domenica 27 dicembre 2009

Alzarsi e "camminare".







Care "scintille" divine,
ciò che si è inserito nell’opera superiore dell’anima in corso, è una energia altamente evoluta che ci conosce molto bene ad ogni nostro livello funzionale. Essa non vivrebbe senza di noi, se non allo stato di potenziale inespresso che caratterizza l’Assoluto. Essa ha necessità di noi. Per questo non ci ha ancora distrutto. Semplicemente non lo può fare e non lo farà sino a quando il livello dello “scontro” in gioco non giungerà ad un livello talmente alto da poter cambiare le regole del “gioco”. Per ora va così. I “raccolti” umani si alternano nei cicli della vita e la loro qualità è sempre più livellata e controllata, per così dire, all’origine. Il “processo” di corruzione è entrato dentro la biologia umana e attende il feto ancora prima della sua comparsa. Lo attende nella psiche e nella “fisicità”, minandone il potenziale ancora inespresso ma già attaccabile. Questa “energia” è nata da noi, dalla nostra vibrazione di paura relativa alla “caduta” dell’anima, cioè al precipitare nelle dimensioni via via più dense della luce. Dalla nostra amnesia di chi siamo o di chi eravamo. Quante parole si potrebbero spendere attorno a questo “concetto” cardine? Molte. Troppe. Dunque vado al sodo. La "struttura" della verità  è questa. In un reame cosparso di verità questa è la mia verità, ok. Eppure vi dico che questa dovrebbe essere la “traccia” da seguire, la prospettiva migliore per inquadrare ciò che sta succedendo ed il “posto” nel quale siamo immersi. Chi sono io per asserire questa verità? Sono UNO che finalmente comprende. Cosa dovremmo fare dunque, alla luce di ciò? Iniziare ad alzarci e camminare. Cosa intendo per “tutto ciò”? Intendo il modello vibrazionale che “qualcosa” ci ha indotti a creare, al fine di far deragliare il “convoglio” umano lanciato verso l’evoluzione o ritorno a “casa”. Perché esiste un modello energetico che si oppone? Perché esiste la paura in noi, il dubbio e tutte quelle componenti oscure che caratterizzano il vasto piano dell’Assoluto. È in corso una trasmutazione energetica dell’essenza del tutto. E ciò che “vive” tende a sopravvivere come di regola universale. La complicata danza delle variazioni energetiche della luce, è una manifestazione della voglia e necessità di sopravvivenza di ciò che è destinato a trasmutarsi nel suo opposto.
Perché io non credo che luce ed ombra debbano coesistere nell’Assoluto, perché sarebbe come sostenere un meccanismo di auto distruzione perennemente innescato. Espandiamo il nostro orizzonte e non poniamo fermi o vincoli alla super comprensione dei concetti fissati da “altre” menti che ci hanno preceduto. Tutto ciò che succede ha un senso… lo scopo educativo, l’apertura di fiducia incondizionata del Creatore, il nostro senso ultimo miscelato di libero arbitrio, la nostra responsabilizzazione. Alziamoci e partiamo ora!