mercoledì 28 gennaio 2015

Scusate se è poco.


Patata o Pianeta?
Perché SPS (ri)utilizza (cita) notizie ed articoli d’ogni tipo, facenti parte e (con)segnanti/evidenzianti la “forma” a/di questa realtà? Bah… ci potrebbero essere molti motivi, tra i quali:
non avere idee proprie.
O, anche e più semplicemente:
non annoiare con “solo” i propri pensieri, le proprie ispirazioni, chiari di Luna, umori, tendenze, spunti, voli pindarici, (de)pressioni, slanci emotivi ed epici o volti al decadentismo o al romanticismo, chissà.
“Tu” fai già fatica, così, a leggere un intero articolo di SPS; figurati se ti trovassi davanti ad un “lenzuolo interamente (ric)amato alla SPS”. He He He… Che faresti?
Mhm… “per lo meno”, passeresti oltre "senza curarti di null’altro, se non della tua noia", (con)seguendo a quel campo minato ed inesauribile delle "tue cose da fare", sempre più importanti di qualsiasi spunto al… fermarti”. Fermarti? A far che?
A… “perdere tempo”? Naa… non se ne parla proprio.
E, poi, “chi è SPS”… per meritare una simile attenzione?
 
Vero. corretto. Esatto. Non fa una piega:
tutto è vero” (Prima legge di SPS) Wow... che Ego.
Addirittura un "marchio proprio" applicato ad una “legge”.
E che sarà mai, questo SPS? Un covo emanante saggezza ed intelligenza a tuttotondo? See… semmai, un esempio di paranoia illuminante, qualcosa che tende alla “malattia”, una forma di puerile attaccamento alla propria depressione, alla propria (im)potenza, qualcosa che (de)riva dall’ispessimento delle pareti interne del sistema venoso… una (con)seguenza del “mangiar male e del dormire ancora peggio”...
Un rincoglionimento progressivo alla luce del proprio fallimento?
Può essere. perché, no? Quando sei/ti (ri)trovi sempre a “pensarla in maniera inversa, rispetto agli altri”, che cosa puoi essere, se non un (ri)fiuto della società?


E, in quanto (ri)fiuto, una simile sensibilità rischia solo di andare (dis)persa tra “la perduta gente. Sì, perché… la “sensibilità” (quella condizione che prende solo spunto dal termine, che consegue alla perdurante presenza ispirante dei sensi maggiori auto limitati ed auto limitanti) è qualcosa di sottile che aumenta col tempo se gliene dai l’occasione, se perduri nel tuo insistere.
Se la Vita non ti risulta troppo “grave”, per via del “peso” che non è “suo, bensì, tuo”.
La Vita ti è caricata sulle spalle. Sei tu che la porti in giro e che la permetti.

