venerdì 27 dicembre 2013

Voltare pagina attraverso il "frammento"...



Triangolazione

Le vie del destino sono davvero difficili a comprendersi. Se non ci fosse una qualche compensazione nell'aldilà, allora questo mondo sarebbe davvero una beffa crudele.
Arthur Conan Doyle
È chiaro, assodato, certo ed univoco (per SPS) che… tutto quello che esiste e, persino, che “non esiste” (ma in un certo modo, che è stato “previsto/raggiunto” a livello mentale) nelle 3d… è un “fake” (un falso, una contraffazione, una imitazione, una finzione… una limitazione contenuta).
Le intere 3d e la loro “storia” (storia deviata) sono state pre(confezionate) ad hoc, al fine di “intrattenere l’individuo”… ossia, quel “portatore sano” di frammento animico.
 


Un simile individuo è come una unità energetica preziosa, dotata della possibilità di co creazione; il proprio riflesso frattale negato è quel “moto perpetuo”, che la scienza deviata nega possa esistere. 
Quella particella che, messa al centro di un dispositivo… permette di muoverlo per intero (secondo la programmazione indotta nel dispositivo).
Per cui, l’individuo diventa come una batteria della durata di circa 80 anni (a scadenza) che si rinnova (eternamente) nel periodo Temporale, che sussiste tra un ciclo di morte e Vita (lato oscuro, che la Luna “mostra” con evidenza).

Il “centro di gravità della vita”, di cui parla ad esempio Friedrich Nietzsche, non è (secondo SPS) la parte Consapevole, Presente, Sovrana dell’individuo, ma quella parte che “sussiste/pulsa” e che si identifica con il connubio corpo/mente. La sua “stasi” (convincimento) in questa realtà, permette al Nucleo Primo di ingabbiare per auto convincimento proprio/indiretto, la capacità dell’individuo.  
  
Trasferire questo centro in ciò che “è” l’oltre orizzonte, permette di “voltare pagina” e di lasciare queste 3d intatte, ma senza più la contemplazione della presenza individuale in oggetto.
L’oltre orizzonte non è ancora stato sognato da nessuno: esso “è” una pagina inedita del “libro della possibilità”… Un qualcosa di ancora “non lottizzato”.
Evaporare è... raggiungere l’oltre orizzonte! Non è: “chissà cosa fare/chissà dove andare”…
Dunque… “andare oltre” è: andare dentro se stessi, tra le divisioni interiori che sembrano “uno”.

Triangolare dall’interno con un tipo di “esterno sicuro”, con il “frammento animico”, che ha mutato la Natura del complesso ibrido 3d in un qualcosa dotato di “fiamma eterna”

Il proprio interno è come l’esterno, ossia, multi frammentato. 

Per cui, un simile stato rende la separazione un incerto gioco di sottili meccanismi, che si alternano al comando del vascello corpo/mente, dando l’impressione al “registro di sistema” (mente), che la regia sia sempre unica, quando in realtà è vero l’esatto opposto.
In un simile stato confusionale, allora, il segnale esterno di riferimento unico (paradigma) diventa simile ad un faro “amico” (raggio traente, campo gravitazionale), capace di sostituirsi all’analogo modello di riferimento interiore individuale, che si spegne nel Tempo a causa di una “mancanza di attenzione” (letargo, oblio, perdita di autorevolezza gerarchica).
Il “conosci te stesso” è inerente a questo viaggio interiore, proiettato al di fuori e mischiatosi con tutto ciò che di esterno viene a crearsi per effetto del gran numero di “attori” (con parti biodiverse e diverse) coinvolti nel fluire esistenziale.

Con il proprio “centro di gravità o di massa”, installato nelle attuali 3d, tutto ciò che si proietta nello schermo Vitale è sotto al controllo di questa “pagina” della possibilità… e, notizie come queste non fanno altro che testimoniare una simile evidenza/realtà (annuncio, finzione, pubblicità):

Bieber annuncia suo ritiro su Twitter ma poi specifica: Non vi lascerò.
Trovata pubblicitaria, quindi, o reale segnale che il baby cantante prodigio sta pensando davvero, dopo tanto successo, di prendersi una pausa di riflessione? 

Certo è che i segnali di eccessiva pressione mediatica c'erano tutti ormai da tempo: malori ai concerti, ritardi, vita sregolata. Per Justin forse è arrivato il momento di fare il punto della situazione per non rischiare di collassare sotto il peso della notorietà.

