venerdì 20 agosto 2010

Sulla "cima" tra gli spazi delle "parole".





Siamo alle soglie del più grande cambiamento mai registrato prima nella storia dell’umanità; una trasformazione radicale del punto prospettico dal quale “valutiamo” la nostra esistenza. Come se fossimo giunti in cima alla vetta e dalla più idonea dimensione verticale, quella che permette di osservare senza nubi di mezzo e sufficientemente in alto per valutare nuove prospettive, eliminando il “rumore di fondo”, iniziassimo finalmente a “capire”. In entrambi i tempi della “narrazione” la giusta sintesi del processo di pensiero è questa:

Ecco dove siamo giunti.

Sotto di noi si estende il “paesaggio”; ciò che abbiamo contribuito, in qualche modo, a creare. Bello o brutto che sia, noi ne siamo parte integrante e causale. Penso sia inutile nascondersi ancora. Ognuno di noi ha la responsabilità di quello che stiamo osservando dall’alto, in questo momento.

Ci piace quello che vediamo?

Se non erro ci lamentiamo in continuazione, no? Perché? Significa che qualcosa non riesce proprio ad essere “digerito”. Ma cosa con precisione? Fermiamoci a chiedercelo? È un buon esercizio. Senza fissare da troppo vicino il pensiero negativo, rimaniamo in un campo energetico di contemplazione, di riflessione, di incoraggiamento alla consapevolezza.

Tutto ciò che ci succede è solo ed esclusivamente opportuno. Serve per farci crescere, magari anche sbagliando. E quando si osserva dalla “montagna” i risultati intermedi, inseriti nei tempi molto lunghi relativi all’umanità intera, non ci si deve perdere d’animo, perché la nostra osservazione costruttiva è all’opera per rinnovare il “panorama” ed il processo che porta a vedere il panorama stesso.  

Ossia, tutto cambia se gliene diamo il tempo.

Cambia sia l’osservato che l’osservatore, gli strumenti per guardare e ciò che si guarda. Ma il cambiamento è dapprima “sottile”, pervade i campi dimensionali eterici, astrali, mentali, etc. Non appare da subito nella tridimensionalità da noi percepita quando siamo a livello dell’incarnazione.

Si crea, dunque, prima il potenziale da noi autorizzato per vie legate al mondo dei pensieri, dell’immaginazione, dell’intuito, degli shock addizionali, e solo dopo possiamo assistere all’irradicamento nel percepito. I potenziali sono, secondo me, già tutti insiti attorno a noi, teoricamente previsti e, in realtà, ne scegliamo uno; lo autorizziamo a raggiungerci nelle 3D.

Sino a quando non crederemo di poter fare tutto questo, “presteremo” temporaneamente il nostro potere all’Antisistema, il quale ci “ringrazierà” di cuore usandolo per continuare a mantenerci in questo stato di incantesimo, di ipnosi collettiva, di annichilimento di massa auto consentito dal quale “egli” trae sempre nuova energia di rinnovamento.

Sir Biss compare nel film Disney Robin Hood. Il personaggio di Sir Biss è modellato su Kaa, il pitone del film Disney Il Libro della Giungla, e come questi anche Biss possiede poteri ipnotici. Solo in un caso ne abbiamo la conferma: da ciò che egli racconta con il Principe Giovanni, sappiamo che è stato proprio grazie all'ipnosi di Biss che re Riccardo Cuor di Leone è partito per la crociata lasciando il posto al fratello Giovanni. Nominato consigliere del nuovo re, Biss si occupa della gestione delle tasse, tiene i conti pubblici e tenta di consigliare il re, ma di rado questi lo ascolta. Più volte tenta di ammonire il re per non farlo cadere nelle trappole ordite da Robin Hood e Little John, ma viene deriso e mandato via. Al ritorno di Re Riccardo, anche Biss viene fatto prigioniero e condannato ai lavori forzati”.
Fonte: Wikipedia

