martedì 13 dicembre 2016

Bollettino di raccordo.



Il presente Bollettino (e, almeno, il prossimo)… saranno considerati “di raccordo”, tra i precedenti e i futuri. 
Sì, perché è d’uopo inserire tutti quei riferimenti nozionali, ma altamente simbolici a livello frattale espanso, che saranno molto utili a “col3i, coloro (chi/cosa)” verrà, in seguito, ad analizzarli profondamente, al fine di auto generare la grande concentrazione di massa (qualcosa che è un insieme tra personalità, carattere, atteggiamento, centralità auto sostenibile, indipendenza non sequenziale, terzo stato “lato proprio/umanità, centrale” in giustizia ad angolo giro e In Comunione).
Insomma: come un Sole.


C’è, infatti, molta “informazione” sensibile e significativa, da non tralasciare
Segni del tempo, ma non solo.
Agganci e riferimenti incrociati a ciò che continua a succedere “qua, così”, sulla spinta di ciò che “è già successo (momento, punto, attimo… Big Bang, etc.).
Quindi, in questo Bollettino e, almeno, in un altro… a seguire, potrai incontrare “informazioni” collegabili sempre a livello di centralità frattale espansa, ma… che non sempre, probabilmente, riuscirai a sostenere a livello di “logica sequenziale”.
Non importa.
Perché ogni Bollettino non è un’opera d’arte, che necessita del preciso ed elegante lavoro di rifinitura.
Dato che SPS (Io) non scrivo per partecipare ad un concorso in stile letterario.
Bensì, alimento quella “fiamma” che continua ad alimentare Me. Qualcosa che non è nulla che puoi comprendere “qua, così” ma, al limite, qualcosa che puoi “solamente” trovare il modo di ricordare (dal momento in cui, tutto questo non è una proprietà privata o una facoltà del tutto singolare, unica ed irripetibile. Ma è, di più, “la via, direzione, tendenza” che spinge verso una risoluzione temporale, che è al di fuori del tempo stesso, pur standoci dentro. Perlomeno, di questo ramo ultra secolare “qua, così”, permesso e controllato wireless... dalla compresenza immanifesta dominante: dalla ragione fondamentale “a monte” di tutto).
Ci sono, circa, duemila Bollettini, accumulati in SPS (Me).
C’è un percorso, già percorso.
La registrazione molto chiara di quello che è già successo dal settembre 2009, in poi. Ci sono aspetti che sono comparsi e poi scomparsi, lasciando il posto ad altri aspetti sempre più “centrali”
C’è una prospettiva che “non c’era inizialmente” ed ora, all’opposto, si è manifestata.
C’è molto da “vederci” dentro.
È un cammino che, grazie anche a tutto quello che ora risulta come “superat3 (format3)”, ha una sua particolare “forma”, significato, sostanza e simbologia sostanziale frattale espansa:
il ritorno a ricordare
dalla propria memoria, esperienza
già format3.

Da quel “momento” che è in grado, ancora adesso, anche da sé… di fare la differenza
Qualcosa di capace di “donarti la vista”, insieme ai ricordi.
Una questione di “momento”:
da quello di “è già successo” e dimenticato
a quello di “è già successo” e ricordato.
Una sostanziale differenza, dato che scaturisce da una “configurazione” della tua singolarità:
dal “lato tuo/umanità, dominato”
al “lato tuo/umanità, centrale”.
È come creare una “depressione”, capace di far scorrere le informazioni in un senso piuttosto che in un altro. A tal pro, concentrati sulla sfera del simbolismo frattale espanso:
l’informazione a valore aggiunto
che permea tutto
in ogni “caso”
e che narra ininterrottamente della grande concentrazione di massa, giurisdizionale “qua, così” dominante.

Ossia, di ciò che non riesci più nemmeno ad immaginare, essendosi “camuffat3 ambientalmente, storicamente ed ‘illogicamente’” da tempo indefinito e, per questo, non più ricordat3.
Il “metodo scientifico” appare, ad un certo punto del cammino circolare umano, poiché “serve” soprattutto alla dominante, al fine di tagliare fuori la tua capacità multi sensoriale di scorgerla comunque, ovunque e quantunque. 
Attraverso questo tipo di “vista (logica convenzionale)”, la dominante non ha, infatti, più un senso definito e nel tempo, neanche definibile… se non attraverso tutto quello che non la perde mai di vista, ma che risulta “qua, così” come… “fantasia, leggenda, pazzia, etc.”. 
Qualcosa che risulta sempre da comprovare, secondo il modello AntiSistemico (o scientifico deviato) “qua, così”.

