giovedì 23 settembre 2010

Un mondo che crolla "tra le righe".






Crollo dei politici in Germania.
I tedeschi non hanno fiducia nei loro politici. Appena il 17% crede a deputati e ministri, a qualunque partito appartengano, secondo il sondaggio della Management.com, allargato a 27 diverse categorie professionali.
Un risultato che spiega come l'astensione vada crescendo di elezione in elezione anche nel paese di Angela Merkel. Solo i venditori di auto usate ottengono un voto altrettanto scadente. Per fare un paragone, in un diverso sondaggio, i politici italiani raggiunsero appena l'8%.
Ai suoi tempi, Gerhard Schröder dovette subire l'onta di una commissione sulle sue bugie elettorali e fu subito soprannominato «Pinocchio». Forse solo i tedeschi possono pretendere che i candidati dicano la verità prima del voto, ma il troppo è troppo: Gerhard aveva promesso una cosa, immediatamente dopo la vittoria fece l'esatto contrario. Una truffa? La commissione assolse il Cancelliere: si era sbagliato nei calcoli. Ma gli elettori non lo perdonarono. Come non perdonano i liberali del ministro degli esteri, Guido Westerwelle. Aveva promesso generosi sconti fiscali e di investire nell'istruzione. Non ha realizzato nulla: colpa della crisi, si è giustificato. Ma un politico, ritengono in Germania, dovrebbe conoscere la situazione. Se si votasse domenica, l'Fdp, i liberali che governano la Germania assieme ai democristiani della Merkel, rischierebbero di non superare nemmeno lo sbarramento del 5%.
C'è una speranza, secondo il sondaggio: la fiducia aumenta tra i cittadini giovanissimi, tra i 14 e i 19 anni, i quali sono il doppio più ottimisti degli adulti, ma forse perché non si interessano alla politica. E comunque anche la loro non è certo una quota rassicurante.
Tra le categorie che riscuotono invece la fiducia dei cittadini, troviamo al primo posto quanti si occupano della salute (medici, infermieri e farmacisti), che giungono al 50%. I banchieri, come era da prevedere, vengono bocciati: solo il 9% dei tedeschi si fida di loro, contro il 13,7% degli svizzeri e il 17,7% degli austriaci. Anche pastori protestanti e preti cattolici, dopo i recenti casi di pedofilia, ottengono voti pessimi: ha fiducia in loro il 16% dei tedeschi. Ma appena il 10% degli austriaci.
I tedeschi stimano con quote sempre inferiori alla sufficienza i pompieri, i poliziotti e, in misura minore, gli avvocati. E in verità neanche i giornalisti se la passano bene. Appena un terzo dei tedeschi ritiene degni di fiducia i miei colleghi. In genere li considerano manipolabili dai politici e dalle grandi società.
Fonte: Yahoo

Questa notizia è molto rilevante in termini di consapevolezza e non solo. Per dimensione e per target, ossia quella popolazione tedesca che è  "seguita" alle generazioni dell’orrore, del sonno del Nazismo. Quando un intero popolo rinunciò ad essere se stesso, seguendo a ruota l’ideologia fortissima di Hitler & Co. 

Anche se quella situazione fu figlia di "mire" spietate pianificate in ben altre coordinate geografiche. 

Ricordo come il frattale Saddam Houssein replicherà, decine d’anni dopo, quello di Hitler. Ad unire questi due personaggi c’è una cosa sola: il loro inizio e la loro mesta fine e l’energia che li ha “animati”.

Le generazioni tedesche, riunite dopo il crollo del muro di Berlino del 1989, costituiscono un esempio di raro rinnovamento individuale e globale. Il popolo tedesco è “cresciuto”, è maturato tantissimo dopo l’esperienza de conflitto mondiale. Hanno saputo unire la loro pragmaticità naturale ad un nuovo senso di appartenenza relativo alla Terra, la loro alta “carica nazionale” al richiamo di un mondo aperto e condiviso. Ricordo che la Germania ospita un numero molto elevato di extracomunitari, di cui la comunità Turca è forse l’apice più evidente.

Queste mie semplici parole vogliono esprimere il mio personale senso di ammirazione per questo popolo, tanto ricco di "buon fare", che più volte si è perso per “strada” ma che, alla fine, sembra avere trovato un equilibrio duraturo degno di nota. Insomma, si cade per imparare a rialzarsi. I tedeschi lo hanno dimostrato in pieno.

La notizia di apertura di articolo, “poggia” su questa solida struttura sociale; ossia se la popolazione è rispecchiata in quello che è sviscerato più sopra, allora significa veramente che “qualcosa sta cambiando”.

Il malcontento può essere anche una moda da cavalcare, per coloro che intendono solo impossessarsi di una “poltrona” e continuare a godere degli “antichi” privilegi che ne conseguono. Ma può essere anche “vero”; foriero di cambiamento. 

La differenza con l’Italia è già molto evidente, ad esempio. Infatti, in generale, all’estero le persone con cariche pubbliche che “sbagliano”, vengono dimesse e ritenute responsabili dell’operato

In Italia questo non avviene. 

