mercoledì 7 luglio 2010

Auto-aggiornamento = auto-educazione.





Eccoci in piena estate. L’orto è un tripudio di verde e di vita ed è fantastico scendere le scale di casa e … fare la spesa fresca!!!
Il caldo poi non aiuta ad avere idee “pratiche”, perciò ho dato un’occhiata ad altri blogs e ne ho trovati di splendidi; sono tutti di mamme che praticano l’homeschooling , ispirandosi alla pedagogia waldorf-steineriana:
Insomma il mio ideale di educazione per i bambini… Già! Peccato che fare la mamma con Nahele sia più difficile di quanto avessi mai pensato!!!

Come insegnante dico sempre che “è più semplice educare i figli degli altri che i propri…” e ne sono convinta: Nahele è un guerriero, uno spirito libero… A soli quasi 6 anni ha già la caparbietà (e a volte l’irriverenza) di un adolescente. È sicuro di sé, deciso, testardo…
Riconosco in lui il mio cucciolo solo quando dorme oppure quando è così stanco da sentire ancora il bisogno di accoccolarsi a me per sentirsi rassicurato per qualche paura improvvisa…
Ogni volta che guardo le sue foto da piccolo, mi prende la nostalgia di quando ogni problema si poteva risolvere con “la popi” (così chiamavamo il seno!)
Oggi lo vedo giocare ai giardinetti con altri bambini, anche più grandi di lui (solo nell’età!) e capisco che non si è mai abbastanza pronti per i cambiamenti dei propri figli, perché spesso ci sembrano repentini e sempre inaspettati.

Se come insegnante spesso faccio dei corsi di aggiornamento su argomenti o discipline o tecniche diverse, come mamma devo aggiornarmi ogni giorno per far fronte al difficile “lavoro” di genitore/educatore.

Un auto-aggiornamento/auto-educazione continui e incessanti, che richiedono un’energia costante e instancabile… da quando vengono concepiti a… quando si hanno pensieri per pensare!!!
I figli non ci appartengono, ma fanno parte di noi, molto più di quanto noi facciamo parte di loro: è incredibile quanto poco mi senta legata a mia madre e quanto invece sia forte il legame con mio figlio, con tutte le difficoltà e le meraviglie del caso…

Ogni istante non ritorna più… ogni attimo vissuto è prezioso per imparare e ogni giorno non è mai abbastanza per tutto… Ma in fondo sono queste le regole del “crescere insieme”!  

Complice di questa riflessione è anche il nuovo numero ricevuto oggi di “Da Mamma a Mamma”, rivista trimestrale de La Leche League ( Lega per l’allattamento materno, anche se la denominazione italiana è un po’ riduttiva…), cui sono abbonata e di cui sono sostenitrice (www.lllitalia.org).

Il mio stile genitoriale deve molto ai libri che ho letto grazie a questa associazione/organizzazione assolutamente a-politica, a-religiosa, senza scopo di lucro, che aiuta le mamme (e i papà!) di tutto il mondo, sostenendo nel loro percorso di genitori, anche nei problemi più pratici, come quelli che riguardano l’allattamento naturale:
  • L’arte dell’allattamento materno
  • Genitori di giorno e… di notte
  • Crescerli con amore: l’avventura della disciplina dolce
E molti altri, tutti editi da La Leche League.

Tutti libri di “auto-aggiornamento” quotidiano, da leggere e rileggere… all’infinito… per aiutarci ad educare i nostri figli, ma soprattutto noi stessi.