La “tua” logica, emersa nel corso della “notte scientifica”, è qualcosa che occorre decodificare alla lucida aspettativa che la (una) ragione fondamentale – per la “forma” reale manifesta – esiste (e che “non è Dio”, ma Dio è solamente il simbolo frattale espanso, che ti riporta sempre ad un simile “camuffamento straordinario, che diventa ordinato ed ordinario, temporalmente, auto generando forme di adattamento molto simili all'effetto della più pura e semplice, impotenza”).
Impotenza = In Potenza (potenziale); impo r tenza = impo r tanza.
Il tuo auto ricordare e auto ricordarti è sempre possibile, poiché potenziale. Ed il potenziale rimane sempre “quello”, anche se tu non ci credi, non lo “prendi in causa”, non te ne accorgi, non te lo spieghi, etc.
Ci sono ambiti che “funzionano” da sé, automaticamente, a prescindere sia da Te che dall'intenzione dominante.
Uno di questi è, ad esempio:
la memoria frattale espansa
che dipende dalla “forma di funzionamento” originale
del sistema operativo frattale espanso (qualcosa di inarrivabile persino per la dominante, dato che ess3 si avvale della propria facoltà di grande concentrazione di massa, al fine di “pilotare” per delegazione frattale espansa il sistema operativo frattale espanso che, dunque, è qualcosa che “è sempre esistito” e che la dominante si è ritrovato “tutto attorno”, senza sapere come funziona né cosa rappresenta sostanzialmente. Qualcosa che si è limitat3 a “sfruttare”, non avendo dimenticato aspetti che, invece, sono stati obbligati a “tramontare” dentro di te “qua, così”).

La compresenza immanifesta della memoria frattale espansa, attraversa (utilizza) tutt3
Per cui, tutt3, diventa un mezzo vettore per l’informazione originale, a prescindere dal tipo di “censura” dominante, firewall ambientale, AntiSistema, strategia elitaria, etc. e diventa, sopra a tutto, simbolismo frattale espanso:
un messaggio che utilizza la formazione reale manifesta, dettaglio per dettaglio, panoramica per panoramica, singolarità per singolarità, gruppo per gruppo, etc.
al fine di mantenere irrorato l’ambiente reale manifesto, di quella “potenza (potenziale)” che è l’alveolo, la sede… di “concetti (che diventano solida fisicità) ampiamente inflazionati “qua, così” come, ad esempio, quelli di democrazia, libertà, giustizia ad angolo giro, diritto, etc.
Ricorda (sempre, In Coerenza):
simbolismo frattale espanso
informazione “nobile (originale)”
neutralmente sempre disponibile.

Qualcosa che, data la strategia dominante di selezione e controllo dell’informazione (memoria, esperienza), di conseguenza “narra soprattutto della ragione fondamentale dominante e di Te
come quel dipolo attorno al quale si auto genera corrente di passaggio, intrattenuta circolarmente, con dissipazione di calore, creazione temporale locale e giurisdizione, oltre alla sostanza potenziale (sempre presente).
Un esempio di simbolismo frattale espanso
Puoi prenderne atto, sapendo tuttavia che… pur “funzionando” in questa maniera, la mente umana (sotto al possesso della dominante) è inconsapevole di quello che “fa”, dunque, inconsciamente (nel “proprio ‘lato oscuro’”).
Gli studi di genere o gender studies, come vengono chiamati nel mondo anglosassone, rappresentano un approccio multidisciplinare e interdisciplinare allo studio dei significati socio-culturali della sessualità e dell'identità di genere…
Questi studi non costituiscono un campo di sapere a sé stante, ma rappresentano innanzitutto una modalità di interpretazione
Non si limitano quindi a proporre teorie e applicarle all'analisi della cultura, ma mirano anche a realizzare cambiamenti in ambito della mentalità e della società
Link 
rappresentano un approccio multidisciplinare e interdisciplinare allo studio dei significati
rappresentano innanzitutto una modalità di interpretazione
mirano anche a realizzare cambiamenti in ambito della mentalità e della società…
Ok? 
È chiara la portanza di un simile “orientamento potenziale”? Bene. Ora, immaginal3 “lato tuo/umanità, centrale”:
sì.
È possibile poiché potenziale (e tu “esisti”).
Prosegui con il “raccordo”, ora.
Evita il giudizio.
Aggancia il “simbolismo potenziale” ed immaginalo sempre (sempre) in alternativa sostanziale, al di là di ogni forma di status quo “di parte dominante” e, soprattutto, del “qua, così”.
Accorgiti della “mancanza apparente della ragione fondamentale (dominante)”, a monte sia della causa che dell’effetto. Ricorda, in questa maniera, il momento di “è già successo”, nel quale ricordavi ancora tutto.
Cina, produzione industriale novembre migliore delle attese.
La produzione industriale cinese è cresciuta più rapidamente del previsto a novembre in un segnale di stabilizzazione dell'economia.
Nel dettaglio, la produzione industriale è cresciuta del 6,2% rispetto all'anno precedente, leggermente meglio delle attese per 6,1% e della lettura di ottobre.
Le vendite al dettaglio invece hanno registrato un balzo del 10,8%, nel più rapido incremento da dicembre 2015, oltre le attese per +10,1%.
Link 
Clima: Pechino, inquinamento senza precedenti.
Situazione ambientale sempre più grave; visibilità a poche decine di metri.
La Cina, da anni, convive con l'incubo inquinamento; le grandi metropoli urbane sono avvolte da una densa coltre di smog, talmente spessa da offuscare il sole anche nelle giornate estive.
I rimedi messi in campo per arginare questo fenomeno sempre più preoccupante sembrano non aver sortito effetti degni di nota:
è di questi giorni un nuovo allarme smog nella metropoli di Pechino.
Una densa coltre di polveri sottili ammorba l'aria della città, tanto da costringere le autorità locali a sconsigliare attività all'aperto per i cittadini.
Link 
Se (ed è così) tendi a pensare che la “causa” dell’inquinamento sia nell'interesse dell’oligarchia che, di fatto, comanda il mondo... stai solamente confermando a livello simbolico frattale espanso, la compresenza immanifesta dominante, ma non te ne rendi conto.
Infatti, nonostante tutti i tuoi “sospetti (complottismo)”, la causa rimane la lobby, la corporazione, gli industriali, i bancari, l’interesse, il Diavolo, il male, il denaro, la bramosia di potere, etc. di qualcun3/qualcosa di non ben specifico, infatti... ti vengano date notizie continue, che narrano del tal arresto e della tale sventata organizzazione malavitosa, etc. come calcinacci di un edificio intero, che era doveroso manutenere.
Ossia, se la causa è senza apparente via di risoluzione, le conseguenze continuano ad emergere e svilupparsi “a valle”
Ma (ma) se ciò che pensi essere la causa, è di per sé già essa stessa “a valle”? Di chi/cosa?
Della ragione fondamentale:
il “a monte”.
Un “gradino” oltre.
Ok?
Allora, se riassumi quella che credi essere “la causa”, come un effetto a maggior peso specifico, di conseguenza deve emergere la ragione fondamentale.
Ora, rifletti a livello storico:
dove sono andate a finire le “fortune”, accumulate storicamente? E… in “cosa” si sono trasformate e a “cosa” hanno potuto dare luogo?