SPS (Io) si è sempre sentito come una sorta di (anti)materia, allorquando si è (ri)trovato a dover comunicare con gli altri. Gli “altri”:
un termine descrittivo che mette paura.
Chi sono gli altri?
A chi devi, fra l'altro, i trentamila euro di debito pubblico procapite, che ogni italiano “possiede all’inverso”?
He He He… a chi? A “uno, nessuno e… tutti”
Ossia, uno stato di verità del quale “non te ne fai nulla”, perché non lo capisci. Perché ti (s)fugge in continuazione. Perché la tua mente non è solo “tua”. Perché tu abiti in un condominio mentale, ma non lo sai più. Non lo (ri)cordi, anche se:
questa “tua” condizione non serve per annullare il “tuo” status”.
Quale status?
Quello che (non) (p)rendi mai in considerazione:
  • che l’attuale forma di realtà, sia (cosa? Una illusione, una menzogna?).. “tutta vera”!
  • che sia di quel grado di verità, che tende ad illuderti facendoti respirare dalla tua prospettiva, ment®e appartieni ad un reame di dominio “altro” (la cui prospettiva è diventata l’unica che conta).
È come se… tu tieni su tutto, mentre t’illudi di buttare giù tutto (evolvere).
Ogni tuo (s)forzo viene (ri)utilizzato contro di te:
hai il diritto di rimanere in silenzio, hai diritto ad un avvocato se non potrai permetterlo te ne sarà assegnato uno di ufficio, tutto quello che dirai potrà essere usato contro di te in tribunale…”.
Ok?
  • se non potrai permetterlo te ne sarà assegnato uno di ufficio (comunque, hai il diritto ad essere difeso da una persona esterna a te, esperta nel proprio lavoro e che guadagna sempre, a prescindere da come andrà il dibattimento)
  • hai il diritto di rimanere in silenzio… tutto quello che dirai potrà essere usato contro di te (alla fine… parlerai. Lo farai per difenderti e facendolo, firmerai la tua condanna… perché tu non sei un esperto, mentre chi ti difende/accusa, lo è e lo è in un ambito sancito dalla legge, che vincola tutto al grado di riconoscimento della legge e della sua cavillosità, nonché di dipendenza dalla compresenza in aula, del potere che la trascende).
SPS ha una personalità. SPS riceve informazioni. Quindi, la personalità è composita, complessa, variegata, etc. SPS non è “solo” quando ti raggiunge. Parte dopo parte si (ri)volge a te, a tua volta, (ri)composto da una multi struttura non apparente e velata dalla copertura del corpo, per mezzo della pelle umana…
Parti che si alternano al “timone del tuo vascello” (qualsiasi cosa tu sia).


I cicli auto esistono? Sì e no: (di)pende. Infatti, ne esistono di più grandi di te e di più piccoli. Cicli che si generano per mezzo tuo e cicli che ti (ri)compongono, perché tu non sei veramente l’alfa e l’omega, ma fai parte di un insieme più grande, che caratterizzi da “te in giù”.
Da “te in su”… le cose variano e, molto probabilmente, è da “lì” che (de)rivi.
Il grande che si (s)chiude in se stesso, come la spirale aurea (in)definita.
Le corrispondenze frattali “grande/piccolo” auto esistono ma… tu (con)segui, in questa forma di reale. Nulla di eterno, per carità. Tuttavia, per “ora” è solo così.
Tu sei pilotato, pur essendo il pilota:
il testimone del “tuo” vascello.

Intelligenza.

Ed in questo tuo vagare (vivere, sopravvivere) tendi a disperdere la possibilità, nella speranza fine a se stessa, nel credo illusorio che esista qualcosa nel cielo e dappertutto, che alfine ti possa aiutare. Ma… aiutare a far che? A cosa ambisci? Al Paradiso? He He He…
Il Paradiso è tutto ciò al quale rinunci, vivendo così… di speranza.
Attendendo sempre di imboccare la (s)corciatoia del “Salvatore”.
La realtà è un libro:
in quale pagina stai vivendo?
Sai, ce ne sono molte. Perché ti sei proprio fissato con questa?
Beh, se ci stai bene, perché no? Ma, così… proprio no. Perché ci sei (d)entro e non (ri)esci a (ri)uscirne?
Che cosa te lo impedisce? Il Nucleo Primo?

