mercoledì 26 giugno 2013

Cogli l’attimo, ma anche il “senso”.



Il miglior scrittore sarà colui che avrà vergogna di essere un letterato.
Friedrich Nietzsche
Uscire dall’impasse. Togliersi dal ciclo dell’abitudine. Ma, per fare cosa? Per, inevitabilmente, entrarne in un altro?

Tutto segue dei cicli, tuttavia la contraddizione di base è questa, ossia, che esiste un “Tempo ciclico” ma si misura il “Tempo lineare”

Attenzione; la cosa è molto sottile e comporta un certo grado di confusione interiore:
il Tempo è ciclico e lineare, allo stesso Tempo”.

La giornata è scandita dalla misurazione del Tempo linearmente, in ore, minuti e secondi, che si ripetono di giorno in giorno (all’interno del Tempo ciclico); Tempo lineare, che "riprende la conta" con il giorno della settimana, il giorno del mese, il mese dell’anno, l’anno, il secolo, il millennio, etc.

Ossia, cosa si registra a livello energetico più “intimo”?

Che esistono due differenti processi Temporali, l’uno dentro all’altro, come ingranaggi in scatole cinesi.

La ciclicità è alternata alla linearità, in un continuum apparentemente senza fine.
Il ciclo si ripete mentre si sposta l’asse del Tempo (lineare), sino ad arrivare ad un “culmine”, caratterizzato dal massimo grado di Tempo ciclico (onda d’ottava massima) a cui coincide la massima estensione Temporale lineare, come per disegnare il “diametro” dell’area di un cerchio.

Questa “quadratura del cerchio” è funzione della nidificazione dei due diversi Tempi percepiti.

Ora, senza addentrarsi nella selva oscura della questione prospettica Temporale e, soprattutto, rimanendo a digiuno completo dell’opera mentale insegnata nelle scuole e nelle università (cultura & tradizione), lasciamo andare la capacità Analogico Frattale Sincronico Istintiva e procediamo con il raccogliere testimonianze di ciò che è solo velato dalla consuetudine di “intendere e vedere”.

Il Tempo della storia deviata va da un "certo inizio" e prosegue linearmente o, almeno, così insegnano nelle scuole. Ma, osservando anche solo il ritmo dell’orologio, non si può non notare che la giornata di 24 ore è costituita da Tempo che si ripete, secondo cicli e sottocicli.

Che cosa se ne deduce?

Che il Tempo lineare è diviso in “tronconi” o cicli. Che il Tempo lineare massimo, coincide con il “diametro” del Tempo ciclico di riferimento. Che il Tempo lineare è contenuto all’interno del Tempo ciclico.
È come se il "tutto" fosse costituito da “cerchi o globi” al cui interno scorresse il Tempo lineare.
Da qui, è possibile capire che la storia deviata è la misurazione “lineare” della distanza diametrale del “globo di riferimento” che, nella fattispecie, a livello fisico corrisponde al Tempo (età) della Terra 3d.

Non a caso, la Pietra Codificata, che incarna il Karma della Terra 3d, esisterà sino a quando la Terra 3d esisterà. La Terra 3d è la terminazione dimensionale di un essere vivente, in cammino evolutivo spirituale esperienziale, esattamente come ogni altra Creatura del recinto universale.

Esattamente, come te.

Lo Scenario 3d esiste grazie alla presenza fisica della Terra 3d.
Il Tempo ciclico, che hai a disposizione per completare la tua esperienza fisica (ripetuta nei cicli di apparente reicarnazione lineare), è rappresentato dal Tempo lineare diametrale, che puoi percorrere all’interno del suo Tempo ciclico (Terra 3d), che coincide con l’età massima che raggiungerà la Terra nella sua esperienza 3d.

Quindi, la sequenza Temporale – vissuta a livello di abitudine - è un succedersi di “cerchi percorsi linearmente” attraverso la tua esperienza.