La top 10 dei più ricchi di tutti i tempi, da Gengis Kahn a Stalin.
Quali sono stati i più ricchi uomini al mondo?
Una domanda cui è difficile rispondere, sia per le informazioni frammentarie e non dirette che abbiamo dall'antichità, sia perché i tempi cambiano, le condizioni sociali ed economiche si evolvono ed è difficile fare un paragone tra un miliardario di oggi e uno di 10 secoli fa.
Ma a provarci ci si è messo il Time, che con l’aiuto di storici ed economisti ha stilato la classifica dei 10 uomini più ricchi di sempre...
Link 
Una domanda cui è difficile rispondere, sia per le informazioni frammentarie e non dirette che abbiamo dall'antichità, sia perché i tempi cambiano, le condizioni sociali ed economiche si evolvono ed è difficile fare un paragone tra un miliardario di oggi e uno di 10 secoli fa (questa è “mancanza di prospettiva”. E basta. Anzi: è firewall ambientale by dominante).
Da qualsiasi tipo di informazione è sempre possibile risalire “a monte”, per simbolismo frattale espanso “agganciato al ‘lato tuo/umanità, centrale”, in quanto configurazione perfetta per il “focus” del valore aggiunto estratto dall'angolo di reale manifesto “qua, così”.
C’è, infatti, sempre come un certo effetto di continuità (tracciante) e, per una “famiglia” che perde potere… ce n’è almeno un’altra che lo “acquista”. 
Per cui, le “fortune” non vanno mai perse, ma vengono sempre “usate per.
Ora, chiediti:
cosa è “la storia”?
Paolo Gentiloni Silveri è di origini nobili:
un suo antenato, Vincenzo Ottorino Gentiloni, firmò il patto che a inizio '900 segnò l'ingresso dei cattolici nella vita politica italiana…
Link 
L’antico Dio che abita nel buio eterno della caverna. I suoi occhi hanno messo radici nella terra. Se un uomo dovesse guardarlo, allora quell'uomo morirebbe. E nessuna preghiera potrà vincere la misteriosa paura…
Candele accese ora fluttuano nell'oscurità.
È sempre stato così“.
Viy – La maschera del demonio

Come le “cose” sono ribaltate
In maniera perfetta, assoluta e – quindi – impensabile, non immaginabile, indimostrabile (se alla maniera convenzionale, attraverso la quale devi, per forza, passare).
E, soprattutto, come le “cose” sono potute diventare “così”? Perché "è già successo" qualcosa.
Al consiglio economico di Casa Bianca arriva presidente Goldman
"Come mio consigliere economico, Gary Cohn metterà le sue capacità di uomo d'affari di successo al servizio dei cittadini americani…"…
Donald Trump
L'amministratore delegato di Goldman, Lloyd Blankfein, ha fatto sapere che Cohn ha "l'intelligenza, la tenacia e l'esperienza per aver successo in ogni impresa
Farà la sua parte per rendere la nostra economia forte per tutti i cittadini americani"…
Link 
come mio consigliere economico, Gary Cohn metterà le sue capacità di uomo d'affari di successo al servizio dei cittadini americani
Cohn ha… l'intelligenza, la tenacia e l'esperienza per aver successo in ogni impresa... Farà la sua parte per rendere la nostra economia forte per tutti i cittadini americani….
Analizza a livello frattale espanso:
come mio consigliere economico (Cohn, che è al servizio di Goldman Sachs – perché da una simile posizione non ci si dimette mai – è allo stesso tempo al servizio di Trump, che è al servizio degli Usa, che rappresentano vari potentati che lo hanno “messo lì” e che rappresentano inconsapevolmente le sottodominanti by dominante, “che non esiste ma c’è e/o non c’è ma esiste”)
Cohn metterà le sue capacità di uomo d'affari di successo al servizio dei cittadini americani (certamente. E i “cittadini americaninon sei tu. Ergo?).





