martedì 6 maggio 2014

Forma d'onda, confine e rimbalzo.


Finalmente entrammo in una galleria che divenne sempre e sempre più ampia finchè, a un tratto, la volta scomparve, portandosi a un’altezza alla quale la luce delle torce non poteva giungere.
Ancora un centinaio di metri e ci trovammo sull’orlo di un’acqua quale non avevo mai veduto. Era nera e immobile, oscura in modo da sembrare quasi invisibile, più simile a un pozzo senza fondo che a un lago.
Non un’increspatura ne turbava la superficie, non un suono violava il silenzio. Anche la roccia sulla quale ci trovavamo era nera; riluceva alla luce delle torce…
Antiche civiltà ed alieni - Lobsang Rampa
Prima di “venire alla luce” - qualsiasi “cosa” sia la… luce, che pensi di conoscere (senza avere la possibilità di confrontarla con nient’altro, che non sia di questo Mondo) - dove sei e che cosa sei? 
Non è, forse, il nascere paragonabile all’attraversare la sopracitata “galleria”, per poi sbucare da qualche altra parte a diversa intensità luminosa? Non è forse come il camminare, il procedere in un ambiente sconosciuto per poi, alfine, giungere al cambiamento di densità, derivante dall’atmosfera presente in un altro ambiente?
In tutto ciò… cosa rappresenta l’umano ed il suo incedere? In quale misura, l’umano, interagisce con l’ambiente che lo… accoglie (?)?
Trattasi di una invasione, di un “taglio netto”, oppure, di un’apertura dalla quale si fuoriesce per iniziare a camminare in altro modo? Gli ambienti che natura hanno? Che cosa sono e cosa rappresentano?
Sei, forse, su un’astronave a scompartimenti stagni? Abiti, dunque, in un insieme di infrastrutture artificiali, oppure, in un insieme naturale di insediamenti riproposti da altro/i? O che altro?
Ritieni il territorio naturale, evidenziato sulla/nella Terra 3d attuale, la tua sede definitiva, anche dopo la tua morte? Cosa sai a tal proposito? Cosa significa, per te, il morire? Ed il… vivere? Che cosa sei? Chi sei? Di cosa sei fatto? Cosa ti accade quando muori? E quando vivi? E quando sogni? E quando dormi? E quando mangi? I tuoi pensieri sono veramente tuoi? Chi ispira tutto quello che è in questa dimensione fisica?

Esiste Dio o il Creatore, dal tuo punto di vista? Che cos’è il denaro per te? Ne sei succube in maniera oltremodo simile ad una malattia? Oppure in un certo senso ne sei immune?
Fai attenzione a quello che esprimi, in qualsiasi modo. Perché?
  
Perché sei costantemente sotto controllo. Tutto il tuo intero “processo”, lo è!
E lo puoi capire anche frattalmente, attraverso la captazione di ciò che attiri, volente o nolente...

I primi scatti della Sentinella del Pianeta.
La Sentinella del pianeta è operativa e ha inviato i suoi primi scatti. Sentinel 1, la sonda dell'Esa - l'Agenzia Spaziale Europea - lanciata in orbita lo scorso 3 aprile, dopo Bruxelles e la Namibia ha catturato alcune spettacolari immagini dei ghiacciai in movimento più rapido del continente bianco, il Thwaites e il Pine Island Glacier, oltre alla parte settentrionale della Penisola antartica...
I colori indicano come la terra, il ghiaccio e l'acqua riflettono in modo diverso il segnale radar.
Disponibili entro un'ora dalla loro ricezione a Terra, queste immagini rappresentano una vera e propria prova generale delle potenzialità di Sentinel 1 che con la sua "vista radar" sarà in grado di effettuare osservazioni anche di notte e attraverso le nubi.
Link
Disponibili entro un'ora dalla loro ricezione a Terra… perché un simile “ritardo”?
Quanto è “autentico” questo articolo? Quanto di vero ti viene detto? Quanto di alterato corrisponde a ciò che “respiri”? Una frase entra dentro di te, portando con sé – come se fosse un vettore – il proprio contenuto, che “fai tuo” senza nemmeno saperlo. Fai la prova diretta:
ciò che leggi anche solo qualche minuto “prima”, lo (ri)porti al “bar”, alla mattina, quando con qualche collega “devi scambiare qualche frase di circostanza”. 
La tua competenza e la tua attenzione verso l’attendibilità della fonte è pari a zero, perché:
  • non te ne importa veramente nulla
  • devi “solo” scambiare quattro chiacchiere
  • non dai importanza a quello che dici né al contenuto di quello che ricevi
  • la tua attenzione verso le “notizie” che respiri e riporti è pari a quella di una notizia di Borsa, che dopo qualche secondo è già “fuori corso” ed inutilizzabile se non proprio per le chiacchiere da bar.
Ma, il tuo inconscio registra tutto; anche ogni leggerezza attraverso la quale assumi le somministrazioni che, attraverso l’ambiente, ti penetrano e si diffondono in te con la valenza del virus.

