mercoledì 22 ottobre 2014

La forma del “tuo” libero arbitrio.


Edward George Earle Bulwer-Lytton, primo barone Lytton (25 maggio 1803 – 18 gennaio 1873), è stato uno scrittore, drammaturgo e politico britannico. Personaggio molto popolare al suo tempo, coniò alcune espressioni che sono rimaste nell'uso comune, come "la penna è più potente della spada" e il celeberrimo "era una notte buia e tempestosa"…
Scrisse numerose altre opere, tra cui La razza ventura (The Coming Race, 1871), che risentì profondamente dei suoi interessi per l'occulto e che contribuì alla nascita della fantascienza e del filone dei "mondi perduti".
È opinione comune che l'opera abbia contribuito a creare l'immaginario misticheggiante del nazismo, oltre ad aver probabilmente influenzato La macchina del tempo di Herbert George Wells per la sua tematica di una razza sotterranea che attende di conquistare il proprio posto al sole…
Link
Forma del libero arbitrio (anello del presente), nella struttura temporale fissata agli estremi cardinali (passato e futuro)

Che contribuì alla nascita della fantascienza e del filone dei "mondi perduti"…

Si riduce a questa “semplificazione” la portata di un’opera? O, meglio, una simile riduzione di portata avviene a livello reale ma non sostanziale essendo, la medesima, opera(nte) anche e soprattutto nel campo del simbolismo energetico.

SPS ti (ri)corda che, per comprendere bene la portata “sensazionale/energetica” del simbolismo – (in)direttamente su/in te – puoi ad esempio pensare a quali effetti registri nel tuo campo d’esistenza, allorquando t’imbatti in qualcosa di molto “forte” che, sempre per esempio, è in grado attraverso le proprie sole linee architettoniche... d’influenzarti un particolare stato d’animo.

Cattedrale di Amiens
È importante aver ben chiaro che cosa s’intende e che cosa “è”, il potere della simbologia che, d’insieme e nel dettaglio, ti circonda completamente (sia a livello di manufatto, che a livello di... "naturale").

martedì 21 ottobre 2014

Spostare il Passato.


Sulle onde del “Programma” anche quest’oggi, in SPS, si approfondirà un po’ meglio il suo profondo intreccio; ciò che è già alla luce e ciò che, in prospettiva, non è ancora emerso nemmeno a livello teorico. Come già scritto anche ieri, il futuro è il “capo di un filo mobile, che lo unisce alla particella di eterno presente, a partire da un capo apparentemente fisso, definito passato”.
Il futuro non è fisso ma è qualcosa che fluttua e che può essere, anche, reso “fisso” se… dal "filo presente/passato", si è trovato il modo di assicurare (ancorare) il passato.
È logico che, da un simile punto prospettico, la (ri)definizione ad hoc della storia (che congela una versione di comodo del passato) nel relativo corrispettivo generico di “storia deviata”, sia una base di partenza necessaria al fine di condizionare il presente, affinché si possa raggiungere una tipologia di futuro (target) prevista e controllata all’origine.
Lungo la via attuale, il futuro è ciò che a più alta probabilità si avvererà, continuando, appunto, sull’attuale via

Ergo:
il futuro è intelligibile (accessibile e compreso... avvertibile, chiaro, comprensibile, facile, percepibileLink).
Ok… ma da chi/cosa, è esso comprensibile?
Beh… da chi/cosa lo ha “inteso ed ispirato nelle 3d”.
Il Barone Lytton scrittore ed esoterista di fine 800… racconta di una civiltà sotterranea … avanzata tecnologicamente che, secondo lui, vive ancora nel sottosuolo della Terra
Vitriol

lunedì 20 ottobre 2014

Programma: Responsabilità e Preparazione al "Vuoto".



Dopo avere concepito il “Programma” è utile iniziare un processo di analisi completa, relativamente alla maturazione di una prospettiva di coerenza, sia con il presente che con il futuro (mantenendo saldamente nella memoria il passato, come esempio da “esorcizzare”).
Il passato non insegna nulla se… il presente continua ad essere un suo prolungamento del tutto inconsapevole.
In un processo di “analisi coerente”, il futuro deve essere preventivamente “respirato”; personalmente, nel concepire e mettere a punto il Programma, mi sono (ri)trovato come proiettato nel futuro, direttamente inerente al Programma stesso.
È come masticare dell’energia e piegare il tempo “in coerenza”; il futuro si dispiega e si rende già sin d’ora, “intuibile”.

Il futuro si trova costantemente lungo una via che va dal passato, passando per una eterna particella di presente. Il futuro non lo incontri mai, visto che si sposta sempre lungo le estensioni probabili della via percorsa. Esistono  infiniti futuri che dipendono dal percorso fatto di “atteggiamenti presenti, che risentono più o meno del passato”.

