martedì 29 dicembre 2009

Dove siamo?







Ciò che scava un solco profondo nell’uomo di oggi, che lo divide inesorabilmente, è la ritenuta certezza di essere “solo”; unico nel “panorama” dell’Universo, isolato dal resto della comunità umana, dimenticato da Dio, separato da ciò che è stato durante gli anni dell’infanzia. La convinzione è talmente forte da irradiare nel fisico le angosce della mente. Nascono così i “mostri e le fate morgane” dell’immaginazione sempre più vivida. Le feste natalizie appena intercorse riescono paradossalmente ad infittire gli “aghi” della mente ipocondriaca, la quale coglie queste occasioni per inasprire la “dose” dello stato separativo. L’inconscio programmato da decenni di vita “doc”, “di origine controllata”, spinge sull’acceleratore convinto della propria opera di “difesa” e tutela del proprio “assistito”. Tutto appare in perfetto ordine al fine di mantenere uno stato di umano disordine. Ogni “segno” evince questo meccanismo a partire dall’alimentazione alla quale ci “sottoponiamo” tutti i santi giorni. Una alimentazione “ricca” come ci spiega la televisione, eppure desolatamente povera di energia vitale; una modalità di “riempirsi” svuotandosi del nostro senso di sé. Confondendosi, barattandosi per una tavoletta di cioccolato.

“Sai cos'è la musica?! È dio che ci ricorda che esiste qualcos'altro in questo mondo!”
Da August Rush - la musica nel cuore.

Se anche la musica, suonata a 440 hertz, crea disarmonia, io credo che questa forma di comunicazione energetica sia in qualche modo in grado ugualmente di giungere al cuore, di toccare come la punta di una bacchetta magica le nostre profonde altezze represse. Il film August Rush lo dimostra; è un’opera mirabile ed ultrasensibile che diffonde per le “vie” sociali un aggancio, un varco tra le nebbie estese del ritenuto reale.

"La musica è intorno a noi. Tutto quello che devi fare... è ascoltare."
Da August Rush - la musica nel cuore.

