lunedì 17 febbraio 2014

Personalizzare il vuoto.


Squinzi: “Terrorizzati dall'economia reale. Ci sono problemi che rimangono irrisolti dall'inizio della crisi”…
Link 
Ci sono perlomeno due dimensioni (facce), relative alla stessa realtà, che il discorso economico, affrontato per mezzo dei Media, evidenzia per contrasto; un qualcosa che emerge indirettamente dal/nel contesto “realtà e rappresentazione simbolica della realtà”.
  • l’economia reale è quella che vede le famiglie impegnate ad “arrivare a fine mese” (sopravvivere)
  • l’economica “altra” è quella che ruota attorno ad una certa “alchimia finanziaria”, che esiste al di là della sfera concreta e delineata dall’economia regolata dai limiti della Fisica.
In un caso:
esiste un mutuo (contratto) attivato per comprare una casa (fisica), a fronte di un pagamento (rata), derivante dal lavoro (fisico) del “compratore”.
Nell’altro caso:
esiste il punto sopraesposto, al quale vengono agganciate formule e prodotti “eterei” (a leva), basati su una certa “creatività” permessa, nemmeno tanto tra le righe, dalla legge.
È un doppio binario, corrispondente a due vere e proprie dimensioni, connesse tra loro in maniera non paritetica ed esprimenti un peso diverso, in termini di “direzione, spinta, effetto, dipendenza”.

La sfera virtuale della finanza descrive un circolo chiuso (vortice): i proventi rimangono ad un certo livello “dematerializzato”, mentre le perdite si trasformano in realtà fisica, cadendo nel livello sottostante dell’economia reale, proprio come per il “meccanismo” della pioggia. La direzione è univoca:
dall’alto verso il basso.
La spinta è, invece, bidirezionale, ossia:
la prima fase è virtuale (imprinting), elitaria, e corrisponde al livello dell’idea/pensiero/azione ed al Tempo diretto
la seconda fase è reale (loop), massiva, e corrisponde al livello della (re)azione ed al Tempo differito
.
 
Il ritorno alla crescita è simbolico, ma sullo sfondo c’è un molto meno simbolico e ben più concreto ristagno dell’economia…
Link 
Il simbolismo, in questo caso, corrisponde ad una sorta di “promessa”, molto simile al concetto sottinteso di illusione o di “pagherò”, previsto dalla dimensione simbolica della finanza creativa, nella quale “si scommette su…” (future) qualcosa che non sempre c’è già realmente e non si è ancora avverato.
Ora, se un’impresa altamente specializzata in future (previsioni), fosse anche la (in)diretta detentrice, non apparente, di una conoscenza scientifica di controllo del “clima”, delle “ordinate sociali” (legge, potere bancario e politico)… che cosa accadrebbe, di fatto?
Che il proprio business (orientamento, scommessa e previsione) influenzerebbe il funzionamento della società umana tutta.
E, se questa "impresa" fosse - ad esempio - del calibro dell'Unione Europea? Ossia... di una società privata auto installata strategicamente sulla/nella "storia degli Stati europei", sfruttando il "vuoto" derivante dall'assenza degli individui in se stessi? Convinti di...
L'Unione europea (abbreviata in UE o Ue) è un'organizzazione internazionale di carattere sovranazionale e intergovernativo che comprende 28 paesi membri indipendenti e democratici del continente europeo...
Link
  • organizzazione
  • internazionale
  • sovranazionale/intergovernativo
  • che comprende...
Questa definizione di Ue coincide con quello che "pensi tu"?
Più nel piccolo, scommettere sul prossimo raccolto del cacao (future), ad esempio, che cosa comporta? Secondo il motivo della finanza "pochi guadagnano e molti perdono", la Massa deve sempre essere veicolata ad un certo tipo di pensiero (induzione subliminale d’ogni tipo), per poi essere regolarmente “spennata”, mediante accadimento di ordine opposto.
Ad esempio:
il controllo climatico, al quale anche la produzione di raccolto del cacao è direttamente esposta, permette di fatto una gestione accurata del contesto non apparente legato al “raccolto” e conferisce la capacità di condurre in scena “colpi dell’ultimo minuto”, capaci di spiazzare tutto e tutti…
Il controllo del “clima” è effettivo ad ogni livello

