lunedì 30 agosto 2010

Dal nostro punto semovente prospettico.






Allarme a Sumatra, vulcano in eruzione dopo 400 anni.
Roma - È allarme rosso nell'isola indonesiana di Sumatra, dove il vulcano Sinabung è entrato in eruzione per la prima volta da 400 anni, proiettando fumo e cenere a 1.500 metri d'altezza e costringendo alla fuga migliaia di persone.
L'allerta e' scattata alla mezzanotte locale, quando l'attività del vulcano, già registrata nel corso della giornata, si e' improvvisamente intensificata, cogliendo di sorpresa gli abitanti e le autorità, secondo la Bbc online
''E' la prima volta dal 1600 che il Sinabung e' entrato in eruzione, quindi abbiamo scarse informazioni sulle sue modalità e sul suo impatto'', ha detto il capo del Centro vulcanologico indonesiano, Surono. Il Sinabung, alto 2.460 metri, si trova 60 chilometri a sud-ovest di Medan, la città principale dell'isola di Sumatra. L'Indonesia e' situata sulla cosiddetta cintura di fuoco del Pacifico, zona ad altissima attività sismica e vulcanica.
Fonte: Yahoo

Chi può dire se questo vulcano era attivo o "spento", prima di ieri? 400 anni sono tanti. Ma tanti riferiti a cosa? Ovviamente a colui che osserva! Se l’uomo è l’osservatore “privilegiato”, colui che scrive e ha memoria di sé, allora 400 anni sono decisamente troppi per esprimere un giudizio sullo “stato” di un vulcano considerato dormiente. Vivendo mediamente 80 anni, infatti, non è possibile “classificare” ritmi ben più estesi nel tempo. Si può lasciare traccia di una rilevazione ma non seguirla personalmente.

Ovvietà? Può darsi…

Nella nostra “grandeur” paventata, ci illudiamo di classificare ogni “cosa”; nella nostra “grandeur” espressa, non crediamo alla nostra condizione divina, ma solo in una lontana discendenza con il principio creativo raccontato dalle religioni. Ma allora da dove giunge questa “supponenza” che ci demarca nettamente da ogni altra specie vivente del pianeta Terra? 

In soldoni, esclusivamente dalla considerazione della nostra “intelligenza”! 

Dunque un dato di fatto basato sulla "solida" constatazione di avere la meglio su ogni altra forma di Vita, in virtù di una strana prosecuzione della legge della giungla, della legge del più forte. Per questo motivo non esitiamo a prendere tutto ciò che ci “serve”, a studiare ogni respiro della creazione, ma partendo sempre da una base di negazione del senso superiore della nostra "presenza in loco". 

Perché così ci hanno insegnato nelle nostre società, famiglie, scuole, etc.

Descriviamo un paradosso ed allo stesso tempo un “teorema che cammina”. In ciò esprimiamo tutte le caratteristiche dell’acqua che si “associa” per costruirci in gran parte, nella fattispecie esprimiamo la sua caratteristica di flessibile incomprimibilità.

Le sue proprietà principali sono:
  • fluidità: un liquido è un fluido che, in assenza di forze esterne tra cui quella di gravità, ha una forma sferica. I liquidi, a causa della limitata forza di coesione fra le molecole, sono scorrevoli, cioè fluidi. Si dice quindi che "non hanno forma propria". Ciononostante, non tutti i liquidi sono egualmente fluidi, così si dice che l'etere è più fluido dell'acqua o anche che l'acqua è più viscosa dell'etere.
  • elasticità: i liquidi sono molto elastici, cioè si deformano facilmente sotto l'azione di una forza e riprendono immediatamente la forma primitiva appena cessa l'azione della forza deformatrice.
  • incomprimibilità: un liquido è un fluido il cui volume è costante a temperatura e pressione costanti; la comprimibilità dei liquidi è in genere molto bassa, e trascurabile se confrontata a quella dei gas, quindi i liquidi sono considerati incomprimibili…
Fonte: Wikipedia

L’uomo è proprio così!
  • fluido
  • elastico
  • incomprimibile
L’uomo impara da se stesso tramite “l’azione dello sbaglio”. Almeno funziona così sino a quando rimane in un certo ambito legato al dominio dell’intelligenza, poi si dissolve, perdendosi per ampie anse, allorquando cessa di usare la propria intelligenza anche sensoriale e percettiva, lasciandosi andare alle onde melliflue e ipnotiche delle credenze.
 
In ciò, nel disegnare questo atto, si circoscrive in cerchi più piccoli che percorre come una “cavia” impazzita, come in un loop, un "errore" nell’equazione di Vita. Da questa posizione, lo sbaglio non è più percepito lucidamente e subentra la reiterazione, la malattia, la perseverazione oltre ad ogni evidenza e si sa che: perseverare è diabolico.

