mercoledì 19 giugno 2013

Sostituire la testa.



In un Mondo 3d, in grado di emettere fluido incantesimale attraverso le “abitudini”, che cosa ci si può aspettare che accada – a livello di Analogia Frattale?


Che, presto, sia possibile sostituire la testa di un corpo umano con quella di un altro. No?

Sarebbe l’esatto contraltare “fisico” di ciò che – già – accade a livello sottile, dove per certi versi ed in un certo senso, la “testa” (mente) di un umano viene “cambiata, sostituita, riempita d’altro”, da una rigorosa “chirurgia cerebrale indiretta” che non lascia mai nulla al caso.

Dove sia giunta la “vera” conoscenza umana, non rivelata al grande pubblico, è un segreto – come al solito – ben custodito in ambito, globale e generico, “militare”.

Un altro “segreto” o, piuttosto, “mistero” è il come un certo ambiente riesca a mantenere un simile livello di segretezza, pur avendo al suo interno esseri umani che lavorano in qualità di “addetti ai lavori”.

L’unico modo per mantenere un certo ordinamento al livello della propria secretazione è l’ambito iniziatico o l’ordinamento militare gerarchico.

Ma, ad un certo livello, il tutto viene farcito d’elisir incantesimale, ossia… il Mondo parallelo è oscurato persino nelle menti di coloro che ci “lavorano” ma che non fanno parte realmente della struttura di comando e controllo (tecnici e personale generico), mentre il personale militare è sottoposto ad indottrinamento sottile (controllo mentale).

Il Nucleo Primo non appare mai, nemmeno a questo livello. La “dote” principale di questa “classe di potere” è di essere un camaleonte muta forme in grado di “mimetizzarsi” con l’ambiente e nell’ambiente, attraverso l’istituzione di veli mentali ed azzeramento della memoria individuale e collettiva.

Tu “vedi” quello che esperimenti e memorizzi ed, in ciò, vive per intero la possibilità di by passare la tua missione individuale, per riprogrammarti in toto nella versione preferita dal punto prospettico dell’osservazione del potere centrale del Nucleo Primo. 

A Filtro di Semplificazione acceso, il Nucleo Primo è composto esclusivamente da esseri umani del Primo Tempo, a differenza della maggiore complessità inerente al “gruppo” del Connubio, per ora al di là del Filtro di Semplificazione utilizzato da/in SPS.

Luce che ha nome e Luce che non ha nome:

queste due polarità della Luce, costituiscono l’asse portante che caratterizza lo Scenario 3d in cui – tu – vivi in qualità di sonda Human Bit, auto installata per fini conoscitivi e per esplorare la frontiera della tua Creazione (Conosci Te Stesso).

Tutto ciò che ti ruota attorno si avvale – per esistere – della tua centralità/attenzione, perché tu sei il Creatore, che permette che il tutto rimanga in uno stato di “attività”

È come essere dei generatori di tensione elettrica, grazie ai quali conferire la possibilità di “allacciamento” per ogni altra porzione di realtà emersa, attraverso l’arte dell’immaginazione di un potere multi stratificato, allo stesso modo della gerarchia che vive in te (ispirazione, immaginazione, idee, pensieri, mente, neurotrasmettitori, organi, corpo, etc.).

C’è molta “confusione organizzata”, dentro ed attorno a te.

Ciò che scambi per l’una è molto spesso l’altra e viceversa. Nelle 3d, questo è uno dei modelli di propulsione virale del credo. Un qualcosa di inoculato in te in maniera biodiversa, così com’è la tua realtà; da singolo a singolo…

L’accesso ad un livello multiplo della consapevolezza (comprensione + conoscenza, alla luce della tua più o meno fluttuante presenza) è come una porta da rilevare/decodificare, strutturata nell’ambiente/dall’ambiente.
La “porta” è fatta dalle “cose” che osservi usualmente. È sempre accessibile, ma non direttamente. Se guardi nella sua direzione, ella scompare – perché tu vedi ciò che hai esperimentato e, nel Tempo, ciò che ricordi.

Dato che, una simile porta, non l’hai mai esperimentata nel presente e che la tua memoria a medio/lungo raggio è stata occlusa, hai perduto la capacità di visione del “varco” ma, non di certo, la capacità di accesso al “varco”…
  • Tu rimani “intatto” al livello del tuo potenziale.
  • Tu rimani “polarizzato” al livello della tua presenza.
La versione di te – attualizzata – è come una generazione di un file Gdg:

Che cos'è un Generation Data Group?

