mercoledì 18 dicembre 2013

Quale credibilità?


 

Una mostra con tante curiosità per celebrare i 100 anni della Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti d'America.
La Fed è nata il 23 dicembre del 1913 per volere del Congresso degli Stati Uniti per rendere più stabile e sicuro il sistema finanziario e monetario della nazione…

L'obiettivo della Fed è ancora oggi quello di gestire la politica monetaria statunitense, influenzando le condizioni creditizie e monetarie dell'economia nazionale, agendo sulla stabilità dei prezzi e sui tassi di interesse a lungo termine al fine di rendere il sistema finanziario e bancario più stabile.

Un compito cruciale nel sistema economico mondiale che merita di essere celebrato in pompa magna.
Link 
Il sistema finanziario deve essere "stabile e sicuro"... ma, da quale punto di vista? Ovviamente, da quello del potere che ne trae beneficio (influenza a livello mondiale)...
Di quale credibilità gode il sistema bancario? Della stessa di sempre, nonostante “tutto”. La Massa dimentica, anche perché tende ad adeguarsi nel Tempo. Questo tipo di “credibilità” è quella del “se lo fanno tutti… allora perché io no?”. Si dice “qua nessuno è fesso”, vero? 

Fa un certo effetto osservare da una panoramica più alta e notare un simile comportamento di autorizzazione indiretta, da parte degli individui, verso quel potere che continua ad amministrare la società come se fosse il suo diretto Creatore (fare le veci).
 
  

Nel “vuoto” si è infrapposto il Nucleo Primo. Non ti piace o non credi in una simile “definizione”? Bah… sappi che a prescindere dal termine utilizzato, la sostanza della realtà non cambia:

sei amministrato col tuo tacito assenso/(con)senso.
Che fare? Accorgersi, prima di tutto! Poi… lavorare su se stessi, pensare a sé – ma non in termini apparenti di “egoismo” – no; in termini di:
auto consapevolezza, auto conoscenza, al di là di ogni attaccamento (ma non per questo, rinunciando a quello che si desidera profondamente, al di sopra di ogni “ispirazione esterna”).
È un mix, una formula, una equazione: la tua
E tu determini parte di quello che ti circonda. Se non credi che un tuo “piccolo passo” abbia influenza su quello che “vedi fuori”, allora è solo perché non sei pronto, sei acerbo nonostante la tua età, qualsiasi essa sia (apparenza vs sostanza).

Di quale credibilità gode il sistema bancario? Della tua (di tutti, quindi) nonostante “tutto”, perché sei rimasto apparentemente senza alternativa, perché non la riesci più a vedere, ad agganciarla, ad immaginarla… tanto è la paura per il tuo domani. 
E, nel fare questo, contribuisci a scolpire questo Mondo 3d, che tanto “ami/odi”.
Tu sei un crocevia dell’Universo. Da te passano le onde di formazione, il pulviscolo creativo, il frammento Animico, la tua Presenza inosservata, etc. 

Di quale credibilità gode Striscia la Notizia, adesso che Greggio è tornato a condurla? Greggio è indagato per evasione fiscale… Della stessa credibilità nonostante “tutto”. 

Di quale credibilità gode la Rai, adesso che Piero Marrazzo è tornato a condurre un programma televisivo? Non importa se è stato “assolto”… importa il segnale frattale che emana la sua vicenda:
l’appartenenza ad una “elite”… paga (l’eccezione che conferma la regola è il capro espiatorio che, di tanto in tanto, si rende necessario al fine di mantenere fluido nella fissità l’(Anti)Sistema, come – ad esempio – il caso Moggi nel Calcio).
Quando una “cupola” cade è come se un cella di Al Qaeda venisse cancellata: una cella delle tante. E, avendo ben presente che… Al Qaeda è una finzione, una scenografia di comodo, è semplice comprendere come il livello di potere, che non appare mai, sia oltre ad ogni linea d’orizzonte direttamente accessibile dalle 3d, senza ricorrere a pratiche “contrastate” come, ad esempio, l’Analogia Frattale.
La Massa “ha” quello che “vuole” (non quello che intende), ciò che semina nel solco dell’aratro tirato da buoi di proprietà di qualcuno, che non è (più solo) la Massa, pur facendone parte ma solo per “generica definizione”:

contemporaneamente “dentro e fuori”.

