martedì 24 settembre 2013

Contare "male".


 

Politica e mafia sono due poteri che vivono sul controllo dello stesso territorio: o si fanno la guerra o si mettono d'accordo.
Paolo Borsellino
 
Colui che espresse un simile pensiero è, poi, morto assassinato. Qualcosa dovrebbe far meditare profondamente sul grado di verità dimostrato anche “con il senno di poi” (Metodo Indiretto).

Che cosa è cambiato tra “certi rapporti”, dopo la morte di Borsellino?
 
Bah… è come chiedersi cosa mai sia cambiato dopo Tangentopoli o dopo Calciopoli o quello che meglio vuoi inserire come termine di paragone (sport, concorsi ed appalti pubblici, sanità, televisione di Stato, etc.). L’unico limite è la propria fantasia. L’unica certezza è che ad ogni livello esaminato esiste una struttura di "controllo immorale" (cupola).

Pessimismo? Fai tu…

È sufficiente anche solo osservare come dei fulcri di potere si costituiscano/addensino non appena una situazione preveda il coinvolgimento altrui (controllo). È possibile riscontrare perlomeno tre grandi classi di manifestazione d’insieme, relativi ad una origine simile:
  1. interesse
  2. ignoranza
  3. prepotenza.
Le tre classi sono un sotto raggruppamento del Nucleo Primo, il quale si avvale della propria “non presenza” al fine di organizzare al meglio l’amministrazione del proprio “territorio”:
il Globo intero.
La manipolazione avviene, dunque, in funzione dell’esistenza di questi tre macro gruppi di “caratteri”.
  1. l’interesse è mosso dall’avidità
  2. l’ignoranza è mossa dal grado culturale
  3. la prepotenza è mossa dal livello di sopravvivenza sociale.
  • l’interesse veicola alla formazione di nuclei organizzati apparenti e non apparenti
  • l’ignoranza veicola alla formazione di abitudini paradossali ma non più identificabili
  • la prepotenza veicola alla formazione di uno stato di guerra perenne sociale, travalicando ogni genere di confine.

È molto abile colui che riesce a “mantenere sempre in tensione” i fili che congiungono i tre caratteri. Ciò garantisce il tipo di controllo totale di cui il Nucleo Primo necessita, al fine di dominare in maniera incontrastata e senza mai apparire direttamente.

Gli asteroidi non emettono ma riflettono la luce, le ottiche a infrarossi di Wise sono degli strumenti potenti per catalogare e studiare la popolazione degli asteroidi…
Link 
 
Per Analogia Frattale è semplice giungere alla dimostrazione teorica dell’esistenza del Nucleo Primo. Perché? Perché tutto ciò che esiste in Natura è la risposta fisiologica del reame creazionale 3d alla presenza degli umani, componenti nascoste comprese.
Per cui, l’esistenza di asteroidi che riflettono la luce ma, anche, la assorbono (come dei Buchi Neri o come la tecnologia Stealth) permette di comprendere che esistono gruppi umani non apparenti.

Nella fattispecie, il loro “riflettere o assorbire la luce” (i due stati opposti uniti insieme) corrisponde al controllo dell’intero territorio, energia compresa, tu compreso…
 
Nemesi (Nέμεσις, Nèmesis) è una figura della mitologia greca… Il nome deriva dal greco νέμεσις (nèmesis), νέμω (nèmo, "distribuire"), dalla radice indoeuropea nem-; in Mitologia greca, e fu il nome della dea "distribuzione della giustizia" (la giustizia intesa come codice giuridico era invece attribuita alla dea Diche).

Nemesi provvedeva soprattutto a metter giustizia ai delitti irrisolti o impuniti, distribuendo e irrorando gioia o dolore a seconda di quanto era giusto, perseguitando soprattutto i malvagi e gli ingrati alla sorte.

