblici ai partiti, manca una parte importante nell’ordinamento: la legge sulle lobby

L’idea di mettere mano ai gruppi di pressione risale al governo Monti ma il testo si è arenato – chissà per quale motivo – nei meandri di Palazzo Madama. La legge istituiva un elenco ufficiale dei lobbisti e chi poteva fare parte di un gruppo di pressione; voleva regolare i rapporti tra lobby e amministrazioni pubbliche, garantiva trasparenza dei contatti tramite il web.

Era previsto, addirittura, un codice di comportamento, con sanzioni per chi accettava regali oltre i 150 euro. Insomma, il testo si può anche migliorare, ma la base è pronta quantomeno per regolamentare un settore che in Italia non è controllato da nessuno, mentre nel resto d’Europa rispetta severe regole.
Link


Attenzione:
regolamentare un settore che in Italia non è controllato da nessuno, mentre nel resto d’Europa rispetta severe regole.
 
Ecco alcune riflessioni:
  • il “controllo” è ubiquo
  • tutto è regolamentato
  • il fatto che non ci sia un controllo è la prova che il "controllo" c’è
  • il resto d’Europa e del Mondo è, ugualmente, sotto controllo
  • al di fuori dell’Italia l’apparenza è diversa ma la sostanza è la stessa
  • per essere pienamente contenuti occorre controllare tutto, dando l’esatta idea inversa (libertà, evoluzione, civiltà, etc.)
  • per essere pienamente contenuti occorre che gli individui pensino di poter circolare sull’intero Pianeta, senza mai poterlo però lasciare (chi si può permettere di costruire una nave spaziale?).
Non si riesce più a scorgere la vera alternativa (oltre orizzonte)

L’interesse di ciò che abbiamo liberato è molto denso e a nulla serve comprendere che “egli è funzionale anche ad un livello maggiore”. Non te ne fai nulla di una simile verità, quando un (Anti)Sistema ti lascia poche briciole di energia per giungere sino a sera

L’enunciazione racchiusa in “quello che è stato compiuto direttamente ed ora dimenticato” è:
occorre conoscersi (in quanto continuazione della funzione Creatrice)
occorre (ri)conoscer(e)si (chi/cosa abbiamo Creato)
occorre "evaporare" (diretta conseguenza dei primi due step).
È nostro interesse muoverci in questa maniera? No… sino a prova contraria… è solo mio interesse, visto che non posso intendere per nessun’altro, nemmeno per ciò che ho contribuito a Creare, dotandolo (ovviamente) di Vita e “storia” propria.


Vaticano: uomo si dà fuoco in piazza San Pietro…
Link

Riparto da me stesso.

Dipende da me. 

Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2013/Prospettivavita@gmail.com