venerdì 24 giugno 2016

Una realtà dove cambia quello che "serve".





Cambiare
Avvicendare operando una sostituzione, sostituire
Rendere diverso, trasformare
Subire mutamenti, modificarsi, trasformarsi…
Mutare relativamente a qualcosa
Assumere aspetto o natura diversa…
Link
Dovresti intenderti con gli altri “tuoi” simili, in maniera tale da comunicare tra voi, più linearmente
Ossia, capendovi
Ma… utilizzando il linguaggio, nella sua forma convenzionale “lato umano, dominato”, l’esito non può essere diverso da ciò che prevede la (è previsto nella) convenzione stessa:
  • qualcosa che dipende da qualcosa, che dipende da qualcosa
  • con qualcosa che non dipende da quel qualcosa
bensì
  • è qualcosa d’altro.
Chiaro?
Ora, questo qualcosa d’altro”… non è mai preso in considerazione, come quella “mano” che apre una botola nel tetto, di una stanza perfettamente isolata dall’esterno, ed introduce qualcosa, in maniera tale da condizionare l’esistenza di coloro che sopravvivono all’interno... ritirandosi immantinente (mano), con l’intenzione di non essere manifesta e, così, di non rientrare nell’economia e nella congettura (tradizione, religione, scienza, spiritualità, credo, etc.) del “mondo di sotto (il ‘qua così’)”.
E, questo qualcosa d’altro”… esprime, a livello frattale espanso, la dominante (la ragione fondamentale, per la “forma” del reale manifesto, conseguente).
Ergo:
tutto quello che succede in un “dominio”, è dipendente dalla condizione dominante, stessa.
  


La “tua” realtà manifesta “qua, così (dipartentesi dal momento di “è già successo”), è completamente sotto al controllo di una forza, che si avvale di qualsiasi altra forza (non consapevole di questa “sua” condizione diretta/indiretta di “allo stesso tempo”).
Qualcosa che fa la differenza e che devia tutto, di conseguenza (senza mai rientrare nell’ottica convenzionale della propria manifestazione, per come se l’aspetta la Massa, ossia, per come è stata abituata la Massa ad aspettarsela).

 
Ciò che ti viene in aiuto è un potenziale e cioè… il potenziale di accorgerti, a partire dalla caratteristica frattale espansa ambientale, in toto.
Una prospettiva, prima ancora di qualsiasi altro aspetto o sostanzialità.
Di fatto, la prospettiva attraverso la quale inquadri, poi, tutto… può essere di due tipi:
  • tua
o
  • “tua”.
Ossia:
  • altra.
Il che introduce, nella stessa scena manifesta – seppure “qua, così” – anche la “figura dominante (altra)”.
Quindi, la prospettiva (ottica di quinta dimensione), può essere:
  1. lato tuo, centrale
  2. lato tuo, dominato
  3. lato dominante, centrale.
A queste tre profondità dell’essere (consapevolezza), corrisponde una diversa intensità di “possessione dominante”. 
Ma… le cose non sono così lineari, nemmeno quando le elenchi in semplicità.
Infatti, questi tre stati, corrispondono anche a livelli di “coscienza” e, non sempre, una prima classificazione risulta completamente esaustiva, allorquando la prospettiva – dalla quale inquadri non solo il reale manifesto “qua, così”, ma… di più… molti più possibili reali, percepibili dal potenziale.

 
Ad esempio, la condizione di “lato dominante, centrale” è quella relativa alla dominante, ma non solo; infatti, una simile condizione definisce il livello di “potere (condensato nella forma reale manifesta, conseguente)” ma non definisce il livello di “consapevolezza (rispetto a sé)”. Ok?
La dominante può essere anche un Troll, ma… questo non la differenza dallo stato di consapevolezza (ipoteticamente "limitato") di un… Troll.
Mentre, un essere nella condizione di “lato umano, dominato”, può avere una consapevolezza espansa, anche a fronte di una condizione, “fisica”, dominata.

 
Anche se (se immagini per bene), la condizione di “essere dominati” non termina di certo con la condizione fisica ma, continua in profondità temporalmente (nella convenzione)… sino a dominare anche la consapevolezza (evoluzione della involuzione "lato tuo, dominato"). 
Questo, implica che “ora… il ‘qua così’”, sia qualcosa che risulta come una miscellanea di situazioni diverse, solo in parte unificate (con la “forza”) dal momento di “è già successo”.
Ergo:
il tempo non ti “dice tutto”, essendo un tessuto predisposto dalla dominante, al fine di cancellare e di mantenere la tua memoria/esperienza, al di là di te stesso/a.
Ci sono come delle “isole temporali… in giro da qualche… parte”.
Oppure, se meglio credi (immagini) sei direttamente tu, isolato/a su un’isola temporale… di parte (dominante).
E, questa, non è fantascienza, poiché SPS non sostiene nulla, se non quel tipo, persino, di “logica”… che permette tutto, senza che “questo” e per “questo”, sia sempre classificabile da “te”, sulla base della convenzione.

