giovedì 5 gennaio 2017

Giustizia ad angolo giro.



All'interno del “voto sostanziale di protesta” esiste uno “spazio vergine (potenziale)”, ricavabile allorquando una grande concentrazione di massa (un3, nessun3, centomila) non si riconosce più, fondamentalmente, in nulla (relativamente alla realtà manifesta “qua, così”). 
Tale spazio (potenziale) deve essere uno.
Altrimenti, decade la sostanza del drenaggio di "preferenza" dall’AntiSistema.
E per “essere uno”, significa che – al di fuori della convenzione reale manifestanon ci deve essere auto separazione, ancora basata sulla convenzione stessa
Questa caratteristica è, allo stesso tempo, la “sua” forza e la “sua” debolezza:
forza, in quanto costituisce autenticamente qualcosa di nuovo, diverso, alternativo sostanziale, coerente e lungimirante rispetto a “quello che 'perde' e a quello che, soprattutto, ricorda”
debolezza, in quanto costituisce il più classico tallone di Achille, dato che l’AntiSistema by dominante può disinnescare tutto, preventivamente, favorendo – attraverso il “divide et impera” – la formazione illusoria di più spazi potenziali, al fine di confondere la Massa, auto proveniente già da una situazione di estrema confusione (organizzata by dominante).
Al fine di porre un rimedio definitivo, a tutto questo, in SPS (Me) sono sorte le basi per costruire un fondamento sempre riconoscibile, anche nel momento in cui le persone si ritroveranno in balia dei “quattro venti”.
Uno di questi baluardi è, ad esempio, il centro morale di “giustizia ad angolo giro”. Ossia, il porti sempre la seguente domanda:
al "centro" chi (che cosa = situazione) metti?

Se nel rispondere a questa “domanda”, hai dei dubbi (iniziando a pensare solo a te, al tuo interesse, a quello che hai e a quello che puoi ricavare da tutto ciò, etc.) allora sei preda, nuovamente, della giurisdizione dominante.
Per meglio farti immaginare la “questione”, rifletti su ciò:
per te, il sapere che anche una sola persona “muore di fame”, al/nel mondo, prioritariamente “dove l3 collochi, rispetto ad una scala di valori di ogni tipo, forma, possibilità, etc.”?
La giustizia ad angolo giro, prevede che – qualsiasi gradazione di prospettiva "tu" assuma – il senso di giustizia (assolutezza) non cambi per niente affatto.
Ossia, se anche una sola persona “muore di fame”, nel mondo intero, non importa, per te, nient’altro. 
Ad esempio, sapere che il Governo stanzia 20 miliardi di euro, a debito (ossia, senza possederli materialmente, ma inventandoli dal nulla giurisdizionale) per “salvare il risparmio (che è, di più, il salvare le banche)”, deve venire sempre (sempre) dopo… alla priorità assoluta di “salvare quella persona che sta morendo di fame (perché è stata abbandonata al “proprio” destino, che è una conseguenza della forma reale manifesta “qua, così”).
Ok?
Ora, SPS (Io) non intendo fare un elenco di questa “disperazione (causale)”, ma esclusivamente fornirti la chiave interpretativa per risolvere, una volta per tutte, la questione “priorità e potenziale”:
se il denaro lo inventano dal nulla
e se lo hanno appena inventato per, nella sostanza, salvaguardare lo status quo “qua, così”
allora significa chesi può sempre fare”, anche e soprattutto per le questioni più vergognose che accadono e continuano ad accadere sul Pianeta.

Una "monumentalità", mentre qualcun3 muore di fame, quale simbolo incarna e rappresenta?
È la priorità, che seleziona dal potenziale, il fattibile?
Se sì, allora, la priorità deve essere diversa.
Prima deve venire quella persona che muore di fame:
sempre (sempre).
Perché la giustizia è una sola ed è “ad angolo giro”.
Invece, “qua, così”, sei abituat3 ad avvicinare la questione, dal punto prospettico di “appartenenza al ‘tuo’ Stato d’origine (manifestazione)”.
Ergo:
da italian3, non ti senti responsabile per la situazione, ad esempio, del... Ghana
per cui
occhio non vede, cuor non duole”…
Questa auto separazione è una strategia, dominante, che permette l’auto mantenimento di una certa situazione, profondamente giusta… ma solo dalla prospettiva del ricavo by dominante, che confondi ogni volta per il tuo "ricavo":
qualcosa che corrisponde all'antica “immagine” del Diavolo a cui vendi l’anima.

Se intendi autenticamente “renderti conto (della situazione convenzionale, nella quale sei ‘qua così’)”, non c’è bisogno di sapere/fare chissà cosa
È sufficiente, ad esempio, anche solo prendere un libro di storia ed “'ascoltare' quello che ti dice (ricorda)”, ponendoti da una situazione di “giustizia ad angolo giro (che non dipende da nessuna regola, legge, convenzione ordinaria, essendo tutte queste sotto all'intelligenza che le struttura all’interno di qualcosa, che può solo trasformarsi in ‘nuove’ versioni sempre di se stess3)”.
Una volta fissato il concetto, è impossibile “hackerarlo”. Ok?



