domenica 29 agosto 2010

Un motivo per "accendersi".





Questa notte ho sognato una “immagine” di questo tipo:
  • una “scala” verticale avvolta su se stessa come una scala a chiocciola
  • un “corpo” o un movimento energetico che ci si muove “dentro” o “sopra”
Questa “cosa” spiegherebbe la Natura del moto discensionale ed ascensionale di ciò che si “emana” dall’Anima, ossia le nostre incarnazioni, il nostro punto d’osservazione prospettico e, dunque, dell’Anima stessa. Ieri notte invece ho sognato di rivivere una vecchia situazione di lavoro e, ad un certo punto, mi trovavo a meditare su ciò che una superficie rifletteva di una stessa immagine. La medesima immagine risultava, in maniera quasi prismatica, rappresentata in maniere diverse a seconda di come la luce e gli effetti distorcenti combinavano il riflesso. La sua osservazione distaccata e diretta portava a comprendere l’esistenza di dimensioni diverse e di Universi paralleli.

Cosa si nasconde nel linguaggio criptico dei sogni? Certamente una vera e propria “lingua” che ci parla ed assume dei significati non casuali.

Questa scala a chiocciola sognata ha delle implicazioni importanti:
  • il movimento di salita e/o discesa è verticale ma “impregnato” di una componente torsionale
  • la forma disegnata è quella di una spirale
  • l’energia sembra poter scorrere in entrambe le direzioni
  • la risalita è prevista proprio dal frattale della forma elicoidale, in quanto se non fosse stata possibile, la “forma” sarebbe stata diversa, perché “tutto” in Natura è perfetto ed opportuno
Ciò porta a considerare che il Moto Perpetuo sia, non solo possibile, ma anche necessario, disegnando "solo" ed esclusivamente un grande ciclo esterno ad altri cerchi più piccoli; disegnando delle onde di probabilità che si miscelano a cascata l’una con l’altra, dando luogo alla Vita ed alle sue vicissitudini elaborate dal pensiero che osserva.

Infatti tutto ciò necessita di un “pensiero” esterno che autorizza il funzionamento: il pensiero del Creatore.

Negli studi, portati alla luce da David Wilcock in “The divine Cosmos”, possiamo leggere delle scoperte illuminanti del fisico russo Kozyrev, relative ad esempio alle forze torsionali che caratterizzano ogni “moto” dello scibile:

L’intensa vita di Kozyrev attraversò una fase sfortunata e difficile nel 1936, quando fu arrestato a causa della leggi repressive di Josef Stalin; subito dopo, nel 1937, iniziò un tormentoso periodo di 11 anni durante i quali conobbe tutti gli orrori di un campo di concentramento. Anche senza equipaggiamento scientifico, durante questo periodo gli fu data la più brutale delle iniziazioni nel campo della conoscenza nascosta. Per una mente illuminata, una serie di terribili difficoltà può anche bruciare qualsiasi desiderio di gratificazione dal mondo materiale, rimuovendo la resistenza verso la più alta consapevolezza, cosicché viene prodotto uno stato di illuminazione nel quale la verità universale viene immediatamente riconosciuta e assimilata. In questo stato, egli meditò profondamente sui misteri dell’Universo, prestando attenzione a tutte le strutture esistenti nella vita, in cui così tanti differenti organismi manifestano segni di asimmetria e/o sviluppo a spirale.
Kozyrev sapeva che, a metà dell’Ottocento, Louis Pasteur aveva scoperto che il blocco di vita in formazione noto come “protoplasma” era intrinsecamente non simmetrico, e che le colonie di microbi crescevano in una struttura a spirale. Queste proporzioni in espansione soggiacevano anche alla struttura di piante, insetti, animali e uomini, così come avevano scritto molti fra gli appartenenti all’antica tradizione di Misteri Atlantidei a proposito della “geometria sacra”, come la forma a spirale nota come Fibonacci, Sezione Aurea, o spirale “phi”…
La sua “conoscenza diretta” lo informò che questa energia a spirale era, in effetti, la vera natura e manifestazione del “tempo”. Naturalmente, egli trovò che la nozione di “tempo” che possediamo doveva essere qualcosa di più che un semplice calcolo di durata. Kozyrev ci spinge a tentare di trovare una causa per il tempo, qualcosa di tangibile ed identificabile nell’Universo che noi possiamo associare al tempo. Dopo averci pensato per un po’, possiamo concludere che il tempo non è nient’altro che un movimento a spirale. Sappiamo che stiamo tracciando un complesso modello di spirale attraverso lo spazio grazie ai modelli orbitali della Terra e del Sistema Solare.
Fonte: The Divine Cosmos di David Wilcock
 