 
Ossia, se tendi a riparametrare tutto (anche l’effettivamente “nuovo”), sempre, alla stessa condizione sostanziale (che ha già previsto, tutto), allora… qualsiasi “spunto” risulterà come disinnescato all’origine, essendo – prima ancora – già del tutto miracoloso, in una condizione di dominio assoluto, che un simile “spunto” giunga ad emersione attraverso di te o, meglio, per mezzo della “tua” forma deviata e ripiegata su/in se stessa.
La convenzione è una interfaccia, una “Stele di Rosetta”, una icona.
Il riferimento massivo, che assorbe, ricalibra e riforma… l’opinione pubblica (che, quindi, non esiste ma c’è).
Su questa “via (strategia)”, la dominante ti può “dare anche tutto (permettere)”… tanto, poi, il tutto ritorna esattamente da dove è venuto (previsto), con l’aggiunta che tu non puoi prendertela con la ragione fondamentale, bensì, tendi a prendertela con tutti e con te stesso/a, lasciando alfine “il tempo che hai ritrovato”, consumandoti – però – temporalmente.
Il tuo “consumo” corrisponde ad una “alimentazione”.
Che cosa alimenti, “qua, così”?
Lo status quo.

 
La democrazia, la libertà, il libero arbitrio, i diritti, l’evoluzione, il progresso, la civilità, etc. corrispondono “qua, così” alla… “coperta troppo corta”.
Ossia, ciò che ottieni lo ottieni sempre a discapito di altro.
In economia, ad esempio, è la stata la decisione di “lasciar libera una moneta, disancorandola dal potere di un bene/valore di riferimento (fixing)”.
In Italia… il fixing dei cambi è stato sospeso in seguito alla svalutazione del 1992 e abolito dalla legge 312/1993…
Link

 
Lasciar libera (di fluttuare) una valuta, non significa “liberarla dalle dipendenze internazionali, interne/esterne, etc. ma, significa solamente lasciarle “tutto lo spazio possibile”, in maniera tale da conferire – alla Massa (relativa) – la sensazione “nuova” di essere, allo stesso modo, libera, in democrazia, indipendente, sovrana, etc.
In realtà, la “sensazione” è un surrogato di tutte quelle “belle cose (virtuali)”.
Così, il controllo diventa più profondo (speculativo), sempre meno manifesto, non locale, in leva, wireless, etc. Insomma, gli attributi della tecnologia… permettono l’inasprimento del controllo stesso, che così “passa come in secondo piano, mimetizzato come è dall’apparenza tecnologica stessa”.
E, ovviamente, l’apporto intensificante della dominante, non è solo tecnologico (per come ti aspetti la tecnologia).
Infatti, è tecnologica anche l’evoluzione della politica, della finanza, della filosofia, della religione, etc.
Tutto fa brodo… in un calderone”.