È facile comprendere come “qualcosa” si sia insinuato nella normale capacità di  intendere e volere dell’umanità intera; per cui si tende a classificare “esseri” molto antichi, come i vulcani, utilizzando i panni della biostruttura umana svuotata dalla sua essenza superiore. Le montagne vulcaniche che hanno cicli molto più estesi rispetto a quelli che demarcano la Vita terrena dell’uomo, mal si prestano per essere “domati” dai numeri delle statistiche

Da questo punto prospettico ci sfugge gran parte del significato della presenza di Vita sulla Terra e fuori dai ritenuti confini extraplanetari.
E, come al solito, è sempre una questione di punto prospettico; di lungimiranza

La Natura sa sorprendere proprio come l’uomo, perché la “composizione” materiale è la stessa e la funzione superiore si compensa; perché è un gioco di squadra in realtà ciò che sta succedendo. Ogni fenomeno è legato all’altro da stretti giri di cause e conseguenze che non sempre trovano riscontro nelle prove ricercate dalla scienza addomesticata dall’Antisistema.

Si procede a "balzi". L’evoluzione, infatti, sorprende anch’essa.

Il nastro di Möbius, accennato brevemente ieri qua, ha dei significati notevoli per l’esplorazione e la comprensione simbolica del nostro cammino o processo evolutivo.
Esso esprime verità anch’esse di natura e proprietà “liquide”.

Partendo da un punto zero (Nascita) e camminando sempre avanti percorriamo le due facce della superficie di un “nastro” (Vita), ritrovandoci alla fine (Morte) ancora al punto iniziale. Come è possibile? Perché il percorso subisce alla sua esatta metà un ribaltamento dei piani, una torsione di 180 gradi della prospettiva, permettendoci di camminare sempre avanti e di percorrere ed esplorare la parte nascosta della superficie che si celava sotto ai nostri “piedi”.
Procedendo sempre nella stessa direzione si giunge a fare due cicli senza passare dal punto di partenza e terminando il percorso al punto di partenza: una vera e propria magia.
 
Tornare al punto di partenza non significa ricominiciare nello stesso modo, ma eventualmente ricomnciare già arricchiti dell'esperienza pregressa, diversi, più vicini alla comprensione del sè.

I due cicli descrivono un otto piegato su se stesso le cui due componenti sono sfasate di 180 gradi: il simbolo dell’infinito sintetizzato in un concetto di “risparmio” di spazio e la considerazione intima del Moto Perpetuo.

Il
"Möbius" esprime ogni verità possibile:
  • è una "prigione" se noi ci sentiamo in maniera tale, se abbiamo consapevolezza di essere come pressati, strangolati
  • è un "motore" di spinta se viviamo la Vita percependoci come su una "rampa di lancio"
Ricordiamo sempre che è il nostro punto prospettico che autorizza la formazione di un potenziale piuttosto che un altro. Cosa decidiamo di essere o di fare? I balzi evolutivi sono racchiusi in questo concetto.

Io non parlerei di rompere il
"Möbius" ma di uscirne per abbracciare una nuova dimensione, in quanto il Mobius esprime la ciclicità nella quale siamo tutti inseriti; una ciclicità a Matrioska, a cerchi concentrici, a verità dentro verità. Come l'uovo che viene rotto dal becco del pulcino per aprirsi alla Vita, ad una nuova dimensione della Vita.

Al di fuori della "danza dei cicli", esiste l’esplorazione degli altri spazi dimensionali dell’Anima. Uscire da questo percorso prevede che la nostra evoluzione sia sbocciata nella comprensione del “chi si è”. La velocità e la pressione, così come la temperatura ed il volume sono tutte in crescita, proprio come nella camera magmatica di un vulcano, nella sua potenzialità di connessione e “comunicazione” con l’esterno

Se il simbolo dell’infinito è un motore, il nastro di Mobius descrive un motore “piegato in due” e riposto nell’armadio delle nostre possibilità.

Inoltre il
"Möbius" esprime anche:
  • il concetto degli "specchi" (due piani o mondi sovrapposti e ribaltati)
  • il mondo alla "rovescia" che abbiamo costruito attorno a noi (Antisistema)
  • il senso di familiarità o di deja-vu (dovuto al ciclare)
  • la reincarnazione (dovuta al ciclare)
  • il karma (dovuto al ciclare)
  • il libero arbitrio (nella dimensione del "Möbius")
  • l’evoluzione in corso (dovuta all’entropia, al presunto caos interno che darà luogo ad un balzo, ad una nuova direzione)
  • le dimensioni parallele o la dualità dimensionale (nel simbolismo delle due facce)
  • l’Ego (intenso come costrutto che si crea fintanto che rimaniamo a “respirare” girando attorno a noi stessi senza fine di continuità, procrastinando il “balzo”)
  • la dimensione terrena e quella superiore (nella sua stretta “funzione” essenziale)
  • il “respiro” dei cicli planetari (ad esempio la ciclicità delle stagioni, racchiuse in un "Möbius", ossia in un cammino sempre lineare, consequenziale del cambiamento ritmato che si ripete in continuazione, sempre andando avanti)
La simbologia dell’uomo ed il vulcano è alta e rispecchia, ancora una volta, come la Natura rispecchi l’immagine umana e di come le analogie con la nostra evoluzione siano ben presenti ed evidenziate nel “comportamento” anche incompreso dei fenomeni legati ai moti terrestri.

Nulla è per caso. 
 
  

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...

Per favore, non lasciare commenti senza firma. Non voglio Spam. Grazie.
Please, don't leave comments without signature. I don't want Spam. Thanks.