Tutto "torna", anche se procedi sempre diritto davanti a te (
Nastro di Möbius).
Puoi misurare il Tempo tramite un orologio e constatare che stai invecchiando, ossia che non torni mai indietro, tuttavia, il “tornare” avviene oltre la “curva visibile del Tempo”. Cioè, avviene oltre lo stretto giro meglio conosciuto come “la tua Morte”.
È il tuo orizzonte degli eventi che non ti permette di “vedere oltre” ma, ciò, sai molto bene ed è appurato, che non coincide con la “non esistenza” di un fenomeno. Infatti, ogni fenomeno esiste a prescindere che tu ci creda o meno. Solo che il tuo “credo” determina la tua realtà, per cui – in un certo senso – mantieni fuori dalla “porta” tutto ciò a cui non credi.

Fuori dalla tua “porta(ta)”… esiste tutto il resto, esiste ciò che hai escluso, sino ad ora, per proseguire nel tuo “viaggio”. L’abitudine regna sovrana all’interno del proprio ciclo di riferimento. Quando qualcosa della tua Vita cambia, costituisce la classica goccia che fa traboccare il vaso.
È sufficiente anche la più piccola delle scintille, per saturare il tuo “cerchio”, il quale - "frantumandosi" – ti lascia libero di trovarti in “campo aperto”, nel cosiddetto “vuoto”, che immediatamente diventa oggetto di contesa gravitazionale, per tutte le realtà/presenze auto esistenti al di fuori del tuo ex-guscio.

Tu segui la “forza principale” a maggior potere attrattivo ed entri in un nuovo cerchio di “rappresentanza”. Ciò che accade non è mai casuale, ossia, tu attiri ciò di cui sei fatto e ciò di cui hai bisogno. Ma, il “bisogno e la tua fattezza” equivalgono al discorso del Tempo ciclico al cui interno scorre quello lineare.

“Come sei fatto” e “di cosa hai bisogno”, disegnano due realtà diverse che, nel durante, è difficile scindere e sviluppare stabilmente, maturando consapevolezza di una simile compartecipazione di eventi e possibilità.

A quale livello stai osservando la tua realtà?
Dove si innesca questo ambito dell’intersecazione Temporale?

Certamente a livello “altro” rispetto a tutto quello che “sai/ricordi”. Non hai modo di mettere ordine a questi livelli, dentro alla versione attualizzata 3d di te, se non accettando di svincolarti da tutto quello che corrisponde a logica abitudine.

Che cos’è l’attaccamento? È il rimanere fedele ad un “modello” che ti conferisce della pseudo sicurezza, in rapporto alla Paura che si alimenta di te in te.

L’attaccamento è Paura di… morire.
A cicli ed a livelli, tutto scorre linearmente.

Non è un paradosso. Fai bene attenzione a queste parole, che non sono solo “parole”, ma pillole energetiche di possibilità.


SPS è una “stazione radio emittente”, che trasmette sulle tue onde. Se tu "ci sei", puoi sentire la programmazione che scorre ciclicamente, narrando anche di te. Tu sei l’antenna. La tua intenzione è l’apparato di puntamento ed orientamento…

Sei nella più grande storia (per semplificazione, “lineare”) che scorre secondo i cicli (ere), uno dei quali è rappresentato dalla storia deviata, che scambi per “la più grande storia”.

La più grande storia è l’asse diametrale del cerchio massimo d’ottava.

Allo stesso modo, si muove il libero arbitrio ed ogni altra legge Celeste.

Questa intersecazione è un motore, che ti permette di muoverti nella regione della tua Creazione.

Tu esplori ciò che è “tuo”. Tu sei il Creatore. Così come lo è ognun d'altro.

In questo punto d’incontro 3d, messo a disposizione dall’esperienza evolutiva della Terra 3d, ti affacci e attraversi la “superficie” emergendo/nascendo fisicamente.
Tuttavia, passando dalla "membrana", che separa questa dimensione, perdi molte tue facoltà usuali ed, in questo, consiste la veridicità dell’esperienza in corso d’opera.

Dunque, tornando a questioni più “terra terra”… la chiusura di un ciclo annuale, cosa comporta? Che, molto probabilmente, il periodo di Tempo da vivere, sino a detta chiusura, sarà contorniato da fatti ed esperienze “negative”, visto che un ciclo sta chiudendo.