Quale migliore travestimento, camuffamento, strategia?
Il reame 3d, in cui sei auto installato, è un qualcosa (supporto, scenario) che, allo stesso Tempo, incarna più personalità/caratteristiche:
ciò che è nativo si incrocia con ciò che è “giunto in seguito”.
Il frattale è la pioggia quotidiana di frammenti asteroidei, provenienti dallo Spazio aperto (sempre che esista uno Spazio aperto. L’analogia è corretta anche solo ricorrendo all’immagine passata al credo popolare).
Nulla è per caso. Utilizzare quello che c’è, che viene, che esiste… anche se come punta dell’iceberg, va ugualmente bene al fine di comprendere la Natura di ciò che è “l'amministratore dell’(Anti)Sistema”.


In una rete di computer e non solo di computer, esiste sempre un ordine gerarchico (piramide), autorizzato sulla “carta” da ogni componente della rete e dotato, dunque, di capacità/poteri superiori (acquisiti) a quelli di ogni componente della rete. Questo potere, conferito secondo una certa aspettativa/ritorno in termini di economia/sicurezza della rete è, dunque, di tutti… in realtà che "cosa" diventa nel corso del Tempo e della “noncuranza” altrui (oblio, rimozione, abitudine)?
Un “Amministratore” possiede le credenziali, le chiavi, l’autorità, per apportare modifiche permanenti alla programmazione della rete. Esso può creare/modificare/cancellare parti di codice o fare finta di crearle/modificarle/cancellarle (apparenza)...
Esso è solitamente un “Re” (campione), ossia , un uomo/donna di spicco nella società.
 
Anche se… esso è solo il braccio “armato” del vero potere (immanifesto) che lo ha autorizzato a divenire “Re”.

(
Ralph Spaccatutto)... addolorato per ciò che ha fatto a Vanellope, getta via la sua medaglia contro lo schermo del gioco. 
Così facendo riesce casualmente a vedere che sulla console di Sugar Rush è raffigurata proprio Vanellope stessa
Gli sorge così il dubbio che la ragazza non sia affatto un glitch e decide di tornare in Sugar Rush. Qui scopre che Re Candito aveva in realtà manomesso i dati di Vanellope facendola diventare intenzionalmente un glitch, ed aveva rinchiuso la memoria dei personaggi del gioco in un forziere

Infine scopre che qualora Vanellope riuscisse a tagliare il traguardo durante una gara, verrebbe ripristinata a personaggio del gioco…

Vanellope, grazie alla sua capacità glitch…Salva… il gioco… supera il traguardo e tutti riacquistano le loro memorie…

Il ritorno di Ralph permette il riavvio del suo gioco originario a cui torna con entusiasmo…

Link 

Non è di un "ritorno" simile (riavvio del loop originale) ciò che deve interessare, nell'ottica di "evaporare". La via è un'altra e, seppure, il gioco originale corrisponde ad un raddrizzare la rotta, è d'uopo rimanere al di fuori di ogni "gioc(g)o" nel proprio pieno Centro di Presenza Consapevole...

Nel “Signore degli Anelli” e ne "Lo Hobbit" il potere di Sauron (non più fisico) muove gli eserciti che credono in lui e che sono stati portati nelle 3d (Vita) grazie a lui… Sauron diventa, allora, l’occhio che tutto vede e controlla
Seppure non più dotato di un corpo denso, egli “è”.
C’è qualcosa “dall’altra parte”. Qualcosa che “una volta” vedevamo (comunicazione) e che ora non vediamo più, senz’altro per motivi di “sicurezza/paura”. Ciò che ha serrato i “passaggi fra le dimensioni” è oggi diventato un Mondo chiuso:

questo Mondo 3d.
Ma ciò non significa che al di fuori non esista più nulla. Altrimenti… Sauron dove si sarebbe rigenerato? Attenzione: Sauron non è solo un personaggio immaginario, ma è anche qualcosa che Tolkien (un essere umano) ha "captato", ossia, è un qualcosa d'esistente seppure a livello frattale (simbolo)...
Questa logica non è presa seriamente in considerazione dalla Massa.
Probabilmente perché le regole del giogo lo prevedono ed il "contratto" firmato evita complessivamente la risoluzione del medesimo "artifizio".
Il “gioco che conta” è quello relativo all’individuo, con possibilità di tappe intermedie a “forze unite”, come per superare asperità/difficoltà di mezzo (Terra di mezzo), che insieme sono meglio affrontabili/gestibili.