Tempo e moto a spirale. Tempo come risultato dei grandi movimenti a spirale del Cosmo. Osserviamo il movimento a spirale delle Galassie. Al loro interno ogni “cosa” deve portare impressa la “memoria” del movimento più grande esterno. Nel piccolo ma ancora osservabile, notiamo come cadano dagli alberi i semi di acero: i famosi “elicotteri”. La traccia del grande movimento a spirale è un moto torsionale che avvolge ogni “corpo” piccolo o grande; notiamo le forme di cicloni o vortici d’acqua ad esempio o di come scenda l’acqua svuotando un lavandino. Quando si legge della quinta dimensione, si trovano sempre descrizioni del moto direzionale dell’energia che vi scorre; tale direzione è di tipo, appunto, a spirale.

Ci sarebbe così tanto da dire…

Uno dei pochi sguardi che Kozyrev ricevette dai media occidentali in merito ai suoi concetti è rappresentato da un capitolo del libro pionieristico di Sheila Ostrander e Lynn Schroeder intitolato Psychic Discoveries Behind the Iron Curtain , che ha ottenuto grande successo in tutto il mondo, ed è tuttora in ristampa con il titolo  abbreviato Psychic Discoveries. Molte delle precedenti informazioni biografiche su Kozyrev provengono da questa fonte. Nel capitolo 13, intitolato Tempo: una nuova frontiera per la mente, l’autore spiega che anche negli anni ’60, Kozyrev aveva un  aspetto abbronzato e atletico e dava “l’impressione di grande calma e qualità spirituale.” Essi affermano anche:
 
Per reputazione e lavoro, si tratta del più importante scienziato che abbiamo incontrato. Egli sta cercando di sviscerare una nuova visione del mondo, una nuova cosmogonia. Nella nuova concezione di Kozyrev, gli accadimenti psichici dovrebbero cominciare in un luogo. Il punto di vista ufficiale della scienza è invece che essi non dovrebbero esistere a lungo, come se si trattasse di qualcosa che va al di là del sistema, qualcosa che deve essere negata per proteggere il sistema.
 
Ebbene, se sostituiamo alla parola “Sistema” il termine “Antisistema” comprendiamo meglio come, ancora una volta, siamo alle prese con le stesse forze da sempre descritte in questo Blog: le forze del Divide et Impera dell’Antisistema. 

Perché dobbiamo sostituire il termine Sistema con la sua negazione? Perché noi viviamo in una dimensione rovesciata e, per capirlo, basti osservare come vanno le cose nel mondo. Non ci vuole troppo a capirlo no? Osserviamo chi ha le redini del comando in ogni Stato della Terra. Anche questo è un aspetto già ampiamente descritto in svariati articoli di SacroProfanoSacro

La “corsa” all’impossessamento della terminologia contenuta in una lingua è “cosa” primaria per poter diffondere una eggregora planetaria. Se io utilizzo per primo il termine Sistema e lo caratterizzo e identifico con questa situazione relativa al presente, chi vorrà "dire la sua" dovrà usare per forza la sua negazione per identificarsi ma, facendo ciò, egli si colorerà delle forze d’opposizione che andranno addirittura ad energizzare ciò che si vuole “combattere”. È sempre andata così nel corso del tempo misurato dall’uomo nella sua ultima fase. 

Occorre smettere di combattere un “modello” ma solo portarlo all’evidente osservazione della massa; sarà la massa stessa a capire l’entità energetica del modello in cui si è inseriti, ma solo compiendo un lavoro di espansione di se stessi oltre le dimensioni energetiche del modello.