La "Casta" è molto forte e unita e si protegge sempre. Quando “salta” qualcuno è perché funge solo da capro espiatorio. Le “cupole” esistono dappertutto ed in ogni “ansa” professionale. Però in Italia, queste sono davvero particolari: molto chiuse in se stesse, arcigne.

Se dobbiamo cercare il cambiamento concreto, lo dobbiamo cercare dapprima in nazioni più “aperte” e, paradossalmente, la Germania è proprio una di queste Terre. Il popolo tedesco è noto per essere duro, tenace, quadrato, logico, epico; sembra che non ci sia posto per la “fantasia e la creatività” italica. Eppure in risultati reali, il popolo tedesco riesce a fondere insieme il proprio lato solido a quello “importato” più “etereo”. Risultato? Una strana e virtuosa miscellanea di sana compartecipazione alla Vita.

L’Italia può lanciare le idee, essere sempre presente nell’innovazione ad ogni livello. Può contribuire alla crescita globale in questa maniera, ma poi si ferma inesorabilmente lì. Perché? Perché gli italiani sono troppo individuali, nella loro diversità geografica e grado di comune intesa. 

Gli italiani sono diventati mediamente "pigri". Vivono di luce riflessa...

È come cercare di mettere insieme dei galletti che abitano in uno stretto pollaio. Pur ricchi di grandi doti si azzufferanno in continuazione. Il cambiamento reale verrà dapprima in altri luoghi.

Il tratto comune è che la fiducia nelle persone e nelle amministrazioni pubbliche è pari a percentuali risibili. 

Ora, dobbiamo fare attenzione a questo malcontento, perché può essere voluto e non “nativo”. L’Antisistema è molto astuto e subdolo. Utilizza per i proprio scopi ogni modalità dell’essere umano. La manipolazione, l’astuzia sottile, l’inganno è assai utilizzata e diffusa. Alla fin fine, per lo scopo di ancorare il genere umano il più tempo possibile alla dimensione densa. 

Ma  quale è il vero scopo di tutto ciò? Nella conferenza “Influssi Luciferici, Arimanici, Asurici” tenuta da Rudolf Steiner a Berlino il 22 marzo 1908, egli fu estremamente chiaro a tal proposito, spiegando che questi “influssi” energetici all’interno dell’uomo, crescono e mutano insieme all’evoluzione stessa dell’uomo. Sono essi stessi parte dell’evoluzione umana. Tutto ha un senso.

Ciò che sembra bloccare “scioglie”. Ciò che sembra favorire “coagula”.

E tutto insieme “insegna”.

“Dobbiamo presentare al nostro animo il corso dell’evoluzione dell’umanità da un punto di vista ben preciso. Già altre volte l’abbiamo fatto: ma oggi cercheremo di farlo anche da un altro punto di vista

Abbiamo spesso guardato indietro ai tempi che hanno preceduto il grande diluvio atlantico, ai tempi in cui i nostri antenati ossia le nostre stesse anime nei corpi dei nostri antenati vivevano nell’antico continente atlantico situato fra Europa, Africa e America. Abbiamo guardato indietro a tempi ancora più antichi, che designiamo come i tempi lemurici, nei quali le anime umane che oggi sono incarnate stavano ad un livello d’esistenza assai inferiore all’attuale

Cercheremo ancora una volta oggi di risalire a quell’antica epoca. Per cominciare diremo: l’uomo ha conseguito il suo gradino attuale nella sfera del sentimento, della volontà, dell’intelligenza, e perfino nell’ambito della sua figura, inquantoché a dar forma all’esistenza terrestre hanno cooperato quelle entità spirituali che nell’universo sono superiori all’uomo

Abbiamo più volte descritto quali entità spirituali abbiano contribuito a ciò. Abbiamo parlato degli spiriti che chiamiamo i troni, degli spiriti della saggezza, degli spiriti del movimento, della forma, della personalità e così via

Sono questi i grandi artefici ed architetti dell’esistenza: sono queste le entità che passo per passo hanno fatto progredire il nostro genere umano fino al punto attuale dell’esistenza. Oggi però dobbiamo anche chiaramente rappresentarci che anche altre entità e altri spiriti sono intervenuti, oltre a quelli che hanno fatto progredire l’evoluzione umana. 

Sono in certo modo intervenute determinate entità spirituali che si contrappongono come nemiche alla potenze spirituali del progresso. E possiamo indicare per ognuno dei periodi evolutivi sia per il periodo lemurico, sia per l’atlantico, sia anche per il postatlantico in cui viviamo oggi, quali sono le entità spirituali che hanno per così dire ostacolato l’evoluzione quali sono le entità spirituali che si sono contrapposte come nemiche alle entità che intendono solo far progredire l’umanità...
 
Se in ogni pietra, in ogni pianta, in ogni animale l’uomo avesse veduto lo spirituale, mai egli sarebbe caduto nell’errore e perciò nel male; bensì, se su di lui avessero influito solo gli spiriti del progresso, l’uomo sarebbe stato preservato da tutte le illusioni a cui sempre dovrà soggiacere se si fonderà soltanto sulla testimonianza del mondo dei sensi. 