Sì e no:
se tu (ri)cordi… allora tutto cambia nella sostanza.
E per (ri)cordare, è opportuno:
  • accorgersi
  • fissare la realtà dalla prospettiva diversa dal solito e, molto spesso, (in)versa
  • fermarsi.
Fermarsi = smettere di alimentare l’attuale forma di (ir)realtà, smettere di far passare l’attuale forma di segnale (im)portante, attraverso il tuo complesso (filtro).
Non significa “morire di fame”. Ok?
È una progressione (così come ciò che deve accadere, nella forma Anti-Sistemica attuale, tra un dibattito e l’altro, comunque prosegue sostanzialmente del tutto indisturbato e, alfine, accade. Vedi, ad esempio, il Qe della Bce)…
SPS a cosa ambisce, allora? A divenire una nuova forma di guru?
Naa…
C’è un guru per tutto, dalla decrescita alle zuppe
Sembra che gli italiani si stiano dividendo in due settori:
quelli che vogliono essere guru di qualcosa, specialmente se il qualcosa vanta più di un hashtag,  e quelli che hanno la necessità di avere un guru da venerare…
Chi ha bisogno di avere un guru? Senz’altro abbiamo bisogno tutti di avere buoni maestri, ma non guru...
“Io non voglio decorare le vecchie gabbie; e non voglio nemmeno demolirle; poiché, anche quando si arrivasse a demolire tutte le prigioni degli uomini, questi ne costruirebbero delle altre e ne decorerebbero le pareti.
Ciascuno deve imparare a liberarsi da sé medesimo.
Il mio scopo è di far nascere negli uomini il desiderio di infrangere tutte le gabbie e di risvegliare in essi la volontà di scoprire la Verità, la Vera Felicità”...
Ai piedi di Krishnamurti
Link
SPS permette “solo” di (ri)flettere, in altra maniera "non proprietaria" ®.
SPS è schierato in un modo che... ti lascia sempre la possibilità di essere te stesso/a.
Oggi spero anche in qualcos’altro. Spero che il mio meme sia anche, come suggerisce Krishnamurti, di far nascere nella gente il desiderio di infrangere le gabbie. Non di demolirle e neanche di adattarcisi dentro abbellendole, ma di romperle, uscirne e di diventare ognuno il guru di sé stesso.
Solo questa liberazione interiore può portarci a vivere meglio, per noi stessi e per un’evoluzione migliore del mondo…
Link 
Ok?

L’imposizione è qualcosa che esiste al di là di SPS, mantenuta al di fuori, seppure auto esistente.
SPS è classificabile? Dal punto prospettico proprio, no. Perché?
Continua a leggere, please.
Scetticismo filosofico.
Lo scetticismo è una posizione epistemologica che nega la possibilità di raggiungere, con la conoscenza, la verità.
L'origine del termine scetticismo è nella parola greca σκέψις (sképsis), che significa "ricerca", "dubbio", e ha la stessa radice del verbo sképtesthai che significa "osservare attentamente", e quindi "esaminare".
Lo scettico è colui che nega la possibilità di conoscere la verità. Più in dettaglio sul piano gnoseologico, pur non negando di possedere l'idea della cosa pensata, lo scettico dubita che il pensiero della realtà sia una rappresentazione attendibile della realtà stessa, poiché la conoscenza si basa sui sensi, che danno percezioni ingannevoli e mutabili nel tempo.
La presenza dello scetticismo segna tutta la storia della filosofia occidentale. Esso, infatti, esprime un'istanza tipica dell'essere umano:
la sua perenne insoddisfazione di fronte al proprio conoscere.
Lo scetticismo può essere definito - in modo molto generico - come il momento di dissoluzione di un dogmatismo:
in quanto atteggiamento di risposta, perciò, l'ipotesi scettica di volta in volta si adegua al dogmatismo cui fa riferimento. La storia del pensiero occidentale è continuamente segnata da questa oscillazione tra affermazione dogmatica e reazione scettica:
  • Parmenide → sofisti
  • Platone-Aristotele → lo scetticismo classico pirroniano
  • Filosofia cristiana scolastica → Ockham-Montaigne
  • Descartes → Hume
  • Kant → Schulze (che vedeva nel noumeno un principio dogmatico)
  • Idealismo → Esistenzialismo...
Link
È troppo complesso, vero?
Ebbene, SPS è questo ed, allo stesso tempo, altro.

Frattalità.