Anche se tali “fatti” saranno neutri o potenzialmente anche positivi, il sentiment in auge, per forza gravitazionale, dettata dalla chiusura del ciclo annuale, assumerà colorazioni a “tinte fosche” per la prevalenza delle interpretazioni inerenti alle vicissitudini attraversate in detto periodo di Tempo.

Ossia, si vedrà spesso il “bicchiere mezzo vuoto”.

Ora, il ciclo annuale sul Mercato borsistico italiano si è aperto a circa metà agosto del 2012. Anche tenendo conto di un certo fattore di oscillazione della durata di ogni ciclo, le probabilità maggiori rimangono a prevalenza di ottica ribassista, sino a raggiungere un certo minimo del ciclo annuale, per poi ripartire…

In questa chiusura di ciclo, infatti, si sono inserite tutte le notizie inerenti alla cosiddetta “Exit Strategy”, da parte della Fed, ossia al “drogaggio anticonvenzionale” dei Mercati Borsistici Usa e, di conseguenza, di tutti quelli del resto del Mondo.

Domandati, allora… “chi comanda”?

Il “ciclo annuale” o le decisioni dei poteri dei sottolivelli facenti capo, volenti o nolenti, al “Nucleo Primo”?
  • certe decisioni vengono annunciate per “onorare/autorizzare/seguire” l’estensione negativa/positiva dei cicli?
  • certe decisioni vengono annunciate per “decretare” l’estensione negativa/positiva dei cicli ?
Come a dire: è nato prima l’uovo o la gallina?
Il ciclo annuale è una invenzione apparente, oppure, il ciclo annuale è una realtà a prescindere dall’esistenza umana di Controllo?
L’asse terrestre è spostato di qualche grado rispetto alla sua direzione ideale. Questo spostamento autorizza la comparsa della stagionalità:
  • l’asse terrestre è naturalmente orientato in questa maniera?
  • l’asse terrestre è volutamente stato orientato in questa maniera?
Il ciclo e l’equilibrio passano dalla stagionalità?
 
Sì e no, allo stesso Tempo.

Puoi essere in equilibrio anche all’interno del cambiamento ciclico, tuttavia, è più difficile.

Ciò evidenzia un certo tipo di cammino, piuttosto che un altro (comunque, sempre disponibile).

All’origine di ogni “accadimento” cosa sei abituato a fissare?
  • Te?
  • Altro?
  • Dio?
Qualunque sia la tua risposta… non sei tu, in questo momento, a rispondere.

A questo punto/livello dei “giochi”, sei talmente compromesso/vacante, da non essere quasi mai presente in te stesso.

Tu sei multidimensionale, per cui, sei costantemente “disperso”, come un palloncino tenuto nelle mani del bambino di turno. Ma, se  - il bambino di turno – fosse un potere estremamente “maturo”? Che cosa accadrebbe?
Che tu risulteresti come “non pervenuto”. La chiamata ciclica rimarrebbe senza risposta. E con la fine del 2012, più o meno, un ciclo si è chiuso e un altro si è aperto.

Te ne sei accorto? O attendevi la fine del Mondo e, visto che non c’è stata, allora non è accaduto niente?
 
Analisi ciclica: insieme di tecniche basate sullo studio del rapporto fra il prezzo e il tempo, che hanno come obiettivo la previsione delle oscillazioni del mercato e dei suoi movimenti futuri…
Link 
 
Nota di quale tenore siano le notizie in questo periodo dell’anno. Ma, prima, osserva questa interessante analogia messa in evidenza indirettamente.

Fed: Fisher, i grandi capitali si comportano come i maiali.
I mercati stanno testando la nostra determinazione. È quanto ha dichiarato Richard Fisher, Presidente della Fed di Dallas, parlando del recente incremento dei rendimenti dei bond. “I mercati tendono a testare” ha detto Fisher nel corso di un’intervista rilasciata al Financial Times

Credo che i grandi capitali si organizzino come maiali selvatici: se si accorgono di una debolezza o di un cattivo odore, tendono ad attaccare”.
Link 
 
I “maiali”, che fine fanno nel Mondo fisico? Ossia, se i “grandi capitali” si muovono come maiali selvatici, è solo perché gli è permesso di farlo, altrimenti finirebbero direttamente nel tuo "piatto", serviti con le patatine fritte. Essi sono ammaestrati; altro che “selvaggi”

Di "selvaggio" non è rimasto più niente nel tuo Mondo 3d.

