giovedì 4 febbraio 2010

Quell'istante di anticipo sul pensiero.





Sbucciando una mela, ieri sera ho avuto, per l’ennesima volta, questa impressione dentro di me; un punto, un varco tra la mente e l’ampio bacino cosmico si apre in determinate circostanze. Un vero e proprio portale. Me ne sono “ufficialmente” accorto avendo attivamente registrato una immagine a tutto tondo, omnicomprensiva, che conteneva già ciò che avrei pensato a livello conscio un secondo dopo la sua “apparizione”. Come dire che, prima di pensare giunge a noi una immagine che racchiude il pensiero stesso che faremo un attimo dopo. È un flash veloce e assomiglia proprio ad una “fotografia”, un disegno, un ritratto tridimensionale che contiene il potenziale di quello che penseremo appena dopo la sua “comparsa”. Io la definisco una connessione olografica al Multiverso. Da lì carichiamo e scarichiamo “informazioni”. Con un amico l’abbiamo battezzata “pre pensiero”. È ovvio che in noi è presente un sistema oltremodo veloce ed efficace che corrisponde alla regione dell’intuito, ossia quelle “speculazioni” che si accendono in noi, di tanto in tanto, o meglio, che registriamo quando ce ne accorgiamo e che, il più delle volte, soffochiamo, sacrifichiamo sotto il peso della mente razionale, logica, pigra condotta per mano dall’emisfero sinistro. Il sistema intuitivo umano è inarrivabile per la modalità normale di pensiero attuale. E, sono certo, che si basa non su pacchetti di informazioni sequenziali o anche "dinamiche", ma sulla trasmissione di immagini. Proprio come nei computer si è passati dalla modalità “isolata” a quella internet sempre più veloce, formando una vera e propria rete di computer collegati; e poi si è passati dalle trasmissioni di dati a catene lineari sino alla trasmissione di file immagini (iso):

"Un'immagine disco è un file che contiene i dati e la struttura tipica di un dispositivo di memorizzazione dati, come ad esempio un CD o un DVD. Un'immagine di un CD/DVD è un'esatta copia digitale dello stesso, tramite la quale tutti i dati del supporto ottico vengono salvati in un file che al suo interno ricalca esattamente la struttura e le informazioni di integrità dei dati presenti sul supporto. Le immagini del CD/DVD sono essenziali per preservare i sistemi di protezione dati e le tracce multi-audio, qualora i supporti ottici subissero dei danni. Le immagini disco sono molto utilizzate soprattutto dopo il 2000 per la distribuzione di software completamente gratuiti come i vari sistemi operativi basati su Linux”.
Fonte: Wikipedia