Lancia un sasso in un fiume e lo vedrai scomparire dal pelo d’acqua, tuttavia, esso continuerà ad esistere al di sotto. Ossia, il frutto della tua azione, che è seguita al pensiero, che è seguito all’idea, che è seguita all’opera ispiratrice in te… è ancora “vivo sul fondo del fiume”.

Sei tu? In un certo senso, sì… perché tutto quello che nasce da te, sei te sotto ad altra forma.
Se tu lanci il sasso e sei anche ciò che hai lanciato, puoi anche ritenerti l’opera ispiratrice del “lancio”?
Questo ambito apre il discorso filosofico, spirituale, religioso, politico, etc., che ti riguarda quando sei "vivo" e disperso per i quattro venti, in un insieme di “altro ed altri”, che come te “non sanno null’altro in relazione a sé, oltre al fatto di riuscire a considerarsi "vivi", solo perché una simile definizione coincide con i sintomi che li caratterizzano”…
Il tuo insieme è caldo, il petto “sale e scende” con continuità, il cuore batte, provi emozioni, sorridi o piangi, canti, parli, balli, etc., insomma, puoi ritenerti vivo, no?
Pensi!
Ci sei, dunque?
Allora… esattamente, che cosa “prova” un animale rinchiuso in una gabbia dello zoo? E se quell’animale fosse nato direttamente nello zoo? Se non avesse mai conosciuto altro zoo al di fuori di quello? Se il guardiano fosse il suo “Dio”? Come potrebbe anche solo sfiorarlo l'idea, che esso provenga da un altro ambiente nativo, se sa esistere solo lo zoo e ciò che lo circonda nei "pressi dello zoo"?
Un animale agisce per istinto e tu no? Tu no, perché ti dicono che sei un essere superiore ed "intelligente"?

Fai attenzione al tuo genere e a quello “anima(le)”.
L'animale è quindi l'essere complesso che vive del vivente.
Non ha la serena immobilità della pianta, né la sua leggera autosufficienza - che campa di minerali, acqua e luce:
l'animale è quello che non si basta, è il peripatetico in perenne ricerca fuori da sé. Per mangiare, per riprodursi, per amare.
L'etimologia ci racconta poi una qualità fondamentale dell'animale, la più evidente e la più affratellante: il respiro
Link
Tu sei un… anima(le).
Sono le “gradazioni” dell’anima(le) che risultano ed appaiono come differenze biodiverse sul/nel piano 3d, in/su cui cammini e “fai/sei”.
A questo link (se ce la fai) puoi seguire un interessante filo legato alla creazione del denaro dal nulla, al sistema denaro e ad un sacco di “regole campate sul nulla… o meglio… sulla tua accettazione del denaro”.
Tu permetti l’esistenza del denaro e qualsiasi altra teoria, viene sempre dopo di te!
Le leggi ed i vuoti di legge, (ri)colorano il Mondo, solo in seguito ad ogni tua (non)decisione.
Per tacito assenso, tu conferisci potere a qualcosa/qualcuno che, evidentemente, ha necessità impellente del tuo “permesso”; segno inequivocabile che:
  • esiste un ordine superiore di leggi, che deve essere onorato, nella forma e forse anche nella sostanza, ma che – nel reame Temporale deviato – può essere raggirato a norma di legge, attraverso il ricorso ai cavilli, che permettono tutto ed il contrario di tutto
Te ne stai accorgendo? Non ne ha la forza, vero? Ogni tanto ti insospettisci ma, non ce la fai proprio ad andare oltre ed a continuare. È diventato talmente normale, ormai, che non ci fai più nemmeno caso e non ci dai più nemmeno tanto “peso”.

Ti abitueresti a tutto. Anche ad essere schiavo (basta che non mi schiacciano i piedi, però! Altrimenti divento una “bestia” e allora mi sentono!)…
Ma non ti accorgi che non serve nemmeno più, che ti “pestino i piedi”?
Come può qualcuno che “non esiste” pestarti i piedi? Quando una legge ti obbliga in solido, che cosa fai? Con chi te la prendi? Con gli orsetti da luna park dei politici? Solo perché guadagnano un sacco di soldi?