È possibile catalogare aggiornamenti o generazioni di dati correlati successivi…

Ogni set di dati all'interno di un GDG è chiamato una generazione…

Un gruppo di dati generazione (Gdg) è una raccolta di set di dati… storicamente legati, che sono disposti in ordine cronologico. Cioè, ogni insieme di dati è storicamente legato alle altre persone del gruppo

Link

Il termine “generazione”, anche se agganciato alla successione umana, individuo dopo individuo, non perde affatto la proprietà descritta nella citazione appena riportata:
la successione generazionale umana, lega sottilmente gli individui gli uni agli altri. Allo stesso modo, la presenza umana individuale risente della medesima proprietà di attualizzazione della versione presente del sé. Per cui, tu esisti in infinite gradazioni di te, potenzialmente tutte accessibili, ma non nello stesso Tempo, sino a quando ti limiterai ad accedere a questa configurazione dell’indice della tua archiviazione energetica/possibilità.

È sempre molto utile osservare come i “progettisti” abbiano concettualizzato la struttura informatica dell’intelligenza al silicio, alla base di ogni infrastruttura tecnologica sottintendente la Vita sociale umana.
Memoria, organizzazione dei dati e relativo accesso vs controllo, protezione e privacy dell’insieme.
Non è semplice districarsi in una foresta che cammina e che cambia aspetto ad ogni istante; senza sviluppare una modalità di visione Analogica Frattale Sincronica Istintiva, l’accesso e la comprensione di quello a cui si accede direttamente, parla una lingua mal conosciuta e mal compresa.

Sei nel ramo della storia deviata, della più grande storia.

L’abitudine a camminare sempre nella stessa modalità, impoverisce il cammino stesso o, meglio, la versione personale dell’idea che ti fai del cammino compiuto.

Ad esempio, parlare di evoluzione della specie, comporta almeno due "allucinazioni collettive", frutto del credo comune impartito su base autoritaria di riferimento superiore (scienza deviata ed autorizzata alla relativa propagazione nelle 3d):
  1. che esista una “specie, di riferimento generazionale”
  2. che sussista una evoluzione (sulle frequenze dell’abitudine inoculata ad arte per “convincere indirettamente di essere a metà di un qualcosa che risulta poi, alla luce dei fatti quotidiani - realtà 3d - di fatto, bloccato e bloccante”.
Sostenere che un tipo di farfalla si adatti al colore degli alberi, ingrigito per via dell’inquinamento atmosferico, non significa che la farfalla si sia “evoluta” ma, molto semplicemente, che… si sia “adattata” alla nuova condizione ed, in definitiva, che sia avvenuto un cambiamento di Natura conservativa o di sopravvivenza.

Ecco. Sembra che la società umana non si sia esattamente evoluta, nel corso degli ultimi millenni, ma che si sia adattata agli impulsi (input) “terra formanti” dei campi morfogenetici, irradiati da fonti non manifeste a varie gradazioni gerarchiche d’appartenenza.

Questo ambito è anch’esso multi prospettico… per cui la bussola che occorre avere, per non smarrirsi, e per non perdere il senso del proprio “sentire”, è quella – ad esempio – relativa all’Analogia Frattale, perché essa manifesta un “congegno attualizzato” in grado di muoversi nel cambiamento di Scenario e di prospettiva/personalità, mantenendo stabile il focus sull’orizzonte degli eventi direttamente raggiungibile e riparametrando di conseguenza il grado di “valore aggiunto/realtà” contenibile, alla luce della legge frattale ed olografica della proprietà energetica dell’infrastruttura dimensionale.

Un concetto, per così dire… “semovente”, ma fedelmente stabilizzato sulla stessa frequenza d’onda portante. Come un sistema di puntamento satellitare, capace di mantenere il senso di base di un cammino intrapreso molto Tempo prima.

Nelle 3d esiste il concetto di distanza fisica, ma nel complesso multidimensionale/eterico sottile, la distanza è una differenza vibrazionale tra due stati diversi per collimazione.

Una vista sfocata, nelle 3d, corrisponde alla sfocatura di una simile differenza vibrazionale.

È comprensibile che, se la perdita di visione, si attua nelle 3d quando l’individuo è bambino, ad esempio, si pensi di correre ai ripari inforcando un bel paio di occhiali correttivi/compensativi. Peccato che questa “soluzione” comporti il blocco perenne della capacità propria del complesso umano di “correggersi e focalizzarsi”, in automatico, attraverso la funzione di esperienza biodiversa, sviluppata come conseguenza del “difetto visivo/fisico”.

