giovedì 4 novembre 2010

Nel cuore centrale della prospettiva.




“Invece di sistemare il problema centrale, troppo spesso cerchiamo di sistemare le cose che non c’entrano niente”Le radici familiari della malattia – di G.Athias

Questa semplice e breve considerazione ci conduce ad una prospettiva critica di quello che solitamente facciamo per cercare di venire a capo delle nostre problematiche quotidiane. Il più delle volte ruotiamo attorno al vero nocciolo del problema. Il più delle volte facciamo finta di non vederlo per qualche strana motivazione inconscia. Il più delle volte il problema è sfuggevole, proprio come quando si parla di questioni legate al Karma o ad altri legami spirituali. 

Le chiavi della comprensione a volte sono sfuggevoli. Per esempio, se ho commesso qualche atto molto negativo in una Vita precedente, questo fatto verrà rispecchiato nella Vita attuale in diversi modi. Questo fatto continuerà a colpirmi sino a quando non comprenderò cosa fare per trasmutare quell’increscioso evento così tanto lontano e oramai celato persino alla memoria. Evento che continua a vivere memorizzato a livello cellulare o a livello di corpo mentale. Che fare?

A volte penso che questa forma di “giustizia” celeste sia… ingiusta.

Se in questa Vita mi sto comportando in maniera esemplare, per quanto tempo dovrò ancora scontare ciò che ho fatto in un lontano passato? Cosa deve succedere perché io possa pulire la mia “lavagna” energetica? Devo per forza rendermi conto di quello che ho fatto, leggerlo tra le righe al fine di eliminare l’errore compiuto? Oppure posso trasmutare quell’evento anche solo vivendo con rettitudine e senso di responsabilità?

Ossia quale è e dove sta il “problema centrale”?

È tempo di andare direttamente al centro delle “cose”! Allo stesso modo sono stanco di arrancare nel buio dell’incomprensione, ipotizzando in luogo della mancanza di “verità”. In ambito spirituale ognuno di noi è solo sulla propria via, perché ognuno di noi ha una storia diversa da ogni altro. Possiamo aiutarci ma le vere decisioni le dobbiamo prendere solo noi. Ne va del nostro “senso” dello stare incarnati…

Ci sono guide spirituali e compagni di viaggio che possono dare una mano, ma anche tanta confusione, ignoranza e paura. Siamo in una dimensione difficile da comprendere perché nel reame del tempo ci si ammala di oblio, ci si lascia andare cullati da una nenia che ci convince di essere delle nullità.

Preferite sentire dolci parole in luogo di questa intima confessione? Ci sono altri blog che fanno questo!

Qua si intende stare nel cuore centrale della prospettiva...