Ecco il termine dimenticato dai molti; il saper o riuscire ancora ad ascoltare come facevano gli antichi, quando il mondo era meno rumoroso, o come faceva il maestro Leonardo “osservando” la Natura. Ma ascoltare cosa? L’armonia che esiste tra il proprio battito del cuore e ciò che di naturale lo circonda. Come una poesia infinita che parla sempre, certo, sicuro, che alla fine l’uomo troverà la via per ascoltare, come un gatto che si accoccola ai piedi del ritenuto “padrone” e “volteggia” trame interpretative di quello che orecchie, peli, vibrisse, intimità, gli “suggeriscono”. Un gatto non deve convincere nessuno perché libero di essere, pertanto teso all’ascolto di ciò che lo “convince” vibrazionalmente, come la giusta musica. Ascoltare non significa “dipendere”, bensì imparare. Talune azioni sono state distorte anch’esse dai significati trasmessi dagli archetipi televisivi. Dunque ascoltare è diventato sinonimo di debolezza, perché l’uomo forte non ne ha bisogno. Ricordiamo sempre che le azioni inculcate a libera forza in un determinato contesto, “colorano” con il tempo anche l’intero. Ossia se ci abituiamo a pensare, ad esempio, secondo quello che il telegiornale ci pone davanti agli occhi tutti i giorni, e cioè che il mondo è una accozzaglia di delinquenza, truffatori, poco di buono, etc., ebbene, per “sintesi” applicheremo veramente questo concetto non appena usciremo di casa, sentendoci anche per questo motivo una possibile “preda” delle “bestie” in agguato oltre l’angolo. Non ci fideremo più della gente, degli altri, di noi stessi; come una marea di oro nero galleggiante a livello della superficie dell’oceano che copre ogni passata parvenza. Impariamo ad ascoltare ciò che ci circonda e ci “tocca” in qualche maniera. Lasciamoci andare, fidiamoci della vocina che emerge dalle profondità dell’essere. Coltiviamo il rischio di “scommettere” su noi stessi. Tralasciamo le tv e tutto quello che riguarda il troppo “strombazzato”, il troppo annunciato ad alta voce. La voce del nostro cuore è silenziosa eppure ci mantiene saldamente agganciati alla Vita. Occorre rivedere anche il significato del termine “debolezza” alla antica luce di colui che disse “porgi l’altra guancia”. Ciò che “suona” a basso volume non corrisponde necessariamente al concetto sminuente di debolezza che i miti della televisione hanno scolpito nelle nostre membra. I bambini hanno sempre voglia di fare la lotta vedendo i cartoon trasmessi regolarmente nelle cavalcate pomeridiane sulle emittenti private e pubbliche. Le bambine invece vengono indirizzate a fare le mamme, le infermiere, a vestire come le grandi, a sentirsi libere ed indipendenti dopo un indottrinamento che subliminalmente passa l’esatto contrario. Si perdono di vista i primi passi, li si saltano letteralmente, per la fretta di crescere e quando si è cresciuti ci si accorge del “buco” che si porta dentro; di quel qualcosa che si era e che si è perso per non averlo apprezzato, per avere “ascoltato” la voce che parlava più forte, quella dell’abitudine indotta. La potenza delle “piccole cose” è enormemente superiore alla potenza effimera e “da circo” delle “ingigantite cose” che appaiono e tentano come miele gli orsi. Sarebbe sufficiente ribaltare il proprio orizzonte cognitivo e sensoriale tanto, ormai, l’opera dell’Antisistema è diffusa capillarmente. Sarebbe sufficiente fare i “contrari” almeno per iniziare a bilanciare il peso del vivere in comune. Per questo motivo esistono ed esisteranno sempre le figure antagoniste, contrarie, che si oppongono a…; proprio per “bilanciare” il peso che “non può” essere distribuito tutto da una sola parte in quanto la natura di questo Universo non lo prevede. La luce delle televisioni non può sostituire quella del sole. Lo spettro rosso-verde-blu del “raggio” televisivo impoverisce e confonde; i puntini del video oscillano secondo un ritmo che ci confonde, ad una frequenza che l’occhio non riesce del tutto a discernere, pertanto l’opera di penetrazione nell’uomo si compie in maniera silenziosa e senza nemmeno accorgersene. Lo strato di radiazioni accumulate, inoltre, ammorba i nostri centri ghiandolari superiori e ci rende “esseri senza anima” (esiste un libro nella “La lista che può salvare" che spiega molto bene questo meccanismo). Vedo mio figlio quando viene agganciato dalla televisione rimanere ad occhi e bocca aperti, senza coscienza e sono certo che, molto presto, la mia piccola tv smetterà misteriosamente di funzionare. Dicevamo della potenza delle piccole “cose”, eccone un esempio:


Non esiste condizione peggiore per l’intera individualità dell’uomo di quella di essere animicamente lontano con il proprio cuore da quel che deve fare la testa. Non è solo qualcosa che disturba un uomo sensibile e delicato, ma è anche qualcosa che influisce notevolmente sulla forza e sull’energia del corpo eterico umano, proprio del corpo eterico. Il corpo eterico o vitale si indebolisce sempre più a seguito di un tale comportamento, per lo scarso legame esistente tra l’essenza dell’anima umana e ciò che fa. Più si deve fare ciò che non interessa, più si indebolisce il proprio corpo eterico o vitale.