Il blocco è consequenziale e certamente non casuale.
La scienza Antisistemica interviene e fissa la problematica, la mette in rilievo energetico, apparendo al contempo secondo una visione esattamente ribaltata per funzione ed opportunità, conferendo un sollievo allorquando l’individuo registra che la propria visione sia tornata alla normalità, mentre in realtà, il proprio “difetto pro evolutivo” viene trasformato in un “difetto auto bloccante”. Infatti, in conseguenza dell’utilizzo di occhiali, la vista non potrà solo che peggiorare gradatamente nel Tempo.

Lo “strappo energetico” viene come fissato nella struttura dati dell’individuo, risultante come zavorrata e sempre più "pesante", energeticamente parlando.

Se toccati dal vivere una esperienza simile, tuttavia, significa che si è “pronti” o lo si diventerà nel reame del Tempo. Ogni forma di condensazione di uno status è sempre Temporale, quando diventa chiaro che:
  • le 3d ciclano per funzione
  • l’individuo quando è pronto, lascia il piano auto esperienziale delle 3d.
Come diretto contraltare dell’espressione iniziale del presente articolo, è opportuno evidenziare che, effettivamente, sta per comparire nel Mondo attualizzato il riflesso frattale del quesito:

in un Mondo 3d in grado di emettere fluido incantesimale attraverso le “abitudini”, che cosa ci si può aspettare che accada – a livello di Analogia Frattale?

Che, presto, sia possibile sostituire la testa di un corpo umano con quella di un altro. No?
 
Ecco, dunque, quanto:

trapianto di testa, l'annuncio del chirurgo: sarò presto pronto a farlo.
Tra un paio di anni saremo in grado di effettuare un trapianto di testa”. Ad annunciarlo, in una intervista esclusiva rilasciata al settimanale Oggi (in edicola dal 19 giugno) è il neurochirurgo torinese Sergio Canavero.

L’ambizioso progetto, denominato Heaven/Gemini (Head Anastomosis Venture with Cord Fusion), prevede la possibilità, in un futuro molto vicino, di fondere due diversi tratti di midollo spinale, quello di un corpo donato col moncone nel collo del soggetto ricevente. Insomma, un vero e proprio trapianto di testa. “Gli ostacoli tecnici – ha spiegato Canavero a Oggi nel corso dell’intervista - sono stati superati grazie all’utilizzo dell’ingegneria cellulare.

La chiave di volta della riconnessione del midollo spinale è rappresentata dalla possibilità di fondere i prolungamenti nervosi sfruttando delle sostanze in grado di ricostituirne l’integrità”. Il progetto Heaven, inoltre, “viene reso possibile da un taglio minimamente traumatico del midollo spinale con una lama ultra-tagliente. Un minitrauma che non è certamente comparabile con quello che si verifica purtroppo nei paraplegici e tetraplegici dove il danno midollare è esteso, complesso, con cicatrici e lesioni profonde. 

L’intervento viene effettuato in ipotermia profonda (15 gradi centigradi), per tutelare le strutture cerebrali”.

È indubbio che un progetto di questo tipo solleverà, oltre a un ovvio stupore e curiosità, anche numerose polemiche e un acceso dibattito etico

quanto annunciato dal neurochirurgo di Torino, infatti, rappresenta di fatto un primo grande passo verso l’allungamento della vita umana. 

“La società dovrebbe già cominciare a pensare al modo per regolamentare questa procedura, prima che un intervento rivoluzionario, progettato per aiutare tanti malati davvero sofferenti, diventi una pratica spregiudicata nelle mani di chirurghi senza scrupoli”, ha spiegato. 

Lo stesso Canavero era già noto per aver “risvegliato” nel 2008 una ragazza che da un anno viveva in uno stato vegetativo permanente a causa di un incidente automobilistico. L’intervento che venne effettuato, e dopo il quale la ventenne si riprese, consistette in una stimolazione corticale extradurale bifocale. “È la prima volta al mondo che, con questa tecnica, si riporta alla coscienza un paziente in stato vegetativo permanente”, dissero i medici.
Link

Di quale "testa" si sta parlando? L'attuale paradigma ne ha tante, troppe... per essere l'oggetto frattale della discussione. Per cui è proprio della tua testa, che ti tratta. 

Che cosa ti hanno fatto?

Prove frattali della manipolazione umana? Ne esistono a bizzeffe. Basta solo intuirle e leggerle nel profilo dinamico della realtà di riferimento, qualsiasi essa sia:

Manipolazione ribassiste sull'argento: default del Comex?
Riportiamo, traducendola, un’intervista di John Embry apparsa sul web. Embry è Chief Investment Officer presso Sprott Asset Management ed è considerato uno dei massimi esperti mondiali nel settore dei metalli preziosi.