Lo “scettico” è, ormai, percepito come uno “sfigato” (un luogo comune asfittico, che non va da nessuna parte). Ed, in questo, si demolisce l’edificio (più ampio), che è rappresentato grezzamente dal termine, in sé… trito e (ri)trito.
  • SPS può leggere di tutto e (ri)tradurlo alla propria coordinata frattale. In questo, SPS può (ri)scrivere tutto quello che pensi di sapere “perché ti hanno detto che…”.
Che Ego. Ci (ri)siamo! Che "zuppa"!
Chi ha bisogno di avere un guru? Senz’altro abbiamo bisogno tutti di avere buoni maestri, ma non guru.
Il guru è egoista, richiede un’attenzione esclusiva, un tributo al suo narcisismo sempre in ascesa, la devozione a tutti i suoi insegnamenti e il disprezzo degli altri.
Vi sorprendereste di scoprire quanti guru abbiamo intorno:
per esempio quelli che divulgano un argomento e disprezzano chiunque altro parli della stessa cosa. Il disprezzo della "concorrenza" io lo prendo sempre come un segnale di allerta… "gurismo" in modalità avanzata.
Ci sono anche quelli più sottili:
disprezzano i colleghi connazionali e cercano di apparire generosi citando pateticamente solo gli stranieri (che non rischiano ovviamente di sottrargli pubblico, i fan del guru sono tordi, ma difficilmente attraverseranno l’oceano per una conferenza del concorrente).
Oppure citano solo i discepoli prediletti, suoi maggiori fan e promulgatori del gurismo verso il loro mentore:
il discepolo entusiasta è un’arma fondamentale per fare proseliti
Link
Il guru… è un altro termine alla moda. Ed è solo quello. Ciò che “ci metti (d)entro” è:
contenuto che (pro)viene da te, per mezzo dell’ispirazione che alimenta qualsiasi tipo di pensiero “logico”.
SPS (ri)conosce che “quello che sente in profondità”, difficilmente (ri)emerge per intero per mezzo delle parole. Per questo, SPS sente che qualsiasi approccio altrui alla propria sfera è sempre e solo “in difetto”. E, per questo, SPS non è egoista né taglia fuori tutto il resto e tutti gli altri.
È solo che “il suo esterno è inadatto a descrivere il mio interno”.
Ergo:
  • l’e(s)terno a SPS è, ora, in una forma che non lo rispecchia a pieno
  • l’e(s)terno a SPS è, ora, in una forma artefatta.
Anche per questo:
SPS (ri)conosce che la realtà emersa è un plagio di quella affondata, sepolta, insabbiata ma non (s)comparsa.
La realtà di SPS è da qualche parte, ma non qua. Qua è solo (ri)prodotta per eco frattale. Ossia, proprio ciò che SPS riceve in quanto (com)presenza radioattiva e testimone perlomeno di un’altra forma di reale, “incagliata” sotto a questa... per qualche motivo legato alla (com)presenza immanifesta del Nucleo Primo.
Il suo interesse è (in)compatibile con quello di SPS.
E il piano di (ri)ferimento è “unico/questo”.
Altro motivo per far dubitare che “tutto sia emerso”.
SPS (Io).

Il "camaleonte".
La Sovranità Integrale è l’espressione ri-concettualizzata dell’anima umana per l’Era della Trasparenza e dell’Espansione…
Di questa era abbiamo appena toccato il litorale, e gli strumenti, i modelli mentali e i metodi dell’era precedente, ebbene, non sono così rilevanti, proprio come l’abaco non è rilevante nell’era dei computer...
Wingmakers - James (Raccolta delle opere, vol. 1)
Link
Gli strumenti, i modelli mentali e i metodi dell’era precedente… non sono così rilevanti, proprio come l’abaco non è rilevante nell’era dei computer…
 