Usa 2016, Trump sceglie re dei fast food come ministro del Lavoro.
Il presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, ha scelto l'imprenditore Andy Puzder come prossimo segretario al Lavoro, incaricandolo di conseguire per i lavoratori posti più sicuri e maggiore benessere.
Lo conferma lo stesso Trump.
Puzder è Ceo delle catene di fast food Cke e Carl's Junior y Hardee's, e ultimamente si è distinto per essersi opposto all'aumento del salario minimo a livello federale a 15 dollari all'ora, dai 9 attuali.
Il comunicato ufficiale della squadra di transizione di Trump sottolinea che il percorso di Puzder, per la sua "lunga storia di lotta in favore dei lavoratori, lo rende il candidato ideale" per questo posto.
Link 
incaricandolo di conseguire per i lavoratori posti più sicuri e maggiore benessere
Puzder è Ceo delle catene di fast food Cke e Carl's Junior y Hardee's, e ultimamente si è distinto per essersi opposto all'aumento del salario minimo a livello federale a 15 dollari all'ora, dai 9 attuali
per la sua "lunga storia di lotta in favore dei lavoratori, lo rende il candidato ideale"…
Quale “coerenza” c’è (sempre) in tutto quello che “accade”? 
La causalità.
Quale?
Quella “non immaginabile”, dominante.
Cairo: "Trump è già cambiato…".
Link 
Che cosa succede alle persone “qua, così”?
Quale autentica differenza esiste tra le persone?
Al di là della “parte” incarnata (quella assegnata “qua, così”)… come ti spieghi certi cambiamenti nell'atteggiamento, nella personalità, nella coerenza
Anche a distanza di poco tempo…
Quella che segue è una “informazione” risalente al 2002.
Nel frattempo, che cosa sarà ulteriormente “già” successo?
Il Cicap è un organismo per il mantenimento dello status quo “qua, così” e si preoccupa di piallare ogni argomento che, in qualche modo, rischia di andare fuori dallo “spartito” dominante.

La telepatia può dipendere dalla emissione di onde radio dal cervello?...
Pur tralasciando il fatto che fino ad oggi nessuno ha ancora dimostrato l'esistenza della telepatia al di là di ogni ragionevole dubbio, sembra proprio che questa ipotesi non sia corretta.
Il primo motivo è che per trasmettere e ricevere segnali via radio occorrono delle strutture adatte a farlo.
Bisogna innanzitutto generare un segnale a radiofrequenza, poi inserirvi l'informazione da trasmettere ed infine inviarlo ad una qualche forma di antenna. Chi lo riceve deve possedere anch'egli una antenna adeguata, più un sistema in grado di rilevare segnali debolissimi ed estrarvi l'informazione eventualmente trasportata. Ma nel cervello umano, e in generale nel cervello di qualsiasi altro animale, non vi è alcuna traccia di antenne, amplificatori e simili sistemi.
Una seconda ragione è che le onde radio sono un fenomeno ben conosciuto, che si può tranquillamente rilevare e misurare.
Gli strumenti di cui disponiamo raggiungono livelli di sensibilità che hanno dell'incredibile:
basti pensare che siamo in grado di ricevere i dati trasmessi da sonde spaziali che hanno raggiunto e superato i confini del sistema solare.
Nonostante ciò nessuno strumento mostra emissioni radio significative da parte del cervello, neppure quando si impiegano soggetti ritenuti particolarmente dotati di capacità telepatiche…
Per finire c'è il grave problema costituito dal significato dei segnali.
Bisogna considerare che le diverse persone provano in genere sensazioni diverse fra loro, possiedono ricordi differenti, hanno compiuto esperienze diverse e si raffigurano il mondo in modo diverso. In altre parole, le "strutture logiche" di ogni mente umana sono in buona parte diverse una dall'altra. Se davvero un cervello trasmettesse segnali radio che trasportano un messaggio, sembra molto improbabile che questo possa essere rappresentato in una forma di linguaggio universale, in grado di essere poi correttamente interpretato da una mente differente da quella di partenza.
Link 
Ok?
fino ad oggi nessuno ha ancora dimostrato l'esistenza della telepatia al di là di ogni ragionevole dubbio
per trasmettere e ricevere segnali via radio occorrono delle strutture adatte a farlo
nel cervello umano, e in generale nel cervello di qualsiasi altro animale, non vi è alcuna traccia di antenne, amplificatori e simili sistemi
le onde radio sono un fenomeno ben conosciuto, che si può tranquillamente rilevare e misurare
c'è il grave problema costituito dal significato dei segnali
se davvero un cervello trasmettesse segnali radio che trasportano un messaggio, sembra molto improbabile che questo possa essere rappresentato in una forma di linguaggio universale, in grado di essere poi correttamente interpretato da una mente differente da quella di partenza…
Questo, scrivevano nel 2002 e, certamente, da una simile prospettiva “nulla è  cambiato”.
Ma… se la telepatia non fosse altro che “tecnologia naturale (un altro tipo)”?
Allora, la scienza deviata arriverebbe a prenderla in considerazione? Certo che sì.
Ma... non riconoscendone il valore simbolico frattale espanso, di qualcosa di perfettamente funzionante al di là dell’orizzonte scientifico di parte “qua, così”.
Certo, perché altrimenti verrebbe “riconosciuta soprattutto una valenza ‘universalmente matura e già sviluppata, funzionalmente implementata nell'essere umano, senza la necessità di impianti tradizionali di tipo ‘sempre attuale’ alias auto bloccante ‘qua così’”.
Che cosa è già possibile, infatti, “fare”
Non è fantascienza. Bada bene.
È, addirittura, “scienza”.