Il potere è unico, da molto Tempo ormai.

Il Nucleo Primo impera, senza che nemmeno tu sappia della sua esistenza!

Osserva il “colore” delle notizie relative al periodo di chiusura del ciclo annuale… (Chi autorizza cosa? Chi segue e chi precede?).

Abbotto: la Fed lancia la cura disintossicante.
Con l'annuncio della prossima riduzione di acquisti di bond da parte (QE3) "la Fed ha deciso di sottoporre i mercati a una cura disintossicante". Lo ha affermato Giuseppe Abbotto, di Copernico Sim...

"I mercati", prosegue Abbotto, "sono stati abituati per lungo tempo a queste droghe. Adesso le banche devono uscire da tutte queste misure non convenzionali adottate fino ad ora. Ma, contemporaneamente, la Fed invia un messaggio rassicurante perché continuerà ad acquistare asset allo stesso ritmo del passato. I mercati devono reggersi sulle proprie gambe

Link 
 
Annota, in te, i termini utilizzati, certamente non casualmente:
  • cura disintossicante
  • sono stati abituati
  • per lungo tempo
  • a queste droghe
  • misure non convenzionali.
Il “messaggio rassicurante” dovrebbe essere quello che la “cura continuerà”?
 
Di quale “cura” si sta parlando? Di quella per mantenere sotto incantesimo una situazione? Calcola che in questa “situazione” ci sei anche tu…
 
I 5 prodotti (non finanziari) più redditizi. Per chi li produce.
Prodotti che hanno segnato un'epoca, il più delle volte sono anche più famosi del brand che li ha prodotti e spesso la stessa ditta produttrice viene identificata con quel nome. Spesso, per riuscire a ottimizzare ulteriormente i ricavi, le società fanno pressione sulla popolarità del marchio per aumentare il prezzo del prodotto finito

5) Enfamil… Settore: Alimenti confezionati e carni. Specializzata negli alimenti per bambini che costituiscono il 59% delle vendite totali della società che ha elaborato anche diverse versioni per bambini con diversi tipi di intolleranze e specifiche esigenze nutrizionali
4) Coca-Cola…  Settore: Bevande non alcoliche Coca-Cola e Diet Coke praticamente che più che marchi sono stili di vita e in particolar la seconda che ha superato la Pepsi per quanto riguarda le vendite…
3) Monster... Settore: Bevande non alcoliche… Dopo che la Food and Drug Administration ha dubitato sulla salubrità delle bevande energetiche, la società ha dovuto registrare piccoli problemi come anche la sua diretta concorrente, la Red Bull
2) Marlboro… Industria: Tabacco…
1) iPhone... Industria: Hardware…

Link

Questi "prodotti d’intrattenimento" sono risultati i più redditizi per chi li produce. La "richiesta" (Massa) è, dunque, perfettamente sotto incantesimo. 

Questa classifica non dovrebbe essere, invece, diametralmente diversa?

Ossia, non dovrebbero esserci, ad esempio, apparecchi per la generazione di energia alternativa o free, circuiti di connessione sociale tra persone in grado di facilitare la loro Vita, rimedi omeopatici, carte servizi a favore del cittadino, etc.?

No? Questi “prodotti” sono autorizzati ad essere diffusi:
  • da te
  • dalle aziende
  • dalle varie sezioni “competenti”, abilitate al decidere
  • dal Nucleo Primo.
Pensa:
  • alimenti per bambini
  • bevande non alcoliche
  • tabacco
  • intrattenimento tecnologico.
La “droga” che affligge i Mercati, affligge anche te, perchè tutto ti rispecchia.