Infatti, il controllo politico permette il controllo di tutto ciò che “segue”. L'esclusività della creazione di denaro controlla, di conseguenza, da una maggiore capacità e (ri)collocazione gerarchica, l’intero processo. 
Ma, sopra a tutto, esiste un “vertice” che sfrutta le intere 3d, per una (non)evidente supremazia di fatto, che si può molto bene immaginare  (replica frattale) osservando il grado di potere Usa sul/nel Mondo intero.
Al fine di poter osservare il “cielo”, non è utile limitarsi alle semplici constatazioni relative a “chi” detiene un certo tipo di potere in Terra (sia esso economico, religioso, politico, militare, etc.) ma occorre cercare di comprendere che:
  • il vero “controllo” è quello che scaturisce come legge (sovra)naturale, in termini di “resa del possibile”.
Ciò che permette a tutti di “vivere” è il vero potere. Ciò che dispone di tutto e tutti. Ciò che “non sembra ma è”…
Il Nucleo Primo ha la “forza” per imprimere nelle 3d la propria “firma energetica”.
Se un simile livello di potere rimane non manifesto, esalterà al massimo livello tutti i sottopoteri, che partecipano indirettamente alla “presa del Pianeta intero”. L’umanità attuale è alle prese con la (ri)edificazione di quel grande potere unico, che nell’antichità era già stato spazzato via, più di una volta, da “cause di ordine massimo e di attuale origine sconosciuta”.


Capire chi/cosa sia stato/è Marduk, ad esempio… non è cosa semplice.


A livello simbolico e diluito nel Tempo, questa "presenza" diventa poco più che una fantasia o una ingenuità d’altri Tempi che, tuttavia, si "studia" ancora adesso a scuola.
Ciò che ha (ri)tradotto Sitchin dalle tavole sumere, è stato relegato nel Mondo della “fantasia”, però quando apri un libro di testo, ad esempio, delle scuole elementari, (ri)trovi a proposito di Babilonia tutti gli stessi nomi, come per ordinare una sorta di mantra o di preghiera (ri)volta a chissà chi/cosa?

Una nave da guerra grande come la Luna, è possibile? Lo hai visto solo nei film di fantascienza, vero? In Guerre Stellari, era la “Morte Nera” ad esempio: una “piccola” Luna.
Non è una luna quella, è una stazione spaziale...
Obi-Wan Kenobi
Ciò che “è giunto dopo” (dopo a cosa? Ma… per Giove: dopo alla precedente "distruzione/reset", no?) è ora pienamente in vigore. 
Non esistono differenze di potere, sulla Terra 3d... se innalzi tutto di significato, portanza ed ottava: tutto (ri)entra nella sfera e nell’ambito del potere Nucleare Primario.
Un "livello di controllo" che non usa la realtà fisica per perpetuare il proprio “interesse”, bensì, il dominio totale dell’ispirazione inconscia sulle idee e sui pensieri, da cui discendono le azioni, le (re)azioni, etc.


Non esiste "punto di unione/contatto" tra, i sottopoteri ed il potere del Nucleo Primo. Per questo motivo il “gioco funziona così bene”; perché gli attori, di qualsiasi livello, ignorano la portata e la vastità delle (ri)percussioni del proprio ruolo all’interno dello scacchiere di gio(g)o 3d, preordinato dalla figura simbolica della storia deviata.
Frattalmente, il Nucleo Primo è (re)plicato dappertutto.
Ma, ciò, non costituisce "prova probabile"... tale da essere presa in considerazione da ogni livello di potere mentale, che segue a ruota (replica) il potere superiore, che non appare mai direttamente (buco nero).

L’umanità ha sempre confuso questo riflesso frattale colla presenza necessaria di almeno un Dio o di un ordine di divinità.
Sempre… in questo ultimo giro di (ri)composizione Planetaria.
Sia in "Harry Potter" che nel "Signore degli Anelli", si narra della (ri)comparsa di un “signore dell’oscurità”:
  • anche questo è un frattale dell’esistenza del Nucleo Primo.
I suoi potenti incantesimi seducono tutta l’umanità ed il Pianeta stesso.

La storia deviata ed il Tempo deviato (ri)convertono tutti i flussi terrestri, verso il centro Planetario, ottenendo un effetto a scomparsa della Terra, che i chiaroveggenti e gli scienziati deviati, hanno da sempre scambiato per “linee di forza Naturali”, da cui - in effetti - sembra discendere non originalmente tutto ciò che è stato tratto (personalizzando il vuoto atomico che, come uno specchio d'acque... riflette colui che vi si affaccia. Il riflesso, ovvio, non è solo relativo all'apparenza ma, al contenuto - anche - della riconfigurazione mentale e, qundi, dei pensieri)...
Ciò che pensi, viene (ri)tratto (la legge d'attrazione segue questo reagire)...

