giovedì 17 settembre 2015

Come già sostenuto: sei stabile nella rotazione altrui.



Che cosa è lo status quo attuale?
Un “colpo di Stato ben riuscito, duraturo, solido, stabile e, solitamente… molto ma molto convincente la Massa”, la quale – se lasciata sufficientemente a bagnomaria, nel tempo – sviluppa abitudine:
  • una soluzione ad alta concentrazione di amnesia
  • una soluzione corrosiva della memoria a medio lungo termine
  • una soluzione svuotante e sostituente “ciò che sai” con “ciò che devi sapere”.
Arti e costumi, usi e consumi”… cambiano, a partire da una origine che ruota attorno a se stessa, rigenerando quel campo magnetico gravitazionale che “tutto attira e mantiene in orbita attorno a sé, ossia, tutto attorno a qualcosa che sfugge ammantandosi di routine o di... colore del cielo”.
A partire dall’origine si espande il fascio piramidale, tramite il quale il Dominio riosserva il reale… manifestandolo/scolpendolo/colorandolo  a “propria somiglianza”.
Ergo:
  • se l’origine non è più osservata
  • la “somiglianza del reale manifesto”
  • di conseguenza e per la consapevolezza/ricordo della Massa
  • non assomiglia più a nulla
  • se non a qualche “leggenda divina” che terrorizza piuttosto che rassicurare.
Se il Mondo reale manifesto è qua “così”… è perché è perfetto nel rappresentare il Dominio. Come è “fatto” il Dominio? Come te. Come ragiona il Dominio? Come te. Cosa intende il Dominio? Quello che intendi tu…
Dove per “tu” devi prendere la media espressa dalla Massa e la maggioranza espressa dai ranghi umani a più alta elevazione sociale ed economica:
da un simile insieme, puoi maggiormente renderti conto di “come è anche il Dominio”, perché nulla è per caso”… perché il Dominio non lascia nulla al caso e  perché la frattalità espansa lo rimodella, nonostante la cortina di non apparenza, ugualmente nel Mondo manifesto, nel paradigma, nello status quo.
  
È inutile nascondersi, confondersi con l’ambiente e l’ambientazione, perché la “tecnologia naturale” della frattalità espansa… “illumina sia nel dettaglio che nella totalità”.
Insomma, tu puoi sempre renderti conto del Dominio, meglio percependo “come ti senti”:
  • come distingui il grado di reale manifesto?
  • come lo avverti, in te?
Se lo trovi “ingiusto”, che cosa significa a livello frattale ed al di là (ricordalo sempre) della convenzione storico deviata?
Se lo trovi “ingiusto” ma, comunque, per dei motivi sfuggevoli e certamente di “convenienza” , senti di non poter farci nulla, che cosa significa a livello frattale (nella sostanza)?
Se tu sei un individuo “agiato nel qua, così”… ragioni in un modo.
Se tu sei un individuo “disagiato nel qua, così”… ragioni in un altro
.
Ma (questo non sei davvero tu)… non è questa la distinzione sensoriale che devi analizzare, di te; non è questo lo stato che SPS ti suggerisce di meglio analizzare; non è questa la riflessione che comporta una espansione della prospettiva…

SPS esprime un grado di verità che si attua diversamente, che “è” a prescindere dall’apparente stato nel quale versi, che non dipende da ogni e qualsiasi tipo di divisione sociale pseudo artificiale, di natura appartenente al lignaggio dei servitori impassibili del Dominio…  “di coloro che non vedono altra alternativa, se non quella di continuare a recitare una parte che fluttua all’interno dello spazio consentito”.
SPS ha davvero smesso di riferirsi a termini auto ingabbianti come karma, ascensione, Dio, etc.
Perché, “crescendo”… è corretto lasciare tutto ciò che, ormai, risulta come “superato, by passato”, perché risuona d’inganno, di vestiti vecchi, di parti unte e bisunte, di logori cenci strausati seppure sempre tanto in voga. Per questo motivo, la storia deviata, riporta sempre di “un fiume umano che riconosce se stesso solo ed unicamente dai colori della ‘propria’ bandiera di appartenenza”.

