domenica 6 dicembre 2009

Libertà cellulare.





“Il primo sguardo di superficie che la mente che osserva posa su qualunque oggetto di conoscenza è sempre uno sguardo illusorio. La vera conoscenza si consegue andando al di là della superficie e scoprendo la verità interiore e la legge nascosta. Non perché la cosa in sé sia illusoria, ma essa non è ciò che sembra essere in superficie e non è neanche che le operazioni e le funzioni che osserviamo in superficie non abbiano luogo, ma non possiamo scoprire la loro vera forza motrice, il processo, le relazioni, studiandole semplicemente così come si offrono ai sensi che osservano”.
Fonte: “L'Incosciente” – Sri Aurobindo

Si direbbe che Aurobindo abbia descritto la natura di un moderno stereogramma, ossia di una immagine e dunque di un “significato” celato nell’immagine esterna immediatamente percepita dai sensi. Ciò che il Creatore ha velato, in maniera frattale l’uomo nasconde all’uomo stesso. Nelle pagine di Leonardo tratte dai suoi “appunti”, per analogia devono essere state nascoste molte “cose” ancora oggi vantaggiose per l’evoluzione dell’intera collettività. Così come nel lavoro di Ighina, Reich, Tesla, etc. o negli scritti ermetici o meno “accessibili”. Allo stesso modo dell’apparente funzione delle grandi piramidi o dei templi, sparsi in tutto il mondo, dediti ai culti più diversi. È tutto velato d’apparenza, ma non di falsità. Per questo è difficile andare oltre. E lo sarà sino a quando l’uomo non riuscirà a “concentrarsi” per vedere oltre. Si intende per “concentrazione” riferita ad “un componente in una miscela”:

 
“La grandezza che esprime il rapporto tra la quantità del componente rispetto alla quantità di tutti i componenti della miscela.”.
Fonte: Wikipedia

Noi tutti viviamo in una miscela di energie, anzi noi siamo uno degli ingredienti, dei componenti della miscela stessa, una derivazione, ma anche un aggregatore, un fattore comune, mischiato, vicino olograficamente all’essenza delle “cose” e pertanto siamo le “cose” stesse. Così si spiega il concetto di ubiquità legata al divino. Il rapporto tra la quantità del componente rispetto alla quantità dei componenti dipende dal nostro grado evolutivo, dalla consapevolezza di “essere”. 1 grammo di sale nell’impasto del pane corrisponde ad 1 grammo di sale diviso per l’intero, diluito nel tutto, facente parte del tutto eppure concentrato maggiormente in un punto piuttosto che in un altro. Quel sale darà sapore all’intero pane, ma quel sale mancherà o eccederà in taluni punti dello stesso pane. Vivendo in un singolo fotogramma di vita, noi possiamo soffermarci sui punti più ricchi e/o meno ricchi di sale e, per questo, vivere d’illusione rispetto al resto del “filone di pane” permeato ugualmente della nostra essenza. Ora, come possiamo riuscire ad elevare la consapevolezza legata all’illusione di vivere in un determinato punto o luogo nello spazio/tempo o di “porzione d’impasto del pane”? Cercando di “vedere” l’intero pane al fine di capire che noi siamo interamente sparsi in lui, siamo lui oppure sprofondare nel singolo attimo cogliendone la sub struttura e comprendendo il frattale minore, diluito all’ennesima potenza, dell’intera struttura del “pane”. Ovvio che non ci si improvvisa in questa “ricerca”; il risultato è funzione di molte variabili. Tali passaggi dimensionali sono ancora molto lontani per l’uomo e, per così dire, per ora ci si adopera per immaginarne la portata e la “consistenza” in attesa che il gap si colmi. Scendendo nei livelli della struttura della materia giungiamo alla individualità della cellula vivente. Questa struttura intelligente è alla base del funzionamento del nostro corpo e dei suoi processi biologici e, sembra, non dipendere totalmente, così come si crede da quello che è “scritto” nel DNA. Secondo questa prospettiva “nuova” la scienza genetica sta seguendo la via di un abbaglio madornale. La malattia dipende da altri fattori diversi da quelli che sembrano “destinati” dal proprio DNA, secondo il concetto che “i geni propongono, ma è l’ambiente che dispone” e, aggiungerei io, “in riflesso della psiche che segue la spinta dello spirito in funzione del piano divino”. È una catena indissolubile quella che ci mantiene nell’ampio percorso della Vita…

