martedì 22 dicembre 2009

Caro Babbo Natale ho lasciato i cani liberi.






Caro Babbo Natale ti scrivo questa letterina,  anzi questa e-mail, per chiederti di non portarmi niente quest’anno, anzi di non portarmi più doni per il resto della vita. Perché? Ti chiederai. Te lo spiego. Mi sono accorto che tu non sei il vero Babbo Natale. Il mio angelo custode me lo ha detto. Per la verità me lo dice da un bel po’ di tempo, ma… non gli volevo credere. Come potevo rinunciare all’ultimo modello di PSP? Quest’anno compio 42 anni, ormai sono grande. Si dice che da grandi perdiamo l’innocenza di quando si è bambini. Perdiamo il candore e lo spirito di essere felici. Perdiamo la visibile, per noi, compagnia dei nostri amici immaginari. Ed è vero. La solitudine cala senza remore da grandi. Semplicemente barattiamo queste sincere caratteristiche per la gioia effimera di un dono e, progressivamente, perdiamo noi stessi confondendo le emozioni. Il desiderio che ci anima e ci spinge verso la ricerca della felicità, in realtà ce la toglie, perché già la possediamo; nasciamo con la felicità già dentro di noi. E persino la felicità viene scambiata per altro nel regime delle abitudini. Caro Babbo Natale finto tu sei grasso e vestito di rosso e porti regali a tutti i “bimbi” del mondo. Sinceramente non ne fai una giusta. Ora lo comprendo. Non mi piace giudicare ma, lo devo a te, questo desiderio insano del “possedere”; tu mi hai dato talmente tanto che mi è entrato nel sangue. Tu mi hai fatto male. E io te l’ho permesso. Anzi ti ho aperto le porte del mio cuore, fidandomi di te. Babbo Natale vero non fa questo, non è questo. Tu sei solo un robot sempre più perfetto che incarna le mie debolezze. Per te non c’è più posto in casa mia. Stanne lontano e non ti azzardare a scaricare dolci “droghe” nella mia vita già troppo dolce di schifezze. E già che ci sei estendi il mio invito anche alla tua amica Befana. Da questo Natale, anzi da oggi, pregherò che il vero Spirito di Natale venga liberato dal luogo dove tutti noi lo abbiamo emarginato. Il vero Natale è verde perché è una creatura superiore del popolo della Natura, è uno Spirito buono che non porta veleno nella mente e nel cuore dei bambini, come fai invece tu. Esistono molte forme di dipendenza a questo mondo, ma la tua è forse la più subdola che possa esistere (oddio, è meglio non stilare una lista), perché agisce sulla morbida essenza spensierata dei bimbi che, con grandi occhioni speranzosi e pieni di gioia e curiosità, ti attendono dormendo il sonno del giusto. Il sovraccarico di doni comporta un eccesso biologico di felicità molto simile all’oblio procurato dalla droga dei grandi. Ed a questo stato magnifico e temporaneo non si riesce più a resistere e, dunque, lo si cercherà per sempre anche nella vita da grandi. Ma la connessione inconscia che si insatura è che la felicità dipenda da un regalo, anzi da una quantità sempre maggiore di regali. Ma i regali quando cresci non te li fa nessuno o quasi. Dunque dentro di te pensi di essere non meritevole e di non contare molto. Ti senti solo ed abbandonato perché non hai ricevuto nessun regalo o pochi regali. La nostra felicità, in questo modo, dipende da qualcosa che viene da fuori di noi. Babbo Natale finto, ti prego lasciami senza regali. Ora che sto capendo, che mi sto disintossicando, non tentarmi ancora con qualche diavoleria moderna alla quale, come ben sai, tengo molto. Sto tentando di liberarmi dallo zucchero che ci fanno assumere in tutti i modi possibili e che mi rovina in tutti i modi possibili. Intendo trasformarmi in una centrale di auto produzione zuccherina, del tutto auto sufficiente. Non mi servono forniture esterne. Non mi servono regali esterni. Trattieni le tue renne meccaniche, anzi vendile perché il "tagliando" costerà sempre di più. Ed il tagliando delle tue renne non è giusto che lo paghiamo tutti noi. Una volta chiedevi una firma con il sangue, ora con il dolce sapore dello zucchero. Hai cambiato aspetto ma ti riconosco ancora, ora che ho gli occhi un po’ più liberi di scorgere la tua ombra. Vorrei tanto che questa visione potesse essere ben visibile e pubblicizzata sul grande schermo della coscienza globale. Ma dipende solo dalla nostra forza di volontà. Quanto è dolce il Natale nei ricordi del passato, ma la vita dal 7 gennaio è sempre la solita, anzi… ancora amara. Per questo chiediamo dolcezza in abbondanza. Peccato che non è questa la dolcezza che farà cambiare il mondo, non è di questa “cosa” che abbiamo bisogno. Di cosa abbiamo bisogno non lo capisco nemmeno io, perché quando mi fermo a “sentire” in me: “cosa significa essere felici?” non lo capisco. Non mi sovviene nulla dal mio cuore. Non riesco nemmeno ad immaginarlo. Mi vengono solo in mente “rumori” confusi legati alla tua venuta, al fatto di avere o possedere qualcosa. Capisci? Non riesco più nemmeno ad immaginare, a sentire, cosa voglia dire essere felici, essere completi, presenti, bypassando il senso del possesso. La dolce droga che è entrata dentro di me da piccolo si è fissata anche nella biologia e richiede di essere continuamente rinnovata, pena una crisi esistenziale sempre più forte. Lo Spirito del Natale è uno stato proprio e naturale dell’essere, già insito in noi e solo “otturato”. La novità che ti annuncio per il prossimo anno nuovo è che ho deciso di correre il rischio di interrompere l’assunzione di dolce droga. Se starò male saprò che il motivo è solo quello e saprò che mi sto disintossicando. Ma in cuor mio so che non starò male più di come sto male adesso. Caro Babbo Natale finto anche tu, in fondo, mi hai fatto del bene schiacciandomi contro il pavimento con tutto il tuo dolce peso. E per questo ti ringrazio e ti voglio bene, ma… ti prego, non farti più vedere perché ho lasciato i cani liberi! 
P.S. Ah, scusa; metti meno zucchero bianco nel caffè! Ti fa male. Anzi non metterne proprio. Anzi non bere nemmeno caffè! Insomma cerca di dimagrire perché sono preoccupato per te…
P.P.S. Ora ho capito! Sono tutti quei biscotti ed il latte che la gente ti mette a disposizione nelle loro case… Fai una cosa Babbo Natale finto: stai a casa che ne va della tua salute. Staremmo tutti meglio, sai?