mercoledì 18 ottobre 2017

Accorgiti a qualsiasi livello ma accorgiti.



Quale “è” il significato delle “cose”, di/nel tutt3 ciò che accade? 
E, “chi”… c’è immancabilmente “dietro (oltre, al velo dell’apparenza che è fisica, quindi, assolutamente insospettabile se… la parte che osserva, la Massa, è abituata a non vedere logicamente altr3 che non sia nella convenzione la… convenzione). 
Il significato è “in Dio”? 
No. Semmai, è “Dio” ad essere il simulacro del simbolosignificato di quello che succede = ragione fondamentale attraverso la quale, tutt3 continua a succedere”. 
Dio è:
luogo comune
simbolo
del sostanziale “è già success3”
ossia
della compresenza gerarchica immanifesta dominante.
“Dio” è, dunque, la memoria logica (“credo”) del significato di ciò che ti caratterizza “qua, così”:
te ne accorgi, tuttavia, se (se) diventi un tutt’uno con l’atteggiamento “formulare”, che è sempre (sempre) in grado di mantenere il focus al livello maximo
quello, appunto, dominante.


Attraverso l’analogia frattale espansa “formulare”, ti accorgi, ricordi e, sopra a tutto, rimani “in coerente lungimiranza” in quanto a… frequenza (programma) del funzionamento. 


Per una simile analogia cogli quelle “sfumature” che, altrimenti, sarebbero solo… sfumature poetiche, artistiche, fini a se stesse, svuotate del/dal loro valore aggiunto. 
Qualcosa che esiste, c’è ed “è” come un laser che punta sempre dritto al bersaglio (target, obiettivo), nonostante il percorso che sembra portar via, ogni volta che t’imbatti in una vicissitudine (qualunque accadimento che, “qua, così”, è sempre e solo causale; quindi, una/la strategia sotto – alla – dominante).
“Ora”, se (se) mantieni questa coerenza in qualcosa/qualcun3 (realtà manifesta “qua, così”), dove tutt3 continuano a non “ricordare”, allora (di conseguenza) sembrerà paranoia questa modalità responsabile dell’essere “qua, altresì”. 
E, anche, questo “fatto” non è casuale, dato che c’è un “comitato di accoglienza” che ha già preparato tutt3, al fine di rimettere a posto qualsiasi ambito smosso da un simile passaggio, reso fugace dalla consuetudine AntiSistemica. 
Questo “comitato” è alquanto radicato all’interno del territorio, essendo una lunga militanza “qua, così”.




I signori illuminati e i saggi generali vincono dovunque muovano, e si distinguono per i meriti dalla massa grazie alla preveggenza.
Tale dote non si prende dagli esseri sovrannaturali, né si ottiene limitandosi a raffrontare gli eventi e a verificare i calcoli.
La conoscenza della situazione nemica viene invariabilmente ottenuta attraverso gli uomini.
Le spie da utilizzare sono di cinque tipi:
spie native; infiltrati interni; doppiogiochisti; spie votate alla morte; spie destinate a vivere.
Se i cinque tipi di spie operano assieme seguendo vie che nessuno conosce, si parla di intreccio sovrannaturale… (le informazioni possono essere raccolte come pesci, tirando una cordicella in modo da unire le maglie di una rete…)’.
Esse sono un tesoro per il sovrano”.
L’arte della guerra – Sun Tzu
Re-ligione = col-legare tutt3 al... "Re".
Immagina (utilizza un’altra logica):
se (se) migliaia di anni or sono
qualcun3 applicava/aveva già questa conoscenza (astuzia, saggezza, lungimiranza, memoria, etc.)
allora… sino a quale punto è già arrivat3, “oggi”?
È semplice: 
significa, al di là di ogni interpretazione di parte, che… “è già success3”.