Dunque:
  • questa immagine può contenere la copia di un intero sistema operativo o di un CD/DVD
  • servono a fare copie di protezione, ossia a prevenire una perdita di dati
Questo frattale fa comprendere cosa sia il “pre pensiero”, a cosa serva e perché è di estrema utilità anche per la sicurezza delle informazioni. È come se l’uomo stesse ricalcando in Terra, tramite l’avvento dei computer e delle reti trasmissive la stessa “immagine” di ciò che a livello superiore raffigura l’ufficio del “Creatore”. Un hard disk esterno e centralizzato contiene il “tutto” e ognuno di noi ci si può collegare “senza fili” tramite il sistema, che chiamiamo, delle intuizioni. La password è determinata da una nostra particolare configurazione biochimica che non sempre ci conferisce l’accesso. La ragione di una simile struttura centralizzata ma delocalizzabile istantaneamente in tutto il creato, in ogni creatura animata o inanimata, è la "crescita" dell'Uno. È questo il cosiddetto “genio”. Questa modalità preserva il valore della massima cognizione da ogni possibilità di “cancellazione” dei dati. Proprio come le banche, assicurazioni, etc. preservano le informazioni sui clienti in loro possesso, tramite la costruzione di unità di disaster recovery nell’altra parte del mondo, in zone non sismiche e tradizionalmente non toccate da catastrofi ambientali. Chi effettua viaggi astrali, ha riferito di registri Akasici nei quali è possibile “visionare” ogni tipo di “dato” relativo all’esistenza umana; lo stesso Rudold Steiner ne parla diffusamente nelle sue “Cronache dell’Akasha”; in un passo si dice che l'uomo di un "tempo" ragionava per immagini e chi aveva più capacità di memoria era più "potente" degli altri.
Esiste insomma una modalità naturale di interconnessione con il “tutto”, un modo di entrare in contatto con l’hard disk esterno del sistema globale “informatico” dello spirito; spirito inteso come energia attivata originariamente dall’immaginazione del Creatore, dalla sua intenzione di evolvere e di lanciare questo piano della creazione. Non è rara l’occasione di entrare in contatto, anche involontario, con questo “registro” o banco di memoria; ad esempio tutte quelle volte che i sensi colgono determinati “input” come un odore, un sapore, un suono, etc. è possibile essere collegati direttamente, tramite la nostra “unità” cerebrale che processa le informazioni esterne raffinate dai sensi, ai registri Akasici. Solitamente l’accesso riguarda immagini relative alla nostra Vita attuale o a quelle passate. Questo meccanismo è stato ampiamente analizzato da Marcel Proust nella sua “Recherche”. L’assaporare piacevolmente un biscotto con del the fumante ed aromatico, mentre suona una suadente musica e, fuori, passa un pesante camion che, urtando in una buca sul manto stradale, produce un improvviso “schiocco” d’aria, il quale ci fa repentinamente trasalire… ecco cosa può permetterci la connessione, ad esempio. Quella determinata situazione può fungere da chiave d’accesso ai “dati”, permettere una “ricerca” veloce e scaricare una immagine contenente esattamente una situazione tridimensionale completa di sensazioni e “profondità”. Rimanere ad occhi fissi persi nei propri pensieri è anche questo, ossia accedere e consultare l’infinita “biblioteca” della creazione. È sicuramente una questione di vibrazione particolare che permette l’accesso. Sino ad ora la maggior parte di noi ha vissuto questa localizzazione “wi fi” in maniera del tutto accidentale, bollandola quasi esclusivamente come un “attimo” di fantasia da lasciare andare via nella corrente, nel flusso dei pensieri logici processati.

“Tornato nella casa paterna, il poeta ritrova ovunque immagini e suoni che lo riportano al passato, ossia alla fanciullezza e alla prima giovinezza, intessute di illusioni dolci, che poi dovettero cadere di fronte al vero" in questo passo tratto da Wikipedia, che narra del Leopardi, si “legge” la capacità umana di connessione al passato, attraverso l’aiuto del lavoro dei sensi e l’accesso ai banchi di memoria. Queste informazioni sono registrate sia nella mente locale sia nei registri Akasici. Diciamo che il nostro operato, la nostra esperienza di Vita, trasmette “rapporti dettagliati” ogni istante. La nostra unità fisica, chiaramente delimitata nel tempo, ha una memoria propria ma, proprio per il concetto di continuità deve avere una fonte di memoria superiore, tramite la quale avere e dare un senso a quello che si è compiuto vivendo le Vite. Un nesso causale tra i cicli esistenziali, una insiemistica di informazioni, un panorama osservabile e dal quale osservare tra i cicli di incarnazione. Questa organizzazione serve sia all’individuo sia al Creatore come fonte di “crescita”. Non è da molto che si è scoperto che qualcuno fece nella piana di Giza l’immagine del cielo in terra, e si dice che l’uomo sia stato creato ad immagine e somiglianza di Dio… meraviglia delle meraviglie; la verità cosparsa per ogni dove. Articolo da “sentire” leggendo con il cuore sulle note de “I giorni” di Ludovico Einaudi; in mancanza, collegatevi con la sua “immagine” :)

« Più tardi, mi ammalai molto spesso, e per molti giorni dovetti rimanere nell' "arca". Capii allora che mai Noè poté vedere il mondo così bene come dall'arca, nonostante fosse chiusa e che facesse notte in terra.» M.Proust

* Il dipinto raffigurato è di Heinrich Füger, “Prometeo dona il fuoco all’umanità” (1817).