E allora, pensa a questo:
  • quanto guadagna, ad esempio, un “bravo” calciatore, per “calciare” una palla?
Un politico, a confronto, è un poveraccio. Se non sei d’accordo, mi dispiace per il grado incantesimale a cui sei sottoposto.

A proposito: il Pil del Portogallo è “compreso Ronaldo, oppure no”? Perché il conteggio cambia…
Il fascino della storia, come quello del mare, risiede in ciò che cancella:
l'onda che sopraggiunge fa sparire dalla sabbia la traccia della precedente.
Gustave Flaubert
Un fascino leggermente “perverso”.

 Osserva a cosa sei “obbligato”:

In questa "registrazione sul web", se non dai il tuo “consenso”, non puoi procedere oltre. Allora, perché non ti chiedi: “a cosa serve la scelta”?
Semplice: la scelta è apparente e viene dopo la “scelta” che è stata già presa… avanti te (a monte).
 
La scelta serve per convincerti di far parte ed essere in un “Sistema”, che ti tiene in considerazione e che “dipende da te”. In realtà, in questo tuo “stato di forma”… tu sei completamente bypassato dal potere di controllo.
Perché devi scegliere tra più direzioni che, in realtà, coincidono?
Perché sei sotto controllo…


Osserva come “pensa” la speculazione:
metti in relazione la notizia su Mps (in alto a sinistra) con il suo risultato pratico in Borsa (nei titoli azionari a destra).
Ad una perdita di 1, 439 miliardi di euro corrisponde un guadagno del “titolo” del 2,56%.
Ossia, accade esattamente il contrario... rispetto a quello che saresti tenuto a pensare.
Il fattore Tempo e ciò che risulta già “scontato” (differita), ti tagliano costantemente fuori, facendoti sempre giungere in "esatto ritardo".
La Massa è sempre in antitesi rispetto alla tendenza ed al risultato.
Ciò che si annida tra il Controllo e te, “campa di questo”, con il permesso del “superiore” a cui fa certamente comodo, perché “ti toglie risorse e ti trattiene”…

Una pagina web non viene visualizzata, non si "materializza", se avviene un "errore di interpretazione del linguaggio che la sottintende". L'interfaccia prepara lo scenario convenzionale a cui sei abituato, mantenendoti sempre distante dall'opera che lavora al di là dell'apparenza...
Le multinazionali sono costituite da una strana miscela di sinergie che, infine, risponde interamente a qualcosa che materialmente è distaccato e non appare mai:
gli azionisti di maggioranza? Naa…
Coloro che hanno creato il concetto di multinazionale, che l’hanno permessa ed in un certo senso “edificata nel virtuale, nell’eterico, nell’immaginario, nell’intenzione”… come ogni altra “cosa”.
Edificare “casa” non è diverso dall’edificare “cose”:
è solo a livello cronologico che cambia la scansione di “reale”.
L’insieme delle leggi controllano la “forma delle città, degli Stati, dell’Impero”… pur senza essere dotato di fisic(o/a).
Quando una legge ti “tocca”, che cosa ti sopraggiunge e coordina?

Qualcosa che entra in “armonia” con qualcosa che è già in te:
idea e pensiero = azione (ti rechi a pagare ad uno sportello attrezzato ad hoc).
La legge è un obbligo ma anche una responsabile azione, un dovere per mantenere lo stato di diritto, la civiltà, tutto ciò che conosci, che sai e che, supponi abitualmente, caratterizzarti (ritornello della canzone).
La legge abbonda laddove gli esseri viventi non sanno ordinarsi in armonia. Altrimenti, la legge non servirebbe a nulla.

Recentemente, in Inghilterra, Tricia Kelleher, preside della scuola privata ritenuta la migliore del Regno Unito, e Tony Little, rettore di Eton, hanno aspramente criticato l'annuncio del ministro dell'educazione Michael Gove di spingere sull'acceleratore della valutazione esterna delle scuole tramite i test standardizzati

