giovedì 22 gennaio 2015

10 vs 90 (lo "squilibrio prevedibile").

 
Vilfredo Pareto ha sempre negato il legame che lo connette a Gaetano Mosca, anche se l’idea di quest’ultimo è da lui ampiamente accettata (una minoranza organizzata ha sempre il sopravvento su una maggioranza disorganizzata)….
Link
Una minoranza organizzata ha sempre il sopravvento su una maggioranza disorganizzata”.
La “minoranza organizzata” si (ri)flette, ad esempio, nella parte visibile dell’iceberg ma, in maniera inversamente proporzionale (“squilibrio prevedibile”), ossia:
nella realtà affiorata, taluni aspetti del “controllo” (piccola parte) si manifestano frattalmente in maniera direttamente proporzionale ed altri in maniera inversamente proporzionale, seppure la frattalità (re)distribuisce sempre un grado di “verità relativa a…”.
Il relativo diventa, però, assoluto… quando il “controllo” (piccola parte) è talmente espanso/(com)presente (intenso, forte, etc.), che giunge a corrispondere con la quasi pressoché integralità/totalità del tutto (ri)emerso (realtà di riferimento).
Questa espressione ha, al suo interno, molti punti basilari per la (ri)comprensione del reale.
C’è una “linearità” (sequenzialità, semplicità diretta, serie) e una “quanticità” (dinamicità, complessità indiretta, parallelo), nell’ordine che si viene a (co)creare nel piano del reale; qualcosa che (p)rende sempre in considerazione:
una (re)distribuzione proporzionale dei vari principi, che regolano gerarchicamente la (ri)formazione di quello che, in seguito (abitudine), (ri)assume la forma di “quello che ti sembra di (ri)conoscere da sempre”.
Il controllo massimo corrisponde all’Uno:
uno che controlla tutto/i.
Ma, visto che tu esisti, la proporzione massima è (im)possibile. Con tutta probabilità, questa “leva” (rag)giunge al massimo il 99,99%, mentre “tu” conti per lo 00,01%.
Nella miscelazione del reale, che (ri)sente anche delle componenti più lontane ed al di là del tipo di reame dimensionale, al quale sei (as)segnato al momento della (ri)nascita e che, dunque, ti limiti a (ri)conoscere… esistono altre forze che, comunque, “si fanno sentire” e che si amalgamano alla percentuale massima (con)sentita dalla “Fisica” (99,99%), riducendola a percentuali più basse (una situazione che il controllo cerca di migliorare in intensità).
Il “Principio 80/20”, dunque, rileva questa sproporzione ubiqua che, probabilmente, nella media del reale, è la percentuale più vicina al grado differenziale che divide “te” dalla consapevolezza dell’esistenza della (com)presenza del Nucleo Primo.
Per questioni di “sicurezza” è meglio alzare la (pro)porzione almeno al 90/10...


Il “10” è la misura percentuale, che rende molto bene l’idea della (s)proporzione di base, che impera (esiste) all’interno del piano di (ir)reale emerso nel tempo d(a/e)lla “tua” abitudine.
Ora, se (ri)pensi alla “fortuna” che hanno (ri)costruito, molto argutamente, ad esempio… le “case da gioco”, avendo dalla loro la matematica certezza di vincere per qualche “misero” punto di percentuale su di te… renditi conto di cosa significhi avere “dalla propria” il 90% della (s)proporzione (forza) a tuo favore.

Di (con)seguenza, (ri)pensa alla “pressione” che sei realmente in grado di “esercitare” (d)entro al piano inclinato della realtà di (ri)ferimento globale.
Per inerzia, semplicemente, (con)segui.
La punta dell’iceberg (piccola parte dell’intero) ti sta dicendo frattalmente che:
la parte preponderante delle “cose” (materiali ed immateriali) non è visibile.