Leggere la mente a distanza, decifrando le onde magnetiche del cervello è stato un progetto dell'Advanced Research Projects Agency [Darpa], del Dipartimento della Difesa.
Molti istituti di istruzione e di ricerca hanno contribuito al suo successo con i finanziamenti del governo.
Manipolazione Delle Frequenze Cerebrali... alla luce di tecnologie invasive della mente.
“Non abbiamo compreso che il risultato delle tecnologie nate negli anni della corsa agli armamenti tra l’Unione Sovietica e l’occidente ha portato all'uso della tecnologia satellitare non solo per i sistemi di sorveglianza e di comunicazione, ma anche per localizzare e seguire gli esseri umani, manipolando le frequenze cerebrali con raggi laser diretti, raggi neurali, radiazioni elettromagnetiche, onde sonar, radiazioni di radiofrequenza (Rfr), onde soliton, campi di torsione e con l’uso di queste o altri campi di energia che formano le aree di studio per l’astrofisica.
Poiché le operazioni sono caratterizzate dalla segretezza, sembra inevitabile che i metodi di cui siamo a conoscenza, ossia lo sfruttamento della ionosfera, il nostro scudo naturale, sono già superati quando iniziamo ad afferrare le implicazioni del loro uso…”…
Journal of Psycho-Social Studies - Carole Smith
Poiché le operazioni sono caratterizzate dalla segretezza, sembra inevitabile che i metodi di cui siamo a conoscenza, ossia lo sfruttamento della ionosfera, il nostro scudo naturale, sono già superati quando iniziamo ad afferrare le implicazioni del loro uso
Link 
C’è una sorta di disturbo
Non è una interferenza. Non credo che lei mi avrebbe fatto venire qui, per una interferenza…
Sono informazioni segrete. In pratica, acconsente alla condanna a vita, se dovesse rivelare ciò che viene detto qui”.
Spectral

Se prima eravamo preoccupati per i criteri diagnostici imposti secondo la classificazione di sintomi riconoscibili, abbiamo adesso motivo di sottoporli ad uno scrutinio ancor più rigoroso.
Lo sviluppo, nelle ultime decadi dalla corsa agli armamenti durante la Guerra Fredda ha compreso come maggiore categoria strategica le armi psico-elettroniche, il cui fine ultimo è di entrare nel cervello e nella mente.
Non annunciata, non discussa e in gran parte non riconosciuta dagli scienziati e dai governi che la impieganola tecnologia per entrare nelle menti e controllarle a distanza è stata lanciata su di noi.
I soli testimoni che parlano apertamente di questa terribile tecnologia con le orribili implicazioni che comporta per il futuro, sono le vittime stesse, e coloro a cui è stato dato il compito di diagnosticare le malattie mentali stanno cercando di metterle a tacere classificando le loro prove e i loro resoconti come sintomi della schizofrenia, mentre coloro che dispensano la mutilazione psichica e il dolore programmato continuano con il proprio lavoro, sostenuti e senza incontrare opposizione.
Se è sempre stato di cruciale importanza, a rischio dell’internamento psichiatrico, di nascondere qualsiasi segno di linguaggio confuso, negatività, freddezza, sospetto, strani pensieri, sesto senso, telepatia, premonizioni, ma soprattutto la sensazione che “qualcun altro può sentire quello che sento io, e che qualcuno sembra commentare continuamente i tuoi pensieri e il tuo comportamento”, allora riferire questo ad uno psichiatra, e peraltro a chiunque non sia incline a credere che cose come il controllo mentale possano esistere, segnerebbe la fine della propria normalità e probabilmente della propria libertà.
Perché una delle caratteristiche salienti del controllo mentale è proprio la voce che commenta, che replica così esattamente, sicuramente non senza l’intenzione, i sintomi della schizofrenia.
Parte dello sforzo è di ricordare alle vittime che sono costantemente sotto controllo o sorveglianza.
I programmi variano tra loro, ma le forme comuni di promemoria sono le scosse elettriche [percepite come] ‘punzecchiature’ o ‘colpetti’, rumori corporei, crampi e fitte in tutte le parti del corpo, battito cardiaco accelerato, l’esercitazione di pressione sugli organi interni – il tutto con un sistema personalmente codificato di commenti sui pensieri e sugli eventi, finalizzato a creare stress, panico e disperazione.
Questo è il controllo mentale nella sua forma più benevola.
Ci sono motivi per temere l’uso dell’energia diretta per sferrare attacchi letali sugli esseri umani, compreso l’arresto cardiaco e le emorragie cerebrali.
È il sistema di segretezza del governo che ha facilitato questa terrificante prospettiva.
Ci sono state delle voci di ammonimento...
“Nel suo complesso il sistema di segretezza del governo è tra le eredità più velenose della Guerra Fredda… la segretezza della Guerra Fredda (che) ordina inoltre l’inganno attivo… un manuale di sicurezza per programmi di accesso speciali che autorizzano i contractor ad impiegare ‘storie di copertura per mascherare le loro attività. L’unica condizione è che le storie di copertura debbano essere credibili”. (Aftergood & Rosenberg, 1994; Bulletin of Atomic Scientist).
La paranoia è stata aiutata e favoreggiata dalle agenzie di intelligence governative.
Nel Regno Unito le fortificazioni contro ogni inquietante barlume di consapevolezza di questi reali o potenziali oltraggi ai diritti umani e degli abusi politici e sociali sembrano essere inespugnabili. Con tanto di merlature, bastioni e parapetti, la roccaforte della nescienza regna suprema.
Prendendo in prestito le parole di Sua Maestà la Regina in una sua recente osservazione:
sono in gioco delle forze di cui non siamo a conoscenza”...
Link 