Il timore è che, con la valutazione esterna, le scuole siano motivate ad insegnare in vista dei test, in inglese teaching to the test
Esposto a stimoli ripetitivi o in grado di fissare le strutture grammaticali nella memoria, il soggetto richiamerebbe automaticamente alla mente l'informazione senza averne alcuna reale conoscenza o comprensione. Si chiama effetto drill and kill, eredità del comportamentismo... 
Gli studenti più divergenti sono quelli che prediligono le soluzioni meno ovvie ai problemi, le quali sono però più difficili da circoscrivere all'interno di un test standardizzato. Ma se anche fosse, essi hanno bisogno di tempo nel ragionamento. Siamo sicuri, quindi, dicono gli scettici, che, cronometro alla mano (la prova di lettura in seconda elementare è cronometrata in due minuti), si favorisca una mente creativa e divergente, e non si finisca invece per selezionarne una più conformistica e convergente?...
Link 
Ma che cosa si va a misurare (trovare)? La divergenza o la convergenza? Domanda assolutamente retorica, in quanto non sussiste nessuna "ricerca" (serviranno sia gli uni che gli altri)...
Esposto a stimoli ripetitivi o in grado di fissare le strutture grammaticali nella memoria, il soggetto richiamerebbe automaticamente alla mente l'informazione senza averne alcuna reale conoscenza o comprensione.
Si chiama effetto drill and kill, eredità del comportamentismo…
"Fora ed uccidi".
  • così come si abbattono gli ostacoli e le… montagne.
  • una idea viene inseminata e poi “esplode” in profondità.
  • la deflagrazione apre la via per qualcos’altro, che intende passare di lì.
  • l’effetto collaterale viene osservato, mentre la causa passa inosservata…
Non c’è un autentico modo per scomparire effettivamente dai database del Controllo. Tu sei un “numero” e le macchine si nutrono ed oliano dei/coi numeri.
Tu non puoi sparire ma puoi “cambiare forma” ed un numero può rimanere attaccato alla tua vecchia forma fisica, come un segno di usura dell’esistenza, appiccicato/inciso alla vecchia muta di un serpente o al bozzolo di una farfalla.


Ciò che lasci viene preso. Cerca, allora, di lasciare la versione obsoleta di te, mentre la tua essenza prende un’altra via e solo in seguito un’altra forma…
Che cosa lascia veramente il Pianeta?
Le onde. Ciò che “esprimi”.
Le onde, tuttavia, si infrangono ai confini del Sistema Solare?
Questo è un loop mentale dovuto alla non conoscenza diretta ed alla mancata applicazione dell’Analogia Frattale. Non puoi basarti sul concetto di violazione del Sistema Solare, solo perché ti dicono che le sonde Voyager lo hanno fatto…
Le sonde sono una eccezione costruita ad arte per cementare la convinzione che “solo manufatti tecnologici possono andarsene” (peraltro sempre sotto controllo).
Le (s)onde sono “spie”. Le (s)onde non sono libere.
E le onde? Ecco ancora il loop. Usando la mente, la mente usa se stessa per analizzare tutto ciò che viene (ri)dipinto di mentale…
L’Analogia Frattale è l’utilizzo della mente in chiave Sincronica Istintiva.
È ancora mente... ma sotto ad altra “forma”, interfacciata con altra circuiteria dell’essere (qualcosa di paragonabile a vecchie suppellettili abbandonate in solaio da Tempo immemorabile o a tubi calcificati e quasi otturati)…

Le parole di Hitler dove sono giunte, ormai? Il film Contact evidenzia questo aspetto…
Le sue parole sono state rimbalzate indietro, sulla Terra 3d, arricchite d’altro... che solo attraverso opportuna decodifica è possibile trovare, capire e realizzare.
Le onde vanno e poi rimbalzano, (ri)tornando indietro. Il confine del Sistema Solare, seppure convenzionale, è dotato della possibilità fisica del “rimbalzo”, perché concetto di natura mentale, autorizzato dalla mente auto osservante ed incatenante il costrutto rappresentato dall’Ibrido Human Bit.
 

Il film “9” mette ben in evidenza la spinta mentale su quella animica. La forza più vicina su quella più lontana, a prescindere dalla “potenza di base” della forza.
Non ci hanno lasciato niente, perchè noi dobbiamo rimediare ai loro errori?
9
Come puoi vedere il frammento Animico?

Se “ragioni” così… rimarrai intrappolato in un Universo mentale…
Il “dentro” ti rimarrà per sempre invisibile, seppure manifesto all’esterno sotto ad altre forme frattali.
La forma non dice tutto. La forma permette però di essere “indagata” anche attraverso altri “occhi”, perchè ha in sè "tutto"...
Analogia Frattale Sincronica Istintiva (Multi Circuiteria Ibrida Human Bit).
Sono guarito perché “Tutto… Dipende da me". 

Davide Nebuloni 
SacroProfanoSacro 2014/Prospettivavita@gmail.com