Non esiste una dea corrispettiva nella mitologia romana, che invece ereditò Diche come dea della giurisdizione (l'attuale Justitia, quella con la benda agli occhi e la bilancia in mano); tuttavia, i Romani dedicarono a Nemesi un'ara sul Campidoglio, dove i soldati erano soliti deporre una spada prima di partire per la guerra…

Significato.
Nemesi significa distribuzione del fato, intesa come giustizia compensatrice o riparatrice, o interpretata anche come giustizia divina. Oggi questo termine si usa anche per intendere una situazione negativa che giunge immediatamente dopo un periodo particolarmente fortunato, sempre come atto predestinato alla compensazione.

L'idea che soggiace a questo termine è di un mondo che risponde a una legge di armonia, per cui il bene debba essere compensato dal male in egual misura.
Link 
 
La Nemesi è stata "cancellata" perchè corrispondente ad un senso dell’onore che poteva dare molto fastidio al potere di Roma. Per questo fu più utile il ricorso a Diche.

Se la Nemesi giunge a compensare, non può ogni volta riportare il percorso in parità. Quando ciò accade e nel Tempo non si avanza, significa che esiste qualcosa d’altro che va oltre alla capacità ciclica della Natura; altro indizio che permette di osservare qualcosa che non appare mai in maniera diretta.  

Qualcosa che chiama a sé, richiedendo di non spostarsi dallo status quo.

Un magnete posto in proiezione sulla società del Mondo.
Una polarizzazione che ad un certo livello è molto meglio inquadrabile col termine di “manipolazione del Sistema” che diviene, dunque, “Antisistema”.

Allora, da un simile promontorio inosservato, è semplice anche emanare "onde promozionali" che abbiano il chiaro intento di affermare verità solari inapplicabili per la Massa e, quindi, veicolanti all’esatta polarità opposta del predicato:
predicare bene e razzolare male.
Dove “bene e male” sono solo concetti relativi, appartenenti ai nativi modelli prospettici (tipi di controllo e strategia a cascata).

Il male che interviene per compensare il bene o viceversa, identifica componenti cicliche inosservate o, meglio, osservate solo per quanto riguarda la relativa valenza “dal punto di vista del singolo” (osservazione relativa). Se c'è un guadagno anche per il singolo "allora va bene" (prezzo personale)...
Per cui “tutto è lecito”, perché il “lecito” è una funzione derivante da uno stretto mix di comportamento, ambiente, educazione, carattere, storia pregressa, Dna, e “programmazione”…

Altrimenti un bimbo afgano non potrebbe abbracciare un fucile a 7 anni, ad esempio, o un universitario statunitense non potrebbe compiere una strage alla prima delusione esistenziale.
La manipolazione scende dall’alto ed investe chiunque. Chiunque diventa un manipolatore potenziale, perché è esso stesso una funzione della manipolazione superiore ed, in quanto tale, diviene un centro di manipolazione a tuttotondo.

Il lecito viene sempre dopo, da questo punto di vista.

Sulla Buona Strada - Campagna pubblicitaria 2010 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
La sicurezza stradale nasce da un insieme di norme, attenzioni e comportamenti che, combinandosi, rendono le strade più o meno sicure.
Possono esserci leggi più severe e sanzioni più pesanti, diverse condizioni atmosferiche, ma il vero ago della bilancia tra una strada sicura ed una pericolosa sarà sempre la condotta dei soggetti che vi transitano

Ecco perché una campagna di comunicazione che punti all'"educazione" e alla sicurezza, non può prescindere dal coinvolgere tutti questi individui, chiamandoli in prima persona a mantenere comportamenti corretti...

Link 
 
Belle parole. Tanta saggezza. Ma l’antenna risente anch’essa del grado d’appartenenza all’Antisistema, per cui emette verità non meglio interpretabili per la Massa, perché essa ristagna nel cono d’ombra del potere che polarizza il segnale emesso e ricevuto dall’infrastruttura d’appartenenza.

Tutto è sotto controllo.


Ad esempio, tutto ciò che giunge nelle case (gas, elettricità, acqua, telefono, etc.) è soggetto al corrispettivo pagamento in termini del “consumato”. I “contatori” gestiscono il controllo delle quantità consumate dall’utente.
Però, in questo, ci si trova ancora nel consueto loop del “chi controlla i controllori”?