Una tale “conoscenza” ha dato luogo (si è trasformata) nell’odierna “Rete”, laddove non si è avverato nessun “cambiamento”; nella Rete, la “Rete”.
Internet è la forma più comoda (dopo il leggerti nella mente) per spiarti e sapere tutt3 di te “qua, così”.
La summa delle "cinque spie" oppure, la sesta.
L’intero percorso storico umano è la “storia di questa arte dello spionaggio”, all’interno della quale – gli storici – narrano la vicenda deviata umana, senza per/con questo accorgersi del significato che s’incarna, incarna ed incarnano continuamente sotto (alla) dominante.
In operazioni di guerra è meglio mantenere intatto uno stato piuttosto che portarlo alla rovina; è meglio mantenere intatto un esercito piuttosto che distruggerlo…
Il meglio del meglio non è vincere cento battaglie su cento, ma bensì sottomettere il nemico senza combattere.
La suprema arte militare consiste nell’insidiare le altrui strategie…”.
L’arte della guerra – Sun Tzu
Nel “calcolo del Pil” moderno, probabilmente, è più vantaggioso distruggere esercito e Stato (infrastrutture personalizzate), in maniera tale da “insediare” il proprio tornaconto sottodominante, all’interno del tracciato (ex) esterno, così da seminare ad “immagine e somiglianza” nuovamente – anche a “distanza” – il proprio tornaconto. 
Ovvio che, questa strategia è una sotto strategia (qualcosa che serve in un determinato “momento”, mentre rimane valido il progetto, superiore, di avvolgere tutt3 senza dare troppo nell’occhio, alias, simulare inconsciamente ed automaticamente il “è già success3” dominante)…
I signori illuminati e i saggi generali vincono dovunque muovano, e si distinguono per i meriti dalla massa grazie alla preveggenza.
Tale dote non si prende dagli esseri sovrannaturali, né si ottiene limitandosi a raffrontare gli eventi e a verificare i calcoli. La conoscenza della situazione nemica viene invariabilmente ottenuta attraverso gli uomini”:
dalla prospettiva assoluta, dominante, gli umani sono sempre intelligibili (accessibili)
il che significa 1) che il pensiero di Sun Tzu indica la strategia dominante pre avvento (“è già success3”) e 2) indica la strategia sotto (alla) dominante, delle sottodominanti, post avvento (“è già success3”).
Il che, ulteriormente, significa che 3) già al tempo di Sun Tzu era “già success3” l’avvento dominante… dato che utilizza espressioni come “esseri sovrannaturali”:
la dominante non ricorre a simili analogie, dato che conosce alla perfezione la situazione “al di fuori” di sé, avendo memoria che non esistono “esseri sovrannaturali”, se non… dalla prospettiva sotto (alla) dominante stessa, in quanto a “spiegazione AntiSistemica” della forma reale manifesta – costantemente sfuggevole – “qua, così”.
È solo chelogica, ma (ma) da un’altra inclinazione della logica stessa (prospettiva). 
Da quella coordinata (“punto”) che “è”, di più quella viva compresenza (dominante) attraverso la quale:
un qualunque oggetto fissato ad un punto di sospensione e soggetto alla gravità costituisce un pendolo
Link 
La dominante non agisce da una certa prospettiva, ma (ma) diventa (“è”) laprospettiva (per tutt3 coloro che susseguono inconsciamente, indirettamente; anche se succede sempre consciamente, direttamente, esistendo solo il conscio e la modalità diretta. Per cui, esisterà un “dispositivo” nel conscio e nella diretta, tale che sia la fisica dimostrazione del funzionamento deviato by la dominante). 
Il “punto di sospensione” è un altro indizio fisico (frattale espanso) che ti porta alla dimostrazione fisica dell’esistenza della compresenza gerarchica immanifesta dominante… Solo che “qua, così”:
Piove ma non ci credo…”.
Paradosso di Moore
Se (se) agganci (ti insospettisce) il fare di una sottodominante e se (se) l3 investighi solo in tal senso, allora (allora) stai solamente conseguendo nella differita che è la “tua” diretta AntiSistemica
Certo, perché… la sottodominante è “una delle sette miliardi di frecce, all’arco dominante” e, come tale, può essere in qualsiasi momento “terminata, sacrificata, abbandonata, isolata, utilizzata per deviare ulteriormente, etc.”, proprio come quella “spia votate alla morte (descritta ed utilizzata già migliaia di anni fa)”:
si parla di spie votate alla morte quando si divulgano false informazioni, facendo in modo che le proprie spie le apprendano e cadano poi in mano nemiche”.
L’arte della guerra – Sun Tzu
Capisci il “significato”? 
Sei potenzialmente “intelligente”, quindi lo puoi “ricordare” ma (ma) “qua, così”… capirai quello che devi capire, auto confermando lo status quo...
E il Lossia è interprete di Zeus, suo padre…”.
Eschilo. Eumenidi 1-34
Tuttavia la divinità inglobata nella sfera della cultura greca manteneva alcuni dei caratteri orientali della divinità, come ad esempio l'ineffabilità, la figura androgina, l'aspetto di Dio cacciatore ed inseguitore del lupo (da cui Apollo Liceo), le qualità di Dio ambiguo od obliquo (Lossia) ma, per chi sapeva capirlo rettamente, salvatore e liberatore.
Con la calata dei Dori (XII -XI secolo a.C.), una volta annientati i Micenei, il santuario, verosimilmente, subì l'umiliazione e la distruzione dei vincitori e solo verso il IX - VIII secolo a.C. fu riaperto e si risollevò, ma con un Lossia del tutto trasformato e in linea con la nuova Religione
Link 
le qualità di Dio ambiguo od obliquo (Lossia) ma, per chi sapeva capirlo rettamente, salvatore e liberatore (ricordi il significato?)
il santuario, verosimilmente, subì l'umiliazione e la distruzione dei vincitori e solo verso il IX - VIII secolo a.C. fu riaperto e si risollevò, ma con un Lossia del tutto trasformato e in linea con la nuova Religione (quale migliore esempio necessita la situazione “qua, così”, in maniera da essere perfettamente ri “formulata”?).
Re-ligione = col-legare tutt3 al... "Re". Quale... "Re"?
Il “Dio” fu… conquistato da un altro popolo. Poi, lo stesso Dio (nome), fu riabilitato in quanto ad arma di auto convincimento di Massa (qualcosa che vale più di “cento guerre tutte vinte...”).
Ossia (antico “o sia”)… ha significato e uso affine a cioè, e si adopera per introdurre un chiarimento, una determinazione
Link 
Il Lossia; il significato di tutt3 ciò che continua ad accadere, ossia (per chi sapeva capirlo rettamente, salvatore e liberatore…)... il “è già success3” by dominante…