autorizzano i contractor ad impiegare... storie di copertura per mascherare le loro attività
l’unica condizione è che le storie di copertura debbano essere credibili
la paranoia è stata aiutata e favoreggiata dalle agenzie di intelligence governative.
Paranoia?
Quest3 risale al 28 novembre 2013
Tan Le: una cuffia per leggere le onde cerebrali.
La stupefacente interfaccia presentata da Tan Le è in grado di leggere le onde cerebrali di chi ne fa uso, rendendo possibile controllare con il pensiero (e con un po’ di concentrazione) oggetti virtuali e persino oggetti elettronici reali.
Tan Le ne dà una dimostrazione e discute l’ampia portata delle possibili applicazioni…
Link 

  
La stupefacente interfaccia presentata da Tan Le
è in grado di (“è”… in grado di).
Fantascienza?
Forse (forse?) sei tu che non “vedi”.
Osserva le implicazioni. Lo ricomprendi a livello simbolico frattale espanso “lato tuo/umanità, centrale”.
La prossima “informazione” è del 11 Settembre 2008.
NeuroSky, onde cerebrali per controllare cellulare e videogames.
Nuovo prototipo di apparecchio che permette di svolgere semplici operazioni sfruttando l'intensità delle onde cerebrali, utilizzate per controllare cellulari e personaggi dei videogiochi
Il recente Idf di San Francisco, e più precisamente il keynote conclusivo dedicato alle tecnologie del futuro, ci ha permesso di toccare con mano alcuni apparecchi che sembrano usciti da un film o un libro di fantascienza.
Fra questi, alcuni controller che leggono le onde cerebrali, interpretate e convertite in segnali intellegibili alle macchine per svolgere determinate operazioni.
È di questi giorni la notizia che la californiana NeuroSky ha realizzato un prototipo funzionante di un apparecchio simile a quanto già visto allora, ma interessante sotto molti punti di vista.
Quello del controllo di apparecchiature o software attraverso onde cerebrali, infatti, sembra non essere il frutto dello studio di pochi eletti, ma di differenti realtà che stanno man mano progredendo dal punto di vista tecnologico che potrebbero portare alla diffusione di neuro-controller prima di quanto si pensi.
Stando a quanto riportato da TechOn, NeuroSky avrebbe mostrato al Ctia Wireless & Entertainment 2008 tutt'ora in corso un apparecchio esteticamente identico alle normali cuffie a padiglione largo che si utilizzano per ascoltare musica, dotato però di sensori per rilevare con sempre più precisione le onde cerebrali...
Link 
 Che ne penserà il Cicap?
Alcuni controller che leggono le onde cerebrali, interpretate e convertite in segnali intellegibili alle macchine per svolgere determinate operazioni...
Questa è del 8 aprile 2013  
ThinkUino Project, controlla il tuo Arduino con la mente
ThinkUino (Thinking Arduino) è un progetto open source capace di far interagire una board Arduino con un headset MindWave.
Immaginate di poter attuare un qualsiasi dispositivo collegato al vostro Arduino semplicemente utilizzando il pensiero!
Questo tipo di applicazioni sono molto utilizzate in ambito medico ma con un pizzico di inventiva potremmo controllare ogni dispositivo semplicemente concentrandoci su di esso...
Link 
Ora… a “chi/cosa 'qua così'” ti sei agganciat3?
Se questa “innovazione scientifica” ti è già stata data (a livello commerciale rallenta moltissimo, per via della strategia del modello industriale e della obsolescenza programmata), allora pensa “dove si trova”, ad esempio, il livello militare.
E immagina, di conseguenza… a quale orizzonte è affacciata la dominante.




Mentre SPS (Io) raccordo le informazioni, tu… riaccordati con Te Stess3.
Espandi l’orizzonte all'Oltre Orizzonte. È sempre potenziale, per cuiè sempre possibile.
“Fai…”.