A livello di Programma, le sensazioni “forti” derivate e respirate (conseguenti) da SPS sono state due:

venerdì 17 ottobre 2014

Il "Programma".



Dopo cinque anni di SPS è inevitabile giungere a concepire “qualcosa” che, concretamente, può essere applicato all’attuale forma di società globale (forme di “usi e costumi” a parte, l’umanità è accomunata da una unica supervisione:
quella applicata dal Nucleo Primo, per via della sua rete infrastrutturale “ispirata”, località per località, attraverso il “Modello Far West”, ossia, mediante la (ri)fondazione di ogni nucleo abitato - per insediamento di “famiglie centrali” - in grado di riformare la comunità storica, per piccola o grande che sia destinata a diventare).
Il presente “Programma” è qualcosa, sin da ora, direttamente realizzabile (pur nella sua forma attuale, in via di messa a punto), ma necessita – vista la (com)presenza interferente del potere attuale – di essere attualizzato per step...
 

giovedì 16 ottobre 2014

Verso cosa tendi?


Germania: collocato Schatz a due anni a tasso dello -0,06%, domanda in calo.
L’Agenzia del debito tedesca oggi ha collocato 3,294 miliardi di euro di Schatz… a due anni. Il rendimento medio di assegnazione si è attestato a -0,06% rispetto al -0,07% dell’asta di titoli biennali del mese scorso. Il rapporto di copertura (bid-to-cover) è stato di 1,7 volte dalle 2,3 precedenti.

Link
Il bid to cover ratio (rapporto di copertura) è un coefficiente che indica la differenza tra domanda ed offerta in un collocamento di titoli obbligazionari. Ad esempio se un Paese offre in asta un miliardi di titoli di Stato e la domanda degli investitori ammonta a 1,5 miliardi, il bid to cover è di 1,5 volte. Il rapporto di copertura è, insieme al tasso di interesse, uno dei principali indicatori sull’esito di un’asta…
Link
Tu sei portato a credere, dunque, che:
una domanda superiore all’offerta (di 1,7 volte) si è “affrettata ad accaparrarsi un simile affare (non certo del secolo viste le cadenze di queste aste), addirittura giungendo a pagare di tasca propria un interesse negativo, pur di non perdersi questo attimo fuggente”
Il dilemma più grande nel quale ora, invece, ti (ri)trovi tu è:
se piangere o ridere (forse entrambe le cose).
Procedendo su questa “linea”, sei portato a credere in questa “verità”, pur già sapendo che:
la “domanda degli investitori” in una situazione di tassi negativi non può assolutamente (ri)guardare ai privati (come te. Tu lo faresti?), bensì, è certamente campo d’azione per gli istituti bancari, sotto a varie altre diciture, che sono costretti a partecipare (1) vista l’appartenenza all’Unione Europea (2) vista la partecipazione all’(Anti)Sistema (dal quale dipende il loro business) (3) visto il comune interesse di (com)partecipate e di tutto ciò che deriva, in termini di propria sopravvivenza finanziaria (parco d’interesse privato).

Ergo: “come ti senti, così… schiacciato, tra quello che sai per tua (in)diretta esperienza e quello che sai perché ti hanno detto che…”?
Come ti poni nei confronti dei giorni che, a prescindere da quello che "pensi", trascorrono tutti esattamente lungo la medesima direzione (pre)tracciata nei libri di storia deviata (passato)?

Tu, in tutto ciò… “che senso hai”?

mercoledì 15 ottobre 2014

La simbologia più "vicina" relativa al concetto retorico di "Uno".


Probiotico: “un organismo vivente che, somministrato in adeguata quantità, comporta un beneficio all’ospite”…
Definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Viene naturale il (ri)chiamo al più famoso “(anti)biotico”, le cui fortune non sempre equivalgono alle tue; il suo (ri)utilizzo massivo, alla moda, ha permesso l’introduzione nel tuo organismo di un principio che non fa differenza tra “questo o quello” ma si limita a “distruggere tutto ciò che (ri)entra nella propria giurisdizione”.
A livello frattale è qualcosa che (ri)corda un bombardamento massivo sul modello “Seconda Guerra Mondiale” che, oggi, è ampiamente superato – almeno dal punto prospettico occidentale – visto che, nel frattempo, sono stati messi a punto sistemi di puntamento “intelligente”, capaci di colpire obiettivi strategici con una precisione pressoché chirurgica.
Dunque, l’evoluzione dell’(anti)biotico è il (pro)biotico?