Sul modello della Banca d’Italia, ad esempio, o su quello delle società di rating internazionale o delle banche.
Chi garantisce al consumatore che il proprio contatore sia “correttamente tarato”? La società proprietaria dello stesso? See. Chiedete all’oste come sia il suo vino!

Da un’analisi effettuata personalmente dal “canale”, nel periodo che va dal 18 al 24 settembre 2013, per quanto riguarda l’utilizzo del gas, rispettivamente in una casa abitata ed in una temporaneamente disabitata, il consumo è risultato incredibilmente pari a:
  • 2 numeri al giorno per la casa abitata
  • 1 numero al giorno per la casa disabitata.

C’è sicuramente una spiegazione e non è quella che fornisce il tecnico, che interviene per un controllo a pagamento. L’esistenza dei sigilli permette alla società di essere certa che nessun’altro intervenga a manomettere ciò che è tarato ad hoc per preservare il “diritto al guadagno minimo” di ogni contatore installato nelle case di milioni di persone.
  • 1 numero al giorno = 365 numeri all’anno, senza nessuno consumo effettivo e razionale
  • ossia, circa 250 Euro all’anno versati all’azienda senza colpo ferire, in qualità di balzello trasparente.
Ricorda:
se lasci la tua casa per qualche giorno, chiudi il rubinetto del gas, altrimenti la tua casa continuerà a consumare per default.
E l’apparenza continua, perché “the show must go on”.

Gas: dal primo ottobre cambia il calcolo delle bollette.
Dal primo ottobre le bollette del gas di 16 milioni di famiglie italiane saranno calcolate con un nuovo metodo che farà riferimento ai prezzi spot, archiviando definitivamente il vecchio metodo basato sui contratti di lungo periodo indicizzati al prezzo dei prodotti petroliferi . 

L'effetto più immediato, assicura l’Autorità, sarà una nuova diminuzione con i prezzi che torneranno indietro di due anni.
Link 
 
Indirettamente che cosa ti dice questa news?
Che il “vecchio metodo” era a te sfavorevole.
Che il “nuovo metodo” promette qualcosa che non puoi direttamente verificare, se non per il controllo successivo al consumo, mediante lettura della bolletta. Bolletta che difficilmente è interpretabile e i periodi pregressi difficilmente paragonabili, per via delle "differenze ambientali" certamente riscontrabili (inverno più o meno rigido, periodo di assenza da casa, austerity, etc.).

Le bollette sono sempre meno comprensibili e ti sfido a mettere ordine in quello che leggi.

I prezzi torneranno indietro di due anni?
Sai come progredisce un buon trend al rialzo (il trend dei guadagni societari, in questo caso)?
 
Con una struttura a zig zag che non va mai a fare nuovi minimi (osserva ad esempio l’andamento del prezzo della benzina). Per cui, se i prezzi tornano indietro di due anni è perché un simile arretramento è previsto nel piano di storno del ciclo rialzista primario. Ciò significa che, nel Tempo, i prezzi riprenderanno a correre più di prima e i nuovi contatori saranno “intelligentemente” installati nella tua casa.

È questo che occorre chiedersi:
  • perché li installano? Non certo per farti risparmiare!
Aeeg, incentivi per contatori “intelligenti” gas, luce e acqua.
Promuovere la sperimentazione di contatori "intelligenti", in grado di telegestire contemporaneamente la fornitura di gas, luce ed acqua, e di dare informazioni sull'efficienza e sul risparmio energetico. È quanto prevede la delibera 393/2013/R/gas dell'Autorità per l'energia che avvia la selezione di progetti-pilota da sviluppare per incentivare la diffusione di smart metering multi-servizio e l'innovazione delle reti

Sempre in tema di misuratori, l'Autorità ha già definito i requisiti dei contatori gas telegestiti e aggiornato il piano di implementazione dello smart metering sulle reti di distribuzione tenendo conto del reale tasso di sviluppo delle tecnologie e della normazione tecnica Cig (Comitato Italiano Gas)...