 Ergo:
nemmeno l’era dei computer è rilevante per lo svolgimento pieno dell’era “seguente”. Semmai, i computer consolidano l’era (con)seguente. Fai attenzione ai particolari, senza cadere nel banale…
L'origine del termine scetticismo è nella parola greca σκέψις (sképsis), che significa "ricerca", "dubbio", e ha la stessa radice del verbo sképtesthai che significa "osservare attentamente", e quindi "esaminare".
Cosa “non dovrebbe” essere ed, invece, “è”?
Ue, Schaeuble: Stati membri non dovrebbero contribuire a fondo investimenti.
Il ministro tedesco delle Finanze Wolfgang Schaeuble ha detto di non ritenere che gli Stati membri debbano contribuire al fondo di investimenti Ue da 315 miliardi di euro.
"Non siamo favorevoli a che i governi nazionali contribuiscano al fondo", ha sintetizzato Schaeuble nel corso di un dibattito pubblico sul fondo di investimenti all'Ecofin.
Tuttavia, Schaeuble ha detto che la Germania potrebbe contribuire in modo indiretto attraverso la Banca statale per lo sviluppo, KfW.
Link
Tuttavia… la Germania potrebbe contribuire in modo indiretto attraverso…
In modo (in)diretto… attraverso.
Il “non dovrebbe” non corrisponde con il “non deve” ("è"). E il “non”, sparisce all’interno del senso energetico delle espressioni. La struttura del reale è chiusa a riccio. Qualsiasi “cosa” è progettata ad arte per auto mantenerti “qua, così”… perché “servi”.
Tutto ciò che (con)segue, in questa forma di reale a questa forma di reale, è solo ed esclusivamente il (ri)flesso del marchio di proprietà del Nucleo Primo:
  • di ciò che non si fa vedere
  • di ciò a cui, quindi, (non) credi
  • perché non hai nemmeno l’idea (il termine a cui credere o no).
La sua figura è scomparsa persino nella “tua” immaginazione.
Dove intende arrivare?
Apple: trimestrale record, utili a 18 miliardi e vendite per 74,6 miliardi
Link
Dove intende arrivare il management di una multinazionale? E se questa multinazionale fosse (è) uno Stato, un continente, il Pianeta?
He He He… (Im)possibile, vero?
Sei un illuso, se lo pensi e non lo immagini…
Un povero illuso, che continuerà per sempre a fare la guerra dei poveri.
Altro che concorrenza e competitività:
è un loop che si chiude in se stesso al di là della tua capacità di (ri)comprendere.
La Grecia sul fronte del debito. "Niente illusioni, non pagheremo"
Domani ad Atene arriva il presidente dell'europarlamento, Martin Schultz, ma sarà il giorno dopo il primo incontro tra il neopremier e il capo dell'eurogruppo e "custode" della moneta unica, Jeroen Dijsselbloem.
Per ora, il principale portavoce economico di Syriza, Euclid Tsakalotos, ha detto che "non è realistico" aspettarsi che la Grecia paghi tutti i suoi debiti e ha sottolineato che i creditori dell'Ue devono essere disposti a rinegoziare il debito.
"Nessuno crede che il debito della Grecia sia sostenibile", ha dichiarato. "Non ho conosciuto alcun economista che onestamente ti dica che la Grecia pagherà tutto questo debito: non è possibile"…
Link
Alexis Tsipras = “il nuovo”?
Naa… è solo un “attore, come tutti gli altri”.
Realtà o finzione?