Ecco cosa mi porta a considerare il sogno di questa notte:
  • ogni moto ha una componente direzionale di torsione che deriva dai movimenti a spirale più grandi
  • queste componenti torsionali autorizzano a ritenere necessari modelli di Moto Perpetuo, al fine di completare l’opera di “discesa e salita”, spingendo sulle "ruote dentate" dei cicli più piccoli
  • i fenomeni a spirale sul tipo della “vite senza fine” riscoperta da Leonardo e delle molle, da lui ampiamente utilizzate, dovrebbero portare l’amico Taddei a decifrare con ancora maggiore impeto le digitalizzazioni meravigliose ad alta definzione delle tavole Leonardesche. Sono certo che lì dentro, sparse ad arte, ci sono le componenti di una macchina per il Moto Perpetuo, scoperta ma non pubblicizzata al tempo, per evidenti motivi di “sicurezza “personale
  • il simbolo dell’infinito, l’otto rovesciato, la lemniscata, è un “gesto moltiplicatore, un motore, un acceleratore diretto del ritmo circolatorio del prana… nell’insegnamento iniziatico di base dispensato dai sacerdoti, la lemniscata veniva descritta come una rappresentazione del motore cosmico del Grande Universo, costituito da due movimenti, uno di radunamento e uno di dispersione o dissolvimento. Un’inspirazione seguita da un’espirazione” – da “Così curavano” di D.M.Givaudan
  • il concetto di nastro di Möbius: le superfici ordinarie, intese come le superfici che nella vita quotidiana siamo abituati ad osservare, hanno sempre due "lati" (o meglio, facce), per cui è sempre possibile percorrere idealmente uno dei due lati senza mai raggiungere il secondo, salvo attraversando una possibile linea di demarcazione costituita da uno spigolo (chiamata "bordo"): si pensi ad esempio alla sfera, al toro, o al cilindro. Per queste superfici è possibile stabilire convenzionalmente un lato "superiore" o "inferiore", oppure "interno" o "esterno". Nel caso del nastro di Möbius, invece, tale principio viene a mancare: esiste un solo lato e un solo bordo. Dopo aver percorso un giro, ci si trova dalla parte opposta. Solo dopo averne percorsi due ci ritroviamo sul lato iniziale. Quindi per esempio una formica potrebbe passare da una superficie a quella "dietro", senza attraversare il nastro e senza saltare il bordo, semplicemente camminando abbastanza lontano. Un nastro di Möbius può essere facilmente realizzato partendo da una striscia rettangolare ed unendone i lati corti dopo aver impresso ad uno di essi mezzo giro di torsione, pari a 180°. A questo punto se si percorre il nastro con una matita, partendo da un punto casuale, si noterà che la traccia si snoda sull'intera superficie del nastro che è quindi unica. Fonte: Wikipedia
Esco dall'indentazione! Tale concetto esprime la negazione del Sistema, infatti al Sistema viene impresso un movimento torsionale di 180 gradi che lo ribalta, dando luogo all’Antisistema in cui ci troviamo, per evidenti motivi evolutivi.

Il nastro di Möbius cosa riporta stilizzato entro di sé? Due figure circolari sovrapposte e sfasate tra loro di 180 gradi: il simbolo dell’infinito sovrapposto! 

La sua forma a circuito chiuso che ritrova se stessa procedendo sempre nella medesima direzione autorizza nuovamente a pensare al Moto Perpetuo, all’andare sempre avanti per ritrovare se stessi, non al punto di partenza ma per una nuova partenza proprio come succede nel “meccanismo” di reincarnazione.

Il frattale in Natura, che non nega il concetto espresso tramite il nastro di
Möbius ma lo integra, è espresso da come gli esperti navigatori del Nilo, riuscivano e riescono a muovere controcorrente la propria imbarcazione, spostandosi lungo la riva

Ciò significa che il fiume energetico del tutto, contiene nella propria dimensione la modalità di percorrenza biunivoca. Basta solo sapere dove andare e come muoversi. Le forme prive di angoli fanno scorrere l’energia, mentre al contrario le forme con angoli la imbrigliano. Per questo la dimensione duale nella quale siamo stati per moltissimo tempo, è tanto difficile da comprendere vivendoci senza consapevolezza. Era opportuno “soggiornarvi” perché nella dualità c’è la spinta per “andare avanti”, piegando l’energia imbrigliata nelle forme e direzionandola verso i “circoli” dei grandi movimenti a spirale, proprio come una canna da fucile o da cannone dove il proiettile siamo noi.

Proprio come nel Nilo, anche nel fiume elettromagnetico della Matrice esiste la possibilità di “risalita”… perché tutto descrive un Moto Perpetuo.