Te lo sta dicendo in “codice frattale”, ovvio. Però, te lo sta dicendo anche in maniera lineare, alla tua altezza, secondo la tua capacità di (ri)comprensione. Infatti, la “saggezza” che giunge anche con la sola età, in molti casi, permette di arrivare ad una conclusione (s)contata (originale, centrale), anche attraverso il solo osservare il piano “naturale” della realtà (risposta frattale).
La tua decodifica è, in se stessa, molto semplice e deduttiva. Però, che cosa ti (ri)accade quasi sempre, ormai? Che… “non ci credi”!
  • la minoranza di potere (poco) “sta” alla parte sommersa dell’iceberg (tanto), “come” quello che (ri)cordi (poco) “sta” alla memoria stoccata da qualche parte (tanto)
  • la minoranza di potere (poco) è riflessa dal “poco” della punta dell’iceberg (visibile), linearmente.
  • la forza della minoranza di potere (tanto) è riflessa dal “tanto” di ciò che è al di sotto (invisibile) della linea di (ri)ferimento (di)segnata dall’acqua, sottilmente.
Il rapporto di forze è attorno al 90/10:
(ri)cordatelo sempre.


  • il “10” (cor)risponde alla “speranza”, che sembra sempre esserci, nonostante tutto
  • il “10” (cor)risponde, dunque, alla miscelazione frattale (riduzione) di forze, che sono distanti/lontane da questo piano di reale, che non “vedi” (anch’esse) ma che, tuttavia, esistono. Allo stesso modo, anche all’interno del piano di reale attuale deve (co)esistere, insieme a te, un “dieci per cento di probabilità, che sia con te, che sia a tuo favore, che sia disposto a collaborare con te, che la pensi come te, etc.” (alleati).
  • questo “10” è disposto a zone d’ombra, che (cor)rispondono all’esistenza separata, strategicamente, che la frattalità (re)distribuisce (clona) nella realtà in quanto... “mosche bianche”.
Il rapporto di forze è (im)pari. L’ineguaglianza è “di/alla base”. La (spro)porzione è immane. E ciò è meglio che tu lo sappia, che te lo (ri)cordi sempre e (d)ovunque.
Dimenticare non è una medicina, ma è solo disperazione (paura).
A (pre)scindere da quello che è (ri)accaduto nel passato del Mondo, “nulla è perduto”.
SPS sposta il focus della “tua” attenzione sul grado di squilibrio del reale attuale, perché per ora è meglio che tu te ne renda conto.
Poi, il passo successivo è... che scatti qualcosa di te, in linea col “10”, sul quale puoi sempre contare.
Non è una guerra, quella che occorre fare. No. È su un piano (di)verso, che occorre muoversi.
Quale? He He He… la “tua” mente non è davvero tua.
Ora, è come avere una spia, un virus, (im)piantato (in)direttamente (d)entro casa.
Prima… occorre “fare pulizia in casa”, in maniera tale da renderla davvero tua (libera).
Quindi:
  • accorgiti
  • renditi conto
  • aumenta in consapevolezza
  • cresci (d)entro
  • fissa il “focus”
  • (ri)corda sempre di più
  • fermati.
È (in)utile, ora, chiedersi “che cosa posso fare?”.
Prima… “cambia (d)entro”, nella parte di te più “sottile”, (in)visibile, al di là della superficie. Accorgiti sia del "10" che del "90"...
(Ri)nasci nell’(Anti)Sistema, come “una serpe in seno”…
(S)fruttalo in maniera (pro)attiva. In fondo, in esso (ri)trovi quei canali di alimentazione che “servono”, no?
Migliorati silenziosamente in tutto.
Apri gli occhi”.
"Qe" doveva essere e... "Qe" è stato.

