martedì 16 novembre 2010

Magia a Specchio.






Da una Prospettiva diversa il Mondo attuale con i suoi infiniti problemi scompare; appare una diversa intelaiatura delle “Cose”. Il Tutto si accartoccia su se stesso mutando d’intensità, di forma, di costrutto, di valori, di apparenze, di senso, come un frattale che viene percorso avanti ed indietro ed è sempre identico ma solo sino a quando si continua a vederlo con gli stessi occhi. 

Ad una certa “frequenza” anche un frattale muta d’apparenza perché la differenza è strutturale, vibrazionale

Tutto ciò esprime un “labirinto perfetto”, una dimensione in cui rimanere sino a quando non si è pronti a trovare una “via d’uscita”. La chiave è vibrazionale. Proprio quella vibrazione dell’Essere che trascende la distanza. A quel punto saremo “fuori” ma ancora dentro a qualcosa d’altro, ad un altro livello esistenziale appositamente progettato per continuare l’evoluzione, il nostro compito, ragion d’Essere, luce, fiamma, meta, missione…

“Il varcare inconsciamente la Soglia porta l’uomo a muoversi a ritroso nel tempo. Un numero sempre maggiore di persone sperimentano oggi immagini che non si possono inserire ordinatamente nel flusso dei ricordi coscienti. Spesso queste immagini sono così chiare e forti che l’interessato pensa di sperimentare un altro uomo in se stesso… Le forze ostacolatrici hanno un grande interesse a trarre gli uomini in inganno su queste cose”.
Fonte: L’uomo alla Soglia – Bernard Lievegoed

Le Forze ostacolatrici, il “nostro Avversario” della Cabala, i Demoni e le entità Luciferine e gli Asura di Rudolf Steiner, il Diavolo religioso, i Principi oscuri delle fiabe, l’Antisistema, etc. Le forze negative vengono illustrate da sempre a 360 gradi dalle vicissitudini umane. Tali forze esistono eccome, ma sono perfettamente spiegabili se inseriamo l’uomo in un contesto evolutivo che proceda seguendo un senso e persino una logica

Quale è il loro "interesse" nell'ostacolare il cammino dell'uomo? Ha due Prospettive diverse:
  1. di propria sopravvivenza
  2. di propria responsabilità nei confronti dell'uomo stesso e, dunque, nei confronti del Creatore
La visione Dantesca dell’Universo rispecchiato in Terra ne è un esempio illuminato (i Demoni custodiscono i peccatori con un vivo senso di partecipazione diretta, in quanto ne va della loro stessa sopravvivenza), come il lavoro "fisico" degli Antichi Egizi nel rispecchiare la Via Lattea suo proprio suolo, proprio a monito della estrema dualità esistente in tutto il Creato. I frutti del “lavoro” di illustri letterati, a noi più vicini, come Tolkien, Carroll, Lewis, ecc. che immaginarono interi Mondi o addirittura interi Universi, non è l’elaborazione finale di una allucinazione o di una fantasia estremamente raffinata, bensì la trasposizione dimensionale filtrata attraverso i loro “setacci” sensoriali, il loro Essere, di vive immagini che, per il motivo sopra riportato, affioravano alla loro “superficie”.

La saga di Guerre Stellari e di Matrix, di Harry Potter e di Eragon, della serie della Torre Nera di Stephen King, etc., dei fumetti più evoluti come Sandman, della pittura "deformata" di Picasso o Dalì, dei cartoni animati "intricati" come le moderne serie Manga tipo Evangelion, della musica stessa delle colonne sonore e ad ampio spettro, la dicono lunga sullo status lucido ed insieme visionario raggiunto dall’uomo nelle sue molteplici mutazioni lungo la linea della biodiversità. 

L’uomo è "libero" da qualche migliaio di anni (quasi tre secondo Lievegoed) di sperimentare tutta la propria solitudine esistenziale. Ha infatti smesso di “vedere oltre” attraverso la propria chiaroveggenza, che ha lentamente perduto a vantaggio di uno sviluppo dell’Io Cosciente, attraverso anche lo scambio di sangue effettuato tramite i matrimoni misti. Lo sviluppo dell’Intelligenza ha avuto l’effetto di equilibrare i piatti della bilancia, limando la controparte chiaroveggente. Per questo motivo sono rimaste solo le leggende, i miti, le metafore, le allegorie, le favole, a testimoniare ciò che fu un grande passato di “comune vivere” con una varietà infinita di creature soprasensibili. Un passato in cui ogni Albero, ogni Roccia, ogni Fiume, era vivo e senziente

Nella “Terra di mezzo” gli uomini, ad un certo punto, iniziarono a manifestare il loro tempo: e venne il tempo dell’uomo alle prese con le proprie dirette responsabilità, alle prese con i frutti diretti dei propri errori.

È tutto così… logico? Lo percepisco…

Oggi, stiamo tornando a “chiedere” quelle stesse facoltà, però filtrate dall’essenza di uno sviluppo Cosciente ben diverso: siamo cambiati nel bene e nel male, come è giusto che sia. Sperimentando ogni “stato” comprenderemo sulla nostra pelle, nel dolore, ciò che è meglio lasciare andare e ciò che è meglio mantenere. Solo dopo avere provato ogni via!

Le Forze ostacolatrici sono nostre Compagne di viaggio, sono parte del nostro campo morfogenetico.

Nulla è per caso, tutto è opportuno,

  

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...

Per favore, non lasciare commenti senza firma. Non voglio Spam. Grazie.
Please, don't leave comments without signature. I don't want Spam. Thanks.