Anche se questa “appartenenza” non viene mai a fondo indagata, perché – nella sostanza – “a chi/cosa appartengono e definiscono… tutti quei colori”?
Non c’è differenza tra Nazione e Nazione, ricadendo tutte (come invenzioni della stessa mente) sotto all’egida dell’impero senza necessità di vessilli sventolanti per i quattro venti, del Dominio.
Non c’è vera concorrenza ed è vero ed assodabile, dunque, che “Tutto è Uno”, ma lo è dalla prospettiva che “tutto deriva da un Dominio, che è unico ed unito insiemesaldamente, dal manto dell’interesse e dell’utile, dai quali deriva per intero il tipo ed il marchio di ‘economia e finanza”, che sorregge e governa il Mondo intero”.
L’abitudine è un programma che respiri e che caratterizzi, mentre ti caratterizza:
  • ciò che fai per un certo numero di volte
  • ciò che segui per un certo numero di volte
  • s’imprime internamente nel “tuo” complesso.
 
Ecco che, allora, se non sei libero/a – sostanzialmente – di poter intendere, realizzare, manifestare la tua vera “natura”, allora… ciò che ti resta possibile seguire è solo ciò che consegui nel “qua, così”… andando a realizzare l’intento dominante, che non esiste solo perché non lo riesci più a prendere in considerazione nemmeno a livello immaginifico, perché – per abitudine – lo hai scordato.
È un loop, come forse “vedi”, ma il loop ha sempre un “senso di scorrimento, uno di riavvolgimento, uno di mantenimento, controllo e organizzazione e uno d’intenzione”:
  • anche nel loop
  • puoi sempre scorgerlo per quello che esattamente “è
ossia
  • la “tua” gabbia ricorsiva.
Al suo interno, valgono “vivono e regnano” le “sue” leggi. Qualcosa che rappresenta, nello status quo, l’origine dimenticata dello stesso, alias, sempre e solo il Dominio.
Prendine atto. Renditene conto. Ricorda. Riconosciti…
Ecco la forma del reale manifesto, costantemente all’opera.
Golpe in Burkina Faso, arrestati il presidente e il premier dai militari.
Il presidente del Burkina Faso Michel Kafando e il primo ministro Isaac Zida questo pomeriggio sono stati portati da membri della guardia presidenziale in un campo militare nella capitale Ouagadugú dove sono detenuti.
I ministri del governo del Burkina Faso sono stati presi in ostaggio e restano nella sede presidenziale.
Il presidente del Consiglio nazionale di transizione Moumina Cheriff Sy ha detto ai cittadini che la nazione è in pericolo e li ha invitati a mobilitarsi per difendere la patria, come riferiscono i media del Paese africano.
Quello che sembra configurarsi come un golpe avviene a pochi giorni dalle previste elezioni dell'11 ottobre prossimo che avrebbero dovuto porre fine al governo di transizione, salito al potere dopo la deposizione dell'ex capo di stato Blaise Campaorè il 31 ottobre 2014.
Link
Lo status quo (ciò che riconosci come “normale” ma, anche, ciò che ti sembra sempre cambiare nel segno del “progresso”, senza mai cambiare nella sostanza) si regge sulla tua passiva “attiva compartecipazione”.
La sua forma attuale è stabile nella rotazione di se stessa, ossia, attorno al nucleo dominante, che emana gravità e radioattività in quantità tali da “sedurre qualsiasi parte in causa”.
Il tessuto geopolitico, economico finanziario, religioso, etc. che ti sembra di riconoscere al giorno d’oggi, deriva da tutta una serie di “colpi di Stato” che hanno avuto la forza di convincere maggiormente la Massa
Da tutto ciò che ha “messo radici nel qua, così” talmente a grande profondità da risultare, “ora”, come assolutamente “normale (non "giusto", ma… da prendere a scatola chiusa o, meglio, aperta e condivisa e livello mediatico ed esperienziale)”.
Se gli Usa, gli Stati dell’occidente, la Cina, l’Onu, la Nato, la Fed, la Ue, la Bce, etc. ti sembrano insormontabili e, dunque, “da prendere così come sono… ma solo per manifesta superiorità rispetto a te”… è perché nel tempo sono diventati/e così.
È perché nel tempo hanno soggiogato tutto ciò che “non ci stava” e che costituiva, però, solo un altro polo AntiSistemico (nel caso in cui avesse “vinto”, la sostanza del reale manifesto non sarebbe comunque cambiata).
È perché... sei venuto a mancare tu.
Allora, dove si trova quella autentica alternativa e differenza, rispetto a tutto ciò che impera e "concorre per imperare" nel sottobosco AntiSistemico del Dominio?
Si ritrova esattamente in ogni individuo, quando ricava spazio per sé… in maniera sufficientemente distaccata dal firewall ambientale (paure, ricatti sottili, dipendenze, vicoli ciechi, “chimica e inquinamento/controllo”, etc.), così da riuscire a percepire il reale manifesto dalla prospettiva originale di sé:
  • una lente fedele a ciò che senti intimamente in te
  • al di là di ogni “prendere o lasciare”
  • al di sopra di ogni “convenienza di parte”
  • tra gli spazi dell’abitudine
  • nelle maglie della paura di morire
  • nel ricatto ambientale della progenie e del loro “destino, appeso ad un filo che passa per le tue scelte senza scelta autentica”…
 