Preoccupa il millennium bag. La gente ha paura delle cose sbagliate…
La preda perfetta
Le sirene di Tsipras e i veri conti di banche e Stati.
L’Europa vive davvero una crisi di identità. Le stesse persone che hanno decantato le virtù taumaturgiche del Quantitative Easing della Bce una settimana fa, oggi gioiscono per la vittoria di Syriza in Grecia.
Il piano di Draghi punta a rinforzare i bilanci delle banche e ad aiutare i Paesi indebitati…
L’intera Eurozona vanta infatti crediti verso Atene per circa 195 miliardi di euro, tra prestiti bilaterali (due targati Roma), fondi elargiti attraverso l’Esm, il Meccanismo comunitario di salvataggio, la Bce e il Fmi...
I 322 miliardi di debiti della Grecia, secondo i dati del Ministero delle Finanze greco resi pubblici alla fine del terzo trimestre 2014, sono solo per il 17% in capo a soggetti privati e questo spiega la relativa calma dei mercati.
Il 62% di questa voragine debitoria è dunque in capo ai governi europei, il 10% al Fondo monetario internazionale e l’8% alla Banca centrale europea, mentre il restante 3% è custodito dalla Banca centrale greca
Link
Il piano di Draghi punta a rinforzare i bilanci delle banche e ad aiutare i Paesi indebitati…
  • rinforzare i bilanci delle banche ("sì", dalla prospettiva delle banche e della forma attuale di realtà)
  • aiutare i Paesi indebitati ("sì", ma solo dalla prospettiva del debito/ricatto, quindi “no”... la solidarietà è limitata nella Ue).
Prestiti bilaterali (due targati Roma), fondi elargiti attraverso l’Esm, il Meccanismo comunitario di salvataggio, la Bce e il Fmi... Il 62% di questa voragine debitoria è… in capo ai governi europei, il 10% al Fondo monetario internazionale e l’8% alla Banca centrale europea, mentre il restante 3% è custodito dalla Banca centrale greca:
gli “squali” sono questi.
Ma questi “strumenti” sono celati all’interno delle Istituzioni che:
  • da una parte ti dicono che “sei anche tu” (la parte che viene sempre richiamata a pagare le conseguenze, “bad bank”)
  • dall’altra parte non ti dicono che “sono altro, rispetto a te” (continuità, paradigma, credo).
Che cosa sai? (Con)seguendo… sai quello che devi sapere, anche se leggi la verità.
Fallisce missione Cia per armare ribelli anti-Assad.
Il programma della Cia per armare i ribelli moderati che combattono dal 2011 contro il regime di Bashar al Assad in Siria non è andato per il verso giusto. La missione è stata lanciata a metà del 2013 e ha comportato un grande sforzo per gli Stati Uniti:
analizzare le telefonate e le mail dei comandanti siriani per capire se veramente erano al comando di formazioni all'opposizione. I comandanti sono poi stati interrogati, per giorni.
Tuttavia il numero di armi inviate è risultato inefficace.
Come scrive il Wall Street Journal, uno dei comandanti aveva a disposizione solo 16 munizioni per combattente al mese. E quando nel 2014 alcuni di essi hanno chiesto l'invio di altre munizioni per combattere contro gruppi legati ad al Qaeda si sono visti negare la loro richiesta dagli Stati Uniti.
Nel frattempo i gruppi moderati si sono frammentati e hanno perso gran parte del controllo sul territorio siriano, che ora è nelle mani dello Stato islamico o del fronte al Nusra, formazione collegata con al Qaeda. Gli aiuti continuano ad arrivare al sud del Paese (dove i ribelli sembrano più uniti) ma sono solo il 5-20% delle armi richieste alla Cia.
Ma l'amministrazione Obama sta difendendo la sua strategia. In primo luogo ha sottolineato che quando è iniziata la missione lo Stato islamico non aveva ancora conquistato vasti territori a nord del paese. E ancora che l'invio di poche armi è legato al fatto che Washington teme che possano finire nelle mani sbagliate, come già successo in Iraq.
Link
  • uno dei comandanti aveva a disposizione solo 16 munizioni per combattente al mese
  • l'amministrazione Obama sta difendendo la sua strategia (appunto! Nella strategia rientra tutto, compreso quello che non puoi capire).
Ma, in questo, non ti deve (s)fuggire il senso (ri)portato nel titolo della notizia appena citata:
missione Cia per armare ribelli anti-Assad
Te lo stanno dicendo, ma… non ci stai facendo nemmeno caso. Vero?
Quindi: che cos’è l’Isis?

