giovedì 11 novembre 2010

Wesley Sneijder e la "sua" Anemia.






Anemia. Questo il responso degli esami a cui si è sottoposto l'olandese Wesley Sneijder dopo lo svenimento avvenuto durante l'intervallo del match che l'Inter ha pareggiato in casa contro il Brescia nella scorsa giornata. "Tremavo già prima dell'intervallo, negli ultimi cinque minuti prima di rientrare nello spogliatoio mi sentivo male" - ha affermato il fantasista nerazzurro. Niente di allarmante per il giocatore ma per Benitez si tratta di un altro stop importante. Le prestazioni in effetti non erano all'altezza di quelle della scorsa stagione ma non si riusciva a capire cosa gli fosse capitato. Poco sprint, velocità di esecuzione e cattiveria agonistica. Presto spiegato.
Gli accertamenti hanno evidenziato un calo di emoglobina nel sangue che comporta stanchezza e altre complicazioni. "Ho subito fatto una visita cardiologica con controllo della pressione - ha continuato l'olandese - poi sono volato in Olanda per avere un secondo parere. La conclusione è che sono affetto da anemia e che il mio corpo al momento è affaticato". L'ex Real Madrid avrebbe bisogno di riposare ma il calendario non lo permette: "Dopo una stagione durissima ho avuto due giorni di vacanza, poi sono andato subito al Mondiale. Da lì, ho avuto appena un paio di settimane di relax prima di ricominciare a lavorare con l'Inter. Avrei bisogno di riposo, come Rooney, ma ora proprio non posso abbandonare i miei compagni, abbiamo troppi infortunati a centrocampo".
Fonte: Yahoo

Per la serie “che stress”, ecco un caso lampante del prodotto principe di un modo di vivere “senza soste”. La società moderna comporta grandi corse quotidiane. Gli impegni si sprecano e sembra impossibile concedersi una pausa rilassante, sì, perché anche l’eventuale “pausa”, solitamente si trasmuta in un “angolo virtuale”, finto, in cui sorseggiare in piedi una bevanda altrettanto illusoria e pigiare ancora di più sul pedale dell’acceleratore dei pensieri. “Dunque adesso cosa devo fare? Dove devo andare? Caspita ma sono già le 14.30!”

Una delle evidenze maggiori è osservabile proprio nei Calciatori, ossia in quella categoria “celeste” di ragazzoni a cui tutto sembra dovuto. Nella fattispecie, il caso Sneijder è molto indicativo in quanto questo individuo, pur miliardario e apparentemente “senza problemi di sopravvivenza”, si trova costretto a vivere di aerei e corse fuori e dentro al campo a non finire. Insomma Sneijder è estremamente stressato dal lavoro che compie egregiamente, tra l’altro.

Il luogo comune visto dalla comunità esterna al mondo del Calcio giocato, ossia che questi uomini siano dei privilegiati senza problemi, salta completamente di fronte ad una dimensione più vicina e coesa con quella di un diretto interessato. 

Gli “Dei” del Calcio possono soffrire anch’essi degli stessi problemi che attanagliano la massa? Certo! E questa vicenda è la diretta dimostrazione, è un frattale che “anche i ricchi piangono”, che anche gli Dei possono “cadere”.
Mal comune mezzo gaudio? Ma no! Non voglio godere di certe cose, intendo solo mettere in risalto che “la palla è rotonda”. 

Le dinamiche evolutive spirituali sono sempre all’opera ed il loro campo di azione è infinito. Le Leggi Celesti di Karma e Libero arbitrio, di Legge d’Ottava e Legge d’Attrazione, per rimanere alle più “note”, si manifestano in ogni modalità dell’esperienza umana. 

È l’uomo stesso che non se ne accorge! Per l’uomo "medio", la massa, che vede solo dal proprio striminzito punto di vista, è quasi impossibile comprendere lo stato ed il valore dell’esperienza altrui. Come accorgersi di quella stretta sinergia che esiste tra ogni individualità incarnata con ogni manifestazione dell’energia animica?