È una realtà frattale, che rispecchia “il vertice”. Al “vertice” ci sei tu, come schema di proiezione, di autorizzazione e di produzione energetica. È la tua forma d’onda ad essere sviluppata ed espansa, a cascata, nel reame della Creazione, sino a giungere quello 3d… in cui emerge.
Il Nucleo Primo è un attore che si “occupa di te”, che ti amministra… perché tu sei “vacante”.

Mediobanca: L'Italia avrà bisogno di piano di salvataggio.
L'Italia dovrà essere probabilmente salvata nei prossimi sei mesi dall'Unione Europea. Lo afferma Mediobanca in un rapporto confidenziale per i clienti pubblicato dal quotidiano britannico "Daily Telegraph".

Mediobanca indica che la crisi economica nel Paese si sta inasprendo e la stretta creditizia colpisce nel frattempo anche le grandi imprese. 

Mediobanca aggiunge che il suo indice del rischio di insolvenza relativo all'Italia sta già lanciando segnali di allarme, dopo che sul mercato obbligazionario sono tornate ad aumentare le tensioni. L'aumento dei rendimenti sta peggiorando ulteriormente la situazione perchè fa crescere i costi di finanziamento.

"Il tempo sta scadendo", scrive Antonio Guglielmi, analista capo di Mediobanca, nel documento citato dal "Daily Telegraph". A detta di Guglielmini la situazione macroeconomica italiana non sarebbe migliorata nel corso dell'ultimo trimestre, piuttosto sarebbe successo il contrario. Circa 160 grandi società avrebbero dovuto ricorrere ad una gestione speciale anticrisi.

Guglielmini crede che l'Italia dovrà inevitabilmente chiedere un piano di salvataggio all'Unione Europea nei prossimi sei mesi, a meno che non riesca a contare su dei costi di finanziamento più bassi e su una ripresa economica più ampia.

Link

Draghi: Politica Bce sarà ancora accomodante, Omt essenziale.
La Bce non ha intenzione di cambiare rotta e manterrà in essere le attuali politiche accomodanti per facilitare la ripresa

Lo ha detto il presidente dell'Eurotower, Mario Draghi, parlando a Berlino al consiglio economico della Cdu... 

Inoltre, ha aggiunto, "alcuni strumenti" utilizzati dalla Bce "sono standard, altri non standard, ma sono tutti basati sullo statuto" della Banca centrale.

Draghi ha sottolineato che l'azione dell'istituto di Francoforte, compreso il piano Omt, è stata "essenziale" per "salvaguardare" l'eurozona durante la crisi del debito. La Bce non ha messo a punto il piano anti-spread, ha detto Draghi, "per comprimere artificialmente gli spread di alcuni Paesi" e il programma "non comporta un trasferimento dei rischi dalla periferia dell'euro al bilancio" dell'Eurotower.

L'ex governatore di Bankitalia non ha risparmiato moniti ai governi, precisando che la politica monetaria non è sufficiente a uscire dalla crisi. 

Per Draghi le riforme strutturali sono la chiave per tornare alla crescita. La Germania, ha dichiarato, beneficia delle "riforme strutturali implementate dieci anni fa" che devono essere "fonte di ispirazione per gli altri Paesi". Le riforme, ha sottolineato ancora Draghi, possono "urtare con alcuni interessi particolari, ma devono rafforzare chiaramente competitività, efficienza e anche correttezza delle nostre economie". Draghi ha esortato inoltre ad accelerare con l'unione bancaria, che è un "punto cruciale" per l'eurozona per "garantire un sistema finanziario sano". Il presidente della Bce ha infine affermato che le aspettative sull'inflazione nell'eurozona "confermano che la moneta è stabile".
Link 
 
Trichet: Banche centrali hanno fatto un grande lavoro.
"Dobbiamo ringraziare le banche centrali: senza il loro intervento, rapido e coraggioso, probabilmente avremmo avuto una grande depressione”. 

