venerdì 25 dicembre 2009

Identità.







Sono l’onda
         che s’infrange sulla roccia umida
                    e, che tocca il cielo
                               attraverso la temporanea
                               vaporosa
                               bruma.
Come pulviscolo
         affronto paure verticali
         secolari,
         carico dell’energia
                    di miliardi di esseri marini.
Sono gli occhi ed il braccio
         il cuore e le idee,
                    le gambe di grandi aspettative.
Carico la roccia
         per cambiare prospettiva
                    per giungere alle nubi
                               ed, alfine,
                               ricongiungermi.
Sono l’aria
         che vortica evocata dai moti opposti delle vetture
                    e, che sogna turbini
                               inesauribili
                               attraversando i grandi spazi.
Come forza nuova
         mi consumo,
                    bruciando ogni volontà
                               in un fazzoletto di mondo
                               in un battito di ciglia
                                           in una esplosione di speranza.
Sono il segno dei tempi
          l’invisibile presenza
                    lo spiritello di vento
                              un conflitto di direzioni.
Carico lo spazio
         per meglio manifestarmi
                   per guadagnare un significato
                             ed, infine,
                                           disperdermi soddisfatto.
Esistiamo,
         entrambi,
                  nel sogno di un Burattino
                                           che non vuole crescere mai.