sabato 10 aprile 2010

Quel 2% netto di Ennio Doris.





In questi giorni stiamo assistendo, o meglio siamo “investiti”, dal polverone pubblicitario battente relativo a Conto Freedom di Banca Mediolanum; si, proprio quella banca “costruita intorno a te” del gran “amico di tutti” Ennio Doris. Colui che in prima persona si espone pubblicamente suonandosela e cantandosela. Diciamo che la pubblicità in questione “gira”, soprattutto, sulle reti amiche Mediaset; per la serie facciamo veramente tutto in famiglia. Mi ha colpito molto lo stile, lo slogan, la gestualità dell’ultima trovata creativa; quell’incredibile 2% netto che viene riconosciuto ai clienti che accettano di mantenere più di 15000 euro fermi sul conto corrente. Ebbene leggete come funziona il meccanismo che si può trovare sulla home page del sito http://www.mediolanumfreedom.com/:

"Messaggio Pubblicitario. Condizioni contrattuali nei Fogli Informativi sul sito www.bancamediolanum.it e presso i Family Banker®. Il 2% netto annuo è riconosciuto fino al 30/06/2010 oltre i 15.000 euro sottoscrivendo la polizza Mediolanum Plus di Mediolanum Vita S.p.A.. Polizza e conto operano con un meccanismo automatico di versamento e prelievo. Quando il saldo del conto supera la giacenza di 17.000 euro, la liquidità oltre i 15.000 euro viene investita sulla polizza; ugualmente, quando il saldo del conto scende sotto la giacenza di 13.000 euro, viene disinvestito dalla polizza l'importo necessario a ristabilire sul conto la giacenza di 15.000 euro. Il rendimento del 2% netto sarà quindi garantito sulle somme investite sulla polizza Mediolanum Plus. Prima della sottoscrizione leggere Nota informativa e Condizioni di polizza sul sito www.mediolanumvita.it e presso i Family Banker®".

Ecco in cosa consiste quel 2% netto che tanto viene sventolato ai quattro venti della nostra creduloneria, come se il 2% fosse un rendimento eccezionale, come se quel rendimento fosse una opportunità unica nel panorama internazionale, come se noi tutti fossimo degli emeriti imbecilli.

Vengono presi i 2000 euro in eccesso oltre i 15000 euro fermi sul conto corrente (che la banca può far girare come vuole e può emettere credito per il 98% di quella somma, che non è nemmeno di sua proprietà, secondo la legge della riserva frazionaria , oppure usare quei soldi per operazioni di speculazione sui mercati dei futures o altro, generando guadagni che in una giornata sola possono essere di molto superiori a quel 2% netto, annuale, che ci daranno giorno per giorno); dicevamo vengono presi i 2000 euro in eccesso oltre i 15000 euro di giacenza e vengono trasferiti sulla loro polizza Mediolanum Plus di Mediolanum Vita. Infatti, ecco la frase che identifica tutto il giro del “fumo”:

“Il rendimento del 2% netto sarà quindi garantito sulle somme investite sulla polizza Mediolanum Plus”

Ecco cosa ci danno effettivamente; il 2% netto di quello che viene girato sulla polizza, ossia 2000 euro. Cioè, ipotizzando che quei 2000 euro stiano per tutto l’anno investiti nella polizza, avremo in un anno la incredibile somma di 40 euro netti! Se ci mettiamo poi che la super opportunità è valida sino a fine giugno, avremo circa sei mesi di profitto, per cui avremo un bel 20 euro netto!

Tenendo fermi 15000 euro sul conto corrente per un anno intero, i 2000 euro successivi generano profitto, ma se il conto scende sotto i 13000 euro quei 2000 euro tornano sul conto per rimpolpare i 15000 euro, smettendo di generare profitto per noi. La Banca invece continua ad avere guadagno dai nostri 15000 euro che gli permettono di generare credito e quant’altro.

Le rimanenti parole di Doris, nello spot pubblicitario, sono delle banalità che ormai ogni banca offre da tempo; “e se vuoi comprare qualcosa che problema c’è? Stacchi un assegno e via”. Ma se non ho i soldi me li da lui? Certo! Al 10% di tasso di interesse :) Altro che stacchi un assegno!

Questo spot spaccia delle frasi vuote come assolute verità e novità. Questo spot è vuoto come le mie tasche :)

Signori e signore, siamo veramente alla frutta! Io quando vedo questo spot mi sento veramente preso per i fondelli. Quesi gesti con le mani studiati in laboratorio, quella voce melliflua ed incantatrice da parroco del paese. 

Ci si accorge come questi signori non abbiano smesso per nulla di agire in “un certo modo”, nemmeno dopo la prima onda di ribasso dei mercati internazionali, ossia in un periodo di piena crisi sistemica. In un periodo in cui il sistema bancario era praticamente fallito! Ancora continuano a perseguire i loro giochi illusionistici di parole e numeri. Ancora non hanno imparato nulla. E, quello che più mi rincresce, la gente, noi, non abbiamo imparato nulla su questi “signori”. Si, perché nel 2009 ed in questo scorcio di 2010, questa banca sta andando bene. Sta raccogliendo denaro “fresco” dalle famiglie. Non capisco come possano ancora funzionare certi giochetti. Davvero non capisco come noi tutti possiamo essere così creduloni e fidarci ancora di queste istituzioni terribili. A quanto pare funziona sempre il detto “l’abito fa il monaco”, quindi il giochetto psicologico di presentarsi in giacca e cravatta funziona sempre? Ma com’è questa cosa? Ma se la gente non si fida più di nessuno, come mai si fida ancora di questa gente? Solo perché il canale sul quale essi appaiono è sinonimo di garanzia? Siamo a posto allora!

È tutta una cricca, una casta, un monoblocco che si auto sostiene; sanno benissimo che la caduta di uno è la caduta di tutti, proprio come in politica. Quando “uno” cade è perché è stato fatto cadere, ma prima è anche stato “disinnescato” in qualche modo. È come una bomba che scoppia a salve per le infrastrutture; l’unica vittima è solo colui che cade, il capro espiatorio, che ormai non può far più male a nessuno e tutta la gente che assiste inebetita alla scena. È un discorso vecchio come il mondo.

La storia si ripete.

La verità su questi spot pubblicitari è che servono solo da cassa battente, da gran cassa, per affermare dei marchi, dei modelli, dei modi di fare, dei nomi, delle singolarità. Si fissano nei nostri inconsci e non ci mollano più. Nome dell’azienda in primis!

Il 2% netto è uno specchietto per le allodole e le allodole, o i polli, siamo sempre e solo noi.
 
Quel 2% è veramente poco ed ammonta alla quota di interesse che le istituzioni nutrono nei confronti della massa, ossia del genere umano. E dimostra non solo quanta generosità li contraddistingua ma, anche quanto veramente poveri siano in ambito spirituale e di consapevolezza.

Cerchiamo di inquadrarli sotto una buona luce e di benedirli, perché “non sanno quello che fanno”.