Ebbene, che cosa hanno intrapreso contro questa tentazione, contro l’errore e l’illusione dovuti al mondo dei sensi, le entità spirituali che intendono trattenere l’uomo nella corrente del progresso? Hanno intrapreso questo: che l’uomo concretamente, e questa volta a buona ragione, fosse per così dire trasportato fuori del mondo dei sensi (naturalmente la cosa è avvenuta lentamente e per grado, ma queste ne sono le cause); in tal modo hanno ridato all’uomo la possibilità di portare e realizzare il proprio karma

Così, se le entità cui spettava di pareggiare la tentazione degli spiriti luciferici hanno portato nel mondo dolori e sofferenze ed anche la morte che vi è connessa, le altre entità invece cui spettava di correggere ciò che nel mondo dei sensi fluisce dall’errore, hanno dato all’uomo la possibilità, attraverso il karma, di mettere da parte ogni errore , di cancellare ogni male da lui introdotto nel mondo.
Infatti che cosa sarebbe successo se l’uomo fosse esclusivamente caduto nel male, nell’errore? In tal caso l’uomo a poco a poco sarebbe diventato, per così dire, una cosa sola col suo errore; e gli sarebbe stato impossibile di progredire; perché con ogni errore, con ogni menzogna, con ogni illusione, noi ostacoliamo la via del progresso”.
Fonte: Rudolf Steiner 

Le “modalità” cambiano di pari passo all’evoluzione, al tempo, alla spinta collettiva. È sufficiente notare questa dinamica riflessa praticamente in ogni “cosa” umana. In ogni artefatto dell’uomo è immediatamente evidente; un esempio lo sviluppo dei personal computer, dei cellulari, dei videogiochi, delle attività lavorative, etc. Tutto scorre…

Domanda 22 - Quali sono oggi i principali assoggettamenti di un discepolo mantenuti dalla Gerarchia? Gli stessi di un tempo? Per esempio, insensibilità alle impressioni, inerzia, paura, materialismo, ecc.?
 
Anche qui, la Gerarchia non è unanime. Dal punto di vista del Lyricus, di cui conosco meglio la prospettiva, attualmente ci sono tre assoggettamenti principali nei discepoli di oggi:
 
1. Agiscono in un CoD (Cave of Disconnection=Antro di Scollegamento) che mina lo spirito di collaborazione e di condivisione richiesto per ravvivare e rivitalizzare gli insegnamenti. La metafora dell’antro è, a tal proposito, pertinente perché un discepolo tende naturalmente a mantenere gli insegnamenti esoterici come esoterici. Questo si applica non solo al Sentiero di Saggezza della Loggia Bianca, ma anche ai campi collegati della genetica, della fisica delle particelle, della teoria del suono e della luce, della cosmologia, della nuova psicologia, e così via. I discepoli hanno bisogno di educarsi in tutte queste aree perché sono tutte tra loro collegate a ciò che chiama l’umanità.
 
2. Gli insegnamenti del Sentiero Sacro non sono né rigidi né completi. I discepoli devono conservare la loro flessibilità e disponibilità non solo per sviluppare gli insegnamenti contemporanei in nuovi territori di espressione, ma anche nel cercare come gli insegnamenti possano essere sintetizzati o ibridati con i nuovi insegnamenti che stanno emergendo. I discepoli tendono a restare bloccati nei paradigmi tradizionali e a proteggere il loro interesse intellettuale per amor dell’ego e per l’abitudine alla comodità.
 
3. E’ difficile rendere l’esoterico essoterico a meno che non sia chiaramente mostrato dalla natura etica che il discepolo manifesta nella sua vita. In altre parole, la coerenza di giuste relazioni e la volontà per il bene si esprime fedelmente nella corrente della vita dell’individuo. Ciò necessita che una persona abbia un approccio di comunicazione eccezionalmente disciplinato, e uso il termine ‘comunicazione’ nel suo significato più ampio.
Fonte: Wingmakers

 

2 commenti:

  1. che sollievo e´per le nostre Anime ascoltare
    che finalmente sta divenendo tangibile il
    nostro Risveglio. e per rimanere in tema col fratello Rudolf, CIASCUNO DI NOI E ´CHIAMATO
    A DIVENTARE UNO SPIRITO LIBERO, COSI´COME OGNI
    SEME DI ROSA E´CHIAMATO A DIVENTARE UNA ROSA.
    AMA RE ne e´la Via la Verita´la Vita.V V B.
    come, di rispetto un saluto a RE David.

    RispondiElimina
  2. Caro Amico,
    abbiamo anche necessità di "concretezza" :)

    E' giunto il tempo di realizzare i nostri sogni...

    In piena libertà!

    Grazie di Cuo Re...

    Una Buona Vita

    RispondiElimina

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...

Per favore, non lasciare commenti senza firma. Non voglio Spam. Grazie.
Please, don't leave comments without signature. I don't want Spam. Thanks.