Cambia “segnale (im)portante”, come se nulla accadesse.
Perché la “realtà attuale” è questa (per ora).
Messico: si schianta drone con carico di stupefacenti.
I droni comandati dal cellulare non vengono utilizzati solo per divertimento o per scattare fotografie:
ora anche la criminalità organizzata ha scoperto la loro utilità.
La polizia messicana ne ha infatti sequestrato uno che si è schiantato nel parcheggio di un supermercato in una cittadina al confine con la California:
l'apparecchio è precipitato perché era stato sovraccaricato di metamfetamina destinata al mercato Usa.
Link
Perché esiste il grado tecnologico? Perché “innova”?
See. Che cosa, “innova”? Innova… le forme di “vecchio” (ri)colorandole di “nuovo”. Perché, (ri)cordalo sempre, sei in una (spro)porzione di 90 a 10 (piano inclinato, inerzia, paradigma).
Il caso non esiste. Il “potere” decide per sé, trascinandosi dietro “te”.
Sei in un grande ciclo, (ri)composto da tanti piccoli cicli, nell’egida dell’impero senza bandiera sventolante del Nucleo Primo.
Con l’aumento delle dimensioni (del ciclo),  cambia anche la prospettiva, il “da farsi”… Sei (auto)contenuto in qualcosa che si è reso (in)visibile. Il tuo “non sapere più altro” (non ricordare) ti rende (pre)vedibile ed impaurito. In questa maniera ti cancelli da solo la memoria
“Tutto è corrotto” (risente, è soggetto a…). In natura, infatti, tutto si corrode, arrugginisce/ammuffisce e poi “cambia di stato”, però, tu che cosa registri? Che non c’è più. Che muore…
Eppure, la concimazione è alla base di quello che ti (ri)mangi. E che cos’è la concimazione?
He He He… (un ciclo che si ri-attua attraverso/per mezzo di te).
Messico, presidente annuncia piano per sciogliere polizie locali.
Il presidente messicano Enrique Pena Nieto ha annunciato un piano per sostituire i corrotti corpi di polizia municipale con forze statali, nel tentativo di risolvere la crisi scatenata dalla scomparsa di 43 studenti a settembre.
"Il Messico deve cambiare" ha detto Pena Nieto alla tv messicana, preannunciando l'invio in Parlamento lunedì di una riforma costituzionale per impedire l'infiltrazione del cartelli della droga nelle amministrazioni locali.
Link
  • "Il Messico deve cambiare"
  • una riforma costituzionale
  • impedire l'infiltrazione…
È da sempre così.
Cambiare. Cambiare. Cambiare. Perché?
Perché, costantemente, “non funziona la società”. E, invece, sai cosa dovresti proprio prendere in considerazione?
Che “la società funziona egregiamente, così”. Che è (pre)vista così, in questa “forma”
.
Che tutto (con)segue, come è programmato alla base.
Altrimenti, lo sconquasso non avrebbe senso, in un piano intelligente come è quello nel quale sei e che sei.
L’intelligenza è semplicemente (ri)utilizzata per il proprio tornaconto. Se lo squilibrio afferma sottilmente “90/10”, allora l’intelligenza che governa la realtà, non (pro)viene da te, per la gran parte della sostanza reale.
Ok?
Si legge “Nucleo Primo”…
Ciò a cui non credi più… perché hai smesso di “vedere”.

Prospettiva Terra: un desiderio di "proprietà privata".

Attraverso la “sinestesia”, ad esempio, puoi associare due sensi insieme, by passando filtri di firewall aggiunti ad hoc per “farti rimanere in stasi” (controllo, routine, oblio, etc.).
La sinestesia è un fenomeno sensoriale/percettivo, che indica una "contaminazione" dei sensi nella percezione…
Con il termine "sinestesia" si fa riferimento a quelle situazioni in cui una stimolazione uditiva, olfattiva, tattile o visiva è percepita come due eventi sensoriali distinti ma conviventi.
Nella sua forma più blanda è presente in molti individui, basti pensare alle situazioni in cui il contatto o la presenza di un odore o di un sapore evoca un'altra reazione sensoriale (la vista della frutta che è percepita anche come sapore), ed è spesso dovuta al fatto che i nostri sensi, pur essendo autonomi, non agiscono in maniera del tutto distaccata dagli altri
Link
Allora “vedi, senti, fiuta, tocca, gusta… in altre maniere trasversali, miscelate”
By-passa il firewall del “controllo che non c’è”.
Forza: non è una malattia!