Dobbiamo ricordare anche l’effetto Coriolis:

In fisica, la forza di Coriolis è una forza apparente, a cui risulta soggetto un corpo quando si osserva il suo moto da un sistema di riferimento che sia in moto circolare rispetto a un sistema di riferimento inerziale.
Descritta per la prima volta in maniera dettagliata dal fisico francese Gaspard Gustave de Coriolis nel 1835, la forza di Coriolis dipende, anche come direzione, dalla velocità del corpo rispetto al sistema di riferimento rotante. È alla base della formazione dei sistemi ciclonici o anticiclonici nell'atmosfera e ha effetti non trascurabili in tutti i casi in cui un corpo sulla Terra si muova ad alta velocità su lunghi percorsi, come per esempio nel caso di proiettili o di missili a lunga gittata.
L'animazione a destra è una rappresentazione schematica dell'effetto Coriolis, in cui un oggetto si muove rispetto ad un disco rotante senza che vi sia attrito tra le due parti. In assenza di forze esterne, il corpo si muoverà di moto rettilineo uniforme, se osservato da un sistema di riferimento inerziale, svincolato dal disco; se osservato da un sistema di riferimento solidale con il disco in rotazione, invece, sembrerà percorrere una traiettoria curva. In questo secondo caso, l'osservatore concluderà che sull'oggetto agisce una forza. L'effetto è lo stesso che si produrrebbe con l'applicazione di una forza trasversale alla direzione del moto, per questo motivo si parla di forza di Coriolis. Si tratta di una "forza apparente", poiché dipendente unicamente dal moto dell'osservatore rispetto al riferimento inerziale, e non dall'azione di qualche altro oggetto o di un campo di forze.
Fonte: Wikipedia

Da non perdere la rappresentazione grafica di questo effetto, cliccando sul link di Wikipedia sopra riportato.     
E ancora, anche Albert Einstein dice la sua:

Il 29 maggio 1919 Albert Einstein apparentemente provò “che noi viviamo in uno spazio tempo curvato quadridimensionale”, in cui spazio e tempo sono due entità unite insieme come fossero una “fabbrica”. Egli riteneva che un oggetto come la Terra, ruotante nello spazio, “dovrebbe trascinare insieme ad essa spazio e tempo...”; ancora, riteneva che questa “fabbrica di spaziotempo” curvasse interiormente attorno a un corpo planetario. Così, egli affermava:
la gravità non è affatto una forza misteriosa che agisce a distanza, bensì [piuttosto si tratta del] risultato di un oggetto che cerca di camminare in linea retta attraverso una spazio che risulta curvato dalla presenza di corpi materiali.
 
Fonte: The Divine Cosmos di David Wilcock
 
Riuscite a comprendere che “tutto” parla una stessa lingua? Comprendere il significato è una questione di intendere e volere, ma è chiaro che il linguaggio è Uno.

Ecco un altro esempio:

Nel 1913, il fisico Eli Cartan dimostrò per primo che la “fabbrica” (flusso) di spazio e tempo nella teoria della relatività generale di Einstein non solo “curvava”, ma possedeva in sé stessa anche un movimento di rotazione o spiraliforme conosciuto come “torsione”. Questa parte della fisica viene collegata esplicitamente alla Teoria Einstein-Cartan, o ECT. La teoria di Cartan da principio non venne presa troppo sul serio, poiché venne fuori prima dell’epoca della fisica quantistica, durante un periodo in cui si credeva che particelle elementari come gli elettroni rotassero o girassero intorno al nucleo. La maggior parte delle persone non sa che oggi viene generalmente accettato che lo spazio che circonda la Terra e probabilmente l’intera Galassia possiede una rotazione destrorsa, il che significa che l’energia sarà influenzata a girare in senso orario come se viaggiasse attraverso il vacuum fisico. Nel 1990, gli studiosi russi dottori Akimov e Shipov scrivevano:
Per la precisione, i riferimenti contenuti nelle pubblicazioni di tutto il mondo ai campi torsionali ammontano a 10.000 articoli, appartenenti a circa un centinaio di autori. Di questi, almeno la metà lavora in Russia.
 