Una delle molte trasposizioni cinematografiche dell’Antisistema, in questo caso in forma di animazione per un pubblico di bambini, è proprio quella che lo vede incarnato nei panni di un serpente. Nel contesto in questione, visto il target a cui si rivolge il “prodotto”, la serpe è sempre raffigurata anche in maniera simpatica, pur avendo e mostrando poteri del tutto diversi a quello che ci si potrebbe aspettare. La forza ipnotica che da sempre accompagna la figura del serpente, diciamo dal “caso” di Eva in poi è abbastanza eloquente in merito alla sua capacità di “convincimento”. Tuttavia egli non è che un attore e non corrisponde affatto al personaggio principale. Notiamo questa non leggera sfumatura. Il serpente è sempre un “personaggio” che scivola via, che evita le luci dei riflettori, della ribalta; lascia questa funzione ad altri, a coloro che, agli occhi della massa, detengono il potere: al Re, al Dittatore, al Primo Ministro, etc.

Per cui che senso ha prendersela con chi si identifica solo con l’illusione del potere?

Costoro non sono altro che dei nostri fratelli che hanno ceduto gran parte di sé in cambio di un effimero potere legato ad una “stagionalità” del percorso di Vita eterna. Un episodio dei tanti. A tal riguardo il frattale maggiore è determinato dalla nascita e dalla trasformazione, non morte, degli Imperi. Dov’è oggi l’Impero Romano che ha comandato il “mondo” per mille anni? Già dov’è? Di certo non è scomparso ma si è solo trasformato.
 
Antisistema era e Antisistema è.

Percepite la trama, “la scia che lascia”, il suo rumore strisciante, il cammino ondivago, il sss sss della sua lingua biforcuta?

Lo si riconosce subito quando gli si puntano addosso i riflettori della luce, perché “egli” si agita e si difende coi “denti”, perché non è abituato ad essere sbattuto in “prima pagina”. Quante volte lo abbiamo visto veramente nella sua immagine totale? Forse mai. Forse è meglio ricordare alcuni fatti, alcuni episodi che lo hanno in parte mostrato a tutti. Ricordo che l’Antisistema ha una “struttura” compartimentale, satellitare, a camere indipendenti, miscelata fuori e dentro di noi, che regola ogni respiro dell’esistenza da lui pianificata con il nostro “libero” consenso.

Quando Dan Brown ha pubblicato il “romanzo” Il codice da Vinci, ha contribuito a mettere in luce una parte dell’Antisistema. Ricordate? Quale reazione ha avuto il Vaticano quando le “luci” gli sono state puntate addosso enfatizzando aspetti diversi dal solito?

Quel “dardo” scoccato con estrema precisione dall’autore statunitense, ha colpito in pieno il bersaglio, le fondamenta sulle quali si sorregge uno dei più grandi “edifici” religiosi del mondo.

Con il tempo, ovviamente, l’ipnosi di massa ha avuto la meglio, togliendo i riflettori dal “corpo” sofferente evidenziato. Ma un simile “atto”, stiamone certi, ha aperto dei varchi nel tessuto esistenziale sotto incantesimo. Tessuto, o velo, che oramai inizia a mostrare segni di evidente logorio, proprio mentre milioni di persone fanno la fila a Torino per l’ostensione della Sindone, un altro “velo” che, pur essendo stato dimostrato circa 20 anni fa da datazioni scientifiche la sua estraneità al periodo storico in cui visse Gesù, continua a far parlare di sé. Qesto è il potere di cui è capace l’Antisistema. 

Ammaliare, ipnotizzare, illudere.

Il paradigma è un muro da abbattere, perché non permette di vedere al di là. E non stiamo parlando di una occlusione fisica ma eterea, imbrigliante i livelli superiori dell’umanità.