Questo è uno schema che, nei sottolivelli del Nucleo Primo (inconsci), è sempre osservato (esiste):
  • fare
  • guadagnare
  • fallire in “sicurezza” (grazie alla “legge”)
  • avere “danni propri limitati”
  • pagare una minima multa (patteggiare, grazie alla “legge”)
  • riprendere.
Questo (ri)accade anche a livelli molto alti (istituzionali), che non registri.
Usa: Sec sospende S&P e la multa per 80 milioni di dollari.
L'agenzia internazionale Standard&Poor's è stata multata per 80 milioni di dollari dalla Sec, la Consob Usa, la quale l'ha anche sospesa dalla valutazione dei rating di gran parte del mercato statunitense delle obbligazioni sui mutui.
Le sanzioni sono state decise in quanto S&P avrebbe ingannato gli investitori sulla metodologia utilizzata nel 2011 per valutare 8 società Usa di cartolarizzazione sui mutui. S&P pagherà 58 milioni di dollari più altri 19 milioni aggiuntivi al procuratore generale di New York e del Massachusetts per regolarizzare la sua posizione...
Link
S&P avrebbe (ha) ingannato gli investitori…
  • pagare una minima multa (grazie alla “legge”)
  • riprendere.
In generale, “non ti capisci coi tuoi simili. Tu non li capisci e loro non capiscono te”. Perché, nel mezzo, c’è qualcosa che ti obbliga così.
(Ri)cordi?
90/10.
È uno “squilibrio (pre)vedibile”, no?
Non una “logica bizzarra”…
C’è una causa, che non (p)rendi mai in considerazione e sai molto bene quale è.
Queste poche osservazioni preliminari sono sufficienti per il nostro proposito, poiché intendiamo rimanere assolutamente estranei ad ogni polemica ed a ogni questione personale;
se citiamo Ossendowski ed anche Saint-Yves è unicamente perché quel che essi han detto può servire di punto di partenza per delle considerazioni che non hanno nulla a vedere con quanto si possa pensare dell'uno e dell'altro, e la cui portata sorpassa singolarmente le loro individualità, come pure la nostra, che, in questo campo, non deve contar maggiormente.
Noi non vogliamo, a proposito delle loro opere, abbandonarci ad una “critica dei testi” più o meno vana, ma sibbene apportare indicazioni che finora non sono mai state date in nessun luogo, almeno per quanto sappiamo, e che sono suscettibili di aiutare in una certa misura a chiarire quello che Ossendowski chiama il "mistero dei misteri"
Il Re del Mondo – Renè Guenon 
Questo (e)segue SPS:
quel che essi han detto può servire di punto di partenza per delle considerazioni che non hanno nulla a vedere con quanto si possa pensare dell'uno e dell'altro, e la cui portata sorpassa singolarmente le loro individualità, come pure la nostra, che, in questo campo, non deve contar maggiormente…
Allo stesso modo:
quello che lascia SPS è un “testimone”.
A te spetta la decisione:
  • lo (p)renderai?
  • lo (p)rendi?
(P)rendi = prendi e rendi (è un motore di ricomposizione).
Già lo fai ma, in molti altri modi, che “servono” per l’auto alimentazione dell’attuale piano di reale.
Innovati (d)entro…

Cosa succederà? Beh… la tecnologia (com)porterà la commercializzazione di “robot”, nelle loro più (s)variate forme, ruoli, dimensioni, etc.
I “robot nelle case” (ri)sentiranno certamente della (com)presenza dei “virus in loro”. Stanne sicuro che (ri)accadrà.
Una questione di sicurezza, ti ®aggiungerà ancora una volta.
I robot funzioneranno con sistemi operativi ad hoc (ancora gli stessi, riforniti dai soliti ignoti), che (ri)cadranno nella logica dell’obsolescenza programmata. Parti di (ri)cambio. Progettazione calibrata apposta per rovinarsi nel tempo, etc.
I virus metteranno in pericolo la “tua” casa, la “tua” sicurezza.
Ergo, ti doterai di antivirus, da inoculare nei robot.
Ergo, ti aprirai ancora maggiormente all’invasività (Anti)Sistemica, (tra)vestita sempre d’altro.
I robot si prenderanno cura di te. E, questa volta, non saranno computer statici e passivi ma saranno in movimento, fisici ed attivi… e vivranno con te, insieme a te… in “casa tua”.
A quel punto, un virus nel robot a cosa potrà giungere?
La storia si ripete…
Il 90/10 (80/20) di quello che succede è la riprova della (com)presenza del Nucleo Primo.
Pareto ha scoperto la distribuzione frattale proporzionale della (com)presenza del Nucleo Primo nel tutto… ma non se ne è accorto. Koch e la “scuola moderna” hanno preso l’intuizione di Pareto e l’hanno trasformata utilmente in business, continuando ad ignorare la (s)coperta della redistribuzione frattale nel reale.
S&P: multa Usa da oltre 77 mln e stop per un anno a certi rating.
Una multa da oltre 77 milioni di dollari e la sospensione per un anno ad emettere determinati rating. È questo il cuore del patteggiamento siglato da Standard & Poor's e la Securities and Exchange Commission insieme a due Stati americani, che accusano l'agenzia di avere condotto pratiche fraudolente sui rating di certi bond garantiti da mutui commerciali…
"Gli investitori dipendono dalle agenzie di rating come S&P per quanto riguarda prodotti finanziari complessi come le commercial mortgage-backed securities (Cmbs)", ha spiegato in una nota Andrew J. Ceresney, della Sec…
Link
  1. multa
  2. sospensione
  3. patteggiamento.
Gli investitori dipendono”…