Fonte: The Divine Cosmos di David Wilcock
 
Ogni atomo è un generatore di torsione…
Il lavoro di Kozyrev e altri ci ha mostrato che tutta la materia imbriglia onde di torsione per sostenere la propria esistenza. Nei due ultimi capitoli abbiamo visto che un atomo è in realtà un vortice di energia eterica, dove le nuvole di elettroni a carica negativa premono verso il nucleo interno a carica positiva secondo l’effetto Biefield-Brown. Abbiamo anche visto che la geometria è un fattore importante nel regno quantico, dato che rappresenta la forma naturale che la vibrazione crea nella materia fluida. Queste vibrazioni eteriche che avvengono naturalmente spingeranno gli atomi, quando rilasciati da un becco molto sottile, ad unirsi in microcluster geometricamente perfetti, che agiscono a loro volta come un grande atomo. Queste vibrazioni sono anche responsabili della formazione dei quasi-cristalli, dove una lega metallica rapidamente raffreddata si forma in una struttura geometrica che non può essere creata da singole “particelle atomiche”, ma solo da quegli atomi che si mescolano insieme in un intero più grande.

 Fonte: The Divine Cosmos di David Wilcock

Oggetti che distorcono la geometria del vuoto fisico. Come indica Nasonov, “Ogni oggetto che ha una certa geometria di superficie genererà simultaneamente campi di torsione destra e sinistra con una certa configurazione a seconda della geometria dell’oggetto". Questo fatto può essere rilevato da vari tipi di indicatori fisici, chimici e biologici. Da molti ricercatori di differenti paesi sono stati ripetutamente osservati insoliti effetti dimostrati da piramidi, coni, cilindri, triangoli piani ecc,… Ci riferiremo a questi oggetti dalla forma speciale come a “generatori passivi di torsione”.
Fonte: The Divine Cosmos di David Wilcock
  
Il materiale si spreca e per non “impazzire” chiudo qua per oggi:
  
In questo capitolo, inizieremo anche a sentire il peso dell’evidenza che suggerisce che l’assorbimento di energia eterica è in realtà l’ingrediente più importante nella salute di un organismo, e che i processi convenzionali di respirazione, ingestione, ed esposizione al sole sono solo parte del puzzle: forse importante solo per il grado in cui ogni processo è in grado di rinnovare continuamente la nostra scorta di energia eterica.
Fonte: The Divine Cosmos di David Wilcock
  
Forme, colori, dimensioni, materiale, etc. identificano capacità diverse di imbrigliare l’energia che pervade ogni molecola della Creazione. Noi siamo, allo stato attuale, come il classico legnetto nel fiume tumultuoso: in balia di ogni moto direzionale della corrente, perché siamo stati convinti che tutto sia “fermo” e, per questo, ci siamo fermati nel bel mezzo di una “autostrada” super trafficata.

Ma, come capiremo, tutto ciò doveva essere provato, proprio come succede a Shrek, nella sua ultima avventura, nella quale perde “tutto” per infine ritrovarlo ma in una situazione personale diametralmente diversa, ossia trasmutata dall’esperienza del “male” che intrinsecamente possiede la chiave, la via per tornare a “casa”. È facile osservare come la Legge d’Attrazione magnetizzi verso di sé le situazioni anche meno desiderabili, se in realtà queste situazioni hanno risonanza, empatia con il nostro stato intimo inconscio. Shrek è proprio in quella condizione all’inizio dello “spettacolo” e il campo esistenziale di Tremotino, il principio del Male, entra in connessione con la sua sfera.

È questa la modalità con la quale una condizione d’inerzia attira a sé una condizione di moto. 

Una volta direzionati, sparati nelle dimensioni parallele, il gioco si fa “duro” e da quella posizione si inizia a “remare” per muoversi; come abbiamo visto abbiamo due possibilità:
  • andare sempre avanti (nastro di Mobius)
  • tornare indietro (navigatori controcorrente del Nilo)
Ma entrambe le direzioni conducono sempre verso lo stesso “luogo di raccolta” o punto di partenza, ma con peso specifico mutato.

Quando Shrek, alla fine, conclude felicemente la sua disavventura, ha un moto di “Hoooooooooo”, lasciandosi finalmente andare, recuperando se stesso in tempo contro la corsa della Clessidra.

Quello stato di estremo "rilassamento" finale è ciò a cui più ambisco nella mia Vita: il sapore di “casa”…