È quanto ha dichiarato l’ex presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet, nel corso di un’intervista alla Cnbc. Per quanto riguarda l’annuncio dell’exit strategy da parte di Ben Bernanke, “penso che abbia fatto bene a dire che tutto questo (l’attuale piano di acquisto asset, ndr) non durerà per sempre”.
Link 
 
Dobbiamo ringraziare le banche centrali: senza il loro intervento, rapido e coraggioso, probabilmente avremmo avuto una grande depressione…

E grazie! Ti viene detto, nemmeno tra le righe, che chi ha ordito questo vero e proprio piano, adesso va ringraziato. Le banche centrali sono una delle espressioni indirette del Nucleo Primo, dell’orma che plasma il tuo cammino.

Perchè, un simile "programma" non potrebbe "durare per sempre"? 

Perchè sarebbe troppo "semplificante il modello di realt emerso"... invece tu devi costantemente essere tenuto in pugno. 

Ma c’è anche chi è "ottimista" ed, in un certo senso, ancora più sotto drogaggio.

Cannata (Tesoro): nessun timore su sostenibilità debito pubblico Italia.
La recente risalita dei rendimenti dei titoli di Stato italiani non compromette la sostenibilità del debito pubblico. Lo ha detto Maria Cannata, responsabile della gestione del debito pubblico, nel corso di una conferenza a Londra.

"In Italia non siamo preoccupati della sostenibilità del debito pubblico. I rendimenti sono allo stesso livello di fine marzo. Abbiamo perso i guadagni messi a segno tra aprile e maggio sul rendimento nel tratto decennale, ma i rendimenti sono pienamente rassicuranti", ha affermato Cannata...

Link

Come si può affermare un simile punto prospettico?

Qualsiasi azienda sarebbe già fallita. Uno Stato, invece, no? Sarebbe comprensibile se lo Stato, in questione, fosse ancora un’entità sovrana ma, nel caso dell’Italia, la realtà è ormai un’altra, da diverso Tempo.

L’incantesimo spira ancora molto forte.

Derivati, accordo stragiudiziale tra Piemonte e Merrill Lynch.
Regione Piemonte e Merrill Lynch hanno raggiunto un accordo stragiudiziale per la chiusura della causa legale in materia di derivati che li vede contrapposti.

Lo annuncia una nota congiunta in cui si legge che "la Regione Piemonte e Merrill Lynch hanno chiuso, con reciproca soddisfazione, le controversie relative a due contratti in strumenti finanziari derivati".

I contratti in questione furono stipulati nel 2006 a copertura di emissioni obbligazionarie effettuate dalla Regione.

"Le parti, senza riconoscimento di responsabilità alcuna, hanno raggiunto un accordo completamente soddisfacente che eviterà il proseguimento di lunghi e costosi giudizi", prosegue la nota, aggiungendo che ora Regione e Merrill Lynch potranno proseguire il loro rapporto di collaborazione.

La nota non fa menzione del valore economico dell'accordo raggiunto, ma secondo quanto conferma una fonte la cifra potrebbe "verosimilmente" aggirarsi attorno ai 20 milioni di euro, a "presumibile copertura del danno subito dalla Regione".

La Regione Piemonte aveva avviato un contenzioso sui derivati oltre che con Merrill Lynch anche con Intesa Sanpaolo e Dexia, denunciando 54 milioni di euro complessivi di commissioni implicite a proprio danno e decidendo la sospensione in autotutela degli atti che portarono alla stipula dei derivati stessi. Le cause con Intesa e Dexia sono tuttora aperte…

Link

Attenzione:
  • accordo stragiudiziale
  • reciproca soddisfazione
  • senza riconoscimento di responsabilità alcuna
  • hanno raggiunto un accordo completamente soddisfacente.
  • potranno proseguire il loro rapporto di collaborazione (ciclicità/farsa).

Chi si ritiene soddisfatto da un simile accordo? Il singolo che guadagna in privato, lasciando l’onere del debito sulla indefinita comunità, assente, non presente, vacante?

Ciò che emerge, di ancora più interessante per la tua “posizione”, è questa porzione di frase:

sospensione in autotutela degli atti che portarono alla stipula dei derivati stessi…

Cogli l’attimo, ma anche il “senso”…

Dipende da te.

Davide Nebuloni/SacroProfanoSacro 2013
Prospettivavita@gmail.com