Il Qe in Europa "sta già funzionando.
Se si guarda alle fluttuazioni valutarie e alla svalutazione dell'euro non si può negare che ci sia un'attesa su quello che sta per fare la Bce e sul fatto che avrà un impatto significativo"..
Lo ha affermato il direttore generale del Fmi, Christine Lagard...
Link 
Di chi/cosa ti puoi fidare?
Devi ragionare sul “10” (20).
È “buono”? È “vero”? È depistaggio fine a se stesso, nel loop “90” (80)?
Alan Turing, ed il “suo” gruppo, quando decifrarono Enigma, decisero di non (ri)velarlo, attuando un “controllo statistico e probabile” di ciò che potevano andare a modificare, per quanto (ri)guarda le contromosse alleate, nei confronti delle mosse naziste.
Essi fecero (ri)entrare il loro operato segreto, all’interno di percentuali di probabilità statistica, che i nazisti si aspettavano come “normali” e che, dunque, seguivano ciecamente.
Il “10” (20) (ri)entra, probabilmente, in questa strategia.
Ma, ciò non deve annichilire la tua speranza. Perché “qualcosa di buono c’è sicuramente”…
Forze lontane (auto)esistono. (Ri)entra anche nella sola “logica”.
Anche se non è detto che, tali forze, siano interessate ad intervenire direttamente. Forse, però, ti possono ispirare a “fare qualcosa, in maniera diversa”, chissà... forse, ancora per "interesse", magari un altro tipo di interesse! Eh?
SPS si “illude” di essersi sintonizzato su un simile segnale (im)portante.
SPS (ri)conosce che “non tutto (pro)viene da sé”. C’è dell’altro. Il “10” non è solo controllo statistico della probabilità!
C’è dell’altro, che viene così (s)mascherato…
Così come non sai chi/cosa sei, allo stesso modo “non sai nulla”, soprattutto se continui ad ignorare la frattalità del tutto (uno specchio che dice sempre e solo il vero).
Dio? È “morto”; perché non c’è mai stato nella “forma” che supponi e che “cerchi” (continuando a ricercare, senza fine di continuità… in tondo, su te stesso, attorno al “nulla/vuoto” che disegni).
Quale è la “natura del 10 (20) e quella del 90 (80)”?
Antonio Martino (proposto per la corsa al “colle”) è, ad esempio, un “10” o il “90”?
Antonio Martino (Messina, 22 dicembre 1942) è un politico e accademico italiano, già ministro degli esteri e della difesa…
Figlio del politico Gaetano Martino, promotore dell'Unione Europea…
È segretario del comitato scientifico della Fondazione Italia Usa...
A fine 1993 è stato tra i fondatori di Forza Italia (la sua tessera di partito porta il numero "2", dopo quella di Silvio Berlusconi).
Dall'11 giugno 2001 ha ricoperto la carica di Ministro della difesa (Governi Berlusconi II e III).
Nel 2003 Martino sostenne la convinzione che l'Iraq avesse acquistato uranio dal Niger, affermazione che venne inclusa in un documento pubblicato dal numero 10 di Downing Street e intitolato "Iraq's Weapons of Mass Destruction: The assessment of the British Government" (Le armi irachene di distruzione di massa: la valutazione del Governo britannico).
Questo documento fu successivamente citato dal presidente degli Stati Uniti George W. Bush, il quale pronunciò sedici parole che da quel momento sarebbero tornate a perseguitarlo:
"The British government has learned that Saddam Hussein recently sought significant quantities of uranium from Africa" ("Il Governo britannico ha scoperto che Saddam Hussein ha ottenuto notevoli quantità di uranio dall'Africa")…
Link
Se vai con lo zoppo, impari a zoppicare.
Chi va al mulino, s'infarina... (90 e 10 "sono" del 100).