Di fatto, l’invisibilità del Nucleo Primo ha reso non manifesta anche la Terra 3d, agli occhi di un ipotetico visitatore spaziale e, di fatto, in questa maniera ha mantenuto il proprio potere, non visto, sotto ad ogni possibilità di emanazione della luce
Ma, un simile effetto, non può (ri)guardare la supervisione potenziale della legge d’Analogia Frattale, la quale garantisce sempre la più completa registrazione di ogni accadimento 3d, come una sorta di “scatola nera” dimensionale.
Che cosa si (ri)comprende, relativamente alla “presenza non manifesta” di un fenomeno?

Ognuno, secondo sensibilità, evidenza ed indottrinamento, trarrà le proprie conclusioni, in maniera tale da confondere... il vento per un qualcosa di diretto, in luogo di un effetto derivante da un “movimento inosservabile dalla latitudine umana attuale”…

Per capire ciò, è sufficiente (re)alizzare come sia cambiato il punto di vista della “scienza deviata”, dal medioevo ad oggi, confondendo – allo stesso Tempo - la “pubblica ragione”, attraverso l’illusione di un cambiamento evolutivo positivo.
A prescindere da tutto: il cambiamento c’è stato, anche se sotto al controllo di “qualcosa” che preventiva.
Questo “cambiamento”, se (ri)compreso sotto ad evidente luce frattale, è sufficiente per capire come il punto prospettico osservante, sia importante e come “non si sappia mai nulla con evidente certezza, in questo reame 3d”, visto che nel passato si era assolutamente certi di ciò che, oggi, equivale a pura “follia”, contiuando tuttavia ancora nella stessa direzione di giudizio...

Osservare la storia deviata nelle sue spire, anche solo relative agli ultimi due secoli, comporta il capire come siano in corso numerose direttrici evolventi, tutte disinnescate dai livelli di controllo del potere NP, per via della rete infrastrutturale 3d sottintesa (dipendenza).

Nel 1317, sotto Giovanni XXII, la bolla “Spondent Paritercondanna l'alchimia, ma la stampa ne moltiplica i libri

Naturalmente, tale letteratura non sempre è molto teosofica: 
per buona parte essa è destinata ai “soffiatori”, ai ricercatori preoccupati soltanto delle trasformazioni o dei fenomeni
Perché, in un reame tanto esatto dal punto prospettico del controllo, “la stampa… moltiplica i libri”, che erano stati condannati dalla bolla papale?
Semplice: perché… doveva accadere! Era voluto
Cosa è successo, ad esempio, con l’introduzione del proibizionismo? L’esatto opposto.
In un insieme di ordini tanto precisi, che puoi meglio comprendere osservando il processo integrale di costruzione e spinta di una navetta spaziale, non è previsto l’inconveniente, l’incidente, il non preso in debita considerazione… perché tutto deriva da una conoscenza esatta superiore, che è stata drenata dal bacino umano auto contenuto in se stesso (infatti… non servono galere per la maggior parte del genere umano, che cerca sempre una “casa” e che mette sbarre alle finestre per “difendersi dai propri simili”).

In questo istante non manca nulla…

La risposta assoluta è che non c'è risposta, nessuna risposta nel senso che si tratta di un'esperienza che non può essere messa in parole o formulata

Per me consiste nel sentirmi dire di fermarmi, e di essere consapevole del fatto che non sono consapevole di una specie di immobilità sempre presente nascosta dietro tutte le attività della mia vita… 

In fin dei conti si tratta di una nuova comprensione di chi siamo. Liberi dalle nostre associazioni mentali, siamo in grado di valutare nuovamente. In modo che non vi sia alcuna attività di pensiero relativa ad avere una risposta - o avere una domanda…
William Segal
In questo istante non manca nulla
Questa è Analogia Frattale.

Dunque…

Iran contro invasione culturale: no al shopping web giocattoli.
Il Quartier generale anti-contrabbando della Repubblica Islamica dell'Iran ha incaricato la polizia di intraprendere passi legali per il "controllo di internet in merito a qualsiasi acquisto o pubblicità di giocatoli e videogiochi". 

Alle Poste è stato chiesto di non consegnare "giocattoli stranieri non dotati di documenti legali".