Leggi (le prossime due citazioni) ed accorgiti per contrasto, frattale espanso “lato tuo, centrale”.
Brexit, Farage: con il Leave vince la gente per bene
"Una vittoria per le persone reali, una vittoria per la gente comune, una vittoria per la gente per bene
Abbiamo combattuto contro le multinazionali, contro le grandi banche d'affari, contro la grande politica, contro la menzogna, la corruzione e l'inganno e oggi l'onestà e la decenza e la fiducia nella nazione penso stiano per vincere
Spero che questa vittoria ci porti a un'Europa di Stati nazionali sovrani che negoziano insieme…".
Nigel Farage (che ha chiesto ai britannici di fare del 23 giugno "il nostro giorno dell'indipendenza").
Link
Brexit, Goldman Sachs: Preparati a ogni evenienza da molti mesi.
Goldman Sachs, prima banca d'affari del mondo, rassicura il pubblico sui risultati del referendum sulla Brexit.
"Rispettiamo la decisione dell'elettorato britannico - ha detto in una nota Lloyd Blankfein, presidente e amministratore delegato dell'istituto - e ci siamo concentrati sulla pianificazione su entrambi i possibili risultati del referendum per molti mesi.
Goldman Sachs ha una lunga storia di adattarsi ai cambiamenti, e lavoreremo con le autorità competenti, quando i termini della uscita del regno Unito diventeranno chiari.
Il nostro obiettivo primario, come sempre, resta servire le esigenze dei nostri clienti... ".
Link
Tu sei, forse, un "cliente" di Goldman Sachs? Dunque?
  • abbiamo combattuto contro le multinazionali, contro le grandi banche d'affari, contro la grande politica, contro la menzogna, la corruzione e l'inganno e oggi l'onestà e la decenza e la fiducia nella nazione penso stiano per vincere…
  • ci siamo concentrati sulla pianificazione su entrambi i possibili risultati del referendum per molti mesi. Goldman Sachs ha una lunga storia di adattarsi ai cambiamenti, e lavoreremo con le autorità competenti, quando i termini della uscita del regno Unito diventeranno chiari. Il nostro obiettivo primario, come sempre, resta servire le esigenze dei nostri clienti
Ok?
Le informazioni “lato tuo, centrale”, ci sono sempre. Accorgiti di ciò e di quello che continua a succedere, a partire da quello che “è già successo”.
Ormai, “qua, così”, la dominante ti può concedere di tutto, anche se non ti servirà a nulla, poiché, “il tutto serve solo alla dominante… ‘qua così’”.
Ricorda, tuttavia, la condizione prospettica di “allo stesso tempo”.
Ricorda sempre il (tuo) potenziale.
E la condizione di memoria frattale espansa…
Oltre alla fondamentale neutralità del sistema operativo frattale espanso. Qualcosa che releghi, non casualmente, al luogo comune di “fantascienza”.

Torre Eiffel? No. Scie chimiche...

Sei nell’AntiSistema, e non è mai cambiato niente “qua, così”, poiché si regge su cardini dominanti, che sono sempre gli stessi, nonostante tutto quello che sei portato/a a… pensare.
Ogni dettaglio del nuovo lager fu ideato per devastare i prigionieri. La sofferenza era parte integrante del progetto
I locali non vennero costruiti per alloggiare… ma per distruggere”.
Auschwitz – I nazisti e la Soluzione Finale
Quel “test (esperimento)” ha dato luogo alla società “moderna”, di stampo occidentale.
Il sogno americano…”. Ricordi?

 
Oggi, la società “libera”, in toto, è un gigantesco lager (dotato di tutti i confort). 
Qualcosa all’interno del quale, unicamente, muori (perché questa è la convinzione pubblica, nonchè, la "fine" pubblica).
Ma, prima di farlo, tendi a soffrire quasi costantemente (se ci pensi bene).
Infatti, puoi soffrire in infiniti modi e la “ricerca nazista di sterminare sistematicamente” è sfociata, appunto, nella realtà manifesta attuale.
Le città non sonocostruite per alloggiare… ma per distruggere…”. E così è, anche se non ti pare. Ok?
La società è ospedalizzata. Le malattie impazzano, anche se la “medicina” trova sempre il modo per “fare qualcosa (fosse anche solo medicina palliativa)”.

Cosa “cambia ‘qua così’”? Nulla. Perché non è previsto, piuttosto che non è permesso.
È diverso, sai?
Così “non ci pensi”, anzi, “non immagini nemmeno”.


Se queste voci saranno confermate si tratterebbe di un importante cambiamento nelle strategie di Apple per iPhone.
Infatti il ciclo del telefonino è della durata di due anni.
Nel primo viene introdotto il modello nuovo, nel secondo invece il dispositivo viene migliorato e potenziato e viene presentato un nuovo software.
Quest'anno invece potrebbe segnare una nuova strada…
Link
Se “innovi (fai ‘impresa’)” a cosa pensi?
A prodotti 1) con parti di ricambio, 2) a scadenza e 3) aggiornabili (all’interno del desiderio di un monopolio, esclusiva, brevetto/copyright). Ossia?
L’innovazione è uno schema circolare “lato interesse, di parte”
Qualcosa che, nel tempo, "ti consuma".
Come, allora, puoi “celebrare” Steve Jobs, ad esempio?
Fai attenzione:
  • quest'anno invece potrebbe segnare una nuova strada
  • se queste voci saranno confermate si tratterebbe di un importante cambiamento nelle strategie di
  • quale “nuova strada” se sempre nelle “strategie di…”?
Accorgiti.
Il “cambiamento” è una “trasformazione” di quello che “è”, sulla scorta di quello che “è già successo”