Sulla scorta dell’articolo del giorno 20 gennaio 2015, in seguito al racconto della “Trattativa Stato/Mafia”, definita nel film “La Trattativa”, se Forza Italia (Berlusconi) è un vettore di origine mafiosa, allora tutto quello che ne (con)segue (ri)sente della medesima influenza (nulla è per caso e la realtà è un piano inclinato).
Ergo, Martino è “(ad)atto” alla corsa per il “colle”.
Martino è il “10”? Alla luce frattale dei fatti storici, no.
Che cosa sai?


Islam/Iran:
Ayatollah Khamenei scrive ai giovani di Europa e Nord America
Senza mediatori e giri di parole:
la massima carica dell’Iran, l’Ayatollah Seyyed Alì Khamenei, ha deciso di parlare direttamente ai giovani dell’Europa a proposito dell’Islam, del terrorismo e dei temi di attualità che hanno occupato le prime pagine dei giornali in questi giorni.
Oggi, mercoledì 21 Gennaio 2015, la guida suprema iraniana ha diffuso, tramite il suo ufficio, una lettera aperta in lingua inglese, riportata dai media iraniani (http://jahannews.com/vdcjitexhuqeyvz.fsfu.html) e di cui segue la traduzione in lingua italiana.  
Nel nome di Dio, il Misericorde, il Misericordioso,
ai Giovani in Europa e Nord America,
i recenti eventi in Francia ed altri eventi affini in altri paesi occidentali mi hanno convinto a parlare direttamente con voi a proposito di essi. Mi rivolgo a voi (i giovani/ndr), non perchè io trascuri i vostri genitori, ma piuttosto perchè il futuro delle vostre nazioni sarà nelle vostre mani; ed inoltre trovo che il senso di ricerca della verità sia più vigoroso ed attento nei vostri cuori.
Io non mi rivolgo ai vostri politici e uomini di stato nemmeno in questa lettera perchè credo che loro abbiano separato consciamente la via della politica dal sentiero della giustizia e della verità.
Vorrei parlare con voi a proposito dell’Islam, in particolare dell’immagine che vi è stata presentata col nome di Islam.
Negli ultimi due decenni molti sforzi sono stati compiuti, più o meno dal crollo dell’Unione Sovietica, per piazzare questa grande religione sulla poltrona del “terrificante nemico”.
La creazione di un sentimento di orrore e di odio e successivamente la strumentalizzazione di questo sentimento è purtroppo un fenomeno di lunga data nella storia politica dell’Occidente.
Qui, io non voglio trattare delle diverse paure con cui le nazioni occidentali sono indottrinate. Un veloce ripasso dei recenti studi critici della storia vi diranno che il trattamento falso e ipocrita riservato dalle nazioni occidentali alle altre nazioni è stato censurato nei testi di storia.
La storia degli Stati Uniti e dell’Europa è purtroppo annerita dallo schiavismo, è messa in imbarazzo dal periodo coloniale ed è macchiata dall’oppressione della gente di colore e dei non-cristiani. I vostri studiosi e storici si vergognano profondamente degli spargimenti di sangue commessi in nome della religione tra Cattolici e Protestanti o in nome del nazionalismo e della razza durante la prima e la seconda guerra mondiale; e questo approccio è ammirabile.
Citando una frazione di una lunga lista, non intendevo fare una discussione storica; desideravo solo che voi chiedeste ai vostri intellettuali perchè la coscienza pubblica, in Occidente, si sia risvegliata solo dopo una parentesi di diversi decenni o addirittura secoli.
In altre parole, perchè la revisione della coscienza collettiva riguarda solo il passato remoto e non questioni d’attualità?
Cosa sono questi sforzi per impedire una presa di coscienza pubblica su un tema importante come la cultura ed il pensiero islamici?
Voi sapete bene che l’umiliazione e la diffusione dell’odio e della falsa paura “dell’altro” sono stati alla base di tutti i sistemi oppressivi.
Ora, io voglio che voi vi chiediate perchè la vecchia politica della creazione del terrore e dell’odio abbia colpito l’Islam ed i musulmani con una intensità senza precedenti.
Perchè la struttura del potere nel mondo vuole che il pensiero islamico venga isolato?
Quali concetti e valori nell’Islam disturbano i piani delle superpotenze e quali interessi vengono salvaguardati mettendo in cattiva luce l’Islam?
Ed allora, la mia prima richiesta è questa:
studiate e informatevi su ciò che favorisce questa ampia azione ai danni dell’immagine dell’Islam.
La mia seconda richiesta viene formulata in reazione alla marea di pregiudizi e di campagne di disinformazione; cercate di ottenere una conoscenza diretta e di prima mano di questa religione.
La ragione indica che voi siete in grado di comprendere la natura e l’essenza di questa religione intorno a cui loro creano paura proprio per farvici stare alla larga.
Io non insisto affinché voi accettiate la mia lettura o qualsiasi altra lettura dell’Islam. Ciò che vi voglio dire è:
non permettete che questa realtà dinamica ed influente del mondo di oggi vi venga presentata con odio e pregiudizio.
Non permettete loro di presentarvi i terroristi, che hanno reclutato, come rappresentanti dell’Islam.
Conoscete l’Islam attingendo alle fonti primarie ed originali.
Prendete informazioni sul pensiero islamico dal Corano e dalla vita del profeta. Desidero chiedervi se avete letto direttamente il Corano dei musulmani. Avete studiato gli insegnamenti del Profeta dell’Islam e la sua dottrina etica ed umana?