Nei tweet successivi, la star ha infatti continuamente fatto riferimento alla gioia di passare un Natale in famiglia, con le persone a lui più care. Bieber aveva già annunciato il suo ritiro la scorsa settimana, ma poi il suo agente aveva ritrattato dicendo che si era trattato di uno scherzo
Sicuramente è bizzarro che l'annuncio sul social network arrivi proprio in concomitanza con il lancio del suo docu-film “Believe”, in uscita proprio oggi nelle sale americane.
Link 
 
L’importante è “che se ne parli”
Il futuro del web.
Al summit internazionale sul futuro del web di Parigi si è parlato dell’internet dei prossimi 10 anni. Specialisti, start up, imprenditori si sono dati appuntamento per prefigurare l’immediato futuro della rete con uno sguardo alle idee e le tecnologie che la trasformeranno…
Link 
 
Chi “prefigura il futuro della Rete”?
 
Specialisti, start up, imprenditori… (figure sotto al controllo piramidale dell’ispirazione, delle idee che non hanno necessità di avere un corpo fisico di provenienza).

La Massa, l’individuo è, dunque, interpellato? Per nulla. Eppure, la sensazione è proprio quella opposta, perché le idee che diventano realtà (prodotti) devono passare al vaglio della Massa, per essere trasformate in successo o nell’esatto contrario.

In realtà, la Massa è sedotta dalla novità sempre più accattivante e si trova a scegliere tra una serie di prodotti scelti da altri per essa: 

la Massa non partecipa alla corsa tecnologica ma si limita ad assecondarla, a scegliere tra linee di percorsi previsti e pre accreditati. In queste linee di tendenza si annida quella finta competizione tra aziende che, nell’insieme, servono tutte a mantenere questo (Anti)Sistema in piena funzione.
Tutto si ripete nella medesima direzione complessiva, dando solo la sensazione di cambiare e di poter scegliere…
In Niger i cittadini protestano contro la francese Areva.
Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza a Niamey, in Niger, per protestare contro il rinnovo dei contratti minerari con la compagnia francese Areva, la più grande multinazionale al mondo nel settore del nucleare civile che da oltre 45 anni ha il monopolio dello sfruttamento di uranio nel nord del Paese
Il contratto però, scadrà il 31 dicembre e il colosso francese sta studiando con il governo nigerino un rinnovo di almeno altri 10 anni, suscitando l'ira della popolazione che vorrebbe una nazionalizzazione dello sfruttamento
"Le nostre miniere sono sfruttate e vendute dai poveri francesi che ci hanno colonizzato - dice quest'anziano - hanno sfruttato i nostri antenati e continuano a sfruttare noi altri". "Protestiamo per dire No al saccheggio sistematico delle nostre risorse - aggiunge un manifestante - e per dire all'Areva di rifarsi al codice minerario del 2006 anziché farsi forte di un contratto del 1968". 
La società francese ha unilateralmente rifiutato la nuova convenzione mineraria del Niger del 2006 rifacendosi alla sua vecchia concessione che prevede diritti di sfruttamento fino al 2043. 

Un accordo assolutamente sbilanciato, protestano i manifestanti: 

l'uranio rappresenta il 70% delle esportazioni del Niger, ma contribuisce solo al 5% del Pil. Numeri contestati dai francesi secondo cui nel 2012 il 70% delle entrate dallo sfruttamento dell'Uranio è andato al governo nigerino e il 27% ad Areva.
Link 
 
Le “proprie ricchezze” sono regolarmente svuotate dall’interno (controllo dell’inconscio, vecchie concessioni).
Il “saccheggio” è continuo e si rinnova nel Tempo, senza possibilità di alternativa.
Quando sembra che sia avvenuto un cambiamento, questo è solo un illusorio effetto speciale, che avviene dopo il trasferimento di un ganglio del potere da un luogo ad un altro; a tal proposito vedasi la condizione dell’India prima e dopo Gandhi.

La fede nel frammento animico è una nuova religione?
Attenzione:

il frammento è ricercato/attratto dall’Anima, per cui “non è una proprietà dell’individuo”, tuttavia è utile per trovare la forza per uscire dalle 3d attuali.

Una volta all’esterno, voltando pagina, si potrà comprendere che il “frammento” è ormai diventato una parte inossidabile con l’individuo, pur non appartenendogli per vie originarie.

A quel punto, il centro di gravità dell’Anima diventerà sempre più forte ed all’individuo non rimarrà che prenderne atto, iniziando ad evolversi di conseguenza al fine di non essere fagocitato in un Essere che, al momento, è molto più potente e determinato, rispetto ad ogni presenza frammentata nelle 3d.


L’anello di Sauron, infilato al dito di Frodo, ricorda molto da vicino questa verità… che un “buco nero”, ad esempio, incarna alla perfezione.
Iniziamo a (retro)ingegnerizzare il "voltar di pagina"...
Al conferire uno "spessore"... una realtà di semina.
Riparto da me stesso (è un provvidenziale esercizio).

Dipende da me. 

Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2013/Prospettivavita@gmail.com