Nella "stagionalità"... il controllo stagionale (unico).
Vestager: Bene Italia su riforme, mercato europeo non è liberismo sfrenato.
"È importante avere concorrenza nell'ambito di regole democraticamente scelte:
il mercato europeo non è un mercato del liberismo sfrenato".
Così la commissaria europea per la concorrenza, Margrethe Vestager, nel corso di un'audizione davanti alle commissioni riunite Attività produttive e Politiche dell'Unione europea di Camera e Senato ha parlato della situazione della Ue…
Bad Bank? Italia scelga modalità.
"Spetta all'Italia scegliere la modalità per la creazione di una bad bank, che si può creare con o senza aiuti di Stato...
Se viene istituita una bad bank che può dare vantaggi a determinate banche a quel punto va imposta la condizione della ristrutturazione perchè si utilizzano i soldi dei contribuenti", ha sottolineato Vestager.
Di quale scelta si tratta? Che cosa ti vengono a richiedere? Che cosa capisci. Che cosa dimentichi dell’istituto della "scelta"?
Spetta all'Italia scegliere la modalità per la creazione di una bad bank, che si può creare con o senza aiuti di Stato (bada bene: non ti chiedono se sei favorevole oppure no, alla creazione di una bad bank. Ti chiedono “democraticamente” se la vuoi così o cosà).
È importante avere concorrenza nell'ambito di regole democraticamente scelte (serve specificare altro? Di quali “regole democraticamente scelte” si parla?).

Tu sei stato/a chiamata a scegliere?
Chi elegge “questa gente”?
Chi la “vuole”?
Chi è?
La "commissaria europea per la concorrenza"… non esiste.
O, più approfonditamente, esiste perché recita una simile parte, all’interno di un insieme infrastrutturale creato ad hoc per riassumere importanza, a livello di auto intrattenimento della Massa.
Non c’è nessuna concorrenza sostanziale, all’interno di qualcosa che può cambiare ma sempre e solo all’interno del solco dell’aratro; all'interno di qualcosa che se cambia lo fa per meglio rafforzarsi e per meglio auto contenere l’intera “massa della Massa”, trasportata secondo la convinzione della convenzione “naturale”:
la Terra è un Pianeta che vortica attorno a se stesso/a e che, allo stesso tempo (ma evidentemente con maggiore peso gerarchico) attorno a…
Cosa? Attorno a cosa ruoti, vivi e muori, ogni volta?
Olimpiadi: Roma 2024, progetto importante e sogno per nostri bambini
Link
Di chi/cosa è “il vero sogno”?
Mentre i “bambini sognano di giocare in semplicità”, le Olimpiadi “fanno terra bruciata tutt’attorno”, mentre generano utile che viene assorbito in maniera “legale”, lasciando l’equivalenza passiva dei debiti alla/per la Massa.


In una simile “sinfonia delle sfere”, gli ingranaggi si muovono in un’organizzazione Planetaria in perfetto giogo gerarchico che, guarda non caso, proprio le Olimpiadi ed il loro “grande abbraccio al Mondo” rappresentano ad “immagine e somiglianza”.
Non sono solo i tuoi “attributi”, che girano.

      
Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2015/Prospettivavita@gmail.com