mercoledì 30 settembre 2009

Incontro.



Carta argentata
pressante
lo spazio
dedicato all’uomo,
e
raggi divini
a presenziare
l’incontro.
In punta di piedi
allungati
a toccare il cielo,
torvi profili
esasperano
la solitudine,
l’eremo di tanta impressione;
acqua che ribolle
come per trasformare
vecchi significati.