Ecco una news “preoccupante” dell’Antisistema. Queste notizie o rumors creano molti potenziali negativi nei quali continuare a farci stare a bagnomaria:
  • aspettative negative inerenti al futuro
  • prosecuzione dello status quo negativo
  • divisione egoica tra “emisferi”del globo
  • perpetuazione di un modello “malato” nelle nuove aree selezionate
  • instaurazione di un regime di mancanza di speranza
  • assunzione del cancro come minaccia fatale, casuale, come spada di Damocle sopra ad ogni individualità a minarne ogni impulso di vitalità
  • evidenziazione di uno stato temporaneo e finito della nostra esistenza

Vediamola:

Verso un boom di tumori nei paesi in via di sviluppo.
Entro il 2020 i paesi in via di sviluppo registreranno il 60% dei casi mondiali di cancro, e il 70% entro il 2030, ma per alcuni oncologi, che oggi hanno diffuso un rapporto sul tema, non sono pronti ad affrontare la crisi incombente.
Si tratta di paesi che non dispongono di un'infrastruttura per prevenire i tumori, diagnosticarli in tempi brevi e fornire cure a lungo termine, secondo CanTreat International, un gruppo composto da esperti di organizzazioni internazionali di oncologia.
"I paesi sviluppati elaborano costantemente piani e sistemi per affrontare il cancro, ma i paesi in via di sviluppo non sono pronti... la cura, le diagnosi sono effettuate molto tardi o per nulla, dunque il bilancio (dei decessi) è molto, molto più alto", ha detto in un'intervista Joseph Saba, medico e membro del gruppo.
CanTreat partecipa al Gruppo di lavoro informale sulla Cura del Cancro nei Paesi in via di Sviluppo. Il suo rapporto è stato presentato durante il congresso mondiale sui tumori nella città cinese di Shenzhen.
Nel 2008 ci sono stati in tutto il mondo 7,6 milioni di decessi per cancro, che è una delle prime cause di morte. I paesi in via di sviluppo hanno registrato il 70% dei decessi, pari a 5,3 milioni di casi. Entro il 2050, i paesi a basso reddito registreranno da soli tre quarti dei decessi.
L'impatto economico della morte prematura e della disabilità provocata dal cancro è stato livello globale nel 2008 di 985 miliardi di dollari, senza tener conto dei costi per le cure, secondo la American Cancer Society.
Con i cambiamenti di regime alimentare, l'aumento dell'inquinamento, l'invecchiamento della popolazione, i tassi crescenti di obesità, l'uso del tabacco e dell'alcol, i paesi in via di sviluppo ora sono gravati da malattie non trasmissibili tra cui problemi cardiaci, ictus, diabete e tumori, oltre alle malattie contagiose.
Nel 2008 a livello mondiale si registravano 12,67 milioni di nuovi casi di cancro, e i paesi in via di sviluppo rappresentavano il 56% del totale. Entro il 2020, con 15,5 milioni di nuovi casi stimati, il 60% saranno nel mondo in via di sviluppo.
Secondo il rapporto di CanTreat, mentre una paziente col cancro al seno ha l'84% di possibilità di sopravvivere almeno cinque anni negli Usa, in Gambia le sue chance scendono al 12%.
I tassi di remissione per i cancri infantili sono del 75% nei paesi ad alto reddito, ma del 10-15% nei paesi più poveri.
"Necessitiamo di centri per la diagnosi precoce, di medici e infermieri addestrati, di meccanismi di follow-up", ha detto Saba.
L'esperto ha fatto appello agli esperti sanitari ad apprendere dall'esperienza della gestione dell'Hiv/Aids negli ultimi 30 anni: le persone si sottoporranno a controlli se si dispone di cure adeguate.
"Se non si hanno cure adeguate, perché volere la diagnosi precoce se poi non ci si può fare nulla? Le cure sono il motore del controllo anti-cancro".
Fonte: Yahoo

Evidenzio queste parole :

Con i cambiamenti di regime alimentare, l'aumento dell'inquinamento, l'invecchiamento della popolazione, i tassi crescenti di obesità, l'uso del tabacco e dell'alcol, i paesi in via di sviluppo ora sono gravati da malattie non trasmissibili tra cui problemi cardiaci, ictus, diabete e tumori, oltre alle malattie contagiose.
 
È tutto descritto, con estrema lucidità, in queste poche parole il modello malato che l’Antisistema ha realizzato per noi. Nelle medesime parole sono contenute anche le soluzioni da adottare per trasformare la malattia in una opportunità.
Lascio a chi legge la conclusione di questa riflessione quotidiana.