Se ora l’uomo fa una prova molto semplice, ma la ripete con assiduità, una piccolezza può agire in modo miracoloso. Mi scuso se oggi parlo di singole osservazioni, di piccolezze che però possono essere o diventare aspetti molto importanti per la Vita dell’uomo. La facilità alle piccole dimenticanze che gli uomini a volte mostrano ha infatti strette relazioni con quello che ho appena caratterizzato. La facilità alle piccole dimenticanze è spiacevole nella Vita; l’antroposofia però può anche mostrarci che la facilità alle piccole dimenticanze è nel vero significato dannosa alla salute. Anche se appare singolare, pure è vero: molti aspetti della natura umana che sono al limite del patologico verrebbero evitati, se gli uomini dimenticassero di meno”.
Fonte “Nervosità, fenomeno del nostro tempo” di R.Steiner

Steiner fornisce anche almeno una modalità per evitare di “dimenticare”, o meglio, iniziare a non dimenticare; infatti scrive che:

Supponiamo di porre una spilla di sicurezza sul bordo di un tavolo, vicino ad un angolo; la depongo pensando di metterla vicino ad uno spigolo e imprimo nella mia memoria l’angolo retto che la circonda come una immagine nella quale la spilla sia circondata da due parti dagli spigoli; mi allontano poi rassicurato. Vedrò che, anche se all’inizio l’esperimento non mi riuscirà in tutti i casi, facendolo regolarmente la mia dimenticanza diminuirà sempre di più. Tutto ciò deriva dal fatto di avere afferrato un determinato pensiero; il pensiero: depongo la spilla in quel luogo. Ho collegato il mio “Io” con l’azione svolta e ho inoltre aggiunto una immagine. La capacità di formulare nel pensiero immagini di quel che sto facendo, il pensare in immagini e inoltre il collegare il fatto con il mio essere interiore, il collegamento dell’essere animico-spirituale, espresso dalla parola “Io”, con la capacità di formulare immagini, tutti questi elementi possono per così dire acuirci la memoria, così da avere in tal modo acquisito il vantaggio nella Vita di avere meno facilità alle dimenticanze”. 

Questo processo volontario mette in moto qualcosa di più del semplice non dimenticare e Steiner lo “dice” nel continuo della sua espressione risalente al 1912; ma questo effetto del non dimenticare lo vedremo un’altra volta…

Ascoltando musica in risonanza con il nostro essere, queste parole scritte in questo umile articolo, risultano meglio “gradite” e comprese, pertanto consiglio sempre di mettere musica in sottofondo ad ogni lettura; la musica che meglio “sentite di dover sentire” (per me lo è stata Medwyn Goodall - Great Spirit – Totem).. luce a tutte Voi Anime splendide rilucenti di Vita inesauribile.


Dio onnisciente chiese ad Adamo: “Dove sei?”
“Che significato ha? Non è lui, appunto, onnisciente?”

“Ogni volta che Dio pone una domanda di questo genere non è perché l’uomo gli faccia conoscere qualcosa che lui ancora ignora: vuole invece provocare nell’uomo una reazione suscitabile per l’appunto solo attraverso una simile domanda, a condizione che questa colpisca al cuore l’uomo e che l’uomo da essa si lasci colpire al cuore. Adamo si nasconde per non dover rendere conto, per sfuggire alla responsabilità della propria Vita. Così si nasconde ogni uomo, perché ogni uomo è Adamo e nella situazione di Adamo. Per sfuggire alla responsabilità della Vita che si è vissuta, l’esistenza viene trasformata in un congegno di nascondimento. Proprio nascondendosi così e persistendo sempre in questo nascondimento “davanti al volto di Dio”, l’uomo scivola sempre, e sempre più profondamente, nella falsità. Si crea in tal modo una nuova situazione che, di giorno in giorno e di nascondimento in nascondimento, diventa sempre più problematica. È una situazione caratterizzabile con estrema precisione: l’uomo non può sfuggire all’occhio di Dio ma, cercando di nascondersi a lui, si nasconde a se stesso. Anche dentro di sé conserva qualcosa che lo cerca, ma a questo qualcosa rende sempre più difficile il trovarlo”
Da “Il cammino dell’uomo” di Martin Buber

Ecco la spiegazione, descritta da un “illuminato”, del perché esista l’Antisistema e da chi, in realtà, “sia figlio” e dipenda: da tutti noi.