“…Procedete con la fede di un bambino. Sarà molto meglio per Voi distruggere da soli quei modelli di vita disarmonici, piuttosto che aspettare che la crescente intensità vibratoria che avvolge l’atmosfera terrestre li distrugga per Voi. L’informazione di cui necessitate viene decodificata dalla composizione strutturale di ogni singola cellula del Vostro corpo. Cercatela lì. L’intervallo di esitazione che esiste tra il Vostro iniziale impulso vitale e la sua eventuale accettazione o rifiuto, può sembrare una cosa da niente,  ma se si considera quanti intervalli simili esistono mediamente in un giorno, e quanta energia umana collettiva si riversa in questi intervalli, vengono le vertigini. È questa l’apertura attraverso cui tutta la Vostra specie viene prosciugata della sua sostanza vitale. Per compiere il lavoro che avete davanti, non potete permettervi un simile spreco”.
Trasmissioni Stellari – K.Karey

È dunque vitale ricordare il discorso relativo al sangue dell’uomo che faceva Steiner, riportato in 3 articoli successivi in questo blog (Sangue1, Sangue2, Sangue3); per avere il controllo di un uomo occorre controllare il suo sangue. Il sangue è proprio costituito da una miscela di sostanze che va a nutrire e “ventilare” le cellule umane… Ed è per questo che l’Antisistema intende in tutti i modi entrarci dentro, sin nelle profondità delle nostre microstrutture cellulari. A noi sta il compito di comprendere ed adottare le contromisure che, si sa, esistono sempre a prescindere da ogni evidente ed illusoria chiusura o ermeticità di una situazione ritenuta senza via di uscita. Esiste sempre una via di “fuga” e la nostra salvezza sta nel nostro numero e dunque nella nostra biodiversità di specie. Siamo semplicemente sfuggevoli per natura. Il potere che controlla ci conosce bene e tenta di uniformarci attraverso il “peso” delle abitudini, delle credenze, delle mode, dei media, delle tendenze, dei processi di marketing e campionamento, del denaro ,del lavoro, dei giochi, dello sport, del sesso, della psicologia, dell’elettronica, di tutto quanto ci concerna. Ma noi siamo e resteremo uno ed infiniti allo stesso tempo e, per questo, liberi di essere. Tutto ciò è scritto nelle nostre cellule. È sufficiente alzare la prospettiva, la consapevolezza, il proprio centro dell’essenza…


Vediamo cosa si intende con il termine "aperto" biodiversità:
“Per biodiversità si intende l'insieme di tutte le forme viventi, geneticamente dissimili e degli ecosistemi ad esse correlati. Quindi biodiversità implica tutta la variabilità biologica: di geni, specie, habitat ed ecosistemi. L'anno 2010 è l'Anno internazionale della biodiversità. La traduzione italiana del termine inglese biodiversity modifica, leggermente, ma in modo determinante il significato. In inglese diverse significa vario, molteplice, mentre in italiano diverso ha un significato quasi negativo, poiché indica qualcosa o qualcuno che devia dalla norma o differisce da uno standard di riferimento; una traduzione più fedele sarebbe biovarietà o varietà della vita presente sul pianeta. Ciò nonostante, il termine biodiversità, anche se nato come calco linguistico spontaneo, si è ormai consolidato e viene comunemente utilizzato nei diversi ambiti scientifici e culturali”.
Fonte: Wikipedia  



* Immagine di Procopio Antonietta www.antoniettaprocopio.com

2 commenti:

  1. Grazie molto interessante questo articolo... lo condivido pienamente!
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Mi sento portato ultimamente a scoprire il "respiro" delle nostre cellule e la loro funzione apportatrice di vita. Il "messaggio" mi giunge nitido nel perseguire questa direzione...
    Grazie a te :)
    Serenità

    RispondiElimina

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...

Per favore, non lasciare commenti senza firma. Non voglio Spam. Grazie.
Please, don't leave comments without signature. I don't want Spam. Thanks.