Link 
  • quale tipo di “intelligenza” è all’opera?
  • chi ti assicura che il contatore misuri il giusto?
  • chi ti assicura che il contatore non sia programmabile per simulare un corretto esame diagnostico ad opera del tecnico per poi ripristinarlo al funzionamento di “crociera”?
Hai perso completamente il controllo anche in casa tua.

Scoperto distributore di benzina irregolare: erogava il 10% in meno di carburante.
Colonnina della benzina manomessa in un distributore di Reggio Emilia. Il carburante effettivamente erogato è risultato inferiore del 10% rispetto a quanto indicato...

In due impianti di Palermo, invece, i finanzieri hanno scoperto la manomissione dei sigilli di taratura apposti dall’Ufficio metrico e l’alterazione dei misuratori con l’erogazione di carburante inferiore dell’8% rispetto a quanto visualizzato sui display...

Link 
 
Ma non esiste solo la manomissione ad opera del sotto potere di controllo del caso (benzinaio), esiste infatti anche la manipolazione/taratura all’origine.

I distributori di carburanti.
Di fondamentale importanza per la tutela della fede pubblica è verificare che l’erogazione dei carburanti sia misurata correttamente, si tratti di benzine, gpl o gas metano.

L'Ufficio metrico non controlla l’eventuale composizione dei gas presenti nel carburante ma soltanto se il misuratore funziona nell’ambito delle tolleranze consentite:  

  • +3% e -2%, secondo la normativa italiana, e +5% e -5% per quella europea.

Il controllo dei misuratori di carburante e degli interi impianti di distribuzione del carburante da parte degli Uffici Metrici deve garantire che non venga frodato il consumatore e nello stesso tempo che anche il gestore sia tutelato.

Ecco lo schema di un circuito tipo di un distributore di carburanti:

 La parte che rileva per la tutela del consumatore è quella che si sviluppa a valle del misuratore. È la parte che va mantenuta integra e non manomessa. Il misuratore è il fulcro del circuito in quanto quello che il misuratore misura e che è segnalato dalla testata deve corrispondere con quanto erogato. Per questo tutto il percorso dal misuratore alla pistola di erogazione è vincolato da sigilli (i bolli metrici).

Le parti dell'impianto che devono essere protette da interventi non autorizzati vengono piombate o inibite con i sigilli legali.

La piombatura consiste in una punzonatura su un piombo fisso o in un piombo stretto con le pinze.
I sigilli dell'Ufficio metrico sono di due tipi per ogni ufficio/ispettore metrico: in uno c’è il numero dell’ufficio competente e nell'altro il numero dell’Ispettore.

La verifica periodica dei distributori di carburanti ha scadenza biennale.

Link 
 
Ecco che lo Stato, allora, autorizza la lobby ad operare migliorando il relativo tasso d’interesse.

Benzina, decreto del ministero; il distributore può sbagliare di più.
Un provvedimento dello Sviluppo Economico alza la soglia d'errore ammessa per i misuratori di erogazione alla pompa. 

I consumatori: "Ennesimo danno per le tasche dei cittadini". 
Il dicastero: "Norma cautelativa, non vessatoria".

Il distributore di carburante da oggi può sbagliare di più. È stato infatti ampliato il limite di tolleranza entro il quale una pompa di benzina può erogare, per errore, meno carburante di quello che dovrebbe senza che si configuri la truffa. Con l'entrata in vigore del decreto numero 32, il Ministero dello Sviluppo Economico ha aumentato del 50% il margine di errore per i misuratori di erogazione, portandolo dal 5 al 7,5 per mille.

Detto in altre parole, se prima dell’entrata in vigore della norma, su 20 litri misurati dal contatore la pompa di benzina poteva erogare in più o in meno 0,1 litri (che per un prezzo stabilito di 1,55 euro al litro corrispondono a 15,5 centesimi totali in più o in meno), con la nuova normativa la tolleranza degli strumenti di misurazione dell’erogazione consente 0,15 litri di differenza in più o in meno per un prezzo di 23,25 centesimi. Con milioni di litri di prodotto erogato all'anno (oltre un milione per i piccoli, anche 6-7 per i grandi distributori) questa differenza si traduce in cifre considerevoli.