Davide Nebuloni
SacroProfanoSacro (SPS) 2016
Bollettino numero 1961


8 commenti:

  1. Dalle mie parti si dice "zitto zitto in mezzo alla piazza...": sono milioni in tutto il mondo i cosiddetti "targeted individuals". Obama affermo' poco tempo fa che la prossima sfida e' il Cervello (Brain) al di sopra di Internet. Ma e' gia' successo da sempre. Mi fanno ridere quelli che si sforzano di difendere la Privacy su Internet (intendiamoci, va bene difendersi dai "criminali comuni"). Gesu', si narra, scacciava e parlava con i "Demoni". I Profeti comunicavano con le "sfere celesti". Giovanna d'Arco sentiva le "voci". E' tutto da riscrivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Spartan, hai ragione! Ho agganciato queste informazioni sulle onde cerebrali, perchè finalmente "stanno uscendo allo scoperto". Il che significa "tutte balle". Il cervello è interfacciabile ed è già stato interfacciato. E' già successo. Pensa... se ti danno la cuffietta per 150 euro, con la quale controlli la Tv, alcune azioni del Pc, i movimenti nei videogiochi, etc. significa che a livello "altro" sono già arrivati "oltre". Calcola sempre qualche decina di anni di anticipo. E sei solo al livello sottodominante...

      Più che riscrivere, occorre (prima) ricordare la propria esperienza pregressa.

      Grazie e un caro abbraccio.

      Serenità

      Elimina
  2. Ciao Davide, mamma mia che roba, soprattutto questa parte:
    "Lo sviluppo, nelle ultime decadi dalla corsa agli armamenti durante la Guerra Fredda ha compreso come maggiore categoria strategica le armi psico-elettroniche, il cui fine ultimo è di entrare nel cervello e nella mente.
    Non annunciata, non discussa e in gran parte non riconosciuta dagli scienziati e dai governi che la impiegano – la tecnologia per entrare nelle menti e controllarle a distanza è stata lanciata su di noi.
    I soli testimoni che parlano apertamente di questa terribile tecnologia con le orribili implicazioni che comporta per il futuro, sono le vittime stesse, e coloro a cui è stato dato il compito di diagnosticare le malattie mentali stanno cercando di metterle a tacere classificando le loro prove e i loro resoconti come sintomi della schizofrenia, mentre coloro che dispensano la mutilazione psichica e il dolore programmato continuano con il proprio lavoro, sostenuti e senza incontrare opposizione.
    Se è sempre stato di cruciale importanza, a rischio dell’internamento psichiatrico, di nascondere qualsiasi segno di linguaggio confuso, negatività, freddezza, sospetto, strani pensieri, sesto senso, telepatia, premonizioni, ma soprattutto la sensazione che “qualcun altro può sentire quello che sento io, e che qualcuno sembra commentare continuamente i tuoi pensieri e il tuo comportamento”, allora riferire questo ad uno psichiatra, e peraltro a chiunque non sia incline a credere che cose come il controllo mentale possano esistere, segnerebbe la fine della propria normalità e probabilmente della propria libertà.
    Perché una delle caratteristiche salienti del controllo mentale è proprio la voce che commenta, che replica così esattamente, sicuramente non senza l’intenzione, i sintomi della schizofrenia.
    Parte dello sforzo è di ricordare alle vittime che sono costantemente sotto controllo o sorveglianza.
    I programmi variano tra loro, ma le forme comuni di promemoria sono le scosse elettriche [percepite come] ‘punzecchiature’ o ‘colpetti’, rumori corporei, crampi e fitte in tutte le parti del corpo, battito cardiaco accelerato, l’esercitazione di pressione sugli organi interni – il tutto con un sistema personalmente codificato di commenti sui pensieri e sugli eventi, finalizzato a creare stress, panico e disperazione.
    Questo è il controllo mentale nella sua forma più benevola.
    Ci sono motivi per temere l’uso dell’energia diretta per sferrare attacchi letali sugli esseri umani, compreso l’arresto cardiaco e le emorragie cerebrali."

    Ecco a livello frattale espanso il "volador".

    L'altra sera alle Iene han fatto proprio un servizio sul controllo degli smartphone e han mostrato come possono, molto facilmente, fotografare, registrare, localizzare, trovare cellulari vicini, accedere a tutte le nostre password e così via. Altro che microchip. Altro che privacy. E, dato il loro vantaggio, chissà cosa "hanno" già per le mani. Anche se non è poi così complicato Trovarlo/Immaginarlo ;-)

    A proprosito di Pechino, guarda questi due link:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/12/18/cina-in-vendita-laria-pulita-del-canada/2312269/

    http://www.agi.it/estero/2016/11/03/news/smog_in_lattina_il_souvenir_kitsch_con_aria_di_pechino-1216155/

    Se non fosse da piangere, ci sarebbe da ridere.

    Grazie e un caro abbraccio

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fabio... ponendoci ad un livello che è consapevole di tutto questo... si può bypassarlo, ossia, andare oltre. E' consapevolezza. E' "accorgiti e fai". Ignorando questo e ritenendolo solo un "complotto"... ci si auto annichilisce. L'umanità è sotto ad ipnosi. E non per via del satellite e delle sottodominanti. Sì, anche per quello. Ma, soprattutto, la sottodominante agisce inconsciamente "ad immagine e somiglianza" della dominante. E' a livello di simbolismo frattale espanso che questo va colto. E' memoria frattale espansa. Ed è la strategia e la "traccia (orma)" dominante "qua, così". Se la tecnologia permette questo, è perchè riflette ciò che è già successo e dimenticato... E' delegazione frattale espansa by grande concentrazione di massa dominante ("pilota"), in proiezione costante e coerente nel sistema operativo frattale espanso ("Genio", mezzo)...