Link 

C’è qualcosa che “invade” una intera Nazione. Da dove e da chi proviene?
Se guardi al “dove e al chi” secondo funzione “geografica e politica amministrativa”, beh… starai solo guardando attorno a te in maniera (pre)vista. Invece, se utilizzerai la chiave frattale, potrai alzare di ottava il tuo “vedere/sentire”… Questa facoltà è potenzialmente usufruibile da chiunque e non costituisce un valore aggiunto frutto di una iniziazione. È sufficiente “farvi (ri)corso”, esserne al corrente, accorgersi che esiste, etc.
Capisci? Non c’è competizione, ma c’è libero potenziale. Allo stesso modo, nelle 3d, non c’è vera competizione tra “leader” ma esiste solo una “guerra dei poveri” tra “poveri”…

E, si sa, il povero tende a sopravvivere – prima di tutto – ed in questo esso (ri)diventa dipendente dalla propria Vita e quindi apre la via del proprio “prezzo” alla propria (p)resa in schiavitù non apparente ma... sempre molto ben evidente agli occhi “altri” dell’essenza.

Chi ha il controllo del “nozionale”?
Con la parola nozionale si indica il valore dell'attività finanziaria cui è legato un contratto derivato…
Link
Derivazione.
Sinonimi:
  • fonte, origine, radice, conseguenza, discendenza
  • (di corsi d'acqua, linee elettriche ecc.) deviazione, diramazione, ramo…
Link
La “fonte che diviene deviazione/ramo”. Fai attenzione! La verità di ordine superiore è già “tutta attorno a te”… ma tu ci sei?

La nuova nozione di "guerra giusta".
Chi desidera entrare a far parte dell’Unione europea, chi desidera rimanere nell’Unione europea e chi desidera una sua maggiore intraprendenza, deve sapere quali obblighi ciò comporta.
Non mi riferisco agli obblighi verso i cittadini europei (spesso messi in secondo, terzo, quarto piano) ma a quelli derivanti dalle relazioni con alleanze strategiche come gli Stati Uniti d’America e la Nato
Esiste un documento (poco pubblicizzato) pubblicato nel 2000 dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti d’America e tutt’ora usato da Obama che racchiude i “concetti operativi necessari alla trasformazione in corso delle Forze Armate Americane per la creazione di una forza che sia dominante nell’intero arco delle operazioni militari:
persuasiva nei periodi di pace, decisiva in guerra, superiore in ogni tipologia di conflitto; con la collaborazione di soggetti internazionali, agenzie governative ed organizzazioni internazionali, secondo le necessità del momento”.
Il documento non descrive come aumentare armi, modelli di comunicazione o altri sistemi da sviluppare o acquisire. Il suo proposito è quello di descrivere il talento umano, la forza pronta, professionale ed ottimamente formata e le relative possibilità operative necessarie alla forza congiunta per avere successo attraverso l’intera gamma delle operazioni militari volte a completare le missioni nel 2020 ed oltre

Descrive il superamento della guerra con strumenti strettamente connessi all’era industriale, lasciando trasparire le future minacce, nuovi metodi di guerra alternativi in grado di raggirare la potenza degli Stati Uniti e creare condizioni che ritardino, impediscano o controbattano l’applicazione delle risorse militari statunitensi. Il documento descrive inoltre i fattori che hanno per le Forze Armate Americane un’importanza superiore al costante afflusso di nuove tecnologie: la dottrina, l’organizzazione e la formazione, fattori che la forza congiunta dovrà usare per “creare uno squilibrio di attriti a proprio favore”.
L’Unione europea, Nobel per la pace e primo partner strategico degli Stati Uniti deve allineare la sua dottrina a quella dello storico, colui che riconosce i limiti della ragione, anche lui Nobel per la pace, Barack Hussein Obama
Se già non è stato fatto. L’Unione europea ha infatti dichiarato che “l’evoluzione multipolare del sistema internazionale e la definizione di partnership strategiche devono collocarsi nell’ambito di un impegno attivo per la promozione del multilateralismo, come la dimensione più coerente con il rispetto dello Stato di diritto universale, la particolare natura dell’Ue e la crescente interdipendenza che caratterizza il processo di globalizzazione”.
Leggendo il documento si capisce perfettamente perché la Marina militare americana finirà l’installazione di apparati come il M.U.O.S di Niscemi, senza badare ai cortei di protesta dei cittadini siciliani; perché verranno create ed ampliate basi militari americane e Nato, senza prendere in considerazioni le opinioni dei cittadini locali e perché verranno acquistati aerei da guerra difettosi, togliendo risorse a programmi che potrebbero essere utili ai cittadini degli Stati membri dell’Unione europea.
Tutto questo perché bisogna continuare a seguire il modello di condotta della guerra americana e giungere al momento in cui le nazioni troveranno l’uso della forza non solo necessario, ma moralmente giustificato.
Leggendo il documento si dovrebbe anche capire che chi come l’Italia “ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali” non ha niente da spartire con le “nuove nozioni di guerra giusta” e con chi la proclama; semplicemente perché la guerra la ripudia.
Una volta, c’è chi ha asserito che “fare la guerra è una felicità per i malvagi, ma per i buoni una necessità. È ingiusta la guerra fatta contro popoli inoffensivi, per desiderio di nuocere, per sete di potere, per ingrandire un impero, per ottenere ricchezze e acquisire gloria. In tutti questi casi la guerra va considerata un brigantaggio in grande stile” (Sant’Agostino – De Civitate Dei).
Link 
 