L’Anemia di Sneijder lo costringerà a fermarsi, proprio come una malattia ferma un individuo qualsiasi. Proprio come un tumore giunge quando si fa finta di non ascoltare le grida di lamento del proprio corpo, quando il Cervello biologico si “arrabbia” e ordina la manifestazione di un “grosso problema” a cui “non si può dire di no”. 

La cosa che incide maggiormente sulla sensibilità umana di coloro che “comprendono”, è che i sintomi di una malattia parlano molto chiaro, ma le pressioni sociali, mediatiche, professionali, etc. non permettono di “ascoltare”

I medici a cui si è rivolto Sneijder analizzano il suo status generale dal punto di vista "consueto", ossia dal punto di vista del paradigma in auge: sua maestà la competizione a fini danarosi. Nulla di più! 

L’uomo Sneijder è un motore da sfruttare sino a quando avrà “birra” in corpo per competere ai massimi livelli; poi si potrà ritirare per il resto della Vita, ricco e con molto tempo per riposarsi. Infatti, dopo i 30 anni mediamente questi giocatori a questo livello iniziano a pensare alla “pensione”.
Da quella età sino alla vecchiaia c’è un grande lasso di tempo da dedicare a se stessi, e questa è una grande fortuna a prima vista. Però dalla tenera età a 30/35 anni conoscono davvero una Vita di impegno e dedizione. Pur nella fase di massimo vigore fisico e molto spesso nella fase molto delicata della maggiore età, questi ragazzi diventano uomini su un campo da gioco, sotto le luci e i riflettori del grande pubblico, tra fischi, urla, imprecazioni, gioia, violenza, esuberanza, invidie, rabbia, irriconoscenza, etc.

È questa una faccia della medaglia del Calciatore a cui non si pensa mai. Un ragazzino che inizia a giocare per divertimento in tenera età e che poi si trova nelle maglie di una macchina tritatutto, capace di trasformare la materia in oro, ma non in maniera definitiva!
La massa giudica questa categoria di persone come privilegiate, fortunate, e per questo le invidia e prova persino rabbia, quasi odio pensando alla differenza di stipendio che esiste tra le due polarità. Per cui al Calciatore non è permesso “dire niente” che offenda lo status quo, ossia quella differenza di stipendio. Il come viene guadagnato il denaro fa la differenza, agli occhi della massa. 

Eppure è la massa stessa che alimenta questo vero e proprio fenomeno sportivo-mediatico. Senza la Massa che “osserva” il Calcio non esisterebbe. La dimostrazione arriva da altri Paesi in cui il gioco del Calcio è del tutto irrilevante e dunque i Calciatori vengono ridimensionati in tutto e per tutto, rispecchiando proprio lo “stato” dei concittadini.

È come al solito tutto rispecchiato in quello che ci circonda il nostro Essere.

Nulla è per caso e tutto è opportuno! Ricordate?

Le varie modalità di pagamento che alimentano il mondo del Calcio sono tutte protese a “catturare” persone della massa, perché è da lì che giunge il “potere”. Spegnete le tv e i decoder, non andate allo Stadio, evitate di comprate merchandising e giornali sportivi: cosa vi aspettate che succeda nel breve volgere di qualche mese?
 
Che senso ha prendersela coi Calciatori? Se questi decidono di fare sciopero per i loro diritti, perché occorre demonizzarli? Cosa farebbe ognuno di noi al loro posto?
 
Questo discorso vale per ogni categoria lavorativa umana, Politici compresi!
La società, procedendo a grandi falcate, sbanda paurosamente ed è responsabilità delle proprie “componenti” comprendere e risolvere le dinamiche troppo "esuberanti", perché alla fine quello che conta è la società stessa, rispecchiata in ogni sua “estremità” senziente.

Trasmutiamo questo loop in un vortice virtuoso.