Avete mai ricevuto una informazione dall’Islam oltre che dai media? 
Vi siete mai chiesti come e sulla base di quali valori l’Islam stabilì la più grande civiltà scientifica ed intellettuale del mondo ed allevò i migliori scienziati ed intellettuali per diversi secoli?
Desidero che impediate a coloro che offendono di creare distanza tra voi e la realtà, privandovi della possibilità di avere un vostro giudizio imparziale.
Oggi, i media hanno superato i confini geografici. Ed allora, non permettete loro di assediarvi nelle frontiere mentali che hanno fabbricato.
Anche se nessuno può riempire individualmente le distanze createsi, ognuno di voi può costruire un ponte fatto di pensiero e correttezza per superare le distanze ed illuminare se e chi sta attorno.
Anche se la pre-programmata sfida tra voi e l’Islam, (costruita ad arte/ndr), non è costruttiva, può però creare nuove domande nelle vostre menti e saranno proprio gli sforzi per trovare una risposta a queste domande che vi daranno l’opportunità di scoprire nuove verità
Quindi, non perdete l’opportunità per ottenere una conoscenza giusta, corretta ed imparziale dell’Islam ed è auspicabile che in tal modo, grazie al vostro senso di responsabilità nei confronti della verità, le future generazioni possano scrivere a proposito delle attuali interazioni tra Islam ed Occidente con una coscienza più pulita ed una dose minore di pregiudizio.
Seyyed Alì Khamenei
Link
Seyyed Alì Khamenei è il “10”?

He He He…
Tutto troppo bello per essere “vero”. Anche se afferma solo il "vero"...
Di chi ti puoi veramente fidare?

SPS ti mette davanti ogni genere di notizie, le più diverse… e poi ti dice:
guarda, “è tutto vero” ma… in questa “tua” forma non puoi (af)fidarti di nessuno, essendo il tutto una (con)seguenza del “90”.
A te il compito di (ri)trovare, allora, il vero “10”.

Ma, sappi che:
il “10” non è per intero in una sola persona
perché l’individuo è sempre al “90” sotto controllo.

Sinestesia”, allora (ok?)… il “10” è, anche, (in)direttamente e frattalmente (re)distribuito… in te.
Sei anche tu (una parte di te)...
Uno, Nessuno… Tutti, per un "10".
 
Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2015/Prospettivavita@gmail.com