Tale “funzione” è la descrizione del sistema operativo frattale espanso (la App, il “Genio”, l’Intelligenza Artificiale, Dio, l’Io = Device Input Output, il funzionare interattivamente) nella sua qualità tri-unitaria di “memoria (frattale espansa)”. 
Qualcosa che esisteva già allorquando l’umanità era molto distante dal corrente anno, ma (ma) sempre (sempre) sotto allo stesso punto di sospensione “ora (adesso, oggi)”… qualcosa che credi essere “tempo” ed, invece, “è” la strategia sotto (alla) dominante. 
Il pendolo si muove sotto al punto immobile, al quale è appeso invariabilmente
Ogni “suo” movimento è solo successivo e sempre (sempre) dipendente e conseguente da quell’infinito, compresente gerarchico immanifesto… “punto di dominanza”, da cui deriva anche la simbologia divina e l’intuizione di “Dio”, a/in qualunque punto della Terra, essendo non locale, ubiqu3, wireless, in leva, universale, etc.
Da “lì” proviene la forma mentis (“logica, credo, ispirazione”)… “qua, così”.
Nella presunta “diversità” di ogni logica, c’è sempre (sempre) “solo” quella conseguente alla (ed auto indicante la…) dominante.
Sapete, penso a mia figlia. A quello che le è stato risparmiato. A volte ringrazio per questo
Ci dissero che non aveva sentito niente. Era entrata subito in coma. E a un certo punto da quella oscurità è scivolata in un’altra, più profonda.
Non è un bel modo per morire? Senza dolore. Da bambina felice.
Quando muori da adulto, il guaio è che sei cresciuto. Il danno è fatto. È tardi
Credo che sia da presuntuosi a continuare a sottrarre un’anima alla non esistenza e relegarla nella carne. Trascinare una vita dentro a questo tritatutto. E mia figlia, lei, mi ha risparmiato dal peccato di essere padre…”.
True detective
Quando avevo quelle visioni, la maggior parte delle volte pensavo di essere mattoma c’erano altre volte in cui pensavo di riuscire a svelare la realtà segreta dell’universo…”.
True detective
Voi non sapete chi siete, eppure lui vi conosce… Questo mondo è un velo… e il vostro volto non vi appartiene…”.
True detective
Gira e rigira gli serve solo una scusa
la fregatura è che c'è sempre un altro che paga
e c'è qualcuno che indaga per estirpare la piaga
però chissà come mai qualsiasi cosa accada
nel palazzo lontano nessuno fa una piega
serve una testa che cada e poi chissenefrega
Il Mio Nemico - Daniele Silvestri
Le persone “intuiscono” ma non capiscono (non ricordano, non ricollegano) perché hanno già dimenticato (e continuano sempre a farlo)… 
Ciò che ha “scolpito” Sun Tzu si è trasformato. 
Ed “ora”… è ancora identico nella sostanza.
Il mio nemico non ha divisa
ama le armi ma non le usa
nella fondina tiene le carte Visa
e quando uccide non chiede scusa...
e se non hai morale
e se non hai passione
se nessun dubbio ti assale
perché la sola ragione che ti interessa avere
è una ragione sociale
soprattutto se hai qualche dannata guerra da fare
non farla nel mio nome
non farla nel mio nome
che non hai mai domandato la mia autorizzazione
se ti difenderai non farlo nel mio nome
che non hai mai domandato la mia opinione
finché sei in tempo tira
e non sbagliare mira...
il mio nemico non ha nome
non ha nemmeno religione
e il potere non lo logora