Sono trent’anni che seguo i mercati dei metalli preziosi. Posso dirvi che da almeno 25 anni a questa parte - mani forti - tentano di manipolare al ribasso i prezzi di oro e argento.
Noi abbiamo definito e denominato questa manipolazione scientifica come “schema di soppressione dei prezzi dei preziosi” ( gold and silver suppression scheme).
Ora cosa sta succedendo sui mercati? La Fed e le altre Banche Centrali stanno iniettando enormi masse di liquidità che, in assenza di qualsivoglia vincolo di destinazione, finiscono direttamente al settore finanziario scatenando bolle sulle borse mondiali. 

Questi allentamenti quantitativi dovrebbero fare crescere anche le quotazioni di oro e argento. Ma ciò non si sta verificando. Per quale motivo? La ragione di ciò sta nel fatto che le bullion banks (ovvero "l’oligopolio" che condiziona i mercati sintetici a termine anglo-americani, dove si svolgono la maggior parte delle transazioni “futures”), hanno aperto una massa incredibile di posizioni “short” (ovvero di vendita) sui preziosi.

Le maggiori posizioni ribassiste sono aperte al Comex di New York, il più importante tra i mercati “futures”. 

Queste posizioni in vendita scatenano un’ondata ribassista su oro e argento.

La questione è la seguente: 

le Banche Centrali Occidentali, tramite le bullion banks, stanno tentando di occultare lo stato comatoso in cui versano le rispettive economie e le loro monete di riferimento. Tentano di dissimulare il fatto che le loro monete fiduciarie, sganciate da oro e argento e da qualsiasi riferimento alla produzione reale di beni e servizi, sono in procinto di pervenire a un collasso globale del loro valore.

Ecco che allora le bullion banks, braccio armato delle Banche Centrali Occidentali, manipolano al ribasso oro e argento.

Oro e Argento costituiscono un pericolo per le monete fiduciarie che attualmente sono impiegate per salvare il decotto e corrotto sistema finanziario mondiale a spese dell’economia reale. Questa inondazione di moneta artificiale finirà per gonfiare l’inflazione globale e il potere d’acquisto delle masse sarà decurtato da questa odiosa tassa invisibile.

Ma quanto potrà durare questo gioco?"...

Link

Usa: Roubini, l’exit strategy è destinata a destabilizzare il sistema finanziario.
L’exit strategy della Fed potrebbe essere pericolosa e portare instabilità nel sistema finanziario. 

Parola di Nouriel Roubini e di Ian Bremmer, presidente della società di consulenza Eurasia Group. “In presenza di un alto livello di indebitamento, la debolezza dell’economia reale e del mercato del lavoro –si legge in un articolo scritto a quattro mani per la rivista Institutional Investor - segnalano la necessità di ritirare gli stimoli monetari con estrema lentezza”. 

Anche se un lento ritiro degli stimoli, “crea il rischio di una bolla di asset come quella precedente, se non più grande”. Altro che nuova normalità, i problemi che hanno portato alla grande crisi sono ancora quasi del tutto irrisolti”, si legge nel pezzo, non a caso intitolato "New abnormal". Siamo entrati “in un periodo di incertezza globale e l’instabilità è quasi certo che innescherà nuove crisi”.
Link

"Datagate" italiano, Copasir avvia serie audizioni.
Da oggi il Comitato parlamentare di controllo sui servizi segreti lavorerà per capire se esista o meno un "datagate" tutto italiano, come denunciato nel fine settimana…

La Repubblica ha scritto che a seguito di un decreto del governo Monti dello scorso 24 gennaio, l'intelligence italiana ha stipulato una decina di contratti con privati che operano nei settori dell'energia, dei trasporti, della salute, del credito bancario e delle telecomunicazioni per avere accesso alle loro banche dati.

Mentre per accedere a telefonate, corrispondenza e tabulati telefonici gli 007 hanno bisogno dell'autorizzazione preventiva del magistrato, per l'accesso alle banche dati basta una comunicazione annuale al Copasir, a posteriori…

Se vuoi “vedere”, puoi sviluppare una visione adattata o adatta al senso più autentico della tua “domanda”.

"Tiro alla fune" di Angelo Trapani
Se ti adatti, però, vedrai quello che di apparente ti riguarda; fatto che contribuirà a cambiarti, per isolamento dalla tua controparte sottile.

Fatto... che ti trascinerà ancora maggiormente nelle 3d...

Dipende da te.

Davide Nebuloni/SacroProfanoSacro 2013
Prospettivavita@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...

Per favore, non lasciare commenti senza firma. Non voglio Spam. Grazie.
Please, don't leave comments without signature. I don't want Spam. Thanks.