Il CtcuCentro tutela consumatori e utenti - ha lanciato l’allarme sulle possibili ripercussioni sulle tasche degli automobilisti. "Il nuovo decreto - spiega l'associazione - lascia invariati i limiti di tolleranza degli strumenti di misurazione dell’erogazione alla pompa per l'accertamento iniziale di conformità e per le verifiche periodiche. Invece per i controlli metrologici casuali, cioè quelli senza preavviso effettuati in fase di sorveglianza, gli errori massimi tollerati sono stati inaccettabilmente aumentati, cosa che non accade nel resto d'Europa". 

Infine, i controlli che oggi sono di competenza degli uffici metrici delle Camere di commercio, secondo il decreto potranno essere affidati a laboratori privati, sebbene autorizzati dall'Unioncamere, "con le conseguenti potenziali riserve sull’affidabilità del servizio di verifica", conclude il Ctcu.

Alla luce del progresso tecnologico e dell'introduzione massiccia dell’elettronica negli strumenti di misura, il governo sembra andare nella direzione opposta, ovvero quella della minor precisione...

Link

Come volevasi dimostrare:
Il nuovo decreto - spiega l'associazione - lascia invariati i limiti di tolleranza degli strumenti di misurazione dell’erogazione alla pompa per l'accertamento iniziale di conformità e per le verifiche periodiche.
Invece per i controlli metrologici casuali, cioè quelli senza preavviso effettuati in fase di sorveglianza, gli errori massimi tollerati sono stati inaccettabilmente aumentati, cosa che non accade nel resto d'Europa…
Segno evidente che, nel durante, avviene una manomissione del contatore, eseguita in maniera certamente “intelligente”, ossia, programmata e programmabile (la legge lascia aperto un simile spazio).

Ci sono molte barzellette in giro per il Mondo. Questa è una delle migliori.

Nucleare, Ue: Iran a colloqui con le sei potenze questa settimana.
Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif si unirà in settimana ai cinque membri permanenti del consiglio di sicurezza dell'Onu e alla Germania per discutere della crisi sul programma nucleare iraniano.

Lo ha detto oggi il capo della politica estera dell'Ue, Catherine Ashton.

"Abbiamo parlato di un certo numero di questioni importanti che si focalizzano sul tema del nucleare", ha detto Ashton ai giornalisti dopo aver incontrato Zarif, in vista dell'assemblea generale dell'Onu a New York.

 "Abbiamo avuto una discussione costruttiva"...
Link

La recita è totale, essendo Keshe un iraniano. Come può l’Iran giocare a carte sullo stesso tavolo delle altre potenze mondiali se il proprio livello tecnologico è superiore? Sì, hai capito bene:
il potenziale tecnologico nucleare dell’Iran è superiore a quello degli Stati Uniti.
Eppure si continua a recitare ad arte.

Ciò mette chiaramente in evidenza come, in realtà, gli Stati facciano parte di un unico grande Impero, non evidenziato da nessuna carta geografica o trattato geopolitico (una forma d'intrattenimento globale).

I media ufficiali non hanno finora parlato della Fondazione Keshe. I comparti su cui le nuove tecnologie al plasma vanno ad impattare sono in assoluto i più strategici del mercato:

produzione di energia, trasporti, salute, sistemi di disinquinamento, creazione di nuovi materiali in svariati settori industriali.

Facile immaginare come gli interessi implicati siano immensi

Un grande teatro ti ricomprende. Forse sei solo tu a non recitare una parte.
 
Tutto ti ruota attorno cercando di convincerti che le cose stanno esattamente come ti dicono.

Questa frase “primitiva” è quanto di meglio ti possa descrivere.

Una sorta di puntino avvolto in un mulinello d’eventi che, alla fine, risulta sempre molto convincente.

E la manipolazione non finisce certamente con il contatore del gas. Osservati meglio…

Riparti da te stesso.

Dipende da te.

Davide Nebuloni
SacroProfanoSacro 2013/Prospettivavita@gmail.com