Una "volta", se si sapeva qualcosa – immediatamente scoppiava il furore popolare. Oggi, invece, non c’è nulla in grado di (s)muovere veramente la Massa che, pur essendo più a conoscenza delle informazioni, non trova mai lo spunto per manifestare veramente il proprio sconforto.
Perché la Massa è sotto ad incanto.
Collegato ambientale, Codici denuncia: “Si ascoltano aziende e non i consumatori”.
I Consumatori non sono degni di partecipare alla discussione sul collegato ambientale alla Legge di stabilità 2014! È quanto denuncia Codici precisando che, nonostante le promesse originarie, fin'ora le Associazioni dei consumatori non hanno messo piede in audizione al Senato (dove si discute il provvedimento dopo l'ok della Camera) per entrare nel merito di un atto che interviene, ad esempio, sulla gestione del servizio idrico integrato.
È stata invece ascoltata Federutiliy, l’associazione dei gestori italiani delle varie utilities che non ha risparmiato parole di giubilo per il collegato di cui auspica la veloce approvazione.
E a pagare sono i consumatori che subiscono la malapolitica e l’inefficienza dei gestori…
Link
La consueta (s)coperta dell’acqua calda. Sì. Nella “tua” (im)potenza alimenti tutto ciò che esiste in questa forma. Sei fermo ma in questa “fermezza” sei stabile e rendi stabile l’(Anti)Sistema… Bce/Ue (ri)comprese.
L'etica in portafoglio.
Meglio licenziare, arricchendo i bilanci ma mandando sul lastrico una comunità o tenere tutto il personale con il rischio di diventare meno competitivi e, in futuro, di intaccare il benessere generale? È con dilemmi di questo tipo che manager, investitori e azionisti hanno a che fare quando si parla di investimento socialmente responsabile (Sri).
Un concetto, questo, che varia con il tempo.
Secondo una famosa definizione del 1970 dell’economista Milton Friedman, per Sri si intende:
“Utilizzare le risorse per occuparsi di attività atte ad aumentare i profitti finché si agisce secondo le regole del gioco di una piena e libera con concorrenza senza utilizzare inganni o frode”.
Il problema, si è scoperto con il tempo, è che molte aziende per massimizzare i profitti non si sono fatte carico dei costi sociali delle loro azioni.
Gli economisti per questo fenomeno utilizzano la definizione “esternalità negativa”.
L’esempio classico è quello di una centrale a carbone che sparge i suoi fumi nell’aria contribuendo in questo modo all’aumento delle piogge acide, rendendo l’area circostante meno appetibile dal punto di vista abitativo e riducendo i valori immobiliari. Siccome la società che gestisce l’impianto (in mancanza di una regolazione precisa) non sopporta i costi di questa situazione, si può concentrare sulla massimizzazione dei profitti
Link
rendendo l’area circostante meno appetibile dal punto di vista abitativo e riducendo i valori immobiliari...
Quale “etica”? Anche quando si parla di... "etica"!
Perchè non sono le aziende ad essere responsabili e a pagare per lo smaltimenti dei rifiuti, all’interno della società? Non sono, forse, esse che generano lo spunto dell’inquinamento in ogni sua forma?
No. E infatti sei tu che devi pagare la “tassa sui rifiuti”.
Il cliente ha sempre ragione? See…
Grillo: Conflitto d'interessi ministro Boschi, governo risponda in Aula.
"Il 'conflittuccio' d'interesse del ministro Boschi". Lo scrive su Twitter il leader del M5S Beppe Grillo, accusando sul blog la ministra delle Riforme Maria Elena Boschi di essere "azionista della Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio, istituto che ha fatto un balzo del 66% in Borsa per effetto degli annunci trapelati, a mercati aperti, da Palazzo Chigi sulla riforma delle maggiori banche regolate dal voto capitario".
"Non bastava sapere che papà Boschi è vicepresidente della Popolare dell'Etruria, intermediario del credito presso cui lavora pure il fratello del ministro delle Riforme. Adesso... si scopre, dunque, che esiste anche un interesse formale diretto, seppur piccolo, della giovane Maria Elena nell'istituto"…
Link
Il “Bosco” è molto più esteso di quanto si possa pensare. È tutto così. Anche nel tuo piccolo. Ammettilo, suvvia.
La gente è l’(a)gente.
Anche tu, appena puoi e se puoi, te ne approfitti.
La società è interamente “così”…