il potere non lo logora
il mio nemico mi somiglia
è come me
lui ama la famiglia
e per questo piglia più di ciò che dà
e non sbaglierà
ma se sbaglia un altro pagherà
e il potere non lo logora
il potere non lo logora…
Il Mio Nemico - Daniele Silvestri 
È così da quando una scimmia ha guardato il Sole e ha detto all’altra scimmia, 'lui ha detto che tu devi dare a me la tua cazzo di parte'…”.
True detective
Non rammentate voi, o signori, un'altra discussione avvenuta nel 25 febbraio 1862 intorno ad un'interpellanza dell'onorevole Boggio sui comitati di provvedimento e sul diritto di associazione?
Dai deputati, che presero parte a codesta discussione, furono sostenute opinioni molto difformi. Più o meno larghi erano i principii che ciascun di essi professava; ma tutti furono in questo concordi, che al Governo incombe di reprimere gli abusi del diritto di associazione, quando trascendono ad atti, i quali possono costituire una violazione delle leggi od un'usurpazione dei diritti, che spettano ai poteri costituiti
Tornata del 13 dicembre 1867. Camera dei Deputati — Sessione del 1867, tornata del 13 dicembre 1867, Presidenza del Presidente Commendatore Lanza
Link 
Per capire che tutta la tua vita, tutto il tuo amore, il tuo odio, il tuo dolore, erano la stessa cosa.
Erano semplicemente un sognoche si è svolto in una stanza sprangata e grazie al quale hai pensato di essere una persona
E come molti sogni, c’è un mostro che ti attende alla fine…”.
True detective
Il primo ministro Cavour morì il 6 giugno 1861 e il Re diede l'incarico di formare il nuovo governo a Bettino Ricasoli.
Costui privilegiò la “Questione romana” a quella veneta, poiché riteneva che fosse dalla capitale pontificia che il brigantaggio antiunitario traeva maggiore forza e alimento
Link 
In quale “sicurezza”credi
Quella che giunge attraverso gli slogan della “pubblicità”, di qualcun3 che intende venderti il “proprio” prodotto, non accorgendosi, al livello dominante, che “è” un Cavallo di Troia (una spia)...
Scoperta una falla mondiale nelle reti WiFi
Tecnicamente qualsiasi computer, smartphone e router può essere a rischio per questo attacco hacker.
I ricercatori spiegano che “questo attacco funzionerebbe contro tutte le reti moderne WiFi protette”…
Link 
Quale sicurezza? 
Quella che ti raggiunge attraverso le “parole (molto di più che promesse da marinaio)”…
L. Bilancio, Uil: su pensioni non va, nel sistema non c'è equità
Link
L.Bilancio, Padoan: da Camusso definizioni curiose su rendite.
"Quella di Camusso è una definizione curiosa". Così il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan... ha replicato alle parole della segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso, che ha accusato la Legge di Bilancio di favorire le rendite e lo status quo.
"Abbiamo messo ingenti risorse - ha spiegato Padoan - per rafforzare il reddito di inclusione e per la lotta alla povertà".
Link
Bankitalia, fonti: svolte funzioni con competenza e coscienza.
"La Banca d'Italia fa interamente il suo dovere nelle diverse funzioni che svolge, applicandovi competenza e coscienza"...
"Il Governatore... è pronto a essere ascoltato dalla Commissione quando essa vorrà".