Diciamo che l’innovazione scientifica viaggia su binari paralleli e sovrapposti, uno dei quali domina sull’altro; infatti la (ri)cerca si sviluppa in ambito militare e/o, comunque, coperto da segreto industriale, dopodiché viene travasata nell’ampio contenitore sociale umano, dove effettivamente entra in circolazione attiva con tutti i suoi più o meno sbandierati “obiettivi strategici”, perseguiti sempre più “intelligentemente” (interesse, esperimento, controllo).
Del resto, la differenza che sussiste tra te e la tecnologia, che ha messo a punto il tal (ri)trovato, è dell’ordine dei “secoli dei secoli” (amen).

martedì 14 ottobre 2014

Il (ri)ferimento “algoritmico”.


L'Impero del Brasile fu l'entità politica che comprendeva gran parte del territorio del Brasile odierno, governata dagli imperatori Pedro I e suo figlio Pedro II. Fondato nel 1822 con l'indipendenza dalla corona portoghese, ebbe fine nel 1889, con la proclamazione della repubblica...
Link
Tutti i fatti possono essere cambiati e tutte le menzogne rese vere. La realtà è diventata un agglomerato di eventi in continuo mutamento e di slogan in cui una cosa può essere vera oggi e falsa domani”.
Hannah Arendt
Che cosa "ebbe fine"? Che cosa “sai”? 

Il momento attuale sembra sempre solo un "pelo" più “moderno”, rispetto a quello passato, nel senso che… la modernità, legata al tempo più vicino, rende la realtà conseguente come qualcosa di più “colorato” e, dunque, apparentemente “migliore”.
In realtà, mettendosi a classificare le diverse “età temporali” (suddivise in funzione degli avvenimenti storici cardinali, ivi avvenuti) non si fa altro che cedere il proprio passo al respiro coreografico/concettuale, inerente ad una certa prospettiva “nazionale”, corrispondente tuttavia ad una visione di parte, legata agli intessitori del corso deviato della “storia”, dietro al quale si cela l’intenzione, mai sufficientemente sviscerata pubblicamente, di perseguire un certo “interesse di parte” e non certamente di tipo nazionale/comunitario (specchio di realtà 3d, sottintesa all'interesse di parte).
Insomma:
il tempo in cui sei “ora” (che la lancetta dei secondi ti indica e ricorda come in eterno scorrimento) si (ri)veste continuamente di un manto di vicinanza e familiarità, che tu infine confondi con quella sempre attuale “mano di vernice”, tendente al farti sentire parte di quest’ultimo e a perdere di vista e di memoria, il passato dal quale emergi come una conseguenza (il)logica o come un dardo scagliato da una forza esterna/estranea a te.
Il tempo è ciclico eppure è sequenziale (ti dicono che "non ritorna indietro"). 

lunedì 13 ottobre 2014

In attesa del "Programma".


Corsi e (ri)corsi storici, piuttosto “sospetti” ormai, hanno indotto SPS a formulare un’opportuna "azione", derivante dalla propria (com)presenza nell’attuale (Anti)Sistema 3d (basato su un centrale “Modello Far West”, implementato all’origine di ogni nucleo cittadino)...
L'(Anti)Sistema 3d:
uno schema frattale ripetitivo in grado di (ri)terra trasformare la realtà, in funzione di una intenzione originantesi dalle/nelle spire della (im)possibile (co)abitazione 3d di umani e Nucleo Primo (a Filtro di Semplificazione attivo, anch’esso costituito da umani).
È fuori da ogni dubbio che esista un principio di (com)presenza, non apparentemente manifesto, in grado di “curvare lo spazio” (come afferma anche la Teoria della Relatività di Einstein) e, di conseguenza, di ogni “orbita” (percorrenza, via, futuro, destino) altrui che, dunque, viene a (ri)trovarsi completamente avvolta dagli effetti provenienti da “qualcosa” (inerzia), che sfrutta ogni sua capacità pregressa trasformandola per effetto leva in un punto continuo di vantaggio, (ri)proiettato sulla Massa umana 3d che… ne (con)segue.
In ciò, non è più possibile parlare di libero arbitrio, libertà, democrazia, evoluzione, progresso, civiltà, etica, rispetto, giustizia, etc. bensì, solo di:
schiavismo imperiale “più o meno tra le righe” (della legge e del buonsenso).
Come tu non lo riesca ancora a (ri)comprendere è un dato di fatto che obbliga SPS a (ri)tenerti preda degli effetti totali di un “incantesimo”… ossia, di qualcosa che “per te” risulta (im)possibile solo in un romanzo o in un film di “magia o fantascienza”.

In seguito all’ultima espansione della “sfera” di SPS, in settimana verrà condiviso un “Programma” in grado di fissare dei macro argomenti (con relativi brevi sviluppi) che, in assoluto, necessitano di essere applicati alla società, partendo da un ipotetico "primo comune", che fungerà da “Campione”.



venerdì 10 ottobre 2014

SPS: una "erbaccia".