E tutto si (ri)percuote, come per lancio di un corpo nella pozza stagnante 3d.

Il vertice crea il relativo vortice. Ad esempio, senza giudizio:

Maradona: sono innocente, non ho mai evaso una lira.
"Sono innocente, non ho mai evaso una lira, basta leggere i documenti per averne conferma. Si tratta di un grande pasticcio burocratico innescato da un evidente errore processuale". È quanto scrive Diego Armando Maradona in una lettera al Corriere della Sera, sottolineando: 

"Ho letto che Equitalia mi offrirebbe una soluzione e che qualcuno vorrebbe anche dedicarmi una sanatoria. Io non sono d'accordo che si chiami, salva Maradona, perché sono innocente e non chiedo sconti a nessuno, ma solo giustizia"…
Link 

È alla “moda” esprimersi in questo modo. Un “modo” che (ri)paga, evidentemente, con una moneta sonante e molto ambita:
il “mors tua vita mea”.
Nelle procedure di assunzione sarà previsto un meccanismo di preferenza per i cittadini svizzeri. Per i tanti ingegneri, architetti, insegnanti, consulenti e operai che attraversavano la frontiera per lavoro, sarà sempre più difficile trovare un’occupazione. E la Svizzera tornerà a essere “un’isola” nel mezzo dell’Unione Europea, avvicinabile solamente da chi dispone di capitale e non da chi cerca un lavoro per sopravvivere
Link 
Da chi cerca un lavoro per sopravvivere…
È ormai cosa tanto ferrea questa relazione? Te ne sei accorto, dunque, che tendi al solo sopravvivere?

Ti “sta bene” o semplicemente non pensi di avere alternativa e ti adegui?

Cosa fece gran parte del popolo tedesco durante l’ultimo conflitto mondiale?
Si adeguò… a causa del “peso” di un potere esterno superiore.
Quanto “esterno”? E, oggi, lo stesso popolo… “dove si trova”? E tu?
Non è una questione di giudizio o di appartenenza o di sopravvivenza… è semplice constatazione, che esiste qualcosa di molto più “esterno”, che “ha”… e che tutti sono stati (ri)condotti al ruolo di attori secondari, dai quali (ri)partono re(l)azioni di continuità, anche quando sono convinti di “manifestare per i propri diritti”.
Ciò che s'irradia da SPS è il massimo livello della tua libertà reale, facendoti passare per il massimo livello della tua “presunta libertà”…
Tu che sei diventato come un “ricercator(e) preoccupat(o) soltanto delle trasformazioni o dei fenomeni”, che lo studio del “vuoto” porta ed emergere in quantità di palliativo, veicolando ad una personalizzazione, tra le tante, che lasciano l’esatto “vuoto che trovano”…

La scienza deviata studia la personalizzazione di un “vuoto”, che replica frattalmente sia te che tutte le altre ottave. Questa scienza tende a spiegare alla propria maniera (interesse), ciò che è dotato di una propria Natura funzionale ed inalterabile, sulla quale il Nucleo Primo ha costruito il proprio imperare (con onore e raggiro funzionale).
Base sulla quale si "muove" l’umanità, alla (ri)cerca di qualcosa che non esiste, ma che “è”.
Gli si potrà dare qualsiasi forma o nome… ma, non si potrà mai “catturarlo/a”, allo stesso modo del pretendere di trovare la musica smontando la radio…

Sono ripartito da me stesso, perché “Tutto… Dipende da me". 

Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2014/Prospettivavita@gmail.com