La complicata posizione della Federal Reserve...
Politiche monetarie di Stati Uniti, Gran Bretagna, Europa e Giappone divergenti potrebbero avviare turbolenze monetarie e perturbare i flussi di capitale anzitutto nei mercati emergenti.
Ovvio l'effetto del dollaro forte sulle imprese di quell'area che hanno preso a prestito $9 trilioni in dollari Usa, ma non solo.
"Siamo particolarmente preoccupati per l'illusione di liquidità che è esistita in un certo numero di mercati finanziari. Direi che l'illusione di liquidità si sta gradualmente, dissolvendo".

E tuttavia con tutta la prudenza del caso non manca un accenno ai trilioni di dollari investiti in titoli illiquidi:
gli investitori potrebbero accorgersi di essere nei guai e tentare di uscirne tutti assieme
Link
L'illusione di liquidità:
(ri)fletti attentamente su questo enunciato ufficiale.
Le Istituzioni, ormai, non fanno più attenzione al modo con il quale si esprimono. Certi termini, certe espressioni… sono auto chiarificanti ma, tu non ci sei. Tu non ascolti.
Tu non sei pervenuto.
Il grande esperimento (pro)segue:
  • quello che (pre)vede di dirti sempre tutta la verità e solo la verità
  • tanto, tu non la capirai più.
Per non offendere nessuno… SPS, ora, termina il suo excursus quotidiano, analizzando brevemente quelle veloci descrizioni della Vita di alcuni “sopravvissuti” ai campi di sterminio nazista, nella fattispecie… di Auschwitz.
Con poche righe o poche parole, che cosa ti stanno dicendo? Il riassunto è molto stringato e (pre)tende di trattarti come un idiota, uno (s)tolto.
Vediamo il perché.
I volti dei sopravvissuti all'Olocausto.
A 70 anni dalla liberazione di Auschwitz, i fotografi dell'agenzia Reuters hanno rintracciato e ritratto i sopravvissuti, ora anziani. Un milione e mezzo di persone, soprattutto ebrei, furono uccise nel campo nazista che divenne simbolo degli orrori della Seconda Guerra Mondiale. Il campo fu liberato dall'esercito sovietico il 27 gennaio 1945. Al suo interno furono trovati 200 mila sopravvissuti
Link
  • Al suo interno furono trovati 200 mila sopravvissuti… (non sono pochi. Ma non si trattava di un campo di sterminio?).

    Laszlo Bernath, 87 anni, mostra una foto della sua famiglia, uccisa nel campo di concentramento. Laszlo dice di dovere la sua sopravvivenza al padre, "un uomo pratico". Aveva 15 anni quando fu preso, e suo padre gli disse di mentire sulla sua età così che non li separassero. Durante la sua permanenza nel campo non venne mai a sapere dell'esistenza delle camere a gas(questa citazione è una chiara testimonianza di ciò “che non avveniva, per come te lo hanno detto”).
Link
Queste persone, sopravvissute, stanno solo descrivendo la “Guerra”. Ciò che è sempre accaduto dappertutto nel Mondo.

Le foto di guerra, sono sempre “foto di guerra” (terribili).

Ad ogni latitudine sono stati perpetrati omicidi. Le stragi sono comuni a tutte le forme di impero. Il tutto, sotto al “grande albero” del Nucleo Primo, che ombreggia tutto e tutti, senza più essere nemmeno intravisto… perché “troppo grande”.

La grandezza estrema diventa “normale”, quando ci vivi all’ombra (dentro).
La puoi anche studiare, senza sapere quello che stai esattamente facendo:
la matematica (ri)leva il Nucleo Primo, ma non se ne accorge.
Che cos’è, in una formula, un “delta” o una “costante”, ad esempio?

Senza mancare di rispetto a nessuno, SPS “è”… e “scusate se è poco”.
 
Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2015/Prospettivavita@gmail.com