L’analogia con il razzo spaziale a stadi è evidente:
per superare la forza/resistenza rappresentata dall’atmosfera terrestre, occorre un lavoro/potenza eccezionale, rappresentato dalla presenza dei booster, che ad un certo punto si lasciano andare, tornando a terra (lavoro di squadra).
C’è dunque, chi “va” e chi “resta”; un esito prevedibile auto confacendosi alla logica imperante (paradigma). Chi resta è perché, di fatto, non è pronto pur rendendosi solidale con chi è pronto, ma che necessita di un lavoro d’insieme (strappo), al fine di rompere ogni legame col “Mondo dei Contenuti”.
È ancora un tipo di sfruttamento altrui? No… se il contesto è pienamente chiaro e non c’è coercizione nella richiesta di formazione del Gruppo e se è assodato che la Creazione comporterà un valore aggiunto per ogni membro, in quanto “chi resta” matura una forza di diverso tipo, rispetto ad ogni altra forma precedente (semina). 
Creare un Gruppo è creare una eggregora di Gruppo:
che a dispetto di quanto si scrive… è ad ogni effetto “il vascello energetico" portato all’emersione nell’oceano della realtà di superficie 3d (una delle infinite possibili).



Il simbolo della Fenice è, in definitiva, proprio questa capacità rigenerativa di creare “forme” dal vuoto/nulla che, nell’attualità dell’iter umano d’insieme, è divenuto un potere rotante sul posto (ciclico, che rinasce dalle proprie ceneri, loop, contenuto, etc.).
Forza e debolezza assieme.
Se non cresce l'economia l'adeguatezza delle pensioni non è assicurata per nessuno...
La crescita, e cioè una maggiore occupabilità, è fondamentale per assicurare la sostenibilità e l'adeguatezza del sistema previdenziale…

Roberto Giovannini - ministro del lavoro

 
È un vero e proprio “ricatto” (senza necessità di doverlo nemmeno pubblicamente ammettere); ciò che il Ministro dichiara e richiede, è necessario perchè l’intera infrastruttura pensionistica è un gigantesco “Schema Ponzi”, che a questo livello non è più osservabile e dunque diventa credibile e prassi.
È una piramide: la vedi? I nuovi mantengono coloro che sono più avanti nella gerarchia. In assenza di nuovi, il modello si ferma (rottura, default).


È legale, dunque, una simile “figura”? Certo, ma solo perché non si riesce a confutare l’esistenza del Sole (un fenomeno troppo grande, evidente, che tocca tutti, etc.).

Lady Diana: non fu omicidio. Caso chiuso.
La polizia Metropolitana di Londra ha reso noto di non aver trovato alcuna prova credibile di un coinvolgimento della Special Air Service nella morte della Principessa Diana, Dodi Al Fayed e del loro autista Henry Paul nel 1997.

Link 
 
È vero che “ognuno fa il suo mestiere” ma, quanto ci si può fidare di una simile sentenza? Quale parte hai avuto nella faccenda? Qualcuno ti ha tenuto in considerazione?


Questi sono i termini di “quello che sei diventato”: un ingranaggio:
una ruota (s)dentata che ne muove un’altra, senza saperlo (mentre si consuma, girando sul posto)
un “dipendente” che non cambia parte, nemmeno se non trova lavoro.
Ognuno di noi agisce sulla realtà, coi propri Tempi. Per questo motivo “ciò sembra che non sia vero”…

Il Tempo è la “corda” che inganna l’occhio e la percezione. Ma questo “Tempo”, deve essere “amministrato” da qualcuno/qualcosa. No? Oppure credi che esso sia una grandezza in qualche modo eterea, non dotata di “forma”? O, ancora, credi che sia una forma vivente troppo grande per essere controllata? Hai mai pensato, allora, che cosa sei tu dal punto prospettico di una formica?
 
È una scala di partecipazione, l’esistenza. E nulla sfugge a questa classificazione.

Ovvio, ora viviamo nel reame mentale divenuto di default, per cui tutto viene “classificato” in maniera analoga. Ovverosia, anche a questa latitudine (SPS) potremmo trovarci alle prese con una illusione. Ma, non importa, perché è frattalmente, che la verità emerge sempre da ogni situazione, dominio o apparenza.

Non importa…
"Interpreta/consulta" tutto quello che trovi/hai: di un "bene" e/o di un "male", tutto è utilizzabile, scrutabile, analizzabile… dalla più alta prospettiva dell’Analogia Frattale.

In sé, ogni cosa ha una valenza frattale, che va al di là della parte interpretata dalla “singolarità”.

È questa valenza che occorre essere in grado di decodificare (consapevolezza).

Occorre ricordare sempre l’esistenza della dimensione prospettica superiore, se non altro anche solo per l’altezza da cui si gode del “panorama”…
Una montagna è come l'istruzione: quanto più alta l'ascesa, tanto più esteso il panorama.
Christiaan Barnard e Curtis Bill Pepper
Ricorda che esiste anche il panorama!
Un ottimo rimedio quando ti trovi nel dettaglio della società (mente di superficie) e della “tua” Vita.
Riparto da me stesso.

Dipende da me. 

Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2013/Prospettivavita@gmail.com