      Tutto ritorna.

      Grazie Fabio! Un caro abbraccione. Serenità

      Elimina
  3. [...ponendoci ad un livello che è consapevole di tutto questo... si può bypassarlo, ossia, andare oltre. E' consapevolezza. E' "accorgiti e fai".
    Ignorando questo e ritenendolo solo un "complotto"... ci si auto annichilisce.]

    Ebbene, sono consapevole di tutto questo, lo vedo, ne sto alla larga, non lo ritengo "solo un complotto", me ne accorgo e ... faccio.
    Faccio cose più che altro al contrario di quello che la massa fa in diversi settori, agricolo, informatico, ludico, letterario, ecc...
    Che dici? è un buon fare? ... chiedo perchè questo modo di fare nasce spontaneo, ma ... brancolo nel buio, con te (SPS) come faro, quindi una conferma o smentita può aiutarmi.
    Grazie in anticipo.
    Se poi intorno a me tutti "dormono" .... pazienza, cavoli loro!
    Quasi sempre mi sento come di un altro mondo ... o sono circondato da gente di un altro mondo?
    Non so, dimmi tu ... a volte non vedo soluzioni ... ma mai tornerò indietro e abbandonerò questa strada ... "al contrario".
    Ciao
    Dario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Dario, "Fare..." è... inizialmente, partire da ciò che sembra "piccolo (e magari insignificante)". La grande concentrazione di massa è la quintessenza dell'essere umano centrale in se stesso (meglio se "lato tuo/umanità, centrale" con la giustizia ad angolo giro, In Comunione). Fai al contrario degli altri solo se, per te, è centrale (non deve essere un "per forza di cose"). Soprattutto, inizia a porti obiettivi ("piccoli", fattibili, tangibili, verificabili, magari fisici) e a materializzarli (realizzarli).

      Ma sappi che non sei tu, bensì è il "Genio" frattale espanso che ti percepisce ed esaudisce i tuoi (tutti) desideri. Solo che ne devi diventare il "pilota". E succede a livello giurisdizionale (questo perchè potenzialmente ogni essere umano lo "è", allo stesso tempo).

      La dominante ha "tagliato fuori tutti" da questo "giro del fumo", lasciando se stessa sul fondo, centralmente, in proiezione (pilotaggio) costante e coerente, laddove in questo "caso" la giurisdizione è divenuta globale (essendo l'umanità sotto ad incanto).

      Immagina come puoi farti "sentire" da una sorta di "Dio/Demonio". Qualcosa che se non piloti tu, passa da Dio ad essere il Demonio. Come faresti? Pensa. Ipotizza. E' una buona ginnastica potenziale "mentale".

      Ti senti "diverso". Tutto qua. Anche io mi sento così. Gli altri sono piombati in una versione di sé, lontana anni luce da quella originale pre momento di "è già successo".

      I Bollettini di raccordo, di questa settimana, sono centrali. Forse ti sembrerà che scrivo sempre le stesse "cose", ma - credimi - ogni volta è sempre più intenso.

      Personalmente, scrivo qualcosa che nella realtà manifesta, ancora, non padroneggio. Sono sincero. Perché sono, soprattutto, un "teorico". Per questo ho affermato più volte che questo "lavoro (fare)" servirà soprattutto per qualcun3 che verrà... in seguito (forse sei tu. Perché no?).

      Vedila come una corsa a tappe o una staffetta. Io sto mettendo sostanza. Sto accendendo la "miccia" :)

      In Comunione: ricorda.

      Grazie di te. Serenità. Ti abbraccio


      Elimina
    2. Grazie. Bene così ... Avanti tutta!

      Tu dici : "Vedila come una corsa a tappe o una staffetta. Io sto mettendo sostanza. Sto accendendo la "miccia" :)"

      Proprio l'altro ieri mi sono trovato a ri-citare (tò! guarda! ... assomiglia a recitare ... devo approfondire) ad un gruppo di amici un concetto che da anni mi piace sottolineare: "La staffetta Parallela", una "gara" dove si "vince" quando tutti sono arrivati al traguardo. Quindi quelli più "bravi" e/o "preparati" è inutile che arrivino per primi al traguardo, perchè dovrebbero fermarsi ed attendere l'arrivo degli ultimi, ma è meglio che si prodighino per aiutare i più lenti, deboli, stanchi o che facciano da apripista per il gruppo.

      Ecco, tu potresti essere questo apripista, e più che accendere la miccia, stai tenendo accesa la debole fiammella vitale, per alcuni solo un vago ricordo ;-)

      Ciao e Graie
      Dario

      Elimina
    3. Ciao Dario, è certamente "una bella gara" :)

      Ma molto rischiosa, perchè alla dominante basta anche non far arrivare al traguardo, una sola persona. Il concetto di grande concentrazione di massa, è molto più portante. Però, cost3i... dovrà essere "lato proprio/umanità, centrale"...

      Come "vedi"... i rischi ci sono sempre! Basta accorgersi.

      In ogni "caso" una qualche funzione la svolgo :)

      Grazie. Ti abbraccio.

      Serenità

      Elimina

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...