Il seguente testo fa parte di un libro di storia, del secondo anno delle scuole medie.
Lezione 4.
Altre potenze coloniali: Inghilterra, Francia e Russia.
L'impero navale inglese nasce con i corsari.
L'Inghilterra, favorita dalla posizione geografica, scelse la via del mare per imporre la propria potenza nel mondo, evitando di impegnarsi nelle lunghe e durissime guerre che esaurirono le risorse di Francia e Spagna.
La fortuna dell'Inghilterra sui mari iniziò con la pirateria.
Fu soprattutto sotto il regno di Elisabetta I (1558-1603) che lo Stato inglese protesse e favorì i corsari*.
Questi, con le loro navi veloci e bene armate, assalivano e depredavano i galeoni… spagnoli, carichi di merci, oro e argento.
II più famoso di questi corsari fu Francis Drake, che la regina onorò conferendogli il titolo di sir (baronetto).
L'importanza economica dell’attività dei corsari fu davvero notevole. Nel Cinquecento il 15% dei guadagni del commercio inglese proveniva dalla vendita di merci frutto delle loro razzie
*Corsaro:
pirata riconosciuto da uno Stato, che dava una "lettera di corsa" (da cui il nome), con la quale egli otteneva ufficialmente permesso e l'incarico di attaccare e saccheggiare le navi dei Paesi avversari
  
Nell'immagine, la regina Elisabetta I… tiene tra le mani un setaccio, che è simbolo di purezza e allude all'integrità morale della sovrana
C’è bisogno di “spiegazioni”, per accorgerti della situazione nella quale sopravvivi, poiché non ti è permesso vivere (esistere secondo la tua particolare caratteristica, in libera e sovrana partecipazione, nel rispetto di ogni altra forma di vita, In Comunione)?
No. Davvero, no…
Ogni forma di ma/se (però), risalta sempre e solo come un rifiuto ad auto riconoscerti come parte responsabile inconscia, dello “spianamento globale della vita, sul Pianeta”:
un vero e proprio genocidio, non tanto di specie, quanto di “vita (trattata come merce)”.
In questo spazio (potenziale), che rilevi come SPS… mi esprimo Io, nella potenziale più che speranza, di riportare la sostanza della memoria, che contraddistingue il “valore”, dall'apparenza dell’egoismo di parte.
Una “parte (dominante) immanifesta” e, quindi, che non prendi nemmeno in considerazione a livello di immaginazione.
Questa è la sua forza. Questo è il centro della sua potenza “qua, così”.
Riconoscerla è iniziare a ricordarla.
E… accorgerti è:
leggerla in qualsiasi ambito del/nel reale manifesto ‘qua così’”
dato che
è ovunque codificata
avendo lasciato (e lasciando) continuamente “tracce (frattali espanse) di sé”.

L’informazione è sempre (sempre) alla tua portata e il non crederti all'altezza, rientra solamente all’interno del “parco interferenze (AntiSistemiche by dominante)”.
Ossia:
è falso.
E tu sei sempre in grado di decodificare questa “informazione originale, auto contenuta nel tutto, ovunque ed in ogni ‘caso’”.
Sia nel piccolo che nel grande: 
sempre.
Quale “esempio” consegui, in/da un mondo simile?


La reggia di Donald Trump.
Mar-A-Lago, la residenza di Donald Trump, è situata a Palm Beach, in Florida. Occupa un’area di 10 km quadrati, con una villa costruita tra il 1924 e il 1927 che è ora considerata patrimonio storico degli Stati Uniti…
Link 
Come puoi “sostenere” una simile realtà manifesta? Anche se non sei cittadino Usa.
Il “marchio” più caratteristico sul Pianeta è quello della “proprietà privata (della libertà umana)”.
Come lo hai accettato? Come è “già successo”? Come lo hai dimenticato?
“Fai…”.
  
Davide Nebuloni
SacroProfanoSacro (SPS) 2017
Bollettino numero 1977

2 commenti:

  1. Ciao caro Davide, parole "sante", di più GIUSTE.

    Ecco mi sento proprio così:"non si riconosce più, fondamentalmente, in nulla."

    Questa è la descrizione del film Robot Overlords:
    "Gli esseri umani sono in guerra con i robot e il giovane Sean e' alla ricerca di suo padre, scomparso dopo l'avvento delle macchine. Nella speranza di trovare il genitore in vita, Sean si infiltra insieme ai suoi amici nelle fila degli avversari e tenta anche di liberare l'umanita' dagli invasori."
    E' il riassunto della trama SPS, a livello sostanziale, se lo trasliamo frattalMENTE, non trovi?

    Ieri sera ho avuto questa "pensata": Equitalia è la nuova forma di "pizzo" da pagare alla mafia. Una forma legale, pulita, evoluta. Ascoltando le storie di chi ha avuto loro visite c'è da piangere. Ti dicono: "hai da pagare diecimila euro di verbale, ma se paghi subito ti facciamo lo sconto, paghi solo tremila e ti eviti avvocati e lungaggini procedurali." Quasi tutti, spaventati, pagano. Anche perchè, e loro lo sanno bene, tutti hanno sempre qualche magagna. E in ogni caso, come la piramide ci ricorda, chi paga è sempre solo il pover'uomo.

    Un abbraccio
    :-)
    Fabio

    ps: hai poi incontrato il film "passengers"? C'è il trailer che gira in questi giorni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fabio, in un certo senso, sì. Anche se nel caso reale attuale, l'umanità è sotto ad "incanto", alias... apparentemente non è in guerra contro un "invasore". Bensì, è in guerra contro se stessa, divisa e separata in casa... da "qualcosa" che non appare poiché dimenticat3.

      Vero: il modello "Equitalia" è il lavaggio del denaro sporco.

      Progressivamente, sto ricordando sempre più, la vera funzione di SPS (Mia).

      No, non ho ancora visto Passengers. Sorry :)

      Grazie. Ti abbraccio.

      Serenità

      Elimina

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...