 
La sostanza è stata giudicata sicura non solo dall'organo nazionale americano, ma dalla commissione scientifica europea, dalla Fao e dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.
Nonostante però i giudizi positivi sulla sicurezza dell'aspartame, la Ajinomoto (azienda giapponese… leader mondiale per la produzione di aspartame presente in oltre 100 Paesi del mondo… [che]… impiega quasi 25 mila persone…) ha deciso di recente di rinominare la sostanza in AminoSweet.
Potrebbe trattarsi solo di un rispolvero dell'immagine dell'aspartame, ma le continue discussioni che si protraggono ormai da oltre 30 anni sembrano essere la causa principale di questo cambiamento
Link
Verso cosa tendi? Cosa… ignori?
Nella relazione tra l’economia e il popolo, il popolo costituisce l’elemento immutabile, mentre l’attività economica in se stessa, non è un dogma e non deve essere considerata in tal modo.
Non c’è teoria economica o opinione, che possa pretendere di essere considerata come sacrosanta.
La volontà di porre il sistema economico al servizio del popolo e il capitale al servizio dell’economia, è la sola cosa di importanza decisiva”.
Discorso di Hitler al Reichstag (1937)
I britannici scelgono la Brexit, 7 conseguenze dell'uscita dall'Ue
Link
Non deve essere sempre e solo una questione “economica e di costi”, in una situazione controllata attraverso la legge del minimo.
Con il termine Olocausto si intende la persecuzione e lo stermino sistematici di circa sei milioni di Ebrei, attuati con burocratica organizzazione dal regime Nazista e dai suoi collaboratori.
“Olocausto” è un termine di origine greca che significa “sacrificio tramite il fuoco”…
Link
Olocausto… è un termine di origine greca che significa… sacrificio”.
Non è mai cambiato nulla, sostanzialmente.
 
Articolo apparso sul San Francisco Chronicle e intitolato "La tragedia dei profughi".
L'articolo conteneva l'intervista a Moses Beckelman, del Comitato Congiunto Ebreo Americano, una organizzazione di soccorso.
In essa si discuteva come i rifugiati ebrei e polacchi sovraffollassero le città di Shanghai, Kobe (Giappone) e Lisbona (Portogallo), tutte tappe del viaggio verso il Nord e il Sud America.
La causa principale di quel sovraffollamento era la scarsità di visti d'entrata e di transito, a sua volta causata dalla chiusura delle proprie frontiere agli immigranti da parte di molti paesi.
Maggio 1941…
Link
Telepatia Verticale.
Telepatia vuole dire influenza a distanza e telepatia verticale, indica la distanza di livello fra
La Telepatia verticale… è dunque la facoltà di ricevere dall'alto, dal supercosciente individuale o dai livelli del supercosciente al di fuori dell'individuo stesso.
Come quella orizzontale, si distingue in spontanea e provocata o, sperimentale.
Nella spontanea, rientrano tutti i fenomeni ispirativi…
Link
  • telepatia vuole dire influenza a distanza
  • telepatia verticale, indica la distanza di livello fra
  • la Telepatia verticale… è dunque la facoltà di ricevere dall'alto
  • si distingue in spontanea e provocata o, sperimentale
  • nella spontanea, rientrano tutti i fenomeni ispirativi (ne sei così… certo/a?).

 
Yoga - Yoga, nasce dalla radice sanscrita "yuj" che significa congiungere, unire.
Si può definire come scienza dell'unione tra l'aspetto personale e quello transpersonale dell'uomo.
Ma la parola-radice yuj significa unione, nel senso di "dominio", quindi per Yoga s'intende il dominio e la disciplina degli elementi inferiori della natura umana, da parte di quelli superiori
Link
Il dominio e la disciplina degli elementi inferiori della natura umana, da parte di quelli superiori
Dominare non è, mai, una “buona condizione sostanziale (quando una parte viene sottomessa ad un’altra)”. 
Anche se… esiste, in realtà, solo una “parte (condizione di disinnesco, politica, filosofica, religiosa, spirituale, al servizio dello status quo)”.
Ogni “parte” ha la sua prerogativa. Ok?
Altrimenti, “qua, così”… che parte avresti, se… di fatto, non contassi nulla (visto… il dominio e la disciplina degli elementi inferiori della natura umana, da parte di quelli superiori…).
  
Un momento. Alt. Ma “qua, così” è proprio… così. No?
 
Accorgiti…
    
Davide Nebuloni
SacroProfanoSacro 2016/Prospettivavita@gmail.com
Bollettino SPS numero 1848
 

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...