Credo con fede assoluta nella venuta del Messia e, anche se dovesse tardare, pur tuttavia attendo ogni giorno la sua venuta
I 13 principi della fede
Questo, recita il decimo principio della fede ebraica; ergo:
ogni ebreo “attende”.
In SPS è ormai chiaro che l’atteggiamento “fa la situazione”, cioè, “dipinge uno strato di realtà nello scenario 3d disponibile”.
Un simile atteggiamento, ovviamente, comporta un vivere/esistere in uno stretto cono d’ombra, nel senso che la derivazione/(con)seguenza di/in un simile (con)sentire, è quella di rimanere costantemente instand by”.
Nell’attesa della tua venuta…”.

E, questo, vale non solo per il popolo ebraico, visto che bene o male “tutti gli umani” (ri)entrano in un simile gio(c/g)o d’eventi.
L’atteggiamento scolpisce la situazione reale 3d.
Se attendi… la realtà diventa “attendistica”, ossia, si (ri)configura attraverso linee energetiche (aspettative, credo, comportamenti) (con)similari (frattali).
Leggi: “si può rimanere ad attendere il naturale sviluppo degli eventi”…

Ma chi/cosa determina questo “sviluppo naturale degli eventi”? Non lo sai; qualcosa si è progressivamente sostituito alle paure originali (le prime paure umane) o, meglio, qualcosa ha riempito lo spazio apertosi per via delle paure originali (mancanza di memoria, bug) spacciandosi per “altro” che, evidentemente, le Masse “attendevano” non tanto nella funzione divina, quanto per… “naturale sviluppo degli eventi”.
Le Masse non sapevano e non conoscevano, però attendevano “qualcosa” (un "salvatore")...
Un simile comportamento mette in luce, con grande probabilità, il (ri)trovarsi improvvisamente in un luogo alieno, lontano da ciò che era il “prima”; qualcosa di molto simile ad uno “sbarco e relativo abbandono in un luogo sconosciuto”. In questa maniera si creano le “prime paure”, oltre a quelle inerenti al “trauma” che ha permesso la “cattura” (nascita) nell’ambiente nativo ed al (con)seguente "trasporto" (cancellazione della memoria, intervento genetico, riconfigurazione d’insieme, etc.).

giovedì 9 ottobre 2014

Quando racconti le tue trame, il tuo potere svapora.



"Quando ho dovuto fare quella telefonata a mio padre e dirgli che cos'era successo... non mi importa quanti soldi guadagno per The Hunger Games. Giuro, non ci sono dubbi tra scegliere di guadagnare tutti quei soldi o di non dover telefonare a mio padre per dirglielo.
Per fortuna, stava giocando a golf, e quindi era di buonumore"...

Wall Street ha preso il volo dopo la pubblicazione delle minute del Fomc, il comitato esecutivo della Fed.
Dal documento è emerso che gli esponenti dell'istituto centrale sono sempre più preoccupati a causa della forza del dollaro e della debole crescita della congiuntura mondiale...
A Beethoven e Sinatra preferisco l' insalata
a Vivaldi l' uva passa che mi dà più calorie…

Bandiera Bianca - Franco Battiato
Una “intelligenza artificiale” che cosa potrebbe pensare/(ri)elaborare, a proposito di simili espressioni "astratte" umane? 
Il “suo” giudizio non potrebbe, piuttosto, addivenire ad un qualcosa di simile:
c’è un errore di logica, nella mente dell’umano che ha concepito un simile costrutto.
E, per questo... (in una ipotetica e "futura" società, basata sull’apporto/supporto delle "macchine intelligenti", ad immagine e somiglianza dell'interno dei loro creatori), portare - ad esempio - il buon Battiato in una clinica per l’igiene mentale
Chi, in un simile contesto, avrebbe la responsabilità di “scrivere” l’algoritmo da dare “in pasto” alla macchina?
E, soprattutto, in caso di “morte della classe programmatrice”, chi potrebbe (ri)cordare – a distanza di molto tempo – che le macchine furono programmate da umani, piuttosto che continuare a credere che siano “così”, per vie naturali e di sviluppo cognitivo/intelligente?
Nel tempo dell’illusione dello scorrimento temporale… qualcosa si accomoda conferendo nuova forma alle 3d, mentre altro si acco(mo)da passivamente, tacitamente, monodirezionalmente…
La Massa è, fuori da ogni dubbio, amministrata. Da chi/cosa?
Verrebbe da sostenere:
“da se stessa”, in quanto il “potere” è una rappresentanza e rappresentazione (delegazione di eletti) della Massa stessa. Ma... è davvero così?