sabato 6 febbraio 2010

Attrarre il senso ultimo.





È opportuno non confondersi in ambito di crescita spirituale; esistono almeno due diverse vie o interpretazioni del padroneggiare le leggi dell’Universo come, ad esempio, la legge d’attrazione. Eccole:
  • utilizzarla per fini materiali
  • utilizzarla per fini evolutivi
Esiste una vasta e datata “letteratura” che entra nel merito della legge d’attrazione; diciamo che da sempre un certo tipo d’uomo ha tentato di ricordare ad un altro tipo di uomo ciò che aveva sordidamente perduto tra le pieghe del tempo, a causa di un altro tipo di uomo che aveva innescato il processo di “smagnetizzazione”. È solo da circa un paio di anni che il “fenomeno” è scoppiato ad un livello di deflagrazione di “massa”. Ormai negli scaffali dei supermercati non si fatica a trovare, vicino ai libri di cucina, anche dei titoli come “La Straordinaria Forza di Attrazione dei Nostri Pensieri”.
 
È notevole la velocità di trasformazione e di abitudine della società anche a dei concetti così azzardati o perlomeno “bizzarri”. 
 
Il punto di vista medio è collocato a ben altre "latitudini" rispetto all’incrocio delle coordinate proposto da libri come quello appena citato, eppure la globalizzazione, che non è solo tra nazioni e continenti, ma anche tra “occulto” e “manifesto”, ha consentito di portare sino agli ipermercati il fiume in piena dell’energia del cambiamento. Cosa significa tutto ciò? Che si sta diffondendo a macchia d’olio la semenza del cambio di paradigma; che le persone che vanno a fare la spesa saranno più facilitate ad incontrare l’evento che le potrebbe “cambiare” o addirittura “iniziare”. È tutto più semplice ed alla portata anche della casalinga più indaffarata. È un cambio che nasce, agisce, si propaga dal basso, che agita coscienze annacquate, meccaniche, ipnotiche. Il tempo vola, l’uomo volta pagina, i bimbi crescono in fretta, l’energia aumenta, la vibrazione globale s’intensifica e sale verso lidi dimenticati. È tutto così magnifico se solo lo si osserva dalla giusta prospettiva. Persino le logiche commerciali e di profitto si piegano inconsapevolmente alla diffusione del “nuovo”. E colui che non discerne non disperi, perché molto presto toccherà anche a lui. Quando la marea sale, stacca dal suolo tutte le barche, anche quelle più arenate, incagliate, sopraffatte. La musica di questa sera è marchiata Planetfunk e si percepisce immediatamente il timbro diametralmente diverso della “comunicazione”; energia frizzante, giovane, rinnovata, facilmente criticabile; è ancora una volta l'uso che se ne fa” la discriminante.
Dicevamo delle due "vie"; ebbene, la legge d’attrazione spiegata alle masse, non poteva inizialmente raggiungere quella profondità necessaria ad innescare il vero mutamento, il cambio di rotta epocale, il senso ultimo della trasmutazione della paura. Come per tutti i fenomeni di mutazione, si procederà a cerchi via via sempre più “larghi”; il “sasso” è stato gettato. La prima spiegazione dunque passerà dal ricordare che “ognuno di noi può ottenere tutto ciò che vuole”, che in “pazientese”, per dirla alla Mereu, significa “che ognuno di noi può arricchirsi”. La prima “via” passa per la materialità del padroneggiare se stessi. E non era possibile pubblicizzare un simile concetto in altra maniera. La massa ci “sente” solo se percepisce la possibilità di un “profitto”. L’errore è volerlo immediatamente, ma questo è un altro paio di maniche. Tutti noi abbiamo cercato di utilizzare l’attrazione per ottenere più denaro; che male c’è a dirlo?  Ecco allora delinearsi la prima parte del “piano”: avvicinare le genti nel modo più opportuno. La seconda parte sarà “raffinare la conoscenza”.
La seconda via si delineerà nel tempo e, ciò, non significa posticipare di molto gli eventi, vista la “velocità” del tempo attuale. Nel particolare diverrà sempre più chiaro che, la prima via è troppo fine a se stessa e più simile ad una chiave per aprire un’altra “porta”, appunto quella della spiritualità. I molti desisteranno persino dal perseguire la prima via, perché nei libri non ci sono tutti gli “ingredienti”. Coloro che giungeranno alla consapevolezza di cosa significhi distaccarsi dalla Matrix, che avranno la “forza” di discernere nella dualità immanente dell’essere e dell’avere, del sacro e del profano, ebbene costoro s’accorgeranno di avere intrapreso la seconda via, quella del senso di ogni “cosa”, dello spirito, dell’energia più alta che pervade il circuito unico dell’Universo, della “speranza”…

“Il verme tagliato in due diventa quattro,
ancora un altro taglio e si moltiplicano in quattro,
e tutti questi esseri creati dalla mia mano?
Torna allora il sole nel mio animo cupo
e la speranza rafforza il mio braccio:
se un vermiciattolo non si arrende alla pala,
tu sei forse meno di un verme?”
Le rose di Atacama – Luis Sepùlveda
 

2 commenti:

  1. certamente ha contribuito il grido disperato degli umani,che schiacciati dagli errori da loro stessi avallati, chiedono di essere sollevati da quella pressione che toglie loro il respiro. Ma credo che avvenga dall'inconscio questo desiderio di aiuto. Per tanti non è consapevole ancora . ma lo vivono a livello istintivo, Tuttavia l'onda sta diventando di portata vastissima e a tutti i livelli. La chiave è lo spirito, il grande assente, che sta inondando inarrestabile, una coscienza per troppo tempo dormiente.Lo hai descritto magnificamente Davide.

    RispondiElimina
  2. Grazie Cara Amica,
    lo si percepisce solamente per adesso.
    La "malattia" prima di guarire, peggiora raggiungendo l'apice del "fuoco"...
    Occorre veramente rimanere "fermi" mentre tutto attorno impazza senza fine di continuità...
    Una nuova alba è sempre più vicina :)
    Un abbraccione di stelle
    Serenità

    RispondiElimina

Lascia, se lo gradisci, un segno di te...

Per favore, non lasciare commenti senza firma. Non voglio Spam. Grazie.
Please, don't leave comments without signature. I don't want Spam. Thanks.