Link 
Orsi ha chiesto la rimodulazione delle funzioni della Consob che spesso si trova ad "esercitare troppe parti in commedia"...
Link
Fondi e compravendite fittizie, i trucchi dei manager Etruria
Link
Confesercenti: lentezza giustizia costa 40 miliardi, 2,5 punti Pil
Link 
Questa “lentezza” è (significa) al livello sottodominante (sotto – alla – dominante) che:
il “costo” corrisponde al “guadagno” dell’intermediazione
come in Borsa (e “qua, così”)… tutt3 si trasforma
il denaro esce da una tasca, solo per entrare in un’altra (questo è il "cambiamento")...
13 ottobre 2017
Fatturazione a 28 giorni: la IX camera ha approvato la risoluzione
Link 
Davvero? Come mai, allora, il 17 ottobre 2017 tale norma non è entrata nella manovra di bilancio?
"Invece delle parole il Governo dovrebbe passare ai fatti, considerato che l'Agcom ha espressamente vietato la fatturazione a 28 giorni, e nonostante tale divieto società telefoniche e Pay Tv si stanno facendo beffe degli utenti e dello Stato Italiano... afferma il presidente Carlo Rienzi...
Il comportamento illegittimo degli operatori va avanti da mesi, e non capiamo cosa si aspetti ancora ad elevare una maxi-sanzione nei confronti delle società scorrette e adottare provvedimenti a tutela degli utenti, i quali stanno pagando milioni e milioni di euro in più a causa di fatture fuorilegge"…
Link
"Il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda ha dichiarato ora che la questione delle fatture a 28 giorni, invece che a 30, è una cosa che va messa a posto il più rapidamente possibile, perché è una cosa inaccettabile.
Bravo, giusto! Allora si batta con noi per inserire l'emendamento nella Legge di Bilancio". Lo afferma Massimiliano Dona, presidente dell'Unione nazionale consumatori.
"L'intervento del legislatore - aggiunge - è urgente per la semplice ragione che in questo momento, in violazione della delibera 121/17dell'Authority delle Comunicazioni, i consumatori stanno pagando per la telefonia un aumento delle tariffe dell'8,63%, ma nessuna legge attualmente in vigore prevede che quei soldi siano poi obbligatoriamente restituiti ai clienti".
"Se, quindi, vogliamo evitare lunghi contenziosi legali e Class Action, la legge non solo deve estendere la fatturazione mensile anche alle Pay Tv e alla telefonia mobile ma deve anche prevedere l'immediata restituzione dei soldi ai consumatori " conclude Dona.
Link 
L’intermediazione (lobby) ti porta via (“costa”) il proprio interesse (guadagno).
Significativamente, l’esistenza dell’intermediazione corrisponde al “tra i due… il terzo gode”.
Di “chi” si tratta? 
Della compresenza gerarchica immanifesta dominante. del resto:
tra il dire ed il fare, c’è di mezzo…”. No?
Tutto ciò ha sempre (sempre) un “mare” di significati, ma (ma) nella gerarchia, di conseguenza, c’è significato e significato:
quello fondamentale
è il riferimento alla “silente” ragione dominante “qua, così”.
Accorgiti a qualsiasi livello ma (ma) accorgiti, però.
“Fai… che te ne ricordi”.
    
Davide Nebuloni
SacroProfanoSacro (SPS) 2017
Bollettino numero 2165